VATICANO ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Catacombe Domitilla, presentati i nuovi restauri: ecco il nuovo museo, LA REPUBLICA, THE DAILY MAIL & THE TELEGRAPH U.K., (30/05/2017) [ITALIANO & ENGLISH].

cct

VATICANO ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Catacombe Domitilla, presentati i nuovi restauri: ecco il nuovo museo, LA REPUBLICA, THE DAILY MAIL & THE TELEGRAPH U.K., (30/05/2017) [ITALIANO & ENGLISH].

1). ROMA – Catacombe Domitilla, presentati i nuovi restauri: ecco il nuovo museo, LA REPUBLICA (30/05/2017).

Si è svolta oggi la presentazione dei restauri e del nuovo museo delle Catacombe di Domitilla, nella zona dell’Appia Antica. Tra i presenti il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e Fabrizio Bisconti, sovrintendente della Pontificia commissione di Archeologia sacra del Vaticano. Grazie agli scavi archeologici condotti nel Novecento sono stati trovati nella struttura degli insediamenti funerari dell’epoca pre-cristiana (I secolo a.C.), oltre ai resti del tardo impero (III-IV secolo d.C.), quando gli esponenti di famiglie nobiliari di religione cristiana si facevano seppellire vicino alle reliquie dei martiri. (foto ANTONIO MASIELLO/AGF).

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (30/05/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/05/30/foto/catacombe_domitilla_nuovi_restauri_e_nuovo_museo-166831870/1/#1

2). ROME – Stunning 1,600-year-old early Christian frescoes are revealed in Rome’s biggest catacomb after lasers remove centuries of grime, THE DAILY MAIL, U.K., (30/05/2017).

— Two areas of the vast labyrinth of Domitilla catacombs were unveiled adorned with a set of frescoes
— Renovated areas of Domitilla include beautiful frescoes from both pagan mythology and Christian faith
— The Domitilla catacombs are the largest in Rome, stretching over 12 kilometres and descending four levels
— They contain 26,250 tombs, many reserved for rich Romans, and date from the second to fifth centuries AD

The catacombs of Domitilla, close to the Appian Way, have been restored using laser technology to remove centuries of grime and dirt that had rendered them invisible.
The renovated areas include frescoes from both pagan mythology and Christian faith, revealing how wealthy Romans moved away from their pagan beliefs toward the religion of Christ around the fourth century AD.
The Domitilla catacombs, named after a member of the Roman family that had commissioned the burial grounds, are the largest in Rome.
They stretch over 12 kilometres (7.4 miles) and descend four levels with 26,250 tombs, dating from the second to the fifth centuries.
The intricately painted frescoes decorate the ceilings of two crypts, which were both unveiled on Tuesday after decades of delays to renovations.
They depict scenes of from the Old and New Testaments, including Noah and his Ark and Jesus’s feeding of the 5,000 with bread and fishes.
There are also peacocks shown in the paintings – a pagan sign of the afterlife.
At the centre of the ceiling fresco is an image of Christ with two men either side of him, believed to be St Peter and St Paul or St Nerius and St Achilleus.
The crypts were built for merchants who were part of the intricate and highly organised imperial grain trade.
The frescoes detail how grain was transported on boats to the ancient Roman port of Ostia from the Mediterranean.
It was then transferred to smaller vessels which took it up the Tiber River to warehouses in the centre of the imperial capital.
At the time every Roman was entitled to a daily bread ration and so the trading and import of grain was a state monopoly regulated by high-ranking officials.
As a result some imperial functionaries grew rich on the grain trade and production of bread, earning them luxurious tombs.
For centuries the intricate frescoes that adorned the catacomb’s ceilings were covered with a thick layer of algae, calcium deposits and smoke stains from oil lamps.
Laser instruments were used to carefully peel away the grime, leaving the paintings beneath unharmed.
The new area also includes a small museum displaying statues, parts of sarcophagi and other artefacts from the tombs.
‘These tombs represent the roots of our deepest identity, the roots of Rome and of Christianity,’ Cardinal Gianfranco Ravasi, head of the pontifical commission, said at a news conference this week.
The first area, which was restored without the use of laser, dates back to the third century and still has many references to pagan art.
Paintings of grape vines adorn the vaults of the passages, and cupids are used for the smaller tombs, most likely belonging to children.
Many of the crypts have frescoes that seem blotted out. In fact, they were stripped by ‘ripping’ when catacombs were looted and frescoes cut out and removed as trophies in the Middle Ages.
This ancient form of art theft can be found in a museum in Catania, which displays examples that were originally brought to Sicily by a nobleman to decorate his home.
This area also includes two biblical scenes, Daniel and the lions, and Noah with his ark, as well as a number of frescoes depicting Christ and the apostles.
These scenes often include slices of daily life, but the intertwining of the spiritual and the prosaic really comes to life in the second area, known as the ‘room of the bakers.’
Here the laser revives vivid depictions of Christ and the Apostles accompanied by scenes from the life of a baker.
Not only do they tell the story of life in Rome, but they highlight the importance of bread in both Christian and pagan symbolism.
‘These works show the difficult path the Romans walked on the way to their new faith,’ said Monsignor Giovanni Carru of the Pontifical Commission of Sacred Art.
Final touches still have to be put on the museum, which the organisers hope to open to the public by the end of June.
It will be several months longer before the restored areas are opened.
In the meantime, the rest of the vast archaeological site is open to visitors throughout the summer.

FONTE | SOURCE:

— THE DAILY MAIL, U.K., (30/05/2017).

http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-4556660/Domitilla-catacombs-unveiled-years-renovation.html

3). ROME – Laser technology uncovers 1,600-year-old Christian frescoes in Rome’s biggest catacomb, THE TELEGRAPH, U.K., (30/05/2017).

Deep in a labyrinth of dank tunnels, in the heart of Rome’s oldest and largest catacombs, archaeologists have discovered an exquisite set of 1,600-year-old frescoes painted to commemorate the city’s early Christians.

Experts used the latest laser technology to uncover the centuries of grime which had rendered the frescoes invisible.

The discovery has shed new light on the process by which wealthy Romans shifted away from their pagan beliefs and embraced the new religion of Christ in the fourth century AD.

The beautifully rendered, multi-coloured frescoes adorn the ceilings of two crypts which were built for merchants who were part of the complex and highly organized imperial grain trade.

Archaeologists found a series of frescoes which chronicle how grain was transported by ship from around the Mediterranean to the ancient Roman port of Ostia, then transferred to smaller boats which brought it up the Tiber River to warehouses in the centre of the imperial capital.

The import and distribution of grain was a state monopoly controlled by high-ranking officials, at a time when every Roman was entitled to a daily bread ration.

The crypts, hacked out of soft volcanic rock, were created for the families of the imperial functionaries who grew rich on the grain trade and the production of bread.

For centuries, the ceiling frescoes in the Catacombs of St Domitilla were covered in a thick black layer of calcium deposits, algae and smoke from oil lamps.

Laser instruments were used to burn away the dirt and deposits, leaving only the rich colours of the frescoes beneath.

“When we started work, you couldn’t see anything – it was totally black. Different wavelengths and chromatic selection enabled us to burn away the black disfiguration without touching the colours beneath,” said Barbara Mazzei [* = See below | s.v., sotto], who was in charge of the project. “Until recently, we weren’t able to carry out this sort of restoration – if we had done it manually we would have risked destroying the frescoes.”

At the centre of the ceiling fresco is an image of Christ, seated on a throne, with two men either side of him. They are thought to be either St Peter and St Paul or St Nerius and St Achilleus, two Roman soldiers who were martyred for preaching the new faith.

There are scenes from the Old and New Testaments, including Noah and his Ark and the miracle of Jesus’ feeding of the five thousand with bread and fishes.

The fresco is adorned with peacocks, which in pagan belief were symbols of the afterlife. The crypts were painted around 360AD – just a few decades after Christianity had been made legal by Emperor Constantine.

There are also depictions of Christ the Shepherd, with a lamb slung over his shoulders and sheep at his feet. Either side of him are figures gathering fruit from trees – a pagan image that represents the seasons.

“It’s a fusion of older pagan symbols with new Christian images. The family had only recently converted to Christianity,” said Ms Mazzei.

Fabrizio Bisconti, superintendent of the Pontifical Commission for Sacred Archaeology, a Vatican department which manages the catacombs, said: “Rich Romans were the last to convert to Christianity. They were all pagan until the middle of the fourth century AD.”

After the fall of the Roman Empire, the catacombs were gradually abandoned and forgotten. They were rediscovered in the 16th century by an amateur archaeologist, Antonio Bosio, who celebrated his find by daubing his name all over the frescoes in thick charcoal writing.

“He’s regarded as the Christopher Columbus of the catacombs – he discovered them all,” said Ms Mazzei.

FONTE | SOURCE:

— THE TELEGRAPH, U.K., (30/05/2017).

http://www.telegraph.co.uk/news/2017/05/30/laser-technology-uncovers-1600-year-old-christian-frescoes-romes/

FOTO | FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA & THE DAILY MAIL, U.K., (30/05/2017).

* = Prof. Barbara Mazzei, “IL CUBICOLO “DEI FORNAI”NELLE CATACOMBE DI DOMITILLA A ROMA ALLA LUCE DEI RECENTI RESTAURI,” pp. 1927-1942 [PDF], in: AA.VV., ACTA XVI CONGRESSVS INTERNATIONALIS ARCHAEOLOGIAE CHRISTIANAE COSTANTINO E I COSTANTINIDI L’INNOVAZIONE COSTANTINIANA, LE SUE RADICI E I SUOI SVILUPPI Pars II | STUDI DI ANTICHITÀ CRISTIANA PUBBLICATI A CURA DEL PONTIFICIO ISTITUTO DI ARCHEOLOGIA CRISTIANA LXVI (2016).

https://www.academia.edu/30082795/IL_CUBICOLO_DEI_FORNAI_NELLE_CATACOMBE_DI_DOMITILLA_A_ROMA_ALLA_LUCE_DEI_RECENTI_RESTAURI_in_ACTA_XVI_CONGRESSVS_INTERNATIONALIS_ARCHAEOLOGIAE_CHRISTIANAE_COSTANTINO_E_I_COSTANTINIDI_LINNOVAZIONE_COSTANTINIANA_LE_SUE_RADICI_E_I_SUOI_SVILUPPI_Pars_II_pp._1927-1942

* = Prof. B. Mazzei et al.,, “The mural execution technique of the “dei Fornai” cubicle revealed by laser cleaning,” pp. 73-82 [PDF]; in: C. Saiz-Jimenez (ed.) The conservation of the subterranean cultural heritage, London (2014).

https://www.academia.edu/25604841/The_mural_execution_technique_of_the_dei_Fornai_cubicle_revealed_by_laser_cleaning_in_C._Saiz-Jimenez_ed._The_conservation_of_the_subterranean_cultural_heritage_London_2014_pp._73-82

s.v.,

— VATICANO ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Il mito e il tempo – L’incessante lavoro di restauro nelle catacombe cristiane d’Italia da parte della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, L’Osservatore Romano (29/05/2017).

— ROMA | VATICANO – Papa Francesco alla tomba di S.Pietro, è il primo Papa che visita la necropoli, LA REPUBBLICA (01/04/2013).

— Prof. Massimiliano Ghilardi, “Gli scavi della Roma sotterranea cristiana,” pp. 117-129 [PDF], in: F. Coarelli (a cura di), Gli scavi di Roma, 1878-1921, Roma: Edizioni Quasar (2004).

— Prof. Massimiliano Ghilardi, “Gli scavi della Roma sotterranea cristiana,” pp. 97-114 [PDF], in: F. Coarelli (a cura di), Gli scavi di Roma, 1922-1975, Roma: Edizioni Quasar (2006).

http://wp.me/pPRv6-3XN

Advertisements

VATICANO ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Il mito e il tempo – L’incessante lavoro di restauro nelle catacombe cristiane d’Italia da parte della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, L’Osservatore Romano (29/05/2017).

