ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Clementina Panella, “Indagini archeologiche e sistemazioni urbane,” pp. 21-71; in: Prof. Arch. R. Panella (ed.), Roma la città dei fori. Progetto di sistemazione dell’area archeologica tra Piazza Venezia e il Colosseo, Roma (2013) [PDF].

13561072935_cbfe7d6e88_o

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Clementina Panella, “Indagini archeologiche e sistemazioni urbane,” pp. 21-71; in: Prof. Arch. R. Panella (ed.), Roma la città dei fori. Progetto di sistemazione dell’area archeologica tra Piazza Venezia e il Colosseo, Roma (2013) [PDF].

— Prof. Clementina Panella, “Indagini archeologiche e sistemazioni urbane,” pp. 21-71; in: Prof. Arch. R. Panella (ed.), Roma la città dei fori. Progetto di sistemazione dell’area archeologica tra Piazza Venezia e il Colosseo, Roma (2013) [PDF].

Abstract – English: “Archaeological discoveries and their place in the city,” pp. 22 & 24. [= the Piazza Venezia and the Imperial Fora].

Fonte | source:

— Prof. Clementina Panella (2017).

https://www.academia.edu/34445369/2013_-_Indagini_archeologiche_e_sistemazioni_urbane_in_R._Panella_ed._Roma_la_citt%C3%A0_dei_Fori._Progetto_di_sistemazione_dellarea_archeologica_tra_piazza_Venezia_e_il_Colosseo_Roma_2013_pp._21-71

S.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Prof.ssa Clementina Panella, La Sapienza – “Roma. Pendici nord orientali del Palatino – scavo archeologico.” & loveitaly.org | FACEBOOK (07/2017). FOTO VARI (2016).

— ROMA ARCHEOLOGICA e RESTAURO ARCHITETTURA: Emanuele Brienza, Marco Fano & Clementina Panella, 30 years of urban archaeology: measuring, interpreting and reconstructing, pp. 49-54 [PDF]; in: Proceedings of the 1st International Conference on Metrology for Archaeology – Benevento – Italy – October 21 – 23, 2015.

http://wp.me/pPRv6-470

Foto | Fonte | Source:

ROMA ARCHEOLOGIA e I FORI IMPERIALI: Presentazione volume “Roma la città dei Fori” di Raffaele Panella – Lunedì 7 aprile 2014, ore 17.00. Sala Odeion – Museo di Arte Classica Piazzale Aldo Moro 5, Roma [04|2014].

ROMA ARCHEOLOGIA e I FORI IMPERIALI: Presentazione volume “Roma la città dei Fori” di Raffaele Panella -  Lunedì 7 aprile 2014, ore 17.00. Sala Odeion – Museo di Arte Classica Piazzale Aldo Moro 5, Roma [04|2014].

Advertisements

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Colonna in onore di Pio IX. Progetto di colonna da innalzarsi in piazza Venezia 1850. Rodolfo Lanciani Archive & Stanford University Libraries (2017).

sFPOqNl

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Colonna in onore di Pio IX. Progetto di colonna da innalzarsi in piazza Venezia 1850. Rodolfo Lanciani Archive & Stanford University Libraries (2017).

La Colonna di Pio IX è una colonna che sarebbe dovuta sorgere al centro di Piazza Venezia, tra i Rioni Trevi, Pigna e Campitelli. Di questa colonna si sa molto poco, se non che esiste un disegno risalente al 1850 che ne illustra il progetto: una colonna posata su una vasca con statue che vi gettano acqua e, sulla sua cima, una statua di Nettuno.
Negli stessi anni il Papa Beato Pio IX Mastai promosse la costruzione di diverse colonne: quella dell’Immacolata in Piazza Mignanelli e quella di San Lorenzo di fronte all’omonima Basilica. Questa colonna si collocherebbe sulla stessa scia di opere pubbliche.

Fonte | Source:

— Rodolfo Lanciani Archive & Stanford University Libraries (2017).

https://exhibits.stanford.edu/lanciani/catalog/wy062ft2988

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. Matthew Nicholls, Will the reform of Rome’s ruins be an improvement? The Apollo Magazine (03/10/2017).

Flash Mob a via Ticino 3-k0mB-U4338034882931100D-1224x916@Corriere-Web-Roma

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. Matthew Nicholls, Will the reform of Rome’s ruins be an improvement? The Apollo Magazine (03/10/2017).
____

Foto | Foto | Source:

— Flash mob ed esposto di Italia Nostra alla Procura della Repubblica contro l’abbattimento del palazzo in via Ticino, quartiere Coppedé, Italia Nostra (11/10/2017).
http://www.italianostra.org/?p=54683

— Roma – “Si comincia dal Quartiere Coppedè… e poi?” FACEBOOK (11/10/2017).
https://www.facebook.com/groups/1666599006704595/

— Là dove c’era l’antico palazzo ora c’è… una moderna palazzina? Italia Nostra: MiBact e Sovrintendenza blocchino la demolizione dell’antico palazzo a Roma, in via Ticino – quartiere Coppedé. Italia Nostra (11/10/2017).
http://www.italianostra.org/?p=54662

___

Dr. Matthew Nicholls, Will the reform of Rome’s ruins be an improvement? The Apollo Magazine (03/10/2017).

The monuments of ancient Rome were intended to draw and impress crowds, and to act as symbols of wealth, political authority, and cultural identity. It is not surprising that they continue to generate political debate. These days the crowds are tourists and the controversies, inevitably, are about controlling and channelling the money that the monuments generate, and consume in their upkeep.

The sheer scale of Rome’s archaeological heritage has long posed problems, exacerbated by wide-ranging clearance excavations of city-centre archaeological acreage under Napoleon and Mussolini, among others. It costs a lot to maintain amid the challenges of a modern capital city (crowds, pollution, vibration, competing interests). Keeping it all safe and clean, let alone conducting detailed archaeological investigations, can exceed the resources of the state both in Rome and in other Italian sites like Pompeii and Herculaneum, much of which remain buried for their better preservation as the exposed ruins crumble. Meanwhile, the continuing excavations for Rome’s much-needed third metro line keep turning up amazing finds – a bronze-age settlement from millennia before the legendary founding of Rome in 753 BC, marble-lined lecture halls built in the 2nd century AD, a Hadrianic military barracks complete with mosaics, an imperial-era farm with peach orchard and irrigation reservoir, and a fabulously preserved stretch of Rome’s oldest aqueduct, the 4th century BC Aqua Appia. Stations have had to be omitted from the route where archaeological sites are too sensitive to allow them, and plans for an archaeological museum at the Colosseum station have been scaled back for lack of funds.

In the current era of financial constraint, large-scale archaeological conservation projects in Rome have been made possible by injections of private money and government tax breaks on cultural philanthropy. This is a new development, and not without controversy. The biggest is a €25m cleaning and restoration project at the Colosseum, the first phase of which ended last summer, removing the blackened deposits from the traffic pouring past on its cincture of major urban roads. The work was funded by the billionaire owner of Tod’s, a luxury footwear and bag firm. In 2013 Fendi contributed €2.2m to the cleaning up of the Trevi fountain; last year Bulgari sponsored the Spanish Steps: Italian big fashion seems to be taking care of Rome’s big monuments. It’s easy to carp at corporate fashion sponsorship of these sites, or to wish that civic or state authorities could fund their upkeep, but the work has in general been thoroughly done and has greatly improved these sites’ appearance without overt corporate branding (unlike, for example, the Roman emperor Trajan, who put his own name on his predecessors’ restored buildings so frequently that he earned the nickname ‘creeper’ or ‘ivy’). At any rate, income from selling luxury handbags is a nobler source than the funds which paid for the Colosseum to be built in the first place (the sack of Jerusalem and looting and destruction of its great temple in AD 70).

Other indignities are periodically visited on the monuments in the name of fashion, entertainment, tourism, and money. The pretend legionaries who pose for selfies with tourists outside the Colosseum have scuffles among themselves, or with the authorities, over their right to be there. In 2014 one of the six million tourists who visit the Colosseum each year was fined €20,000 and given a four-month suspended prison sentence for carving a letter K into the brickwork of one of its walls (ancient visitors carved graffiti on it all the time, some of which is preserved and displayed inside). Pompeii, which was severely damaged by Allied bombing in the Second World War, is now subject to a constant threat of accidental and sometimes deliberate damage from its two and a half million annual visitors.

There are more upscale intrusions, too. In Rome in 2007, the terrace of the Temple of Venus and Rome was filled with illuminated fibreglass columns as part of a multi-day, multi-million-euro party to celebrate the designer Valentino. At the other end of the city centre that summer, leading a group of students on a tour, I was baffled to find the Ara Pacis Museum (itself a controversial modern building, though one I rather like) filled with the designer’s red dresses, in scarlet contrast to the altar’s austere white Luna marble. (A quick poll suggested that the students approved strongly.) Outside, ugly metal fences and scaffolding obscured the derelict Mausoleum of Rome’s first emperor, Augustus. A decade later it still awaits its long-promised restoration and public access; at the time of writing another private sponsor – this time a telecoms firm – has been lined up to fund the work.

This summer has seen a new round of interventions in Rome’s archaeological landscape. A temporary arena installed on the Palatine Hill for a rock opera about Nero has provoked claims that money-making populism is threatening the city’s cultural patrimony. The event’s supporters argue that it is bringing visitors and much-needed revenue to the site. Each view has merit, but both rather overlook the deliciously Neronian flavour of the whole enterprise.

Nero was famed for extravagantly tacky stage spectacles, in which he performed himself (his final words when eventually forced to suicide were ‘What an artist dies in me!’). He would probably have rather liked this musical treatment of his life, which features spangly costumes, acrobats, and coloured lighting. The corner of the Palatine Hill where the stage is going up is on the site of Nero’s Domus Transitoria, a palace complex that stretched over to his Golden House on the Esquiline Hill, now behind the Colosseum. Descriptions of Nero’s own protracted entertainments include nocturnal illuminations and dancing, like the present-day show, but much else besides: the historian Tacitus writes about shipboard feasts on an artificial lake, with rowers who were ‘catamites set in order by age and knowledge of debauchery’, displays of wild beasts, and brothels standing on the shore. This summer’s musical sounds tame by comparison.

A separate and larger row concerns the ownership and management of the prestigious group of city centre archaeological sites in this area – the Palatine Hill and the Colosseum, as well as the Forum. This triumvirate of adjacent star sites attracts by far the largest share of tourist revenue in Rome, as anyone who has seen the huge queues at the Colosseum’s ticket office will understand.

The ersatz legionaries outside the Colosseum are not the only ones engaged in turf wars over access: control of Italian archaeological sites, museums, excavation permits, and offices can be a very political matter. The preface to a recent landmark archaeological publication, Andrea Carandini’s strikingly beautiful Atlas of Ancient Rome, talks darkly of ‘incorrigibly selfish individuals […] privilege, blockades, and cliques’ within the scholarly and administrative groups that oversee Rome’s archaeological patrimony, a ‘cult of elitism’ that leads to the ‘fragmentation, dispersion, obscuration and enshroudment’ of knowledge.

Changing the ownership and administration of these sites is therefore difficult, and the changes proposed by Italy’s Minister of Culture, Dario Franceschini (who writes literary fiction alongside his political career) are profound. After months of trying, Franceschini has succeeded in his battle to remove control of the Forum, Palatine, and Colosseum from Rome’s Special Superintendency, which also manages over 30 other archaeological sites, excavations, and major museums in and around the city. The Ministry’s plan separates off the three lucrative super-sites into a new park, together with the nearby Domus Aurea, a wing of Nero’s once-glittering Golden House palace.

As the Forum-Palatine-Colosseum triad is already accessible on a single ticket, visitors may notice little immediate change. Adding the Domus Aurea makes sense; it’s an eerily splendid place to visit, not as well known as the others, and close by. It’s an important part of the history of this part of Rome, mostly evident by its absence as later emperors built over it to obliterate Nero’s architectural legacy. Its gardens and lake filled the site where the Colosseum now stands, and the surviving visitable wing is entombed beneath the foundation platform of a later bathhouse. It was discovered in the Renaissance by explorers who let themselves down on ropes through the ceilings. Raphael and Pinturicchio were among the early visitors who left their named scratched in its vaults, and the palace’s frescoed grotesques had an immediate influence on Italian painting (as Tim Smith-Laing described in Apollo, April 2015). The site, long shut to tourists because of safety concerns, has recently reopened with a spectacular virtual reality exhibit which helps turn its gloomy subterranean spaces back into light, airy rooms filled with fresco and sculpture. Large visitor numbers seem likely: Nero, as we have already seen, is good box office. The new authority will have to balance its need for an income stream with the archaeological demands of these complicated and sensitive sites; more controversies like the Nero musical seem possible.

This reorganisation in Rome is part of a wider reform of 30 prestigious national sites, including the Uffizi, Mantua’s Palazzo Ducale, and archaeological museums in Naples, Reggio Calabria, and Taranto. Franceschini’s Ministry seeks to establish them as autonomous entities under more professional management recruited from as wide a talent pool as possible. An international recruitment effort for the director of the proposed archaeological park in Rome attracted 82 applicants, including several from overseas. The stated aim is to drive up standards, putting visitor services on a par with museums and galleries in other European centres and perhaps breaking some of the old ‘monopolies and oligopolies’ of which Carandini complains.

The plan was strongly opposed by Rome’s city government, led by Virginia Raggi, the mayor from Italy’s populist Five Star Movement. Raggi argued that the loss of the Colosseum group of attractions would deprive the city of ticket revenue used to subsidise other less popular sites, and violated principles of fair collaboration between national and civic authorities. The minister strongly contested the charges, promising that the current 80 per cent cross-subsidy would remain. The matter went to law, making its way through a series of courts.

On 7 June, a regional tribunal favoured the mayor’s argument and ruled against the Ministry proposal, having already suspended the newly appointed directors of five other sites on the grounds that non-Italians were ineligible for appointment to certain state offices. The recruitment of the new director for the Colosseum park was suspended. Both sides, perhaps inevitably, took to Twitter. The minister’s pithy ‘impugneremo’ (‘we will appeal!’) was followed by a reversal of the verdict in late July by Italy’s senior administrative court, unblocking the reorganisation of the sites in Rome and the appointment of new directors, including non-Italians.

There may be further twists ahead, but Rome’s monuments have seen plenty of change, and civic authorities have been in conflict with national, aristocratic, or papal rulers many times before. The ruins have survived the invasion of Alaric’s Goths, the collapse of the Western empire and rise of Christianity, multiple earthquakes, and generations of ingenious reoccupation and looting by medieval and Renaissance lime burners, builders, scavengers, and collectors. As recently as the 1870s the built-up area of Rome had long retreated north and west towards the Vatican, and the hectic zone around the Colosseum, today thronged by the six million annual tourists whose revenue is in dispute, stood empty and alone among quiet vineyards and gardens.

Fonte | source:

— Dr. Matthew Nicholls, Will the reform of Rome’s ruins be an improvement? The Apollo Magazine (03/10/2017).

https://www.apollo-magazine.com/will-the-reform-of-romes-ruins-be-an-improvement/

684x384_391607

s.v., ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Gli Usa lasciano l’Unesco. “Nell’organizzazione pregiudizi anti-Israele.” USA dice troppo corruzione all’UNESCO, ad esempio l’Italia: Distrutta la villa di Faragola. LA REPUBBLICA (12/10/2017).

http://wp.me/pPRv6-4gd

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Gli Usa lasciano l’Unesco. “Nell’organizzazione pregiudizi anti-Israele.” USA dice troppo corruzione all’UNESCO, ad esempio l’Italia: Distrutta la villa di Faragola. LA REPUBBLICA (12/10/2017).

684x384_391607

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Gli Usa lasciano l’Unesco. “Nell’organizzazione pregiudizi anti-Israele.” USA dice troppo corruzione all’UNESCO, ad esempio l’Italia: Distrutta la villa di Faragola. LA REPUBBLICA (12/10/2017).

Gli Usa lasciano l’Unesco. “Nell’organizzazione pregiudizi anti-Israele”LA REPUBBLICA (12/10/2017).

La decisione dopo le critiche all’organismo Onu per l’inclusione della Palestina. Il Dipartimento di Stato: “Fondamentale riformare l’organizzazione. Gli Usa manterranno lo status di osservatori, fornendo un contributo di visione, prospettiva ed esperienza”. L’Unesco: “Perdita per le Nazioni Unite e il multilateralismo.”

Gli Stati Uniti hanno ufficialmente notificato la loro uscita, entro il prossimo 31 dicembre, dall’Unesco, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura. L’Unesco ha accolto con amarezza la decisione della Casa Bianca, definendo il ritiro Usa “una perdita per la famiglia delle Nazioni Unite e per il multilateralismo”. Il Dipartimento di Stato americano ha motivato la decisione con un comunicato. “Non è stata presa a cuor leggero – si legge – e riflette le preoccupazioni degli Stati Uniti per il crescente arretramento dell’Unesco, per la necessità di una fondamentale riforma dell’organizzazione e pe i suoi persistenti pregiudizi anti-Israele”. Il Dipartimento conclude affermando che gli Stati Uniti restano “impegnati” mantenendo lo status di “non membri osservatori, allo scopo di fornire il contributo statunitense di visione, prospettiva ed esperienza”. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l’Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle sue decisioni.

Fonte | Source:

— LA REPUBBLICA (12/10/2017).

http://www.repubblica.it/esteri/2017/10/12/news/usa_lasciano_unesco-178074118/

1). ITALY- Italy’s heritage under threat. EURO NEWS (04/10/2017).

Think cultural patrimony, think Italy. From Pompeii to the Colosseum, from Venice to Florence, the country’s massive tourism industry thrives on his heritage. Italy boasts more than 200,000 archeological, monumental and architectural sites, without considering areas of major interest in terms of their landscape and environment. Its 53 Unesco World Heritage sites surpass in number those of China, a modern and ancient superpower 30 times larger in area.

But with ownership comes responsibility, in particular, the tasks of safeguarding, restoring and displaying. And Italy’s cultural artifacts are under attack from many directions.

Water
According to the last report released in June by Ispra (the Italian Institute for Environment Protection and Research) there are about 80,000 sites threatened by landslides or floods. Among them, 11,000 are in “high” and “very high” risk classes. More than 3,000 artworks are threatened by hydrogeological instability in Rome and almost 1,300 in Florence.

Deliberate destruction
Just a few weeks ago, on September the 7th, in Puglia, the Roman villa of Faragola was severely damaged by a fire, most likely as a result of arson. A restoration and enhancement project, lasting over 14 years, had just concluded.

“The evidence suggests that someone with experience in this sort of activity has deliberately set a fire to destroy everything”, said Giuliano Volpe, a professor at the University of Foggia and Chairman of the Italian Superior Council of Cultural and Environmental Heritage.

“In that area, the mafia has a lot of trade and businesses, but there are not enough clues to identify the culprit definitively”. It’s too early to assess the damage, but according to Volpe, it will be necessary to earmark 4 or 5 million euros to return to the site to its former condition. “In Italy, to protect our treasures, we need to redefine the cultural heritage sites management strategies: the person in charge should be always easily identifiable,” he notes. “Besides, it is necessary to set up scheduled maintenance works to prevent mishaps”.

Illegal trade
According to the latest report released by the Cultural Heritage Protection Unit of the Carabinieri, the total number of cultural assets thefts in Italy last year reached 449, nevertheless lower than in previous years (in 2011 they were 906). Tuscany, Campania, Piedmont and Lazio were the Italian regions most affected by the illicit trade of works of art. Nearly 25,000 artworks were recovered, with a total value of 54 million euros. Only 14 illegal excavations were discovered in 2016; in 2015 they were 21 and 59 in 2014.

Negligence
“An abandoned site becomes “no man’s land” and, thus the threats to which it is exposed increase exponentially, including theft or vandalism”, observes Maria Rosaria Iacono, vice president of Italia Nostra, an Italian association on the front line of highlighting the state of neglect of many cultural sites. The list of Italian sites with no proper maintenance or oversight is long, including celebrated worldwide locations such as Pompeii, in Campania or the Aurelian Walls in Rome.

Italia Nostra has sounded the alarm 200 times since 2011. Perhaps the most notable example of the issue was the abandonment of the Royal Palace of Carditello, in Campania. It was subsequently totally plundered and had to be restored at huge expense. Recently, Italia Nostra also warned about the deterioration of Villa Zanelli in Savona, in Liguria, one of the most significant masterpieces of the Italian liberty style.
Fonte | source:

— EURO NEWS (04/10/2017).
http://www.euronews.com/2017/10/04/italys-heritage-under-threat

________________________

2). ITALIA – Cronaca Choc nel Foggiano, distrutta la villa di Faragola. Sconvolto Giuliano Volpe, I’mmediato (07/09/2017).

Distrutta la villa di Faragola, uno dei siti archeologici più rilevanti della provincia di Foggia. La villa romana, situata nel territorio di Ascoli Satriano è stata fortemente danneggiata da un incendio durante la notte. Le fiamme sarebbero divampate attorno alle 2 di notte. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri che indagano sull’accaduto. A darne notizia l’archeologo ed ex rettore dell’Università di Foggia, Giuliano Volpe che ha anche postato alcune foto su Facebook.

“Disastro! – scrive Volpe (in foto a destra) – Hanno distrutto la villa di Faragola. Ho appena avuto notizia (mentre sono in Malesia) che nella notte è stata incendiata la copertura del sito archeologico di Faragola. O forse sono stati usati esplosivi per far saltare la copertura. Il legno della copertura è ignifugo! Sembra roba da professionisti a giudicare dalle prime foto che ho ricevuto. Un danno enorme. Forse irreparabile.

Tutta la sistemazione opera di anni di lavoro e di finanziamenti della Regione, di Arcus e ora del MiBACT e della Regione andati in fumo. Non so ancora nulla dei danni provocati alle strutture archeologiche, ai muri, ai mosaici, alle pavimentazioni in marmo, a tutto il sito. Quattordici anni di scavi, di ricerche, di studi, di lavoro sul campo, di pubblicazioni, di progettazione di un modello di musealizzazione in situ per uno dei parchi archeologici considerati più importanti di Puglia e d’Italia: persi, distrutti, inceneriti dalla malavita o dalla stupidità o da altri interessi? A chi dava fastidio un sito come Faragola? Mi fa rabbia che da alcuni mesi il cantiere era stato sospeso in attesa della ripresa per il completamento del terzo lotto dei lavori di sistemazione, con le installazioni multimediali, il percorso di visita, lo spazio informazioni, il laboratorio didattico per i bambini. Ed erano state sospese anche le visite anche cantiere. Purtroppo è la conferma che quando un sito è lasciato senza una gestione, senza controlli, senza un uso quotidiano, senza una presenza, senza vita, diventa la classica ‘terra di nessuno’ nella quale è facile che i delinquenti o i vandali operino indisturbati.