211101935-ff8cb479-0604-4708-ae0b-1d7eccffcbb9

VATICANO ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Il mito e il tempo – L’incessante lavoro di restauro nelle catacombe cristiane d’Italia da parte della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, L’Osservatore Romano (29/05/2017).

L’incessante lavoro di restauro nelle catacombe cristiane d’Italia da parte della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, l’ente della Santa Sede che si occupa della tutela, della conservazione e della custodia di questi suggestivi cimiteri paleocristiani, ha prodotto in questi ultimi venticinque anni un cospicuo numero di scoperte o di riscoperte di affreschi, sarcofagi ed epitaffi, che meritano di essere conosciuti e valorizzati, in quanto testimonianza concreta del fenomeno della cristianizzazione, guardato nell’evolversi esponenziale dei primi secoli.

Catacombe di Domitilla, cubicolo dell’introductio. Particolare del medaglione centrale della volta con scena di introductio (seconda metà del iv secolo)

Le scoperte più significative di questi ultimi anni — sempre anticipate nelle pagine culturali di questo giornale — hanno riguardato specialmente l’incalcolabile patrimonio pittorico dei cimiteri cristiani di Roma, che, con le circa quattrocento unità monumentali dislocate nella cinquantina di catacombe, che costellano il suburbio sino al iii miglio delle strade consolari, rappresentano la testimonianza più concreta e leggibile della “morte cristiana”, guardata dai fratelli della prima ora come un sonno provvisorio in attesa della resurrezione finale.
Dopo aver reso note le scoperte e i restauri delle catacombe di santa Tecla, dei santissimi Pietro e Marcellino, di Priscilla, di san Callisto e dell’ipogeo degli Aureli, l’attenzione si è concentrata sull’immenso complesso di Domitilla sulla via Ardeatina. é parso utile — innanzi tutto — ricapitolare gli interventi, che hanno fatto rivivere gli affreschi dell’ipogeo dei Flavi, dell’arcosolio di Veneranda, del cubicolo di Ampliato, dell’arcosolio degli Apostoli Piccoli, che raccontano la storia della pittura delle catacombe dalle origini, degli inizi nel iii secolo, al declino negli ultimi anni del iv.
Ma le scoperte più interessanti sono venute da due cubicoli monumentali della piena età costantiniana, completamente ricoperti di una patina nera e da un numero impressionante di graffiti anche moderni. Con l’uso del laser i due cubicoli hanno mostrato i loro programmi decorativi in tutto il loro sviluppo, proponendo vere e proprie scoperte, anche se i due cubicoli erano noti da molti secoli. Il più noto e conosciuto già da Antonio Bosio si presenta ora come sepolcro di famiglia di un alto rappresentante dell’Annona, l’istituzione che si occupava dello stoccaggio delle derrate alimentari e, dunque, anche del grano e del pane. Ebbene, questo cubicolo monumentale accoglie, da un lato, un maestoso collegio apostolico, un buon pastore tra le stagioni e il ciclo di Giona e, dall’altro, un fregio che rappresenta il viaggio che il grano, che sbarca al porto di Ostia, effettua verso Roma dove viene macinato per diventare pane.
L’altro cubicolo convoca nella volta, alcune scene bibliche (i tre fanciulli nella fornace, la moltiplicazione dei pani, il sacrificio di Isacco, Noè nell’arca, Mosè che batte la rupe), che fanno da contorno a una scena di introduzione di due defunti al cospetto di Cristo maestro, tra due santi protettori, forse i martiri eponimi Nereo ed Achilleo. Quest’ultima scena rappresenta la vera grande novità, che è venuta dal restauro, in quanto vuole esprimere il contatto che i “defunti eccellenti” vogliono intrattenere con il Cristo e con i santi.
Con l’occasione si è anche pensato di creare un piccolo museo di nicchia in un ambiente adiacente all’ingresso della catacomba, con alcuni materiali marmorei (sarcofagi e iscrizioni) dispersi nelle catacombe romane o scoperti nel complesso di Domitilla per creare un filo conduttore, che si dipana dal ii al iv secolo dell’era cristiana, e che svolge tre significativi temi iconografici, che animarono il pensiero dell’antichità e della tarda antichità, ovvero Il mito, il tempo, la vita.
Con questa nuova esposizione si vuole tracciare il percorso della civiltà antica, avvolta nell’affabulazione del mito, attraverso alcuni sarcofagi di produzione attica, recuperati per l’occasione dal grande giacimento dei marmi ritrovati nel complesso di Pretestato sulla via Appia Pignatelli. Le storie di Ettore e di Achille sfuggite agli studiosi del passato e riconosciute — sia pure in frammenti — da Matteo Braconi, propongono un immaginario struggente e drammatico, che vuole parlare di un’epopea dolorosa proiettata nella lontananza del tempo.
A questo ultimo riguardo, un’arca marmorea monumentale, proveniente proprio da Domitilla, ci suggerisce la scansione regolare della vita con la personificazione delle stagioni. E la vita è fatta di otium, come racconta un sarcofago di caccia al cinghiale e al cervo, che si svolge in un luogo ameno, secondo quanto racconta il dolce mito di Endimione e Selene, rappresentato in un altro sarcofago frammentario.
Il mito si inanella con il tempo e si proietta nella vita quotidiana, con scene, iscrizioni e incisioni cristiane che creano un mondo di bambini, argentieri, vinai, pastori, medici, oculisti, guardarobieri, cavallari, boscaioli, fossori.
Con questo fervido e suggestivo mondo dei vivi si vuole anche parlare di un mondo altro, quello dell’aldilà, che viene tradotto in figura da un coperchio di sarcofago restaurato e reso noto per l’occasione: qui un gruppetto di pastori è fotografato in un habitat paradisiaco, dove sono anche rappresentate, per paradosso, scene di contabilità.
Il mito, il tempo, la vita trovano una loro soluzione di continuità e ben si innestano su un labirinto catacombale, che racconta la storia infinita della salvezza attraverso gli affreschi restaurati, dopo le infinite vicissitudini sofferte nei secoli e specialmente, dopo il grave momento del “traffico delle reliquie”, nel corso del Settecento, quando le catacombe di Domitilla divennero “cave” di “pitture strappate”. Un volume concepito per questo evento (Catacombe di Domitilla. Restauri nel tempo, 2017) attraverso riproduzioni fotografiche ad altissima definizione, racconta i cantieri degli affreschi paleocristiani, i vandalici strappi del passato, i colori commoventi di un racconto figurato dislocato nel tempo e nella storia.

FONTE | SOURCE:

— L’Osservatore Romano (29/05/2017).

http://www.osservatoreromano.va/it/news/il-mito-e-il-tempo

Foto | fonte | source:

— ROMA | VATICANO – Papa Francesco alla tomba di S.Pietro, è il primo Papa che visita la necropoli, LA REPUBBLICA (01/04/2013).

Papa Francesco ha visitato la necropoli vaticana. E’ stato – ha detto il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi – il primo Papa a scendere negli scavi. “Papa Francesco ha percorso tutta la via centrale della necropoli, che si trova sotto la Basilica e le Grotte vaticane, ascoltando le spiegazioni, avvicinandosi così – in leggera salita – al luogo dove si trova la tomba di San Pietro, esattamente sotto l’altare centrale e la cupola della Basilica”, ha aggiunto Lombardi. “Nella Cappella Clementina, il luogo più vicino alla tomba del Principe degli Apostoli, il Papa ha sostato in preghiera silenziosa, in raccoglimento profondo e commosso.”

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (01/04/2013).

http://www.repubblica.it/esteri/2013/04/01/foto/papa_francesco_alla_tomba_di_s_pietro_il_primo_pontefice_che_visita_la_necropoli-55764979/1/#1

s.v.,

— Prof. Massimiliano Ghilardi, “Gli scavi della Roma sotterranea cristiana,” pp. 117-129 [PDF], in: F. Coarelli (a cura di), Gli scavi di Roma, 1878-1921, Roma: Edizioni Quasar (2004).

— Prof. Massimiliano Ghilardi, “Gli scavi della Roma sotterranea cristiana,” pp. 97-114 [PDF], in: F. Coarelli (a cura di), Gli scavi di Roma, 1922-1975, Roma: Edizioni Quasar (2006).

Fonte | source: Prof. Massimiliano Ghilardi | academia.edu (05/2017).

pdf = “Gli scavi della Roma sotterranea cristiana 1878-1921”: https://www.academia.edu/2282413/Gli_scavi_della_Roma_sotterranea_cristiana

pdf = “Gli scavi della Roma sotterranea cristiana 1922-1975”: https://www.academia.edu/2282446/Gli_scavi_della_Roma_sotterranea_cristiana

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: MIBACT – Direttore del prestigiosa italiana Museo intervista: un quarto d’ora di colloquio, a volte fatto via Skype, contro COMUNE DI ROMA: Posti Curatore Archeologo, 155 esame pagina con 1.652 domande. LIBERO PENSIERO (31/05/2017).

ADF

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: MIBACT – Direttore del prestigiosa italiana Museo intervista: un quarto d’ora di colloquio, a volte fatto via Skype, contro COMUNE DI ROMA: Posti Curatore Archeologo, 155 esame pagina con 1.652 domande. LIBERO PENSIERO (31/05/2017).

ITALIA – Archeologia di Dario Franceschini: sulla cultura in Italia, LIBERO PENSIERO (31/05/2017).

Il TAR del Lazio boccia la candidatura di cinque dei venti direttori dei supermusei, sferzando un duro colpo alla galoppante riforma MiBact del ministro dei beni culturali Dario Franceschini. Motivo? secondo la legge, quei posti sono riservati ai cittadini italiani. E i candidati bocciati non lo sono.

TAR E MUSEI, LA SENTENZA CHE FA DISCUTERE: ECCO COME SONO ANDATE LE COSE

Legge retrograda: se pensiamo che la cittadinanza di una persona ne definisca il merito meglio delle competenze, comincia a risuonare di razzismo. Ma è una legge, bellezza, e non è forse compito dei tribunali bocciare le azioni che la violano?

La politica italiana, con il fanciullesco vigore di un bimbo viziato, subito si alza in piedi indignata. Matteo Renzi dichiara: “Non abbiamo sbagliato perché abbiamo provato a cambiare i musei: abbiamo sbagliato perché non abbiamo provato a cambiare i Tar!”.

Dario Franceschini: “Sono preoccupato per la figura che l’Italia fa nel resto del mondo”.

Forse l’Italia la figura se la sarebbe risparmiata, se fior fior di avvocati che alla schiera di Franceschini hanno organizzato la riforma (con tanto di annuncio di selezione pubblicato sull’Economist) si fossero ricordati di una legge dello Stato che impediva loro di agire in tal senso.

Ma l’attitudine arrogante della dirigenza italiana persisite e resiste, arroccandosi su argomentazioni fatue con il broncio in viso. Franceschini twitta “sono senza parole…”: si è indignato perché una legge gli ha impedito di comportarsi a suo piacimento. Benvenuti nella democrazia.

D’altronde Fraceschini forse si è dimenticato di essere ministro, e fino a prova contraria il potere esecutivo può interpellare quello legislativo per cambiare una legge che pensa non andare bene: ma in nessun modo può ignorare la legislazione come se non esistesse.

Si aggiunge all’argomentazione del Tar il fatto che i colloqui sono stati fatti in modo “magmatico”: modestamente, la chiarezza e la trasparenza nell’assegnazione di cariche pubbliche sono per l’Italia un fiore all’occhiello, e anche in questo caso abbiamo dimostrato le nostre italiche capacità.

Paragone: il Getty Museum di Los Angeles, per scegliere l’ex direttore della Galleria Estense come curatore di collezione, ha speso giorni in colloqui, visite ed indagini. A noi è bastato un quarto d’ora di colloquio, a volte fatto via Skype, a porte chiuse.
Cristallino, direi.