Ci abbiamo messo tutto in questi anni, io, Mariuccia Turchiano e tanti archeologi Unifg, tanti studenti, tanti restauratori, i colleghi della soprintendenza: lavoro, ricerca, pubblicazioni internazionali, volontà, impegno, ricerca di finanziamenti, per realizazre un tentativo di cantiere scuola nel quale si sono formati centinaia di archeologi, per coniugare tutela a valorizzazione. Avevamo tanti progetti per questo sito. Non c’è più nulla. Confesso di avere le lacrime agli occhi, per il dolore, la rabbia, la delusione, lo sconforto, come archeologo, come professore, come presidente del Consiglio Superiore BCP del MiBACT, come cittadino!
Ora attendo di conoscere meglio la situazione. E di capire cosa sarà possibile salvare. Con la speranza che i carabinieri e la polizia, la magistratura indaghi e scopra i responsabili di questo disastro.
Certo questi disgraziati non fermeranno la nostra voglia di conoscere, di difendere, di valorizzare, di restituire ai cittadini il nostro patrimonio culturale”.

Fonte | source:

— I’mmediato (07/09/2017).

http://www.immediato.net/2017/09/07/choc-nel-foggiano-distrutta-la-villa-di-faragola-sconvolto-giuliano-volpe/

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Helga Marsala, Arte pubblica a Roma. Quella melagrana che impalla il Colosseo, ARTRIBUNE srl (11/10/2017).

Giuseppe-Carta-Germinazione.-Roma-Colosseo-2017-2

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Helga Marsala, Arte pubblica a Roma. Quella melagrana che impalla il Colosseo, ARTRIBUNE srl (11/10/2017).

L’arte pubblica di qualità a Roma continua a fare fatica. Spesso per mancanza di buon gusto. Così come sembra mancare un piano culturale strategico che sia degno di questo nome. E poi, all’improvviso, spuntano sculture a caso, dinanzi a monumenti storici…

La causa umanitaria non è in discussione. E nemmeno la collaborazione tra amministrazione comunale, artisti e organizzazioni non profit, che insieme si prodigano per la buona di riuscita un evento, coinvolgendo spazi pubblici cittadini. Ma se di spazio pubblico si parla, fra arte contemporanea e beni culturali, sono altri i fattori che entrano in gioco. E non si tratta di bazzecole o dettagli secondari. Ci si chiede allora quale razza di ragionamento ci sia, quali valutazioni urbanistiche ed estetiche, quale ricerca e quale senso di responsabilità nella vicenda che da giorni vede protagonista l’area antistante il Colosseo e la grande scultura che lì si trova da inizio settembre e che alla fine del mese scorso avrebbero dovuto smontare. E invece no, l’enorme oggetto scintillante sta ancora lì.

Si tratta di una melagrana in bronzo policromo, opera dell’artista sardo Giuseppe Carta – che in tema frutta e verdura ha già sfornato altre imponenti sculture, fra peperoncini, cipolle, pere, zucche e mele cotogne… – collocata dinanzi al mitologico anfiteatro romano, in occasione del concerto tenuto lì da Andrea Bocelli con Steve Tyler ed Elton John l’8 settembre: nuovo evento esclusivo dell’Andrea Bocelli Humanitarian Award, premio promosso dalla Fondazione istituita dal cantante e destinato a una ristretta platea di celebrità paganti. Il ricavato è naturalmente destinato ad attività di beneficenza.

UNA MELAGRANA DINANZI AL COLOSSEO

Ed è proprio la melagrana di Carta a essere diventata nel 2014 il simbolo del prestigioso Premio. Quale occasione migliore di un mega concerto dentro il Colosseo per esporla sotto il cielo della Capitale? Con tutta l’intenzione, sembrerebbe, di proseguire il tour espositivo anche in altre piazze d’Italia. Peccato che l’opera appaia come un corpo estraneo, del tutto fuori contesto, sorretto da una massiccia base trapezoidale, se possibile più invasiva dell’opera stessa. Una presenza aliena, assai impattante, messa in dialogo con una tra le più straordinarie architetture di tutti i tempi: puro marketing, a favore di una pur condivisibile e sacrosanta missione, che però prescinde da qualunque valutazione critica sulla valorizzazione del patrimonio e dei centri storici di pregio, ma anche sul rapporto (così complesso) fra arte contemporanea e beni monumentali.

Le sculture di Carta – in cui è difficile non riconoscere una certa vena kitsch, nel gusto più scontato per la riproduzione retorica, iperrealista, accademica e decorativa di cibi vari – cosa c’entrano con lo scenario trionfale dei Fori e con quell’angolo di Roma che in sé concentra una fetta consistente dell’immenso tesoro archeologico cittadino? Il giocattolone bronzeo pare quasi uno sberleffo, un’imposizione brutale, lontanissimo per altro da quelle che sono le ricerche più innovative e interessanti del panorama odierno dell’arte, dal punto di vista concettuale, dello stile e del linguaggio.
Piazzare un’opera davanti al Colosseo è una responsabilità enorme. Lo è per amministratori, soprintendenti, curatori, soggetti pubblici e privati. E naturalmente per un artista. E allora, chi arriva a cimentarsi con l’ardua impresa? Non un nome di rilievo della scena internazionale, non il Richard Long, il Tony Cragg, il James Turrel o l’Adrian Paci della situazione, non figure transitate da Pompidou, Moma o Guggenheim, ma il signor Giuseppe Carta, un artista che – nel rispetto del suo curriculum più che dignitoso e della sua produzione – resta comunque legato a un circuito minore e non internazionale.

ARTE PUBBLICA E STRATEGIE CULTURALE: DOVE VA ROMA?

Così, fra i commenti indignati raccolti qui e là, ma nell’indifferenza assoluta della stampa di settore, ci si chiede: perché? Chi decide, chi controlla, chi consente che certi spazi collettivi, preziosi ed emblematici, siano ripensati con tale leggerezza? Quale commissione titolata ha valutato? Quale ragionamento e quale visione si intravedono, a prescindere dall’evento bocelliano con star dello spettacolo e figure istituzionali?

L’episodio, che lascia addosso un senso d’impotenza misto a rabbia, è la classica ciliegina sulla sconfortante scena attuale. Perché in tema arte, sviluppo culturale, coerenza, visione, progettualità e standard qualitativi alti, è chiaro che Roma – quantomeno sul fronte dell’amministrazione comunale – continua a galleggiare nel vuoto. Non di capisce quali siano la direzione, l’orizzonte, le strategie messe in campo. Non si capisce ancora, a un anno e mezzo dall’insediamento della nuova giunta, quale sia il ruolo che la cultura ha e dovrebbe avere nel percorso progressivo di cura e rilancio della città.

Basti pensare che, fatta eccezione per l’emozionante opera di Giuseppe Penone installata nei pressi di Via del Corso e finanziata interamente da Fendi, nessun intervento rilevante nello spazio urbano (permanente o temporaneo) è stato promosso di recente, mentre il Macro, dal canto suo, si appresta a diventare location per grandi mostre da cassetta prodotte da società apposite.

Una città – è il caso di dirlo – arrivata alla frutta. Decenni di malgoverno e di corruzione, di indifferenza e di irresponsabilità variamente distribuite, hanno dato vita a un pantano inaffrontabile. Ma chi sta oggi nelle stanze del potere deve pure, a un certo punto, provare a invertire la rotta, sulla base di un’idea forte, cristallina, costante. A maggior ragione se lo slogan con cui ci si è raccontati per anni era quello della svolta immediata, della differenza assoluta, della rivoluzione radicale.

E d’accordo: emergenza rifiuti, trasporti pubblici, risorse idriche, decoro urbano, microcriminalità. La lista delle priorità è ampia e impegnativa. Ma se la questione dell’arte conserva un valore simbolico eccezionale – senza considerarne il ruolo primario nella costruzione di un immaginario sociale, di una coscienza collettiva, di una sensibilità comune – allora niente di meglio di un’opera sbagliata e fuori posto, che giganteggia a caso nello spazio pubblico di pertinenza del Comune, per esprimere metaforicamente il senso di quanto accade in generale a Roma (come in molti altri angoli del Paese): l’indifferenza, il qualunquismo, l’approssimazione, la sciatteria. E l’assenza di rispetto: per i luoghi, per le persone, per il peso della memoria e dunque per il futuro.
In quella posizione mettiamoci pure un’opera d’arte contemporanea, magari una ogni anno a rotazione, come accade sul Quarto Plinto di Trafalgar Square a Londra. Ma facciamo in modo che i lavori siano degli artisti più bravi del mondo.

Fonte | source:

— ARTRIBUNE srl (11/10/2017) & Foto: Giuseppe Carta, Germinazione. Roma, Colosseo, 2017

http://www.artribune.com/arti-visive/archeologia-arte-antica/2017/10/arte-pubblica-a-roma-quella-melagrana-che-impalla-il-colosseo/

Foto | Fonte | Source:

Roma, Spettacolari immagini dal Drone per l’Andrea Bocelli Show al Colosseo, Quadricottero News(16/09/2017).

http://www.quadricottero.com/2017/09/spettacolari-immagini-dal-drone-per.html

S.v.,

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, senza un tetto né archeologi: “Il Parco della Regina viarum da solo non può rinascere.” La Repubblica (12/10/2017).

Dura interrogazione del senatore Tocci al ministro Franceschini. L’appello dei sindacati e lo strano caso del Colosseo.

http://wp.me/pPRv6-4fU

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, senza un tetto né archeologi: “Il Parco della Regina viarum da solo non può rinascere.” La Repubblica (12/10/2017).

drone colosseo elton john

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, senza un tetto né archeologi: “Il Parco della Regina viarum da solo non può rinascere.” La Repubblica (12/10/2017).

Dura interrogazione del senatore Tocci al ministro Franceschini. L’appello dei sindacati e lo strano caso del Colosseo.

Appia Antica, da Regina a Cenerentola viarum. La strada che segna la storia verso Sud non ha personale né fondi né una sede che facciano marciare turisti, tutela, economia. La fresca autonomia rischia di essere la condanna del Parco archeologico statale. La denuncia arriva dal senatore Walter Tocci (Pd) che la settimana scorsa, in una interrogazione parlamentare al ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, ha lanciato un atto d’accusa contro la riforma messa in atto dal ministro dem stesso, in tutta Italia. Tocci pone l’Appia antica in testa alla sua critica. Tanto che la domanda risolutiva a Franceschini è “se, dopo aver costituito il parco archeologico autonomo dell’Appia Antica, separandolo dalla Soprintendenza di Roma, abbia provveduto a dotare l’istituto di mezzi e risorse per il suo mantenimento e la sua crescita”.

Staccata dal “bancomat” Colosseo, l’Appia Antica si ritrova con un manipolo di tecnici intorno a Rita Paris, la neo direttrice che per molti anni è stata responsabile dell’area. “L’Appia – spiega Franco Taschini della Uil pubblica amministrazione – ha una carenza di 12 amministrativi, altrettanti tecnici, ben 51 addetti alla vigilanza, e poi mancano 8 archeologi, 7 architetti, un archivista, un funzionario addetto alla promozione, uno storico dell’arte. .. Praticamente manca tutto. La riforma Franceschini è un vero disastro. E l’Appia Antica è il simbolo di questa catastrofe”.

Toni apocalittici che risuonano anche nell’appello di Claudio Meloni (Cgil): “Le condizioni del Parco dell’Appia sono disperate. I nostri pochi colleghi che operano in quell’area hanno grossi problemi adesso, avendo ormai pochi spiccioli per manutenzione ordinaria e per pulizia, e problemi in prospettiva: l’autonomia del Parco significa che l’ente ora è una stazione appaltante, quindi ha bisogno di amministrativi capaci di gestire la difficile partita del Bilancio. Impossibile farlo con quattro gatti”.

Lo spezzatino prodotto dalla riforma del 2016 non ha scontentato tutti, a Roma. Il Museo nazionale romano, autonomo con le sue quattro ricche sedi archeologiche, e guidato dalla storica dell’arte Daniela Porro, mantiene gli ampi uffici di palazzo Massimo in cui ospita, al momento, sia l’architetto Francesco Prosperetti – rimasto a capo della Soprintendenza speciale all’archeologia, le belle arti e il paesaggio, Sabap, in attesa di spostarsi al San Michele – sia Paris e i suoi fedelissimi, che attendono una sede consona sull’Appia.

Bene sta anche il neonato Parco di Ostia Antica, di nuovo organismo autonomo come era stato fino al 2009, e per questo con una sua sede e un personale storici: Maria Rosaria Barbera è alla testa di 112 lavoratori su un organico di 153 per ospitare 340mila visitatori l’anno. E benissimo sta il Parco archeologico del Colosseo, la più piccola (0,78 chilometri quadrati) delle cinque istituzioni statali dell’archeologia romana. Nella spartizione delle 700 unità in forza alla vecchia Soprintendenza, il Colosseo ha avuto circa 200 persone; le stesse, più o meno, della nuova Soprintendenza unica di Prosperetti (ma l’area qui è di 1.028,52 kmq). Anfiteatro Flavio e Fori sono capaci di incassare 60milioni di euro l’anno (l’Appia antica, 33,66 kmq, con Villa dei Quintili e Cecilia Metella, non arriva a 100mila euro). E non sarà un caso se l’appello alla mobilità volontaria interna abbia visto una vera corsa al Colosseo. E quasi nessuna richiesta per la Regina viarum. “Come lamentarsi se nessuno è voluto andare sull’Appia se il Parco ha 5 stanze in tutto, ossia non ha una sede?”, sottolinea Taschini della Uil.

La mobilità sta generando un flusso di personale Mibact dal Nord al Sud (1300 le domande arrivate, la graduatoria è incorso di pubblicazione). E stanno per entrare in servizio, in tutta Italia, le circa 800 assunzioni ottenute finalmente dal ministero Beni culturali. Ma i sindacati ricordano che non basta: “Siamo 19mila, pochi. Mancano 3000 unità. E nel 2018 andranno in pensione mille assunti nel 1977 con la ex 285”, sintetizza Meloni. “Più assunzioni, non c’è altra soluzione”, ribadisce Taschini.

Walter Tocci, nell’interrogazione al Senato, evidenzia anche la frammentazione delle competenze. “Fori e Colosseo sono ricaduti nel Parco archeologico, la cui competenza si arresta a porta Capena”, dove entra in campo la Sabap, “la quale gestisce solo un piccolo tratto che termina a Porta San Sebastiano”. Da lì infatti inizia la gestione del, povero, Parco dell’Appia antica. Tocci evidenzia anche un altro problema: “Il Consiglio di Stato ha precisato che il direttore del Colosseo (sarà nominato entro dicembre, ndr) svolge funzioni di valorizzazione tecnica ed economica e solo ‘ sporadicamente’ si occupa anche di tutela”. Chi dovrà allora occuparsi stabilmente della salvaguardia del Colosseo?

Fonte | Source:

La Repubblica (12/10/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/10/12/news/roma_senza_un_tetto_ne_archeologi_il_parco_della_regina_viarum_da_solo_non_puo_rinascere_-178046968//?ref=fbplrm

Foto | Fonte | Source:

Roma, Spettacolari immagini dal Drone per l’Andrea Bocelli Show al Colosseo, Quadricottero News(16/09/2017).
http://www.quadricottero.com/2017/09/spettacolari-immagini-dal-drone-per.html

 

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: A. Calderini, G. Anfossi & M. M. Roberti, “Topografia di Roma Antica. Bibliografia 1913-1929”, Aevum 3, No. 1 (1929), pp. 17-155 [PDF].

forum_area_before_mussolini

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: A. Calderini, G. Anfossi & M. M. Roberti, “Topografia di Roma Antica. Bibliografia 1913-1929”, Aevum 3, No. 1 (1929), pp. 17-155 [PDF].

CALDERINI, ARISTIDE, Giuseppe Anfossi, and Mario Mirabella Roberti. “TOPOGRAFIA DI ROMA ANTICA (1913-1929).” Aevum 3, no. 1 (1929): 17-155. http://www.jstor.org/stable/25818353.

1). A. Calderini, “Topografia di Roma Antica. Bibliografia 1913-1929”, (1929), pp. 17-155 [PDF = pp. 1-140].

PDF = 1). A. Calderini, “Topografia di Roma Antica. Bibliografia 1913-1929”, (1929), pp. 17-155 [PDF = pp. 1-140].

1.1). A. Calderini, “Topografia di Roma Antica. Bibliografia 1913-1929”, (1929), “Note e riferimenti Questa voce contiene 1556 riferimenti,” Note e riferimenti pp. 17-155 [PDF = pp. 1-64].

PDF = 1.1). A. Calderini, “Topografia di Roma Antica. Bibliografia 1913-1929”, (1929), “Note e riferimenti Questa voce contiene 1556 riferimenti,” Note e riferimenti pp. 17-155 [PDF = pp. 1-64].

Foto | Fonte | Source:

— JUDITH HARRIS, “As Ever, Crowds Flock Into Rome at Easter Time,” i-Italy
The multimedia network for all things Italian in America (April 07, 2017).
http://www.iitaly.org/magazine/focus/op-eds/article/ever-crowds-flock-rome-easter-time

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma Antica: l’Acquedotto Vergine – Nuova Rinascente, lo scavo porta alla luce le antiche terme, Corriere Della Sera (23/06/2014), La Repubblica (16/09/2017) & Rinascente (17/09/2017) [10/2017].

Screenshot 2017-10-11 at 10.09.43 PM

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma Antica: l’Acquedotto Vergine – Nuova Rinascente, lo scavo porta alla luce le antiche terme, Corriere Della Sera (23/06/2014), La Repubblica (16/09/2017) & Rinascente (17/09/2017) [10/2017].

153102083-e51cdb0b-77a8-4945-b262-bcdea238829a

ROMA – Sette anni fa lo storico palazzo di via del Corso che ospitava la Rinascente fu occupato da Zara. Tradizione e Made in Italy lasciavano il posto al fast fashion. Ora la rivincita. Otto piani, 14mila metri quadrati, terrazza panoramica con quattro ristoranti e in vetrina le prime linee delle migliori griffe internazionali. Apre al pubblico giovedì in via del Tritone (angolo via Due Macelli) con un’intera giornata di musica e festa, la nuova Rinascente di Roma. Undici anni di opere e restauri che hanno riportato alla luce anche un acquedotto romano inaugurato da Augusto nel 19 a.C.che si potrà visitare al piano -1 lo store incorpora e avvolge, inoltre, un piccolo edificio dei primi del ‘900 denominato “Palazzetto”, un vero e proprio palazzo nel palazzo, che su diversi piani diventa parte integrante dell’architettura espositiva.

Screenshot 2017-10-11 at 10.10.34 PM

1). ARCHEOLOGIA MARMI POLICROMI, CAPITELLI E ISCRIZIONI – Nuova Rinascente, lo scavo porta alla luce le antiche terme – Sorpresa tra il Tritone e via Due Macelli Recupero Il progetto è di rendere in parte visibile la nuova area. Corriere Della Sera (23/06/2014).

153100960-9f0f428a-4837-4729-99ce-708ba57bd6c9

Mosaici raffiguranti figure mitologiche, sirene, pesci e nodi di Salomone; pavimentazioni in marmi policromi; capitelli; iscrizioni. Un intero tratto di città romana, con la strada che l’attraversa lunga 200 metri, è stato scoperto durante gli scavi per la costruzione della nuova Rinascente fra via del Tritone e via Due Macelli: i ritrovamenti abbracciano un’area di quattromila metri quadri e sono già stati fotografati e catalogati dalla sovrintendenza archeologica di Roma. Con tutta probabilità erano delle sontuose terme, allora assai diffuse, in un luogo che doveva essere ricco di acque.

Screenshot 2017-10-11 at 10.51.23 PMSempre durante i lavori per la costruzione di questa nuova «shopping mall», infatti, nell’agosto di due anni fa erano già state rinvenute le arcate dell’acquedotto Vergine, uno degli acquedotti più importanti dell’antica Roma. Le arcate – che fanno parte dell’opera la cui costruzione risale ai tempi dell’imperatore Augusto, quando nel 19 a.C. suo genero, il console, Marco Vespasiano Agrippa fece arrivare l’acqua corrente fino al Pincio, al Pantheon e alle sue terme – interessano solo il muro di cinta del palazzo dalla parte interna, la zona del cortile.


Adesso, invece, con i nuovi ritrovamenti delle terme e della strada romana, l’area da preservare si è allargata: se per le arcate si era pensato ad una musealizzazione, in questo caso ci si trova di fronte ad un vero e proprio progetto di conservazione, se sarà possibile rendendo almeno in parte visibile questo antico tratto della nostra città. I ritrovamenti, inoltre, hanno bloccato da ottobre i lavori: 9 mesi durante i quali nel cantiere sono rimasti solo i guardiani, mentre le 350 persone che dovranno essere assunte secondo l’accordo di programma rischiano di aspettare anni.


Ma – secondo indiscrezioni – sembra che la Rinascente, che nonostante la proprietà thailandese ha ancora in mano una parte del pacchetto azionario e la gestione dei lavori, non riesca a mettersi d’accordo con la sovrintendenza sulla conservazione dei reperti. Adesso per preservarli (come in piazza della Moretta) sono stati coperti con un tessuto non tessuto e così sono da mesi. Eppure in questo caso a ostacolare la ripresa dell’attività nel cantiere sembra non sia la sovrintendenza, che anzi avrebbe detto «fate presto», ma la società della Rinascente incaricata della gestione dei lavori che non ha ancora presentato un progetto adeguato alla bellezza delle terme romane.


Quando sono iniziati i lavori la tabella di marcia prevedeva l’inaugurazione del superlussuoso centro commerciale per il 2015: adesso si pensa – se tutto va bene- al 2017 o 2018. I palazzi sono ormai ridotti ad una quinta, mentre all’interno la palazzina del 1923 è ancora in piedi: sarà restaurata ed è desiderata da firme come Ralph Lauren e Prada. L’importo dei lavori è di 38 milioni: nei palazzi saranno ricostruiti sette piani destinati alle griffe, più un ristorante nel roof garden con vista su tutta Roma.

Fonte | Source:

— Corriere Della Sera (23/06/2014)

http://roma.corriere.it/notizie/arte_e_cultura/14_giugno_23/nuova-rinascente-scavo-porta-luce-antiche-terme-2fc7bd56-fab0-11e3-a232-b010502f9865.shtml

2). Roma – Sotto la Rinascente scorreva l’Aqua Virgo. Eccezionale ritrovamento in via del Tritone, La Repubblica (16/09/2017).

Domus, tabernae, terme e acquedotto, così era Roma. All’interno di uno spazio pubblico, aperto e senza biglietto – annuncia il soprintendente Prosperetti – verrà offerto qualcosa di unico al mondo.

Le arcate dell’Aqua Virgo erano accanto a noi, nascoste dalla storia. E sono riemerse dal passato quasi per caso, durante i lavori di edificazione del nuovo complesso della Rinascente tra via Due Macelli e via del Tritone inaugurato il prossimo 12 ottobre. Un tempo in quell’angolo di città tra Palazzo Chigi, Piazza di Spagna e Fontana di Trevi c’erano gallerie commerciali e uffici.

Per costruire il nuovo edificio dell’azienda di grandi magazzini (una volta della famiglia Agnelli oggi del thailandese Group of Companies), è stata buttata giù la palazzina risalente agli anni Cinquanta e ne è stata costruita una ex novo. Scavando per il consolidamento delle fondamenta, tuttavia, sono spuntate tracce di antichi insediamenti che hanno richiamato l’attenzione degli archeologi della Soprintendenza. Sono bastati alcuni carotaggi sulle pareti perimetrali per svelare la presenza di una antichissima ‘opera reticolata’.