Questa vicenda ci regala una buona occasione per riflettere sull’operato del ministro Franceschini: e in tal senso non possiamo non appellarci alle brillanti idee di quel fiero combattente di trincea che è Tomaso Montanari, portabandiera di quella fetta di persone che ancora credono nel patrimonio artistico culturale italiano e si oppongono alla sua commercializzazione.

La riforma MiBact parla chiaramente di integrazione fra turismo e cultura, due fenomeni lontani e che anzi, almeno nella nostra bella Italia, nuotano in direzioni opposte e a volte perfino si pestano i piedi.
Se questi settori hanno avuto finora vite separate è perché non condividono lo stesso fine: il turismo ha scopo economico, come l’industria. La cultura ha scopo formativo, come la scuola. Il fatto che condividano gli spazi in cui si esprimono non vuol dire che possano essere accorpate ideologicamente.

Spingere le masse a forza nei luoghi di cultura non vuol dire istruire il Paese (conosciamo bene i tristi livelli di analfabetismo funzionale che il popolo italiano tenacemente detiene): la prima domenica del mese, le notti al museo, questo modo pop di svendere l’arte, nella pratica non serve: quantità non è qualità, e molto spesso andare al museo nel giorno di apertura gratis (giorni in cui, tra l’altro, le sale sono strapiene e diventa difficile godersi gli spazi) diventa solo il tappabuchi del tempo libero, o l’ennesima storia su Instagram di un bel quadro che nemmeno ci si ferma a guardare.

Forse l’Italia, anzi, soffre di troppo turismo e troppa poca cultura: se insegnassero agli italiani ad amare il proprio patrimonio culturale, a proteggerlo, a conoscerlo, a sentirlo proprio, non permetterebbero a orde di turisti inferociti di distruggerlo, come sta succedendo a Venezia o a Roma.

E qui ci ricolleghiamo alle numerose critiche che esponenti dell’opinione pubblica hanno mosso nei confronti della scelta deliberata da parte del ministro della cultura di cercare per i supermusei manager culturali dall’estero: Vittorio Sgarbi, ad esempio, o l’europarlamentare della Lega Nord Gianluca Buonanno, sostengono che questa scelta disprezzi e penalizzi i meriti e le qualità italiane.
E invece, penso che siano proprio gli italiani a non dare il giusto valore a ciò che appartiene loro. Forse dovremmo imparare qualcosa da tedeschi e inglesi, in fatto di tutela e gestione.

Il secondo punto importante della riforma è, invece, il mecenatismo, e l’introduzione di investimenti privati sempre più consistenti nel mondo della cultura. Mi duole dire che questa è una cosa positiva, nella misura in cui in Italia gli investimenti seri, le proposte più audaci, le mostre che osano, sono sempre in mano ai privati. La privatizzazione sta salvando la cultura italiana, ma questo non fa onore allo Stato. I dirigenti museali sono stati trasformati in mega-manager con piena autonomia di bilancio.

Quello che stiamo vivendo non è il miglior periodo per la politica italiana, ma incrociare le braccia assumendo quel tipico atteggiamento di chi fa il bastian contrario di professione, criticando sempre e comunque tutto ciò che viene da quella politica che negli ultimi decenni ci sta dando solo delusioni, fa male a sé e agli altri: per questo motivo non si può negare che la riforma Franceschini abbia portato a casa risultati che sono difficilmente confutabili. È altrettanto vero che, però, lo sta facendo su dei presupposti fastidiosamente sporchi di logiche contabili, e poco di quell’impegno morale, di quell’alto senso di responsabilità che dovrebbe guidare chi ha in mano il grande potere di gestione della cultura nel Bel Paese.

Ah, e che il ministro impari in primis a rispettare la legge: che sia proprio la fretta mediatica di dimostrare la sua fervente attività politica che lo sta portando verso scelte simpaticamente scoppiettanti, ma poco inclini ad un lavoro di riforma strutturale?

Ludovica Perina

FONTE | SOURCE:

— LIBERO PENSIERO (31/05/2017).

https://www.liberopensiero.eu/2017/05/30/franceschini-riforma-cultura/

s.v.,

— COMUNE DI ROMA – Graduatoria finale 14 Curatore Archeologo | Aggiornamento del 14/08/2014.

Si rende noto che in data 14 agosto 2014 è stata pubblicata all’Albo Pretorio di Roma Capitale la Determinazione Dirigenziale n. 1514 concernente la riformulazione della graduatoria della procedura selettiva pubblica, per titoli ed esami, per il conferimento di n. 14 posti nel profilo professionale di Curatore Archeologo – Categoria D (posizione economica D1) – Famiglia Cultura, Turismo e Sport, in esecuzione delle sentenze del TAR-Lazio Sez. II n. 6608, n. 6609 e n. 6611/2014.

Aggiornamento del 14/08/2014

Si rende noto che è stata pubblicata all’Albo Pretorio di Roma Capitale in data 09/09/2013 la graduatoria, di seguito riportata, della procedura selettiva pubblica, per titoli ed esami, per il conferimento di n.14 posti nel profilo professionale di Curatore Archeologo – categoria D (posizione economica D1) – famiglia – cultura – turismo e sport

PDF = COMUNE DI ROMA | 14 POSTI CURATORE ARCHEOLOGO | 155 esame pagina con 1.652 domande. (14/08/2014).

PDF = ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: COMUNE DI ROMA – Graduatoria finale 14 Curatore Archeologo (14|08|2014) – Copia dei esame 155 pagine con 1600 domande.

FONTE | SOURCE:

— COMUNE DI ROMA (05/2017).

http://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW502324

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Colosseo: aggredisce edicolante per rapinare caramelle, arrestato un cittadino americano di 42 anni, da tempo residente a Roma, di professione procacciatore di turisti, ROMATODAY (30/05/2017).

img_0607-e1475152167891

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Colosseo: aggredisce edicolante per rapinare caramelle, arrestato un cittadino americano di 42 anni, da tempo residente a Roma, di professione procacciatore di turisti, ROMATODAY (30/05/2017).

Colosseo: aggredisce edicolante per rapinare caramelle, arrestato 42enne – Rompe mascella all’edicolante al Colosseo per rubare caramelle, in manette un 42enne. Ad essere arrestato dai carabinieri un procacciatore di turisti. Dovrà rispondere dei reati di rapina impropria e lesioni personali aggravate.

Gli ha rotto la mascella dopo che ha reagito al tentativo di rapina. Al centro dell’interesse dell’aggressore delle semplici caramelle che l’uomo, un cittadino americano di 42 anni, da tempo residente a Roma, di professione procacciatore di turisti, voleva rubare ad un edicolante di piazza del Colosseo. Il 42enne è stato però fermato dai carabinieri della Stazione Roma Piazza Dante che lo hanno arrestato con le accuse di rapina impropria e lesioni personali aggravate.

FURTO DI CARAMELLE – L’uomo si è avvicinato agli alcuni espositori di un’edicola ubicata nella piazza a pochi passi dall’Anfiteatro Flavio e ha arraffato alcune confezioni di caramelle. Quando è stato scoperto dall’edicolante, un cittadino del Bangladesh di 47 anni regolarmente in Italia, il 42enne lo ha colpito violentemente al volto con un pugno che gli ha provocato la frattura della mascella.

EDICOLANTE IN OSPEDALE – I Carabinieri hanno notato il parapiglia e sono immediatamente intervenuti bloccando l’aggressore e prestando i primi soccorsi alla vittima. Viste le condizioni del cittadino del Bangladesh, è stato, successivamente, attivato il 118 per il suo trasporto in ambulanza all’ospedale San Giovanni Addolorata, dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di 30 giorni. Trattenuto in caserma è stato poi giudicato con rito direttissimo.

Fonte | source:

— ROMATODAY (30/05/2017).

http://www.romatoday.it/cronaca/aggressione-rapina-caramelle-edicola-colosseo.html

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Covfefe? Il mondo si interroga sull’ultimo assurdo tweet di Trump. LA REPUBBLICA (31/05/2017).

1q121r

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Covfefe? Il mondo si interroga sull’ultimo assurdo tweet di Trump. LA REPUBBLICA (31/05/2017).

WASHINGTON DC, USA – Così un enigmantico tweet del presidente americano ha fatto impazzire i social network: ipotesi interpretative, meme, sberleffi. Cancellato solo all’alba, il presidente ci scherza su.

Qualcuno già lo chiama il “Covfefe gate”, certo è che il dipartimento comunicazione della Casa Bianca sembra essere sempre più allo sbando. Stamattina, alle sei italiane, cioè a mezzanotte di Washington, Donald Trump ha twittato una cosa incomprensibile: “Nonostante la stampa sempre negativa, covfefe”.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (31/05/2017).

http://www.repubblica.it/esteri/2017/05/31/news/trump_tweet_covfefe-166870354/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: 1). World leaders can’t contain themselves as “President” Trump speaks. 2). Europeans reacts to “President” Trump recent visit! AP NEWS | Twitter (30/05/2017).

trump eur

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: 1). World leaders can’t contain themselves as “President” Trump speaks. 2). Europeans reacts to “President” Trump recent visit! AP NEWS | Twitter (30/05/2017).

https://www.scoopnest.com/it/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – Roma, un topo scorrazza per le scale del Campidoglio durante il consiglio comunale. CORRIERE DELLA SERA (30/05/2017).

FT 12

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – Roma, un topo scorrazza per le scale del Campidoglio durante il consiglio comunale. CORRIERE DELLA SERA (30/05/2017).

Un grosso roditore si è infilato nelle grate in ferro di un portone, vicino all’ingresso di Palazzo Senatorio presidiato da vigili e commessi. La scena è stata filmata nel punto in cui si trova la statua della Lupa Capitolina, sempre molto fotografata dai turisti. Nel frattempo, in aula Giulio Cesare infuriava la bagarre per la delibera Coia sul commercio in aree pubbliche.

Un topo in Campidoglio. Mentre martedì pomeriggio in aula Giulio Cesare infuriava lo scontro – al centro della bagarre la proposta di delibera Coia sul commercio su aree pubbliche – un ratto risaliva indisturbato le scale dell’ingresso Sisto IV, proprio sotto la Lupa Capitolina, dove i turisti si fermano a scattare selfie e foto ricordo. Con nonchalance il roditore si è infilato nelle grate del portone in ferro, vicino all’ingresso di Palazzo Senatorio presidiato da alcuni vigili e dai commessi.

FONTE | SOURCE:

— CORRIERE DELLA SERA (30/05/2017).

http://www.corriere.it/video-articoli/2017/05/30/roma-topo-scorrazza-le-scale-campidogliodurante-consiglio-comunale/b5e59086-4556-11e7-81bc-6e91411407c5.shtml

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – La città eterna fa proprio schifo | Il colera e la peste sono già arrivati? Roma, un topo sulle scale del Campidoglio. LA REPUBBLICA & IL MESSAGGERO (30/05/2017).

http://wp.me/pPRv6-3WU

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – La città eterna fa proprio schifo | Il colera e la peste sono già arrivati? Roma, un topo sulle scale del Campidoglio. LA REPUBBLICA & IL MESSAGGERO (30/05/2017).

181728039-2aa70dd0-df5c-4393-b42d-c58ad909cc93

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – La città eterna fa proprio schifo | Il colera e la peste sono già arrivati? Roma, un topo sulle scale del Campidoglio. LA REPUBBLICA & IL MESSAGGERO (30/05/2017).

ROMA – Roma, un topo sulle scale del Campidoglio. Ironia Pd: “E’ venuto a presentarsi all’assessora Montanari.” LA REPUBBLICA (30/05/2017).

Ore 18, mentre in assemblea capitolina infuria la battaglia sulla delibera “Salva-Tredicine” che regolamenta il commercio ambulante, un piccolo ratto si arrampica sulla scalinata d’ingresso a palazzo Senatorio: indisturbato sale un gradino dopo l’altro e tenta di intrufolarsi nel portone. Manovra che solo il vetro posto dietro le grate riesce a sventare. Pronta l’ironia del Pd: “Visto che l’assessora Montanari non ha mai visto topi” twitta la capogruppo Michela Di Biase, “uno di loro è venuto a presentarsi. #buonemaniere”. (giovanna vitale).

FONTE |SOURCE:

— LA REPUBBLICA (30/05/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/05/30/foto/roma_topo_al_campidoglio-166823906/1/#1

181728056-a37b69b0-e002-4652-8b3a-d8b46890bf39

ROMA – Roma, i topi arrivano anche sulle scale del Campidoglio. Pd: «Va dalla Montanari» IL MESSAGGERO (30/05/2017).

L’invasione dei topi continua e uno è stato visto e fotografato mentre saliva le scale del Campidoglio. Immediato il commento del Pd, che ha ricordato come l’assessore alla Sostenibilità ambientale, Pinuccia Montanari, avesse dichiarato: «Non ho mai visto un topo a Roma».

FONTE | SOURCE:

— IL MESSAGGERO (30/05/2017).

http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/topo_roma_pd-2472850.html

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – La città eterna fa proprio schifo | Il colera e la peste sono già arrivati? Foto: 40 Vicolo de’ Cinque | 39 Via del Cipresso | R. XII. Fonte. ROMA FA SCHIFO (23-30/05/2017).

vdc6

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – La città eterna fa proprio schifo | Il colera e la peste sono già arrivati? Foto: 40 Vicolo de’ Cinque | 39 Via del Cipresso | R. XII. Fonte. ROMA FA SCHIFO (23-30/05/2017).

Foto: 40 Vicolo de’ Cinque | 39 Via del Cipresso | R. XII. (05/2017 & 07/2016).

“…Tutto il centro di Roma è combinato in questa maniera. E’ inutile che facciamo finta di no.”

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROMA FA SCHIFO | FACEBOOK (22/05/2017).

https://www.facebook.com/romafaschifo

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – E il rviviale di “Panem Et Cirenses”, Foto | Fonte: ROMA FA SCHIFO (23-30/05/2017).

rpb

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA di VIRGINIA RAGGI | DARIO FRANCESHINI – E il rviviale di “Panem Et Cirenses”, Foto | Fonte: ROMA FA SCHIFO (23-30/05/2017).

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROMA FA SCHIFO | FACEBOOK (23-30/05/2017).

https://www.facebook.com/romafaschifo

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Thomas Ashby, An Unknown Sixteenth Century Topography of Rome. LONDON: 1908, pp. 1-38 [pdf] (Reprinted from: The Archaeological Journal. Vol. LXV. 259, 245-364).

igm_labeler

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Thomas Ashby, An Unknown Sixteenth Century Topography of Rome. LONDON: 1908, pp. 1-38 [pdf] (Reprinted from: The Archaeological Journal. Vol. LXV. 259, 245-364).

— Prof. Thomas Ashby, An Unknown Sixteenth Century Topography of Rome. LONDON: 1908, pp. 1-38 [pdf] (Reprinted from: The Archaeological Journal. Vol. LXV. 259, 245-364).

— Prof. Thomas Ashby, An Unknown Sixteenth Century Topography of Rome. LONDON: 1908, pp. 1-38 [pdf]

FONTE | SOURCE:

— Ashby, Thomas, 1874-1931 |

https://archive.org/details/unknownsixteenth00ashb

FOTO | FONTE | SOURCE:

— Leonardo Bufalini, Plan of Rome (1551) – reconstruction by Giuseepe Fiorelli (1879), in: Archivio Storico Capitolino http://www.archiviocapitolino.it/

Also see:

— RIPRODUZIONE DEL 1883 DELLA PIANTA DI ROMA DI LEONARDO BUFALINI – Tavola C 2 | INSTITUTO GEOGRAFICO MILITARE (2017).

http://www.igmi.org/ancient/scheda.php?cod=11262

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: MIBACT | Dario Franceschini – Siti chiusi, cantieri abbandonati, incuria: le scoperte nel Foro Romano. CORRIERE DELLA SERA (25/05/2017).

8206044

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: MIBACT | Dario Franceschini – Siti chiusi, cantieri abbandonati, incuria: le scoperte nel Foro Romano. CORRIERE DELLA SERA (25/05/2017).

ROMA, FORO ROMANO – Quattro cabine wc neanche nuove, montate solo due giorni fa, già perdono liquidi di cui è meglio non chiedere. Sono poste davanti ai bagni del sito.

Santa Maria Antiqua è chiusa da quando si è terminata la mostra lo scorso anno: fortunato chi è riuscito a vedere il suo splendido restauro. Come anche il tempio di Romolo. Il Lapis Niger è solo una tettoia coperta, un cantiere che incomincia ad invecchiare come si intuisce dal colore della copertura. Il Foro romano ed il Palatino, affascinante città antica nella città moderna, meriterebbero maggiore attenzione e meno tubi innocenti a vista. I bagni chimici sono all’ingresso, dietro il tempio di Antonino e Faustina davanti all’ampia distesa del Foro Romano. È la prima immagine per i visitatori che entrano dalla biglietteria di Salara vecchia, ovvero dai Fori Imperiali.

I bagni chimici all’ingresso
Quattro cabine neanche nuove, montate solo due giorni fa, già perdono liquidi di cui è meglio non chiedere. Sono poste davanti ai bagni del sito, struttura stabile armonica con il luogo, ma che già non funziona, dopo solo un anno. Come non funzionano le fontanelle pubbliche all’interno del sito, ne sono rimaste due che offrono la fresca acqua di Roma, per il resto ci pensano i venditori ambulanti che riescono ad entrare, scavalcando dalla parte del Palatino, per vendere anche dentro. Un tempo scavalcavano anche i borseggiatori, ora invece fanno il biglietto ed entrano, «tanto poi i soldi li recuperano», racconta un custode. Quando qualcuno dei vigilanti (15 al giorno per 35 ettari ed una media di 26mila visitatori al giorno) se ne accorge con l’altoparlante in più lingue avverte i turisti della loro presenza. Ma può accadere che quando fa molto caldo la stanchezza non faccia essere troppo vigili, così il portafogli è perduto e la vacanza rovinata.

Le carriole a vista
La visita al Foro romano resta sempre un’esperienza emozionante, peccato per quei tanti cantieri a vista, per quei tubi innocenti che proteggono mura che da anni non vedono alcun restauro. Tra i templi restano cariole da cantiere abbandonate e travi che hanno visto già molti inverni. Tra il tempio di Romolo e il cortile medievale c’è un angolo protetto da una rete, sbirciando dentro si vedono avanzi di cantiere. Non è bello ma c’è: e allora non si potrebbero raccogliere lì dentro le cariole e le travi abbandonate in giro? Sotto l’arco di Tito c’è l’ascensore per disabili ma nessuno lo prende, perché nessuno sa che c’è. La segnaletica è piccola ed è stata per lo più divelta.

I monasteri dentro la platea
Raggiungendo il Palatino la situazione migliora, ci sono meno cantieri a vista. Fino a quando non si arriva al palco del «Divo Nerone-Opera rock», proprio sul tempio di Eliogabalo. Alcune ballerine si riposano sulle pietre antiche, discutono dello spettacolo, «noi vigiliamo, ma dobbiamo spesso ricordare che sono reperti non sedie», racconta un lavoratore del sito. Si lavora all’allestimento della platea realizzata a ridosso dei monasteri di clausura di via san Bonaventura. Suore e monaci ogni sera saranno parte della platea di oltre tremila posti. Da oggi Federica Galloni avrà la guida di quest’area fino alla nomina del direttore: ha poco tempo e molto da fare.

— FONTE | SOURCE:

CORRIERE DELLA SERA (25/05/2017).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_maggio_24/siti-chiusi-cantieri-abbandonati-incuriale-scoperte-foro-romano-b4dd64bc-40af-11e7-89fb-db87d2424a4b.shtml

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. MIBACT | Dario Franceschini – Sottosegretario Dorina Bianchi, Un altro ministro italiano nel MIBACT presto dimissionerà per la corruzione e le relative connessioni mafiose. L’Espresso (25/05/2017).

CoSeGT5WEAAZFAC

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. MIBACT | Dario Franceschini – Sottosegretario Dorina Bianchi, Un altro ministro italiano nel MIBACT presto dimissionerà per la corruzione e le relative connessioni mafiose. L’Espresso (25/05/2017).

1). Sottosegretario Dorina Bianchi, Dorina Bianchi è sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo da febbraio 2016. MIBACT (05/2017).

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/MenuPrincipale/Ministero/Sottosegretari/Dorina-Bianchi/index.html_955821195.html

— C.A.R.A TI AMO – Il rapporto speciale di Leonardo Sacco con Dorina Bianchi e il partito di Angelino Alfano
Mr Misericordia provò ad assumere il consuocero dell’attuale ministro degli Esteri venendo bloccato dal prefetto Morcone. E dalle intercettazioni emerge il ruolo della Bianchi nel mantenere i rapporti tra l’imprenditore e i politici. L’Espresso (25/05/2017).

http://espresso.repubblica.it/inchieste/2017/05/23/news/il-rapporto-speciale-di-leonardo-sacco-con-dorina-bianchi-e-il-partito-di-angelino-alfano-1.302407

— Intercettazioni Jonny, Turtoro: “Dorina Bianchi si dimetta”, LAMEZIA LIVE (27/05/2017).

Le intercettazioni uscite fuori tra il sottosegretario Dorina Bianchi e Leonardo Sacco, responsabile del centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto recentemente posto in stato di arresto per l’operazione “Jonny”, non possono lasciare indifferente nessuno, soprattutto le istituzioni politiche.

Nelle chiacchierate telefoniche tra i due emerge, oltre che un tono molto confidenziale, anche precise richieste da parte del Sacco al sottosegretario ed anche la preoccupazione, di quest’ultimo, per l’imminente assegnazione al consuocero del Ministro Alfano della direzione del centro di accoglienza di Lampedusa gestito dalla Misericordia, operazione che si smorzò sul nascere poiché il Montana non accettò l’incarico.

http://www.lamezialive.it/intercettazioni-jonny-turtoro-dorina-bianchi-si-dimetta/

— PAOLA TURTURO (AZIONE IDENTITARIA): DORINA BIANCHI CHIARISCA LA SUA POSIZIONE E INIZI A PENSARE ALLE DIMISSIONI. wesud.it (26/05/2017).

Le intercettazioni uscite fuori tra il sottosegretario Dorina Bianchi e Leonardo Sacco, responsabile del centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto recentemente posto in stato di arresto per l’operazione “Jonny”, non possono lasciare indifferente nessuno, soprattutto le istituzioni politiche. Nelle chiacchierate telefoniche tra i due emerge, oltre che un tono molto confidenziale, anche precise richieste da parte del Sacco al sottosegretario ed anche la preoccupazione, di quest’ultimo, per l’imminente assegnazione al consuocero del Ministro Alfano della direzione del centro di accoglienza di Lampedusa gestito dalla Misericordia, operazione che si smorzò sul nascere poiché il Montana non accettò l’incarico.

https://wesud.it/paola-turturo-azione-identitaria-dorina-bianchi-chiarisca-la-sua-posizione-e-inizi-a-pensare-alle-dimissioni/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. MIBACT | Dario Franceschini – Un fulmine sulla riforma Franceschini: il Tar del Lazio annulla la nomina di cinque superdirettori, IL GIORNALE DELL’ ARTE.COM (25/05/2017).

34773195981_bd0c7cc8cd_o

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. MIBACT | Dario Franceschini – Un fulmine sulla riforma Franceschini: il Tar del Lazio annulla la nomina di cinque superdirettori, IL GIORNALE DELL’ ARTE.COM (25/05/2017).

Un fulmine sulla riforma Franceschini: il Tar del Lazio annulla la nomina di cinque superdirettori
Si tratta di Paolo Giulierini (Mann, Napoli), Martina Bagnoli (Galleria Estense, Modena), Peter Assmann (Palazzo Ducale, Mantova), Eva Degl’Innocenti (MarTa, Taranto) e Carmelo Malacrino (Museo Archeologico Nazionale, Reggio Calabria). Le motivazioni: il bando non doveva ammettere stranieri, la prova orale non poteva svolgersi a porte chiuse, i criteri «magmatici» adottati nella valutazione dei candidati.