Per gli appassionati di storia è stata una eccezionale notizia, per la Rinascente un po’ meno, visto che s’è dovuta sobbarcare il 100 per cento delle spese di recupero. E ha dovuto mettere a bilancio i costi di due anni di ritardo dei lavori. Per Francesco Prosperetti, Soprintendente di Roma, «la scoperta di ben 15 arcate dell’Acqua Vergine, tra i più cospicui pezzi di acquedotto romano all’interno della città, grazie alla collaborazione tra pubblico e privato, ha permesso la creazione di una nuova e preziosa area archeologica all’interno di Rinascente.


Le arcate dell’Aqua Virgo erano accanto a noi, nascoste dalla storia. E sono riemerse dal passato quasi per caso, durante i lavori di edificazione del nuovo complesso della Rinascente tra via Due Macelli e via del Tritone inaugurato il prossimo 12 ottobre. Un tempo in quell’angolo di città tra Palazzo Chigi, Piazza di Spagna e Fontana di Trevi c’erano gallerie commerciali e uffici.

Per costruire il nuovo edificio dell’azienda di grandi magazzini (una volta della famiglia Agnelli oggi del thailandese Group of Companies), è stata buttata giù la palazzina risalente agli anni Cinquanta e ne è stata costruita una ex novo. Scavando per il consolidamento delle fondamenta, tuttavia, sono spuntate tracce di antichi insediamenti che hanno richiamato l’attenzione degli archeologi della Soprintendenza. Sono bastati alcuni carotaggi sulle pareti perimetrali per svelare la presenza di una antichissima ‘opera reticolata’.

Per gli appassionati di storia è stata una eccezionale notizia, per la Rinascente un po’ meno, visto che s’è dovuta sobbarcare il 100 per cento delle spese di recupero. E ha dovuto mettere a bilancio i costi di due anni di ritardo dei lavori. Per Francesco Prosperetti, Soprintendente di Roma, «la scoperta di ben 15 arcate dell’Acqua Vergine, tra i più cospicui pezzi di acquedotto romano all’interno della città, grazie alla collaborazione tra pubblico e privato, ha permesso la creazione di una nuova e preziosa area archeologica all’interno di Rinascente.

Una valorizzazione che è il frutto di una visione coraggiosa e innovativa dei Beni Culturali della Soprintendenza Speciale di Roma». All’interno di uno spazio pubblico, aperto e senza biglietto – spiega ancora Prosperetti, verrà offerto qualcosa di unico al mondo: le arcate dell’Aqua Virgo, accompagnate da un racconto filologico con la suggestione delle ricostruzioni in realtà virtuale, che aiutano a conoscere l’acquedotto e la storia di quella parte della Roma barocca topograficamente così significativa sin dall’età antica.

L’area scavata sotto la direzione degli archeologi ha restituito una porzione di tessuto urbano quasi intatto che ha consentito di ricostruire l’evoluzione storica del settore della Capitale compreso tra il Pincio e il Quirinale. Sono così spuntati i resti di due acquedotti e della Salaria Vetus con dei sepolcri monumentali che vi si affacciavano (I a.C). Di insulae e tabernae di prima e media età imperiale. Di una domus signorile impreziosita di uno stibadium, una sorta di divano triclinare dove i ricchi signori si mettevano a mangiare (il secondo noto a Roma dopo quello del Palatino). E di un piccolo impianto termale ( balneum) del IV d.c. Tutto decorato con mosaici e pavimenti in marmi policromi.

  • L’ARCHEOLOGA: “DAI SEPOLCRI ALL’ANTICA STRADA SCOPERTE OLTRE OGNI IMMAGINAZIONE”

    “L’Aqua Virgo, che Agrippa, generale e genero di Augusto, fece costruire per alimentare le sue terme in Campo Marzio, si sovrappone alla struttura di un acquedotto di poco precedente fino a ora sconosciuto”. Marta Baumgartner, funzionaria archeologa della Soprintendenza, dal 2013 ha seguito i lavori di recupero dei resti riemersi sotto le fondamenta della Rinascente.

    Perchè per voi l’infrastruttura del I secolo a.C. è stata una sorpresa?
    “L’area era già stata studiata nel 1950 quando fu costruito l’edificio poi abbattuto. Ma erano altri tempi. Per realizzare il piano interrato furono rasate le strutture antiche per circa 3 metri di altezza”.

    Per questo eravate pessimisti?
    “Nessun elemento poteva far immaginare che al di sotto della quota raggiunta negli anni ‘50 si conservasse ancora un intero settore urbano, in parte sepolto, in parte inglobato negli edifici moderni”.

    Quali altre scoperte avete fatto nel corso degli scavi?
    “Il tratto di percorso viario individuato permette di riconoscerne la prosecuzione in direzione di via della Stamperia in un percorso finora ignoto che continua quasi in parallelo con il successivo Acquedotto Vergine fino in Piazza Trevi”.

    Non potevano mancare i sepolcri.
    “Anche lungo la Salaria Vetus era invalso l’uso di costruire monumenti funerari come strumento di propaganda celebrativa oltre che di commemorazione funebre. In un settore degli scavi sono tornati alla luce tre monumenti allineati interpretati come sepolcri, di cui uno del tipo a camera, rivestiti in tufo e travertino”.

Fonte | source:

— La Repubblica (16/09/2017).


http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/09/16/news/sotto_la_rinascente_scorreva_l_aqua_virgo_eccezionale_ritrovamento_sotto_via_del_tritone-175628773/

3). Roma – Flagship Store Roma Via del Tritone -TimeLapse, Rinascente | You-Tube [02:14] (17/09/2017).

Fonte:

https://www.youtube.com/watch?v=lEfNYi2DF3s

Nota: Foto | Fonte | Sources: Rinascente | You-Tube [02:14] (17/09/2017), La Repubblica (16/09/2017) & Corriere Della Sera (23/06/2014).

3295328_Fracassi_Rinascente-29

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Paola Baldassarri – Nuovi dati per la ricostruzione del tempio di Traiano, (2015-16), Dr. Antonio Lopez Garcia, L’Athenaeum di Adriano (2015) & Marmo – Dedica ai divi Traiano e Plotina, MUSEI VATICANI (2017).

original (1)

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Paola Baldassarri – Nuovi dati per la ricostruzione del tempio di Traiano, (2015-16), Dr. Antonio Lopez Garcia, L’Athenaeum di Adriano (2015) & Marmo – Dedica ai divi Traiano e Plotina, MUSEI VATICANI (2017).
_____________________________________________________________________________________

I). Dedica ai divi Traiano e Plotina – Il frammento di architrave iscritto appartiene a una delle due copie dell’iscrizione dedicatoria del tempio voluto dall’imperatore Adriano per celebrare i genitori (parentibus) adottivi, Traiano e Plotina, dopo la loro morte e divinizzazione (divi). Il tempio è stato localizzato a nord-ovest della Colonna Traiana, presso il Foro omonimo; le due iscrizioni sarebbero state apposte sulle trabeazioni nord e sud del cortile porticato che circondava la colonna e precedeva la piazza antistante il tempio. Altri avevano ipotizzato una destinazione sepolcrale delle due iscrizioni connessa alla deposizione delle ceneri di Traiano e Plotina presso la colonna e alla relativa monumentalizzazione del cortile circostante. Alla dedica apparterrebbe anche un altro frammento trovato a Roma, simile per supporto, esecuzione dell’epigrafe (lettere in bronzo, successivamente asportate per spoglio), natura del testo (nomi e titoli imperiali).

Da Roma, sotto la Chiesa del SS. Nome di Maria
Dopo l’anno 117 d.C.
Marmo
Parete 41, posizione 1
Inv. 6886

FOTO | FONTE | SOURCE:

— Roma, “Dedica ai divi Traiano e Plotina,” MUSEI VATICANI (2017).

http://www.museivaticani.va/content/museivaticani/it/collezioni/musei/galleria-lapidaria/sezione-ii–imperatori-e-casa-imperiale/dedica-ai-divi-traiano-e-plotina.html

II). Dedication to the divine Trajan and Plotina – This engraved fragment of lintel belongs to one of the two copies of the dedicatory inscription of the temple requested by the emperor Hadrian to honour his adoptive parents (parentibus) Trajan and Plotina, after their death and deification (divi). The temple was located to the north-west of Trajan’s Column, at the Forum of the same name; the two inscriptions would have been affixed to the entablatures north and south of the portico enclosing the courtyard that surrounded the column and preceded the square in front of the temple. It has been suggested by other scholars that the two inscriptions would have been destined for a tomb, connected to the deposition of the ashes of Trajan and Plotina at the column and the related monumentalisation of the surrounding courtyard. Another fragment found in Rome could also belong to the same dedication; it is similar in terms of support, the creation of the epigraph (bronze letters, later removed), and the nature of the text (names and imperial titles).

From Rome, in the Church of SS. Name of Mary
After the year 117 A.D.
Marble
Wall 41, position 1
Cat. 6886

FOTO | FONTE | SOURCE:

— Rome, “Dedication to the divine Trajan and Plotina.” MUSEI VATICANI (2017).

http://www.museivaticani.va/content/museivaticani/en/collezioni/musei/galleria-lapidaria/sezione-ii–imperatori-e-casa-imperiale/dedica-ai-divi-traiano-e-plotina.html
_____________________________________________________________________________________

1). Dott.ssa Paola Baldassarri, “Le indagini archeologiche a Palazzo Valentini e il tempio dei divi Traiano e Plotina,” pp. 1689-1716; in: Paola Ruggeri (a cura di), L’ Africa romana Momenti di continuità e rottura: bilancio di trent’ anni di convegni L’ Africa romana, Vol. II., Roma: Carocci editore (2015).

Abstract: Le indagini dalla Provincia di Roma nel 2005 e nel 2011 nei settori ovest e sud degli interrati di Palazzo Valentini hanno messo in luce strutture riferibili a un unico contesto architettonico che, per qualità dell’esecuzione, tipologia, orientamento analogo a quello del Foro Traiano, dimensioni, datazione all’inizio dell’età adrianea, può ritenersi pertinente al podio di un grande tempio a ridosso e completamento verso nord del Foro Traiano, identificabile con il templum Divi Traiani et Divae Plotinae.

Fonte | Source:
Dott.ssa Paola Baldassarri (2015):
https://www.academia.edu/32087781/Paola_Baldassarri_Le_indagini_archeologiche_a_Palazzo_Valentini_e_il_tempio_dei_divi_Traiano_e_Plotina

1.1). Dott.ssa Paola Baldassarri, “Alla ricerca del tempio perduto: le indagini archeologiche a Palazzo Valentini e il templum divi Traiani et divae Plotinae,” Archeologia Classica; No. LXIV (2013), pp. 371 – 481.

Abstract: Recent excavations carried out under Palazzo Valentini by the équipe of the Provincia di Roma raised the need to resume discussion about the existence of the Templum Divi Traiani et Divae Plotinae. The investigation along the west side revealed four underground rooms of the early age of Hadrian, which presumably belonged to the podium of a temple lying North to the court of the Trajan’s Column: perhaps, indeed, the temple of the divi Trajan and Plotina. In the area of Palazzo Valentini a great number of architectural elements have been found since the 16th century that can be ascribed to this temple. Other structures linked to the temple appeared during geognostic investigations along the perimeter of Palazzo Valentini and in the cellars on the south side.

Dott.ssa Paola Baldassarri (2013):
https://www.academia.edu/29206723/Alla_ricerca_del_tempio_perduto_le_indagini_archeologiche_a_Palazzo_Valentini_e_il_templum_divi_Traiani_et_divae_Plotinae

2). Dr. Antonio Lopez Garcia, Los Auditoria de Roma y el Athenaeum de Adriano, Firenze: Firenze University Press (2015), pp. 1-228.