Roma. Niente stranieri tra i direttori, questo uno dei motivi che hanno spinto il Tar del Lazio a far saltare in aria la riforma avviata nel 2015 da Dario Franceschini.

Dei venti nuovi direttori dei supermusei resi autonomi (a cui sono seguiti altre dieci grandi realtà tra musei e parchi archeologici e, in coda, i due parchi archeologici di Pompei e del Colosseo) cinque sono stati cassati con un tratto di penna. Il ministro ovviamente è furioso: «Il mondo ha visto cambiare in due anni i musei italiani e ora il Tar del Lazio annulla le nomine di cinque direttori. Non ho parole, ed è meglio», digita a caldo su Twitter.

Tre le motivazioni di illegittimità espresse dai giudici nelle due sentenze frutti di altrettanti ricorsi (di Francesco Sirano e Giovanna Paolozzi Maiorca Strozzi, Ndr): il bando così formulato non poteva ammettere la partecipazione al concorso di cittadini stranieri; la prova orale non doveva svolgersi mai a porte chiuse; i «criteri magmatici» seguiti per le valutazione dei candidati.

La notizia annulla gli incarichi dell’archeologo Paolo Giulierini al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, della storica dell’arte Martina Bagnoli alla Galleria Estense di Modena, dello storico dell’arte Peter Assmann al Palazzo Ducale di Mantova, dell’archeologa Eva Degl’Innocenti al Museo Archeologico Nazionale di Taranto e dell’archeologo e architetto Carmelo Malacrino al Museo Nazionale Archeologico di Reggio Calabria. Questi per ora i bocciati dal tribunale amministrativo del Lazio, ma la motivazione invalidante del «direttore straniero» rischia di estendersi agli altri sei non italiani della prima tornata (ma non per gli attuali direttori degli Uffizi, Eike Schmidt, e della Galleria dell’Accademia di Firenze, Cecilie Höllberg, per la cui nomina c’è già stata l’approvazione del Tar Toscana; nella seconda tornata, i dieci vertici sono tutti italiani), e bloccare la selezione internazionale in corso per il Parco archeologico del Colosseo, con la scelta prevista il prossimo 30 giugno.

Ora si attendono le contromosse del Mibact mentre Franceschini già tuona: «trovo strano che la sentenza parli di stranieri quando in realtà i direttori sono europei e ciò contrasta con la Corte di Giustizia Europea e il Consiglio di Stato». E annuncia un immediato ricorso al Consiglio di Stato con richiesta di sospensiva, dato che ora cinque grandi realtà sono da subito senza direttore, perché la sentenza è già stata pubblicata.

E aggiunge: «mi lascia stupefatto parlare di procedura poco chiara e magmatica, la soluzione internazionale è stata fatta da una commissione assolutamente imparziale composta da un direttore della National Gallery di Londra, dal direttore della più importante istituzione culturale di Berlino, un archeologo tedesco, dal presidente della Biennale di Venezia e da una persona appena nominata consigliere del presidente francese Macron sui temi culturali. Una garanzia di neutralità maggiore di questa mi pare non possa esserci».

I cinque direttori saranno sostituiti ad interim, ha garantito il ministro. «Queste persone avevano lasciato tutto per ricoprire questi ruoli e la riforma stava già attuando un grande cambiamento, ma da oggi è bloccata. È assurdo fare distinzioni sulla nazionalità dei candidati. Il direttore della National Gallery è italiano mentre quello del British Museum è tedesco. Davvero un grande danno di immagine».

Link alle sentenze:
http://www.altalex.com/documents/news/2017/05/25/musei-il-tar-del-lazio-boccia-i-direttori-stranieri
http://www.altalex.com/documents/news/2017/05/25/museo-palazzo-ducale-di-mantova-nomina-direttore-straniero-annullamento

FONTE | SOURCE:

— IL GIORNALE DELL’ ARTE.COM (25/05/2017).

http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2017/5/127799.html

FOTO | FONTE | SOURCE:

— edoardo baraldi, IL DANNO – FRANCESCHINI “SUBITO L’APPELLO AL CONSIGLIO DI STATO, MA IL DANNO È FATTO” | FLICKR (26/05/2017).

IL DANNO

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT – “Non potevano partecipare stranieri”. Il tar Lazio boccia nomine di Franceschini per i musei. LA REPUBBLICA | LA STAMPA (25/05/2017).

http://wp.me/pPRv6-3VI

AQUILA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: IL PREMIER MATTEO RENZI POLEMIZZA CON LA RICOSTRUZIONE DELL’ AQUILA (2009-17) | RIVIVE IL VULTURE TERREMOTATO – ANCHE GRAZIE ARALDO DI CROLLALANZA & AL DUCE | SOLI 3 MESI (1930). VERDE AZZURRO NOTIZIE (20/01/2017).

MRA

AQUILA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: IL PREMIER MATTEO RENZI POLEMIZZA CON LA RICOSTRUZIONE DELL’ AQUILA (2009-17) | RIVIVE IL VULTURE TERREMOTATO – ANCHE GRAZIE ARALDO DI CROLLALANZA & AL DUCE | SOLI 3 MESI (1930). VERDE AZZURRO NOTIZIE (20/01/2017).

1). 1933: IN SOLI 3 MESI MUSSOLINI RICOSTRUI’ IL VULTURE TERREMOTATO – IN UN MOMENTO COSÌ DRAMMATICO PER L’ITALIA IL PREMIER MATTEO RENZI POLEMIZZA CON LA RICOSTRUZIONE DELL’AQUILA ANZICHÉ CONCENTRARSI ESCLUSIVAMENTE SUL SISMA CHE HA COLPITO LA ZONA DI AMATRICE. VERDE AZZURRO NOTIZIE (20/01/2017).

IN UN MOMENTO COSÌ DRAMMATICO PER L’ITALIA IL PREMIER MATTEO RENZI POLEMIZZA CON LA RICOSTRUZIONE DELL’AQUILA ANZICHÉ CONCENTRARSI ESCLUSIVAMENTE SUL SISMA CHE HA COLPITO LA ZONA DI AMATRICE.

TERREMOTO DEL VULTURE del 1930 – 6.7 della scala Mercalli. A soli tre mesi dal catastrofico sisma, e precisamente il 28 ottobre 1930, le prime case vennero consegnate alle popolazioni della Campania, della Lucania e della Puglia. Furono costruite 3.746 case e riparate 5.190 abitazioni. Mussolini salutò il suo Ministro dei Lavori Pubblici al termine della sua opera con queste parole: ‘Eccellenza Di Crollalanza, lo Stato italiano La ringrazia non per aver ricostruito in pochi mesi perché era Suo preciso dovere, ma la ringrazia per aver fatto risparmiare all’erario 500 mila lire’. L’intervento complessivo, difatti era venuto anche a costare meno del previsto. Nonostante il breve tempo impiegato nel costruirle e nonostante i mezzi tecnologici relativamente antiquati di cui poteva disporre l’Italia del 1930, le palazzine edificate in questo periodo resistettero ad un altro importante terremoto che colpì la stessa area 50 anni dopo.

Nel dettaglio:

lL capo del Governo, Mussolini, appena conosciuta notizia del disastro convocò l’allora Ministro dei Lavori Pubblici, l’on. Araldo di Crollalanza e gli affidò l’opera di soccorso e ricostruzione. Araldo di Crollalanza, in base alle disposizioni ricevute e giovandosi del RDL del 9 dicembre 1926 e alle successive norme tecniche del 13 marzo 1927, norme che prevedevano la concentrazione di tutte le competenze operative, nei casi di catastrofe, nel Ministero dei Lavori Pubblici, fece effettuare nel giro di pochissime ore il trasferimento di tutti gli uffici del Genio Civile, del personale tecnico, nella zona sinistrata, così come era previsto dal piano di intervento e dalle tabelle di mobilitazione che venivano periodicamente aggiornate.

Araldo di Crollalanza non si allontanò mai dalla zona sinistrata, adattandosi a dormire in una vettura del treno speciale che si spostava, con il relativo ufficio tecnico da una stazione all’altra per seguire direttamente le opere di ricostruzione. I lavori iniziarono immediatamente. Dopo aver assicurato gli attendamenti e la prima opera di assistenza, si provvide al tempestivo arrivo sul posto, con treni che avevano la precedenza assoluta di laterizi e di quant’altro necessario per la ricostruzioni. Furono incaricate numerose imprese edili che prontamente conversero sul posto, con tutta l’attrezzatura. Lavorando su schemi di progetti standard si poté dare inizio alla costruzione di casette a pian terreno di due o tre stanze anti-sismiche, particolarmente idonee a rischio. Contemporaneamente fu disposta anche la riparazione di migliaia di abitazioni ristrutturabili, in modo da riconsegnarle ai sinistrati prima dell’arrivo dell’inverno.

ITALIANI…ANCHE QUESTO NON VI VIENE MAI RACCONTATO NEI LIBRI SCOLASTICI!!!

Vedremo cosa saprà fare lui. Ed è bene, in questo momento, ricordare altri terremoti, come quello del Vulture del luglio 1930, avvenuto sempre sulla dorsale appenninica a rischio, poco a Sud da quello del 24 agosto e di magnitudo superiore, 6,7, che causò anche un numero maggiore i vittime, 1404. Il terremoto prende il nome dal Monte Vulture alle cui pendici si verificarono ingenti danni, e colpì la Basilicata, la Campania e la Puglia, in particolare le province di Potenza, Matera, Benevento, Avellino e Foggia.

Il terremoto interessò oltre 50 comuni di 7 province. Benito Mussolini, non appena ebbe notizia del disastro convocò il ministro dei Lavori Pubblici, Araldo di Crollalanza e gli affidò in toto l’opera di soccorso e ricostruzione. Araldo di Crollalanza,classe 1892, fu ministro dal 1930 al 1935. Successivamente divenne presidente dell’Opera nazionale combattenti, e legò il suo nome alla bonifica dell’Agro Pontino. Già squadrista nella Marcia su Roma, fu console della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale, Podestà di Bari, nella Repubblica Sociale Italiana fu commissario straordinario pe ril parlamento, nel quale aveva seduto per tre legislature. Dopo la guerra fu arrestato ma immediatamente prosciolto. Nel 1953 divenne parlamentare del Movimento Sociale Italiano e fu rieletto ininterrottamente fina alla sua morte, avvenuta nel 1986. A lui sono dedicate vie e piazze nell’Agro Pontino e un Puglia.

Il sisma del Vulture causò 1404 morti

Tornando al terremoto del Vulture, di Crollalanza dispose in poche ore il trasferimento di tutti gli uffici del Genio Civile, del personale tecnico, nella zona, come previsto dal piano di intervento e dalle tabelle di mobilitazione che venivano periodicamente aggiornate. Tra l’altro nella stazione di Roma, su un binario morto, era sempre in sosta un treno speciale, completo di materiale di pronto intervento, munito di apparecchiature per demolizioni e quant’altro necessario per provvedere alle prime esigenze di soccorso e di assistenza alle popolazioni terremotate. E su quel treno si accamodarono il ministro stesso e tutto il personale necessario in direzione dell’epicentro della catastrofe. Per tutto il periodo della ricostruzione Araldo di Crollalanza non si allontanò mai, dormendo in una vettura del treno speciale che si spostava da una stazione all’altra per seguire direttamente le opere di ricostruzione. I lavori iniziarono immediatamente. Dopo aver assicurato gli attendamenti e la prima assistenza, furono incaricate numerose imprese edili che prontamente giunsero sul posto con tutta l’attrezzatura. Lavorando su schemi di progetti standard si poté dare inizio alla costruzione di casette a piano terreno di due o tre stanze anti-sismiche, e nello stesso tempo fu iniziata la riparazione di migliaia di abitazioni ristrutturabili, in modo da riconsegnarle ai sinistrati prima dell’arrivo dell’inverno. A soli tre mesi dal sisma, il 28 ottobre 1930, le prime case vennero consegnate alle popolazioni della Campania, della Lucania e della Puglia. Furono costruite 3.746 case e riparate 5.190 abitazioni. Mussolini ringraziò di Crollalanza così: «Lo Stato italiano La ringrazia non per aver ricostruito in pochi mesi perché era Suo preciso dovere, ma la ringrazia per aver fatto risparmiare all’erario 500 mila lire». Altri tempi, ma soprattutto altre tempre… Tra l’altro, le palazzine edificate in questo periodo resistettero ad un altro importante terremoto, quello dell’Irpinia, che colpì la stessa area 50 anni dopo.

FONTE | SOURCE:

— VERDE AZZURRO NOTIZIE (20/01/2017).

http://www.verdeazzurronotizie.it/1933-in-soli-3-mesi-mussolini-ricostrui-il-vulture-terremotato/

2). Terremoto del 1930, quando lo Stato c’era: così di Crollalanza ricostruì tutto. SECOLO d’ Italia (20/01/2017).

La storia e le opere di Araldo di Crollalanza, di cui ricorre proprio in questi giorni l’anniversario della morte, ne fanno un protagonista della vita politica italiana del secolo scorso. Fu deputato per tre legislature nel Regno d’Italia con il Partito nazionale fascista e, nella Repubblica, per ben otto legislature, dal 1953 al 1986, con il Movimento Sociale Italiano. Ma soprattutto fu ministro dei Lavori pubblici nel governo Mussolini dal 1930 al 1935, e legò il suo nome a due importanti realizzazioni: la ricostruzione dopo il terremoto del Vulture, in Basilicata e Campania, del 1930, e la bonifica delle Paludi pontine. Il terremoto del Vulture, avvenuto il 23 luglio del 1930, colpì in particolare le province di Potenza, Matera, Benevento, Avellino e Foggia, interessando 50 comuni. Fu il comune di Melfi quello più colpito. Ebbe una magnitudo del 6,7 e causò oltre 1400 morti. Praticamente la stessa violenza del terremoto di Amatrice del 24 agosto scorso, anche se il numero delle vittime fu superiore. La zona colpita era costituita da piccolissimi centri sparsi sui vari rilievi, centri ubicati mediamente a 500 metri di altitudine, e collegati tra loro da strade sterrate tortuose e maltenute. Inoltre, pur essendo una zona da sempre interessata a movimenti simici, nel decenni precedenti non si era tenuto conto di ciò nella edificazione delle abitazioni, tanto che vi si trovavano case costruite con pietre di fiume legate da malta o da fango essiccato. Dopo la ricostruzione effettuata dal ministro di Crollalanza, le abitazioni resistettero anche al terremoto dell’Irpinia del 1980. Non appena si diffuse la notizia del sisma, Mussolini convocò immediatamente il ministro di Crollalanza incaricandolo di fare quanto necessario per portare subito soccorso alle popolazioni colpite, e decidendo altresì di utilizzare da subito l’esercito. Va tenuto presente che nel 1926 il governo fascista aveva varato una nuova legge sulle calamità naturali, che si rivelò ottima, tanto che i soccorsi funzionarono molto meglio rispetto a catastrofi precedenti. Vi era un treno allo Scalo San Lorenzo di Roma, sempre pronto, contenente materiale di primo soccorso: materiale sanitario, derrate alimentari, macchine movimento terra, tende militari e altro. Questo treno partì nelle prime ore del mattino (il sisma aveva avuto luogo poco dopo mezzanotte) e in poche ore giunse sul luogo iniziando il difficile lavoro dell’emergenza. Il ministro di Crollalanza giunse poche ore dopo, facendo pressione sul governo per uno stanziamento adeguato, giacché le case da ricostruire erano moltissime. Riuscì a ottenere uno stanziamento di 160 milioni di lire. Era il 3 agosto, ossia 11 giorni dopo il terremoto. Furono installate dall’esercito migliaia di tende, e di Crollalanza insisteva per avere qualcosa di più duraturo. Così fu deciso di costruire mille casette asismiche, ossia corrispondenti agli standard asismici dell’epoca, per non far trovare la popolazione esposta ai rigori invernali. L’acqua potabile era assicurata da autobotti provenienti da Foggia e Avellino e altri grossi centri della zona. Entro ottobre, tra mille difficoltà legate al trasporto in quelle zone, alla manodopera, al rincaro dei materiali da costruzione ad altri problemi logistici, 961 casette furono realizzate. Si pensò anche agli orfani, oltre mille, che furono nmandati nei vari convitti o affidati a famiglie della zona, per evitare lo sradicamento dal territorio. Il sussidio statale per la ricostruzione, grazie a varie leggi, tra cui quella Mussolini del 1928 e quella sulla bonifica, poté raggiungere anche l’85 per cento del costo globale. Vi furono poi lentezze burocratiche dovute ai contrasti tra il Banco di Napoli, che doveva erogare i mutui, e lo stesso ministero dei Lavori pubblici circa la stima dei danni. In quel caso il governo non fu abbastanza energico, malgrado le continue insistenze di di Crollalanza e dei prefetti.

Di Crollalanza spinse per avere più finanziamenti
Va tenuto presente che il sisma avvenne quasi 90 anni fa, e che i mezzi e le infrastrutture erano quelli di allora. Quello che è preoccupante è che nel 2017 non si è riusciti a preservare i danneggiati dall’inverno, nonostante la qualità della teconologia e dell’organizzazione abbia quasi un secolo di esperienza in più rispetto ai “pionieri” del 1930 come di Crollalanza, al quale va comunque riconosciuto, oltre all’impegno personale fortissimo, anche un non comune rigore e capacità organizzativa, come dimostrerà negli anni successivi sia nelle bonifiche sia nella riqualificazione del lungomare di Bari, dove ancora oggi c’è una statua che ne ricorda i grandi meriti. Di Crollalanza dopo l’armistizio aderì alla Repubblica Sociale Italiana e dopo la fine della guerra fu arrestato e trascorso oltre un mese in carcere. Ma ovviamente l’indagine su un galantuomo come lui si chiuse in fase istruttoria con il completo proscioglimento. Ci piace concludere questo ricordo con le parole che Indro Montanelli gli dedicò sul Giornale il giorno dopo la sua morte, il 19 gennaio 1986:”Di Crollalanza non fece mai mostra di se, mai partecipo a spedizioni punitive, mai si fece un partito o una clientela personale, mai brigo per carriere politiche. Di origine valtellinese anche se nato a Bari, aveva nel sangue le «cose», e fu fascista solo perché il fascismo gli consentiva di farle. Bari e in gran parte figlia sua (e tale ha continuato a sentirsi anche dopo il fascismo). Fu lui a istituirvi la Fiera del Levante e 1’Universita. Fu lui a trasformare il Tavoliere delle Puglie e a farne una delle zone piu fertili del Sud (una volta Di Vittorio mi disse: «Senza Crollalanza io non esisterei perche i miei genitori non avrebbero nemmeno avuto la forza di procrearmi»). Cio che in sei anni aveva fatto, come podestà di Bari, sul piano regionale, lo ripete, come ministro dei Lavori Pubblici, su quello nazionale. La costruzione della direttissima Firenze-Bologna e opera sua, come lo fu tutto il riassetto dell’Agro Pontino, lo sviluppo di Littoria, la nascita di Aprilia e Pomezia. Eppure, di lui si parlava pochissimo. Non apparteneva alla Nomenclatura del regime, e lui non fece mai nulla per entrarci (…). Non fece mai parte del Gran Consiglio. Ma quando gli chiesi come vi si sarebbe comportato la notte del 25 luglio, mi rispose senza esitare: «Sarei stato dalla parte del Duce, e poi avrei fatto il possibile per impedire la condanna a morte di chi era stato contro». Lo aveva dimostrato, del resto, con la sua condotta. Dopo l’8 settembre, raggiunse Mussolini, ma rifiutò qualsiasi incarico politico. Cerco solo di creare un tessuto amministrativo per salvare il salvabile, e a qualcosa riuscì. Dopo il 25 aprile, non si nascose, e si lasciò arrestare e processare. Ma sebbene questo accadesse nel momento dei più accesi bollori epurativi, dovettero assolverlo in istruttoria: non una voce si levò ad accusarlo di qualcosa, e ogni indagine sul suo patrimonio risultò vana: I’uomo che aveva costruito città e redento province non aveva una casa, né un palmo di terra, né un conto in banca. Entrò, per coerenza nel Msi, e i pugliesi lo elessero senatore per sette legislature di seguito. Nessun suo collega degli altri partiti trovo qualcosa da obbiettare quando il presidente Fanfani propose di conferire a Crollalanza, in occasione del suo novantesimo compleanno, una medaglia d’oro. Fu l’ultima che lo vidi. Era commosso. Gli chiesi se del suo passato covava qualche rimpianto o rimorso. Mi rispose, a voce bassissima: «Uno solo, ma immenso: : in quei vent’anni potevamo fare 1’Italia, e non la facemmo». Ma se c’era un uomo a cui questo rimprovero non poteva essere mosso, era proprio lui”.

FONTE | SOURCE:

— SECOLO d’ Italia (20/01/2017).

http://www.secoloditalia.it/2017/01/terremoto-1930-quando-lo-stato-cera-cosi-di-crollalanza-ricostrui-tutto/

3). 1930: in soli tre mesi il fascismo ricostruì il Vulture terremotato. SECOLO d’ Italia (25/08/2016).

In un momento così drammatico per l’Italia il premier Matteo Renzi polemizza con la ricostruzione dell’Aquila anziché concentrarsi esclusivamente sul sisma che ha colpito la zona di Amatrice. Vedremo cosa saprà fare lui. Ed è bene, in questo momento, ricordare altri terremoti, come quello del Vulture del luglio 1930, avvenuto sempre sulla dorsale appenninica a rischio, poco a Sud da quello del 24 agosto e di magnitudo superiore, 6,7, che causò anche un numero maggiore i vittime, 1404. Il terremoto prende il nome dal Monte Vulture alle cui pendici si verificarono ingenti danni, e colpì la Basilicata, la Campania e la Puglia, in particolare le province di Potenza, Matera, Benevento, Avellino e Foggia. Il terremoto interessò oltre 50 comuni di 7 province. Benito Mussolini, non appena ebbe notizia del disastro convocò il ministro dei Lavori Pubblici, Araldo di Crollalanza e gli affidò in toto l’opera di soccorso e ricostruzione. Araldo di Crollalanza,classe 1892, fu ministro dal 1930 al 1935. Successivamente divenne presidente dell’Opera nazionale combattenti, e legò il suo nome alla bonifica dell’Agro Pontino. Già squadrista nella Marcia su Roma, fu console della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale, Podestà di Bari, nella Repubblica Sociale Italiana fu commissario straordinario pe ril parlamento, nel quale aveva seduto per tre legislature. Dopo la guerra fu arrestato ma immediatamente prosciolto. Nel 1953 divenne parlamentare del Movimento Sociale Italiano e fu rieletto ininterrottamente fina alla sua morte, avvenuta nel 1986. A lui sono dedicate vie e piazze nell’Agro Pontino e un Puglia.

FONTE | SOURCE:

— SECOLO d’ Italia (25/08/2016).

http://www.secoloditalia.it/2016/08/quando-cera-lui-in-3-mesi-il-fascismo-ricostrui-il-vulture-terremotato/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. MIBACT | Dario Franceschini – Solo Chiacchiere: BNC – Emergenza Cultura, L’insostenibile leggerezza del lavoro nero. EMERGENZA CULTURA (25/05/2017).

mibact 1234

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. MIBACT | Dario Franceschini – Solo Chiacchiere: BNC – Emergenza Cultura, L’insostenibile leggerezza del lavoro nero. EMERGENZA CULTURA (25/05/2017).