— Lopez (2015), pp. 74-75 & figg. 46 & 47. = “…La inscripción fue inicialmente puesta en relación por Conde con un fragmento aparecido en las excavaciones de 1998-1999 en el Foro de Trajano en el que aparecía escrito: [Imp(erator) Cae]sar Nerva Traia[nus —]. Esta inscripción formaba parte de la decoración arquitectónica del pórtico que circundaba el área frente a la Basílica Ulpia. Sin embargo, Orlandi lo puso en relación con un gran fragmento de arquitrabe que se halló en torno al 1695 en las excavaciones realizadas para la ampliación de los cimientos de la iglesia de San Bernardo ad Columnam, que estaba situada en el mismo lugar que se encuentra hoy la iglesia del Santissimo Nome di Maria, justo al lado de la Columna de Trajano.”

Fonte | sources:

— Dr. Antonio Lopez Garcia (2015):
https://www.academia.edu/26357030/LOPEZ_GARCIA_A._Los_Auditoria_de_Roma_y_el_Athenaeum_de_Adriano_Firenze_University_Press_2015_ISBN_978-88-6655-934-4_288_p

2.1). Dr. Antonio Lopez Garcia, Las estructuras de la Piazza della Madonna di Loreto: ¿El Athenaeum de Adriano? Tesi di dottorato, Universitˆ degli Studi di Firenze (2014). Pp. 1-360.

https://www.academia.edu/7181758/Las_estructuras_de_la_Piazza_della_Madonna_di_Loreto_El_Athenaeum_de_Adriano

______

S.v.,

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Rome: the Metro C Archaeological Surveys: the Piazza Madonna di Loreto, Sector (# S14/B1). The Discovery of New Inscriptions & Architectural Elements of the Temple of Trajan? (January 20th, 2011 [UPDATED MARCH 21st, 2012]).

Rome: the Metro C Archaeological Surveys: the Piazza Madonna di Loreto, Sector (# S14/B1).  The Discovery of New Inscriptions & Architectural Elements of the Temple of Trajan? (January 20th, 2011 [UPDATED MARCH 21st, 2012]).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. La Repubblica (03/10/2017) & skyscrapercity.com (09/29/2017). & s.v., Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

Screenshot 2017-10-10 at 1.22.00 AM

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. La Repubblica (03/10/2017) & skyscrapercity.com (09/29/2017). & s.v., Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

9038767

Nuovi reperti dagli scavi della metro C: sono riaffiorate delle antiche mura nei cantieri nell’area di scavo della futura stazione Fori-Imperiali-Colosseo, davanti all’anfiteatro Flavio. I reperti, in un cattivo stato di conservazione, sono stati trovati a pochi metri dal livello stradale e al momento sono visibili solo dall’alto, a causa di pannelli che coprono il perimetro del cantiere. I tecnici del parco archeologico hanno spiegato: “Si tratta delle strutture di contenimento della collina della Velia nell’area della Valle del Colosseo, precedenti alla costruzione del monumento”. Resti che, però, sono “molto mal conservati”, di cui gli archeologi già conoscevano l’esistenza. “Le strutture sono state tagliate negli anni ’30 per costruire via dei Fori Imperiali – sottolineano i tecnici -, e poi sono state danneggiate dal passaggio successivo di cavi. Dunque, quello che resta è davvero poco”. Per permettere la prosecuzione degli scavi per la metropolitana, le antiche fondamenta verranno rimosse. In ogni caso, assicurano gli esperti, “hanno un’importanza relativa dal punto di vista topografico e un valore esclusivamente documentario”.

FONTE | SOURCE: La Repubblica (03/10/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/10/03/foto/roma_dagli_scavi_della_metro_c_al_colosseo_riaffiorano_mura_antiche-177280858/1/#1

S.v.,

1). ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. (06/2017-09/2017). http://wp.me/pPRv6-4cg

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROME - THE NEW SAN GIOVANNI METRO STATION - Rome's subway station is also museum filled with ancient history. THE CBS EVENING NEWS | NEW YORK (17 JUNE 2017) VIDEO. 03:03.

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA:  METRO C | MOBILITA - Per questo Roma è la sola città in cui ci si può muovere stando fermi. ARCHITETTI ROMA (04/2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA:  METRO C | MOBILITA - Per questo Roma è la sola città in cui ci si può muovere stando fermi. ARCHITETTI ROMA (04/2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA:  METRO C | MOBILITA - Per questo Roma è la sola città in cui ci si può muovere stando fermi. ARCHITETTI ROMA (04/2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA:  METRO C | MOBILITA - Per questo Roma è la sola città in cui ci si può muovere stando fermi. ARCHITETTI ROMA (04/2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. La Repubblica (03/10/2017) & skyscrapercity.com (09/29/2017). & s.v., Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. La Repubblica (03/10/2017) & skyscrapercity.com (09/29/2017). & s.v., Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. La Repubblica (03/10/2017) & skyscrapercity.com (09/29/2017). & s.v., Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. La Repubblica (03/10/2017) & skyscrapercity.com (09/29/2017). & s.v., Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, dagli scavi della metro C al Colosseo riaffiorano antiche mura. La Repubblica (03/10/2017) & skyscrapercity.com (09/29/2017). & s.v., Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA [aggiornare 11|2015]: Roma Metro C – I danni collateralli degli scavi di Via dei Fori Imperiali & Eliminazione del colle Velia. Roma, Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA [aggiornare 11|2015]: Roma Metro C – I danni collateralli degli scavi di Via dei Fori Imperiali & Eliminazione del colle Velia. Roma, Dott.ssa Arch. P. Giannone (26|05|2015) & Roma Metro C (21|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Veteran’s Day: A Tribute to the 26 NFL Players Who Died Defending Our Country (2017). Foto: the family of James Robert “Bob” Kalsu, the Buffalo Bills, in: S.I., (2001).

bob-kalsu-vaultlead

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Veteran’s Day: A Tribute to the 26 NFL Players Who Died Defending Our Country (2017). Foto: the family of James Robert “Bob” Kalsu, Buffalo Bills S.I., (2001).

Veteran’s Day: A Tribute to the 26 NFL Players Who Died Defending Our Country (2017).

The FACEBOOK group wants members to not watch or listen to any NFL games on Nov. 12 and 13 in deference to Veterans Day. This would affect all Sunday NFL games and the Monday Night Football game.

https://www.facebook.com/Boycott-The-NFL-119285205413259/

— James Robert “Bob” Kalsu | Buffalo Bills (April 13, 1945 – July 21, 1970) was an All-American tackle at the University of Oklahoma and an eighth-round selection in the 1968 NFL/AFL draft by the Buffalo Bills of the American Football League. He was killed in action on July 21, 1970, when his unit came under enemy mortar fire at FSB Ripcord near the A Shau Valley.

— Donald Thomas Steinbrunner | Cleveland Browns (April 5, 1932–July 20, 1967) was an American football offensive tackle who was one of only two American professional football players to die in the Vietnam War. Steinbrunner was sent to Vietnam in 1966, and after an injury was offered a safer assignment, which he refused. Major Steinbrunner’s plane, a C-123 Provider, was shot down on July 20, 1967, He was posthumously awarded a Purple Heart and the Distinguished Flying Cross.

Foto: the family of James Robert “Bob” Kalsu, with his photographs and his military awards. Sports Illustrated (2001).

 

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Divo Nerone all’ultimo atto: I Numeri del Flop di Dario Francheschini (MIBACT) & Federica Galloni (Direttrice ad Interim Parco Archeologico Colosseo); in: Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017); LA REPUBBLICA (02/09/2017) & the USGS.gov [USA] (2017).

Screenshot 2017-10-10 at 1.30.26 AM

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Divo Nerone all’ultimo atto: I Numeri del Flop di Dario Francheschini (MIBACT) & Federica Galloni (Direttrice ad Interim Parco Archeologico Colosseo); in: Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017); LA REPUBBLICA (02/09/2017) & the USGS.gov [USA] (2017).

Screenshot 2017-10-10 at 1.29.27 AM

Nota: Roma (Estate 2017), vedute aeree del Palatino durante la costruzione del sito del concerto di Divo Nerone, notano i pali abbastanza grandi di rifiuti e altri detriti?

FOTO | FONTE | SOURCE:

“Rome, Summer 2017;” in:
— United States Online Geological Services | The Department of Interior, United States Government (2017). https://www.usgs.gov/

S.v.,

“Finalmente lo smontaggio del palco monstre sul Palatino. Sparita la mega platea da 4000 posti e liberato il convento di San Bonaventura, fra qualche giorno dovrebbe si spera rivedere il cielo anche quello di San Sebastiano martire ed essere liberati gli antichi muri di epoca severiana e altri reperti romani dalla morsa del palco. Fa piacere sentire nell’antica chiesa, per mesi invasa dalla musica e dalle luci da discoteca dello spettacolo, risuonare i cori celestiali delle monache e le preghiere. Oggi era piena di turisti che assistevano alla funzione religiosa. Rimane la preoccupazione per eventuali danni ai reperti archeologici sottostanti alle pesanti strutture. Ora la Procura potrebbe verificare come avevo chiesto nel mio esposto.”

FONTE | SOURCE:

– Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017). http://wp.me/pPRv6-4di

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I Numeri del Flop di Dario Francheschini (MIBACT) & Federica Galloni (Direttrice ad Interim Parco Archeologico Colosseo) – Roma, lampade imbullonate agli alberi del Palatino. E’ normale? IL FATTO QUOTIDIANO (03/10/2017).

20171001_0926492

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I Numeri del Flop di Dario Francheschini (MIBACT) & Federica Galloni (Direttrice ad Interim Parco Archeologico Colosseo) – Roma, lampade imbullonate agli alberi del Palatino. E’ normale? IL FATTO QUOTIDIANO (03/10/2017).

Palatino- lampade imbullonate agli alberi

Roma – Nell’area archeologica del Palatino a Roma gli addetti di un cantiere hanno pensato bene di imbullonare le lampade direttamente sul tronco degli alberi. E’ un modo incivile di fare che davvero non ci si aspetterebbe in una delle aree archeologiche più importanti del sito Patrimonio dell’Umanità.

FONTE | SOURCE:

— IL FATTO QUOTIDIANO (03/10/2017).
https://fattodavoi.ilfattoquotidiano.it/contributo/roma-lampade-imbullonate-agli-alberi-e-normale-foto/

S.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Divo Nerone all’ultimo atto: I Numeri del Flop di Dario Francheschini (MIBACT) & Federica Galloni (Direttrice ad Interim Parco Archeologico Colosseo); in: Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017) & LA REPUBBLICA (02/09/2017). http://wp.me/pPRv6-4di

 

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma – I Fori Imperiali. Lo Scavo Del Foro Della Pace | Zona B (10/1999) & Foto & Stampa (1 di 63); & Prof. M. Ghilardi, “Trasformazioni del paesaggio urbano: il Templum Pacis,” (2006).  

Unearthing The Forum

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma – I Fori Imperiali. Lo Scavo Del Foro Della Pace | Zona B (10/1999) & Foto & Stampa (1 di 63); & Prof. M. Ghilardi, “Trasformazioni del paesaggio urbano: il Templum Pacis,” (2006).

Foto: Rome, the Imperial Fora (Oct. 1999). Italian archaeologists excavating the basement substructures of the former Renaissance era residential block of the Alessandrina Quarter overlying the ruins in Zone B of the ancient Forum of Peace.

Foto | Fonte | Source: “Young archaeologists working on the ancient Roman forum in Rome, Italy, October 1999. (Photo by Barbara Alper/Getty Images).”

s.v.,

1). ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il Foro o Tempio della Pace – Scavi (1998-2013 [Zona B]) | The Forum and Temple of Peace – excavations (1998-2013 [Area B]). Foto & Stampa 1 di 63 [10/2017].

ROME - IMPERIAL FORA. The Temple of Peace (Area B). Excavations & Related studies (1998-2007).

2). For brief description of the progress and findings in Zone B of the Forum of Peace (1998-2000), see the following work:

Prof. M. Ghilardi, “Trasformazioni del paesaggio urbano: il Templum Pacis durante la guerra greco-gotica (a proposito di Procop., Goth. IV 21), pp. 137-148 [PDF] in: M. Ghilardi – Ch. J. Goddard – P. Porena (a cura di), Les cités de l’Italie tardo-antique (IV-VI siècle): institutions, economie, société, culture et religion, Atti del Conv. Int. di Studi, Roma, 11-13 marzo 2004, Roma 2006.

https://www.academia.edu/2282578/Trasformazioni_del_paesaggio_urbano_il_Templum_Pacis_durante_la_guerra_greco-gotica_a_proposito_di_Procop._Goth._IV_21_

____________

Da oggi il Comune di Roma deve ancora pubblicare immagini o informazioni sulle sottostrutture del seminterrato del quartiere Alessandrina recuperate negli scavi 1998-99? Ma attraverso la strada Via Cavour lungo le rovine di del tempio o dei periodi successivi sono stati scoperti sotto l’hotel sovrastante e reintegrato nell’edificio moderno?

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. FORO DELLA PACE [Ambiente A.1 (2009)]: Le indagini archeologiche presso “Hotel de Rome, Largo Corrado Ricci, numero 36.” = ex-CASA nn. CXV, ‘Arciconfraternita dei Pellegrini,’ (15 al 17 ° secolo) [2012 & 2014].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. FORO DELLA PACE [Ambiente A.1 (2009)]: Le indagini archeologiche presso "Hotel de Rome, Largo Corrado Ricci, numero 36." = ex-CASA nn. CXV, 'Arciconfraternita dei Pellegrini,' (15 al 17 ° secolo) [2012 & 2014].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. FORO DELLA PACE [Ambiente A.1 (2009)]: Le indagini archeologiche presso "Hotel de Rome, Largo Corrado Ricci, numero 36." = ex-CASA nn. CXV, 'Arciconfraternita dei Pellegrini,' (15 al 17 ° secolo) [2012 & 2014].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Divo Nerone all’ultimo atto: I Numeri del Flop di Dario Francheschini (MIBACT) & Federica Galloni (Direttrice ad Interim Parco Archeologico Colosseo); in: Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017) & LA REPUBBLICA (02/09/2017).

134213996-a9d1321e-bd8a-4eb2-89ba-05df44669492

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Divo Nerone all’ultimo atto: I Numeri del Flop di Dario Francheschini (MIBACT) & Federica Galloni (Direttrice ad Interim Parco Archeologico Colosseo); in: Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017) & LA REPUBBLICA (02/09/2017).

22310639_10155899934677139_3604166984133297409_n

1). Finalmente lo smontaggio del palco monstre sul Palatino. Foto di Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017).

22310218_10155899934307139_6224426700091225577_n

“Finalmente lo smontaggio del palco monstre sul Palatino. Sparita la mega platea da 4000 posti e liberato il convento di San Bonaventura, fra qualche giorno dovrebbe si spera rivedere il cielo anche quello di San Sebastiano martire ed essere liberati gli antichi muri di epoca severiana e altri reperti romani dalla morsa del palco. Fa piacere sentire nell’antica chiesa, per mesi invasa dalla musica e dalle luci da discoteca dello spettacolo, risuonare i cori celestiali delle monache e le preghiere. Oggi era piena di turisti che assistevano alla funzione religiosa. Rimane la preoccupazione per eventuali danni ai reperti archeologici sottostanti alle pesanti strutture. Ora la Procura potrebbe verificare come avevo chiesto nel mio esposto.”

FONTE | SOURCE:

– Nathalie Naim | FACEBOOK (09/10/2017).

rl1

2). Roma, Divo Nerone all’ultimo atto: il palco del musical da smontare – La direzione del Parco del Colosseo chiederà alla produzione di smantellare la struttura sul Palatino. “Se non lo fanno, provvederemo noi in danno”. Entro il 5 settembre la decisione. LA REPUBBLICA (02/09/2017).

lr 2

FONTE | SOURCE:

LA REPUBBLICA (02/09/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/09/01/news/roma_divo_nerone_all_ultimo_atto_il_palco_da_smontare-174404952/?

s.v.,

-ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – il botteghino dello show Divo Nerone, costruito sulla Via Sacra davanti al Colosseo, Nathalie Naim | FACEBOOK (13/06/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: L’OPERA DEGLI SCANDALI Divo Nerone parking (nel parco del Palatino) e flop dei biglietti venduti, Nathalie Naim | FACEBOOK & CORREIRE DELLA SERA (10/06/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA di DARIO FRANCESHINI | MIBACT – Roma, Nerone canta e balla in inglese: la platea resta vuota, LA REPUBBLICA (09/06/2017) & Il Disastro di Divo Nerone…Trash! ROLLING STONE (07/06/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: «Divo Nerone» al Palatino, Porca di una miseria zozza! Ma è mai possibile? Ma dove l’hanno trovato ‘sto sovrintendente? Al supermercato? FOTO: Nathalie Naim | FACEBOOK (06/06/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: IL MUSICAL «Divo Nerone» al Palatino, anteprima tra caos, file impossibili e proteste. CORRIERE DELLA SERA (07/06/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma di Nero & Dario Franceschini | MIABCT: “Qualis artifex pereo” | “Quale artista muore con me”. Se a Roma lo spirito di un Nerone redivivo aleggiasse oggi sulle rovine del Palatino, LA REPUBBLICA (10/06/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA. Dario Franceschini | MIBACT & Emperor Octopus ‘Nerone’ Grabus: Nerone al Palatino, una follia con i soldi pubblici. CORRIERE DELLA SERA (23/05/2017).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2017/06/13/roma-archeologia-e-restauro-architettura-roma-il-botteghino-dello-show-divo-nerone-costruito-sulla-via-sacra-davanti-al-colosseo-nathalie-naim-facebook-13062017/

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Nuovo progetto italo-danese di scavi archeologici nel Foro di Cesare. Ambasciata di Danimarca in Italia | FACEBOOK (06/10/2017). Foto | Pianta di Dr. Arch. Barbara Baldrati, Roma (2003).

3635608017_21598b51b5_o

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Nuovo progetto italo-danese di scavi archeologici nel Foro di Cesare. Ambasciata di Danimarca in Italia | FACEBOOK (06/10/2017). Foto | Pianta di Dr. Arch. Barbara Baldrati, Roma (2003).

Nuovo progetto italo-danese di scavi archeologici nel Foro di Cesare: (1).

Durante la sua visita a Roma in Ottobre, Sua Maestà la Regina di Danimarca visiterà un nuovo progetto italo-danese di scavi nel #ForoCesare. I nuovi scavi è una collaborazione tra l’Accademia di Danimarca a Roma e la Sovrintendenza di Roma e sono resi possibili grazie ad una donazione della Fondazione Carlsberg. Gli scavi hanno una durata di tre anni e si aspetta di trovare, tra le altre cose, alcune tombe preistoriche e in particolare dei resti del Tempio di Venere Genitrice, la progenitrice della gens Iulia, alla quale Cesare apparteneva.

FONTE | SOURCE:

— Ambasciata di Danimarca in Italia | FACEBOOK (06/10/2017).

https://www.facebook.com/AmbRoma/

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROME – THE IMPERIAL FORA: FORUM OF CAESAR – DR. ARCH. BARBARA BALDRATI: CAESAR’S FORUM – ARCHITECTURAL SURVEY / AutoCAD design (2003). © Tutti i diritti riservati 2009 [& 2017].

ROME - THE IMPERIAL FORA: FORUM OF CAESAR - ARCH. BARBARA BALDRATI: CAESAR'S FORUM - ARCHITECTURAL SURVEY / AutoCAD design (2003). © Tutti i diritti riservati 2009.

1). Sua Maestà la Regina di Danimarca Margrethe II visita Roma. L’AMBASCIATA DI DANIMARCA IN ITALIA. (22/09/2017).

Durante la visita di Sua Maestà la Regina, a Roma dal 26 al 29 ottobre, sono previste la celebrazione dei 50 anni dell’edificio dell’Accademia di Danimarca a Roma e l’apertura di nuovi scavi archeologici al Foro Romano.

Nell’autunno del 2017 l’Accademia di Danimarca inaugurerà un progetto di scavi nel Foro di Cesare, situato nella zona nord-orientale dell’area archeologica del Foro Romano. Questi scavi archeologici, possibili grazie ad una donazione della Fondazione Carlsberg, saranno tra i più prestigiosi a cui abbiano preso parte archeologi danesi. A Sua Maestà la Regina sarà presentato il progetto, che ha una durata prevista di tre anni. Gli scavi verranno inaugurati in contemporanea con le celebrazioni promosse dall’Accademia di Danimarca per i 50 anni della costruzione dell’edificio in cui l’istituto ha sede: una struttura, disegnata dall’architetto danese Kay Fisker, dalla forte valenza iconica. Nel suo ruolo di patrocinante, la Regina parteciperà alla cerimonia, durante la quale assegnerà il “Premio S.M. Regina Margrethe”, premio istituito dalla Fondazione Carlsberg nel 2015 in occasione del 75.mo compleanno di Sua Maestà la Regina. Scopo del premio è consolidare e onorare le ricerche fatte all’Accademia di Danimarca o in collaborazione con essa.

Durante la sua visita a Roma, Sua Maestà la Regina sarà ricevuta a pranzo al Quirinale dal Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella. Visiterà, inoltre, alcuni monumenti selezionati di Roma, tra cui la Domus Aurea.

Oltre a ciò, la Regina tornerà all’antico paesaggio dell’Etruria per visitare la città di Tarquinia, annoverata nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. In Etruria, alla fine degli anni ’50, da giovane principessa, la Regina, insieme a suo nonno Gustavo VI Adolfo Re di Svezia, si dedicò agli scavi archeologici. Il Re e la Principessa condividevano, infatti, l’interesse per l’archeologia e durante la sua visita in Italia in ottobre, Sua Maestà la Regina avrà la possibilità di osservare più da vicino reperti provenienti da scavi antichi e recenti.

Ci sarà la possibilità per la stampa di seguire parti della visita di Sua Maestà la Regina a Roma. Gli addetti stampa che desiderino essere accreditati sono pregati di inviare una mail con informazioni rilevanti a romamb@um.dk entro martedì 15 ottobre.

FONTE | SOURCE:

— L’AMBASCIATA DI DANIMARCA IN ITALIA. (22/09/2017).

http://italien.um.dk/it/Notizie/newsdisplaypage/?newsID=15EF0C7D-7C2C-442A-975C-C0A1AD9E573C

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Amsterdam: stop immediato al turismo di massa in centro, IL MESSAGGERO (06/10/2017).

130716150648-amsterdam-red-light

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Amsterdam: stop immediato al turismo di massa in centro, IL MESSAGGERO (06/10/2017).

_________________________________________________________________________________

Nota: “Noi cuciniamo con gli ingredienti che abbiamo”, dice la Raggi alla giornalista del New York Times, riferendosi ai funzionari che ha trovato in Comune di Roma. (…) L’articolo si chiude con un’ultima dichiarazione del sindaco: “Roma non sarà mai come Amsterdam, piena di bici, o Parigi, piena di linee del metrò, Ma possiamo migliorare, e noi miglioreremo. La gente deve solo avere pazienza”.

Sindaco Virgina Raggi, in: La Repubblica (22/03/2017) (1). = The New York Times (22/03/2017). (2).