Se non fosse per il dramma che stanno vivendo i lavoratori della BNC pagati come volontari e poi licenziati per avere avuto il coraggio di denunciare lo scempio dello sfruttamento a cui venivano sottoposti, ci troveremmo di fronte ad una farsa, una commedia di basso livello nella quale ciascuno recita a soggetto con l’obiettivo unico di tirarsi fuori dalle evidenti responsabilità. La vicenda annosa non è altro che rivelatrice del modo con il quale sono stati affrontati i gravi problemi connessi al degrado dei servizi, alla lunga e interminabile serie di tagli ai bilanci ed al costo del lavoro, al mancato ricambio anagrafico che hanno fatto di questo Ministero quello con le media più alta di età dei suoi addetti.

E il “volontariato” avanza, non certo nelle sue finalità più nobili, ma come mezzo esplicito di sostituzione del lavoro vero diventando l’ultima frontiera dei diritti e della precarietà con cui si è inteso sacrificare generazioni di giovani formati alla logica del massimo ribasso fino al disconoscimento completo della dignità del lavoro.

Su tutto questo era calato il velo mediatico della valorizzazione in salsa franceschiniana, l’idea taumaturgica che i Musei da soli potessero sopportare il peso di decenni di fallimento delle politiche sul turismo e che il loro sfruttamento commerciale potesse da solo risollevare le sorti economiche di un paese declinante negli asset che ne avevano caratterizzato lo sviluppo nei decenni precedenti. E’ bastato il gesto coraggioso e disperato di alcuni lavoratori per svelare la realtà povera fatta di lavoro nero, di ricatti quotidiani, di scontrini che riempivano le borse per garantire la misera di 400 euro al mese. La Biblioteca Nazionale, subito dopo il feroce licenziamento, ha subito una contrazione immediata del 50% delle operazioni di prese del materiale librario dal magazzino. Questa la verità effettuale, questo è il clamoroso risultato di un licenziamento operato con la peggiore modalità. Un licenziamento attuato in modo farsesco con la piena complicità della direzione politica del Ministero, posta subito a conoscenza della situazione da lettere di autorevoli sindacalisti.

Per questo appaiono più che risibili le argomentazioni del Ministro al question time alla Camera, un modo ipocrita con il quale da un lato si riconosce il problema specifico di “abuso”nel ricorso ai volontari, dall’altro si fa una lezioncina sulla differenza tra volontariato e lavoro. Una differenza che i lavoratori a scontrino conoscono peraltro a menadito e direttamente sulla loro pelle. Nessun impegno a sanare “l’abuso”, ma solo una serie di iniziative finalizzate all’autotutela dell’Amministrazione, al pararsi il sedere sperando che passi presto la buriana. Così parte una Circolare della Direzione Generale Biblioteche che invita i dirigenti a evitare che i falsi volontari possano avere appigli per fare una vertenza, poi interviene il Segretariato Generale che si ricorda che non c’è un monitoraggio della convenzioni in atto con le associazioni di volontariato e ne chiede conto agli Uffici e, al contempo, dispone una ispezione alla Biblioteca. Subito dopo la Direzione Generale Biblioteche emana una disposizione con la quale si dispone la sospensione della convenzione con l’associazione AVACA, motivandola appunto con l’ispezione. Insomma si decide l’ispezione e si fa sparire con un sms gli sfortunati lavoratori a scontrino, ovvero il corpo del reato, il motivo principale per cui è stata disposta l’ispezione. Un modo stupido, infimo, con il quale si vuole nascondere la polvere sotto il tappeto. Con una griglia di personaggi di autore: il ministro, il segretario generale, il direttore generale, il direttore della Biblioteca, quest’ultimo capace solo di minacciare ritorsioni immediate e di far intervenire la polizia a sorvegliare l’assemblea dei lavoratori
Una farsa senza lieto fine, senza alcun cenno di solidarietà per gli sfortunati protagonisti, gli ultimi a cui viene negata persino la dignità di una risposta ufficiale, di un colloquio.

Non finisce qui. Oggi questa vicenda ha avuto un momento importante di lotta e protesta: una assemblea dei lavoratori interni che poi si è ricongiunta ad un sit in dei giovani professionisti di “Mi riconosci?”, insieme alle organizzazioni sindacali e politiche che hanno voluto dare la loro visibile solidarietà. E non finirà fino a quando a questi lavoratori non verranno riconosciuti i loro diritti.

Una battaglia civile che è tutta dentro l’Emergenza Cultura, che diventerà linfa per le prossime battaglie in difesa del lavoro nel patrimonio culturale, della dignità delle persone e del servizio pubblico.

Fonte | source:

— EMERGENZA CULTURA (25/05/2017).

https://emergenzacultura.org/2017/05/25/emergenza-cultura-linsostenibile-leggerezza-del-lavoro-nero/

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT – Archeologi contro il ministero: basta volontari – ”…Senza lavoro non c’è cultura, c’è solo fuffa.” L’Epresso (25/01/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Dario Franceschini | MIBACT – Biblioteca Nazionale di Roma, triste epilogo per gli scontrinisti: cacciati dopo la protesta. LA REPUBBLICA (22-23/05/2017).

— ROMA – “Gli scontrinisti? Sono dei raccomandati e ci sono associazioni che fanno i milioni sulla pelle dei volontari.” LA REPUBBLICA (22/05/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – I finti volontari della biblioteca nazionale: “Pagati per anni con rimborsi spese fasulli, ora ci mandano a casa.” LA REPUBBLICA | PATRIMONIOSOS.IT (18/05/2017) & IL MANIFESTO (17/01/2017).

http://wp.me/pPRv6-3Vs

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Rome, Another Dumb-Ass Tourist and MasterCard – Never Leave Home Without it. Original Foto: Giorgio Carra, Roma | FACEBOOK (25 May 2017).

rome tourist
ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Rome, Another Dumb-Ass Tourist and MasterCard – Never Leave Home Without it. Original Foto: Giorgio Carra, Roma | FACEBOOK (25 May 2017).

1). Cost of a morning coffee and cornetto in Rome: $9.00 or 11.00 Euro.

2). The fine you have to pay for jumping into the Fontana della Barcaccia fountain in Rome: $505. or 450. Euro.

3). Having your photograph now shared on Twitter | Facebook showing the world the rude behavior of another dumb-ass tourist in Rome: Priceless.

MasterCard – Gladly accepted by the Comune di Roma, because you’ll never know when your going to have to pay a fine for being another stupid tourist.

Foto | Fonte | source:

— Original Foto: Giorgio Carra, Roma | FACEBOOK (25 May 2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT – “Non potevano partecipare stranieri”. Il tar Lazio boccia nomine di Franceschini per i musei. LA REPUBBLICA | LA STAMPA (25/05/2017).

C-AE7P8WAAALHaM

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT – “Non potevano partecipare stranieri”. Il tar Lazio boccia nomine di Franceschini per i musei. LA REPUBBLICA | LA STAMPA (25/05/2017).

1). ROMA – “Non potevano partecipare stranieri”. Il tar Lazio boccia nomine di Franceschini per i musei. LA REPUBBLICA (25/05/2017).

I giudici amministrativi contestano l’ammissione di cittadini non italiani. No anche alle prove orali a porte chiuse e ai criteri di “natura magmatica” nella valutazione dei candidati. Il ministro: “Non ho parole”. Da Paestum a Palazzo Ducale di Mantova, in cinque, sono senza direttori da oggi.

Roma. La riforma dei musei voluta dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini rischia di tornare al punto di partenza. Il Tar del Lazio con due sentenze ha infatti bocciato cinque dei venti direttori dei supermusei e le nomine, di conseguenza, sono state annullate. Cinque musei, del calibrovdi Paestum o di Palazzo Ducale, sono qui da ora senza direttori. Una decisione che ha provocato <torovocando l’immediata reazione del ministro su twitter: “Non ho parole”.

Il Tar del Lazio – accogliendo il ricorso di due candidati alle posizioni di direzione di musei di Mantova, Mmodena, Paestum, Taranto, Napoli e Reggio Calabria – ha ritenuto infatti in primo luogo che le procedure di selezione fossero viziate in più punti.

Tre i punti fondamentali che hanno convinto i giudici ad accogliere il ricorso di altri candidati: “Il bando della selezione non poteva ammettere la partecipazione al concorso di cittadini non italiani in quanto nessuna norma derogatoria consentiva di reclutare dirigenti pubblici fuori dalle indicazioni tassative espresse dall’articolo 38. Se infatti il legislatore avresse voluto estendere la platea di aspiranti alla posizione dirigenziale ricomprendendo cittadini non italiani lo avrebbe detto chiaramente”.

Nel testo firmato dal presidente Leonardo Pasanisi e dal consigliere Francesco Arzillo si parla della illegittimità delle modalità di svolgimento del concorso: “A rafforzare la sostenuta illegittimità della prova orale, la circostanza che questa ultima si sia svolta a porte chiuse” mentre in altri punti si parla di criteri magmatici nella valutazione dei candidati.

Con la riforma di Franceschini dopo le selezioni sette direttori sono stranieri tra i quali quello del parco archeologico di Paestum e del Palazzo Ducale di Mantova, interessati dal verdetto del Tar.

La riforma del ministro dei beni culturali ha assegnato a 32 musei la piena autonomia organizzativa, scientifica, finanziaria e contabile. I primi venti già funzionano da due anni e i risultati sembrano essere positivi come iniziative e numero di visitatori. E’ quindi quasi certo che il ministero ricorrerà in appello al Consiglio di Stato.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (25/05/2017).

http://www.repubblica.it/cronaca/2017/05/25/news/_non_potevano_partecipare_stranieri_il_tar_lazio_boccia_nomine_franceschini_per_i_musei-166340039/

2). ROMA – Il Tar annulla cinque nomine di direttori di musei. Ira di Franceschini: non ho parole. LA STAMPA (25/05/2017).

La riforma rischia di impantanarsi dopo la sentenza del tribunale amministrativo del Lazio. Ora la palla passa al Consiglio di Stato.

«Il mondo ha visto cambiare in 2 anni i musei italiani e ora il Tar Lazio annulla le nomine di 5 direttori. Non ho parole, ed è meglio…». Così il ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ha commentato su twitter la sentenza del Tar del Lazio che ha bocciato le nomine di cinque dei venti direttori dei supermusei.

Il Tar ha dato ragione a due ricorsi, uno presentato da una candidata alla direzione di Palazzo Ducale e della Galleria Estense di Modena e l’altro di un candidato al ruolo di direttore di Paestum e dei musei archeologici di Taranto, Napoli e Reggio Calabria. Nella sentenza n. 6171/2017 i magistrati si soffermano negativamente sui criteri di valutazione dei candidati ammessi, criteri definiti «magmatici», che non permettono di «comprendere il reale punteggio attribuito a ciascun candidato». Il Tar boccia poi il metodo dei colloqui a porte chiuse, «occorre che durante le prove orali sia assicurato il libero ingresso al locale».

Ora la vicenda si sposta al Consiglio di stato. Ma si rischia di perdere altro tempo prezioso per una riforma indispensabile al sistema economico e culturale italiano.

FONTE | SOURCE:

— LA STAMPA (25/05/2017).

http://www.lastampa.it/2017/05/25/italia/politica/il-tar-annullacinque-nomine-di-direttori-di-musei-ira-di-franceschini-non-ho-parole-Nd8JjfWXTZzbXBy46nktrI/pagina.html

FOTO | FONTE:

— Grande @virginiaraggi.
#Franceschini giù le mani dal #Colosseo, incapace. | TWITTER (22/04/2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT & Emperor Octopus ‘Nerone’ Grabus: Nerone al Palatino, una follia con i soldi pubblici. CORRIERE DELLA SERA (23/05/2017).

MV5BYTUwODhhZGYtMzM3YS00YWE3LTgzNjktM2Y3MmRlZTk5MDQ1L2ltYWdlL2ltYWdlXkEyXkFqcGdeQXVyNjEwMTA0NTc@._V1_SY1000_CR0,0,674,1000_AL_

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT & Emperor Octopus ‘Nerone’ Grabus: Nerone al Palatino, una follia con i soldi pubblici. CORRIERE DELLA SERA (23/05/2017).

Nerone al Palatino, una follia con i soldi pubblici. In questa curiosa vicenda i maligni non farebbero fatica ad avvertire un profumo di larghe intese. Destra e sinistra insieme. Tutto è cominciato con una società del 2016.

Per non essere fraintesi, una premessa è d’obbligo. In via di principio non siamo affatto contrari al fatto che spazi pubblici, anche di importanza storico archeologica qual è il Palatino, vengano utilizzati per spettacoli. Anche organizzati da privati. Fermo restando, però, l’assoluta osservanza di alcune regole, come (banalmente) il rispetto dei luoghi e dell’ambiente circostante, e la qualità degli eventi. Ma pure, non ultimo, un adeguato tornaconto per la comunità. Nel caso dell’opera rock «Divo Nerone» che verrà rappresentata per l’intera estate nell’ecomostro eretto con regolare permesso ministeriale sul colle del Palatino, ci auguriamo che almeno la qualità dello spettacolo sia all’altezza. Perché il resto non lo è neppure lontanamente. E non lo è al punto da suscitare legittimi sospetti su come tutta questa storia sia nata e sia andata avanti, tanto più dopo la rivelazione contenuta ieri nell’articolo della nostra Maria Rosaria Spadaccino, che ha davvero dell’incredibile: i soldi per l’operazione Divo Nerone sono in buona parte, per non dire quasi tutti, della Regione Lazio, cioè nostri. Un milione e 50 mila euro. Assomiglia, insomma, a una delle tante storie dove protagonisti sono i privati ma i denari per l’affare spesso e volentieri ce li mettono i contribuenti. Con la politica che non sta alla finestra. In questa curiosa vicenda, per esempio, i maligni non farebbero fatica ad avvertire un profumo di larghe intese. Destra e sinistra insieme.

Gli affari sono affari
E qui è opportuna la ricostruzione dei fatti. Per gestire l’opera rock «Divo Nerone» viene creata una società apposita, la Nero Divine Ventures spa. È il 26 ottobre 2016. Il capitale sociale di 10 mila euro è per il 51% della Artisti associati & partners srl e per il restante 49% della Amygdala srl. La prima ha due padroni con identiche quote del 50%: il produttore cinematografico Iacopo Capanna e Cristian Casella. Quest’ultimo è anche il proprietario della seconda, il cui capitale è controllato da una terza società, la 2B Team Group: 90% Cristian Casella, 10% suo fratello maggiore Marco. Non esattamente due sconosciuti, nel centrodestra. Marco Casella è stato a lungo il leader dei giovani di Forza Italia, mentre la società di cui Cristian è il maggior azionista ha lavorato per palazzo Chigi con Silvio Berlusconi premier gestendo pure la comunicazione politica del Cavaliere: fra gli azionisti, fino al 2008 e prima di essere eletta in parlamento con il Pdl, c’era anche l’attuale ministra della Salute Beatrice Lorenzin. Altri tempi. Un anno la 2b Team Group ha notificato a Forza Italia un pignoramento dei beni rivendicando il pagamento di 847.636 euro relativi a contratti mai onorati dal partito. Gli affari sono affari. Torniamo però alla Nero Divine Ventures.

I soci
Il 30 novembre 2016, un mesetto dopo la costituzione, la società che realizzerà «Divo Nerone» aumenta il capitale sociale di ben 400 mila euro: organizzare un’opera rock non è uno scherzo. I soci, però, ne versano soltanto 50 mila. E gli altri 350 mila? Vengono conferiti «in natura», sulla base del valore dello spettacolo che i proponenti stimano in ben 14 milioni. I periti danno il benestare e il gioco è fatto: il capitale sociale sale in questo modo da 10 mila a 410 mila euro. E qui, il 19 gennaio 2017, ecco la terza mossa. Ovvero, l’ingresso di altri due soci tramite un aumento di capitale a loro riservato. Il primo socio è Lazio stand srl, ditta privata specializzata in servizi per esposizioni e fiere. Il secondo è invece Lazio Innova: 80,5% Regione Lazio, 19,5% Camera di commercio di Roma. L’aumento è di 77.155 euro, che dopo l’operazione in natura del 30 novembre rappresentano appena il 15% del capitale. Non solo. Quei 77.155 euro sono soltanto nominali, perché è previsto pure un sovrapprezzo. E di che entità, poi. Lazio stand versa 300 mila euro, di cui 276.853,50 di sovrapprezzo azioni, per avere il 4,75% della Nero Divine. La società controllata dalla Regione ora guidata da una giunta del Pd presieduta da Nicola Zingaretti ne sborsa invece 700 mila, di cui 645.991,50 di sovrapprezzo, per l’11,09%. Ma non è finita. I due nuovi entranti sottoscrivono un prestito obbligazionario convertibile da mezzo milione: 150 mila euro a carico di Lazio Stand, 350 mila di Lazio Innova Il succo? La società regionale mette sul piatto per il nuovo incendio di Roma un milione 50 mila euro pubblici, contro i 60 mila privati tirati fisicamente fuori dagli ideatori di un’operazione che così congegnata diventa ancor più indigeribile. Era al corrente il ministero dei Beni culturali del governo di larghe intese, quando ha dato il benestare, che oltre a dover passare un’estate intera con un ecomostro di quella fatta piazzato sul Palatino l’avremmo anche pagato noi? Una risposta chiara sarebbe gradita.

FONTE | SOURCE:

— CORRIERE DELLA SERA (23/05/2017).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_maggio_22/nerone-palatino-follia-56a4088c-3f20-11e7-a386-529fb6dcf067.shtml

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Foro romano e Palatino sono chiusi Ma per i turisti americani c’è la cena. CORRIERE DELLA SERA (20/05/2017).

http://wp.me/pPRv6-3Uz

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Il MiBACT- Palco sul Palatino, Franceschini: “Solo polemiche & “Nessun rischio per la tutela.” DIRE LAZIO, LA REPUBBLICA & OSSERVATORE ROMANO (19/05/2017).

http://wp.me/pPRv6-3TZ

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Franceschini MIBACT | SSCOL – Uscita del Colosseo – “..E la colpa non è della RAGGI ma bensì del governo PD che protegge tutto questo schifo hanno rovinato Roma.” ROMA FA SCHIFO (19/05/2017).

http://wp.me/pPRv6-3Tx

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT – Archeologi contro il ministero: basta volontari – “…Senza lavoro non c’è cultura, c’è solo fuffa.” L’Epresso (25/01/2017).

15890168984_854ce8a7ce_o

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT – Archeologi contro il ministero: basta volontari – “..Senza lavoro non c’è cultura, c’è solo fuffa.” L’Epresso (25/01/2017).

ROMA – Archeologi contro il ministero: basta volontari
Per il Giubileo, a partire dal 7 marzo e per 12 mesi, 29 ragazzi del Servizio Civile aiuteranno il pubblico al Colosseo, alle terme di Caracalla, a Palazzo Massimo. E le associazioni si ribellano, con la campagna “Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali.” L’Epresso (25/01/2017).

Per il Giubileo, a partire dal 7 marzo e per 12 mesi, 29 ragazzi del Servizio Civile aiuteranno il pubblico al Colosseo, alle terme di Caracalla, a Palazzo Massimo. E le associazioni si ribellano, con la campagna “Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali.”

Archeologi contro il ministero: basta volontari.
Vigilanza, accoglienza, documentazione. Al Colosseo e alle Terme di Caracalla, a Ostia Antica o al Foro Romano, a Palazzo Massimo come a Villa Quintili, se ne occuperanno dal 7 marzo anche 29 volontari del Servizio Civile, per un anno. È quanto prevede un bando pubblicato dal ministero dei Beni Culturali attraverso la soprintendenza di Roma, che ha chiesto una fetta dei 114 volontari previsti per il Giubileo per valorizzare i monumenti dentro un progetto chiamato “Archeologia in cammino”.

Pensare a giovani pagati 433 euro al mese che si occuperanno di funzioni per le quali avrebbero potuto essere chiamati i tanti laureati in storia o arte antica ed esperti disoccupati d’Italia, non è andata giù alle associazioni dei professionisti della cultura. «In un paese con il 45% di disoccupazione giovanile», ha detto Salvo Barrano, presidente dell’associazione nazionale archeologi: «Il volontariato rischia di entrare a gamba tesa sulle competenze, innescando una pericolosa concorrenza al ribasso sulla pelle del patrimonio culturale». E di chi ha studiato per costruire quelle competenze.
____

VEDI ANCHE: Un archivio Beni culturali, volontari in archivio
Fra rimborsi e convenzioni dirette. La direzione generale archeologia cerca un’associazione per ordinare il proprio «patrimonio documentale». Ma non sarebbe meglio chiamare tecnici preparati? «Sì, e lo faremo», promette il nuovo dirigente.

L’Epresso (11/05/2015).

http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/05/11/news/beni-culturali-volontari-all-archivio-fra-rimborsi-e-convenzioni-ad-hoc-1.211880

____

«Non avranno solo il compito di vigilare il patrimonio museale e archeologico e di svolgere funzioni di accoglienza», spiega infatti Leonardo Bison, portavoce della campagna che chiede la rimozione del bando: «ma saranno chiamati a collaborare nella “raccolta delle documentazione e delle informazioni sui beni presenti su territorio”, nel “reperimento di fotografie attuali e storiche”, nonché alla “creazione delle schede scientifiche con foto sulle caratteristiche storico-artistico-culturali dei beni presenti sul territorio”, attività espressamente legate alla ricerca e ai servizi professionali».

«Riteniamo il bando grave per i suoi contenuti e molto pericoloso, in quanto rischia di sdoganare definitivamente, essendo un progetto del Ministero stesso, il lavoro gratuito o semi-gratuito di volontari in sostituzione di professionisti esperti e retribuiti», ribadisce Nadia Di Bella: «In un settore dove l’uso improprio del volontariato è già troppo diffuso a livello di enti locali e singole istituzioni». «Il tutto mentre 150 istruttori culturali e decine di archeologi, bibliotecari e storici dell’arte, vincitori del concorso bandito nel 2010 dal Comune di Roma, sono ancora in attesa di essere assunti, senza alcune garanzia sul loro futuro», aggiunge Alessandro Pintucci nel comunicato di protesta contro il bando.

Queste voci si sono raccolte nella campagna “Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali” che si batte perché storici dell’arte, critici, guide, archeologi e archivisti siano pagati il giusto per il loro lavoro. Roma è il caso chiave, ora, ma simili iniziative sbucano anche nei municipi: a Torino, per esempio, sono stati chiamati volontari per promuovere la città. «Siamo fermamente convinti che nel settore dei beni culturali sia possibile creare reali opportunità per la buona occupazione», conclude Barrano: «Con compensi adeguati e diritti pieni. Senza lavoro non c’è cultura, c’è solo fuffa».

L’Epresso (25/01/2017).

http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/01/25/news/archeologi-contro-il-ministero-basta-volontari-1.247562

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Dario Franceschini | MIBACT – Biblioteca Nazionale di Roma, triste epilogo per gli scontrinisti: cacciati dopo la protesta. LA REPUBBLICA (22-23/05/2017).

— ROMA – “Gli scontrinisti? Sono dei raccomandati e ci sono associazioni che fanno i milioni sulla pelle dei volontari.” LA REPUBBLICA (22/05/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – I finti volontari della biblioteca nazionale: “Pagati per anni con rimborsi spese fasulli, ora ci mandano a casa.” LA REPUBBLICA | PATRIMONIOSOS.IT (18/05/2017) & IL MANIFESTO (17/01/2017).

http://wp.me/pPRv6-3Vj

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Di Stefano (5s): Pd renziano nazismo di oggi Minoranza dem: “Modifiche o no voto”, LA REPUBBLICA & Manlio Di Stefano | FACEBOOK (12|02|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Di Stefano (5s): Pd renziano nazismo di oggi Minoranza dem: "Modifiche o no voto", LA REPUBBLICA & Manlio Di Stefano | FACEBOOK (12|02|2014).