__________________________________________________________________________________

Amsterdam dice stop al turismo di massa che invade il centro città di negozi e fast food per turisti. A partire da oggi nelle vie centrali di Amsterdam è vietata l’apertura di nuovi spazi commerciali turistici, dai venditori di souvenir alle bici a noleggio sino ai rivenditori di gelati, ciambelle, wafel, formaggi e minimarket. E anche di “finti” musei di birra, erotismo, cannabis e così via. È la decisione, con effetto immediato, presa oggi stesso dal comune della città olandese, che vuole restituire il centro storico ai suoi abitanti a fronte di 7,3 milioni di visitatori nel 2016.

«I turisti sono molto benvenuti, ma vogliamo evitare che il turismo di massa prenda il sopravvento sulle nostre magnifiche strade, canali e quartieri», ha dichiarato il vicesindaco di Amsterdam Kasja Ollongren. «Vedo troppi negozi che offrono sempre più le stesse cose, prendendo unicamente di mira i turisti», per questo «la situazione richiede misure ferme», ha sottolineato ancora la responsabile politica. Secondo la stampa olandese, al momento sarebbero 280 le attività commerciali turistiche. Ed è quindi impedendo l’apertura di nuove che, ha spiegato Ollongren, «vogliamo assicurarci che il centro città resti attraente e vivibile per gli abitanti di Amsterdam».

Non è il primo provvedimento preso dall’amministrazione locale per decongestionare il centro di Amsterdam dai turisti. Sono infatti già stati vietati nuovi hotel nel centro storico e i privati che vogliono affittare ai turisti incluso Airbnb, hanno l’obbligo di notifica, mentre è già stato deciso lo stop ai giri in carrozza e il trasloco del molo per i battelli turistici. È inoltre in via di esame un sistema di licenze per lo sfruttamento commerciale dello spazio pubblico e delle visite guidate.

FONTE | SOURCE:

IL MESSAGGERO (06/10/2017).

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/amsterdam_turismo_divieto_centro-3283039.htm

_____________

1). Nyt sul Campidoglio: “Virginia Raggi, per molti dimostrazione che i nuovi politici italiani non sono meglio dei vecchi” La Repubblica (22/03/2017).

http://www.repubblica.it/politica/2017/03/22/news/raggi_sul_new_york_times-161111834/

2). Rome Defies New Anti-Establishment Mayor With the Same Old Problems. NYT (22/03/2017).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Ruth Ben-Ghiat, Why Are So Many Fascist Monuments Still Standing in Italy? THE NEW YORKER (5 October 2017).

Persistance-fascis-monuments-Italy-secondary

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Ruth Ben-Ghiat, Why Are So Many Fascist Monuments Still Standing in Italy? THE NEW YORKER (5 October 2017).
______________________________________________________________________________

Note: the comments by the Italian scholars cited directly here below were not part of the original NEW YORKER article. I am added them for the benefit of the American reader. But based on my experience in the study of the architecture and urbanism 1930s years Fascist era; too many American scholars have not studied or are not familiar with the history of modern urban planning in Rome (1800-1923). Because many of the Fascist era urban planning projects in Rome where planned and designed long before the Fascist era. Likewise, Mussolini’s Rome would have never came into being had it not been for the funding he received from American financial firms from the USA in the late 1920s. Furthermore, contemporary American scholars lack and understanding of importance of the history of Italian architectural restoration theory and practice that developed throughout Rome and Italy since the Renaissance onwards and up-to the early 1940s; i.e., Alberti to Prof. Arch. Gustavo Giovannoni… by M. G. Conde (07/10/2017).

— Nota: i commenti degli studiosi italiani citati direttamente qui di seguito non fanno parte dell’originale articolo di NEW YORKER. Li ho aggiunti a beneficio del lettore americano. Ma basandomi sulla mia esperienza nello studio dell’architettura e dell’urbanismo degli anni ’30 dell’era fascista; troppi studiosi americani non hanno studiato o non hanno familiarità con la storia della moderna urbanistica di Roma (1800-1923). Perché molti dei progetti di pianificazione urbanistica dell’epoca fascista a Roma sono stati progettati e progettati molto prima dell’era fascista. Allo stesso modo, la Roma di Mussolini non avrebbe mai avuto luogo se non fosse stato per i finanziamenti ricevuti da imprese finanziarie statunitensi dagli Stati Uniti alla fine degli anni ’20. Inoltre, gli studiosi contemporanei americani hanno la mancanza e la comprensione dell’importanza della storia della teoria e della pratica del restauro architettonico italiano che si sono sviluppate in tutta Roma e in Italia dal Rinascimento in poi e fino agli inizi degli anni ’40; cioè Alberti al Prof. Arch. Gustavo Giovannoni … di M. G. Conde (07/10/2017).

____________________

“When I was growing up, you weren’t allowed to like fascist architecture because it branded you a fascist.” But, she says, “at some point you have to let go and let the buildings be isolated from their political meaning.”

— Dr. Arch. Flavia Marcello, Rome, Italy in: “Rome – The Empire’s New Clothes.”
The Financial Times, London, U.K., 25 August 2007.

“Until recently one couldn‘t say that Fascist architecture was beautiful, otherwise he would be accused of saying Fascism as a whole was beautiful. Now we can say the battle is won.”

— Prof. Arch. Rossana Bossoglia, Rome (retired Prof. of Architecture History) (10/2003).

“Until the 1970s, it was simply considered a dark page in the history of Italian architecture. Today, after more than 50 years, we can look at things from a distance. Something of high-quality – even if it was born in a questionable period – can still be interesting.”

— Prof. Arch. Giorgio Muratore, Rome (Prof. of Architecture History at the “La Sapienza” University in Rome) (10/2003).

Prof. Arch. Rossana Bossoglia & Prof. Arch. Giorgio Muratore, in:

Alessandra Rizzo, “After Decades of Oblivion, Fascist architecture gains new favor,”
The Associated Press [online edition], Oct. 1, 2003.

“The polemic within architecture is a profoundly political polemic.”
Massimo Bontempelli, in:

“L’architettura come morale e politica,” (August 1933), in:
L’avventura novecentista, Florence: Vallecchi editore (1972), 477-478.

_________________________

‘More than any other historical city, Rome’s aggiornamento [= updating] was haunted by its own past; the ageless monuments and great inherited spaces that were at once a burden and a challenge to the architects and planners of the new capital. Roman urban history since 1870 would be meaningless freed from the context of its legendary heritage. To expose and exploit this heritage remained the urban policy through the early decades of Roma Capitale, and most emphatically so under the Fascist regime. “Surely, among the great expedients of Mussolini,” commented Baldini in 1932, “that of showing Rome to the Romans will remain one of the most memorable.” To the Romans … and to us. We do not recall enough that what we see and study the architectural history of Rome has been selected, cleaned up and staged for us by the planners and rulers of Third Rome. They were the ones who decided which past buildings were worthy of preservation, and which expendable for the sake of progress; how much of excavated antiquity would be retained for show, and how much quickly buried again under paving or new construction. To be a creditable student of Roman antiquity or the Middle Ages, or the Renaissance and Baroque, should presuppose solid familiarity with modern Rome, its city archives, contemporary newspapers, journals.’

Prof. Spiro Kostof ,
“The Third Rome: The Polemics of Architectural History,”
JSAH 33.3 (1973): 240.

Earlier in 1973, Prof. Kostof published the following work on the history of urban planning in Rome beginning in the later 19th century and up-to the mid-20th century = Prof. S. Kostof (ed.), The Third Rome: 1870-1950 – an Exhibition, University Art Museum, (Berkeley, Calif.) (March 28 – May 13, 1973), pp. 1-88; for excerpt of this exhibition catalogue, see: the entry in: “ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Arch. Spiro Kostof, The Third Rome: 1870-1950 – an Exhibition, University Art Museum, (Berkeley, Calif.) (March 28 – May 13, 1973), [PDF], pp. 1-88.” http://wp.me/pPRv6-32x

______________________________________________________________________________

Ruth Ben-Ghiat, Why Are So Many Fascist Monuments Still Standing in Italy? THE NEW YORKER (5 October 2017).

In the late nineteen-thirties, as Benito Mussolini was preparing to host the 1942 World’s Fair, in Rome, he oversaw the construction of a new neighborhood, Esposizione Universale Roma, in the southwest of the city, to showcase Italy’s renewed imperial grandeur. The centerpiece of the district was the Palazzo della Civiltà Italiana, a sleek rectangular marvel with a façade of abstract arches and rows of neoclassical statues lining its base. In the end, the fair was cancelled because of the war, but the palazzo, known as the Square Colosseum, still stands in Rome today, its exterior engraved with a phrase from Mussolini’s speech, in 1935, announcing the invasion of Ethiopia, in which he described Italians as “a people of poets, artists, heroes, saints, thinkers, scientists, navigators, and transmigrants.” The invasion, and the bloody occupation that followed, would later lead to war-crimes charges against the Italian government. The building is, in other words, a relic of abhorrent Fascist aggression. Yet, far from being shunned, it is celebrated in Italy as a modernist icon. In 2004, the state recognized the palazzo as a site of “cultural interest.” In 2010, a partial restoration was completed, and five years later the fashion house Fendi moved its global headquarters there.

Italy, the first Fascist state, has had a long relationship with right-wing politics; with the election of Silvio Berlusconi, in 1994, the country also became the first to bring a neo-Fascist party to power, as part of Berlusconi’s center-right coalition.* But this alone is not enough to explain Italians’ comfort with living amid Fascist symbols. Italy was, after all, home to Western Europe’s biggest anti-Fascist resistance and its most robust postwar Communist Party. Until 2008, center-left coalitions maintained that legacy, often getting more than forty per cent of the vote in elections. So why is it that, as the United States has engaged in a contentious process of dismantling monuments to its Confederate past, and France has rid itself of all streets named after the Nazi collaborationist leader Marshall Pétain, Italy has allowed its Fascist monuments to survive unquestioned?

The sheer number of relics is one reason. When Mussolini came to power, in 1922, he was leading a new movement in a country with a formidable cultural patrimony, and he knew that he needed a multitude of markers to imprint the Fascist ideology on the landscape. Public projects, such as the Foro Mussolini sports complex, in Rome, were meant to rival those of the Medici and the Vatican, while the likeness of Il Duce, as Mussolini was known, watched over Italians in the form of statues, photographs in offices, posters at tram stops, and even prints on bathing suits. It was easy to feel, as Italo Calvino did, that Fascism had colonized Italy’s public realm. “I spent the first twenty years of my life with Mussolini’s face always in view,” the writer recalled.

In Germany, a law enacted in 1949 against Nazi apologism, which banned Hitler salutes and other public rituals, facilitated the suppression of Third Reich symbols. Italy underwent no comparable program of reëducation. Ridding Italy of thousands of Fascist memorials would have been impractical, and politically imprudent, for the Allied forces whose priority was to stabilize the volatile country and limit the power of its growing Communist Party. After the war, the Allied Control Commission’s bulletins and reports instead recommended that only the most obvious and “unaesthetic” monuments and decorations, like busts of Mussolini, be destroyed; the rest could be moved to museums, or simply be covered up with cloth and plywood. This approach set a precedent. The 1953 Scelba Law was designed to block the reconstitution of the Fascist Party and was famously vague about everything else. The ruling Christian Democratic bloc, which included many former Fascists, did not see the regime’s copious material remains as a problem, and so a more proactive policy was never put in place.

This means that, when Berlusconi brought the right-wing Italian Social Movement Party to power, his rehabilitation of Fascism was aided by an existing network of pilgrimage sites and monuments. Most notable was Predappio, Mussolini’s birthplace, where his burial crypt is situated and where shops sell Fascist and Nazi-themed shirts and other merchandise. The Mancino Law, passed in 1993, had responded to the resurgent right by sanctioning the propagation of “racial and ethnic hatred,” but it was unevenly enforced. I was living in Rome on a Fulbright fellowship in 1994, and was jolted awake more than once by shouts of “Heil Hitler!” and “Viva il Duce!” coming from a nearby pub. In the aughts, as Berlusconi cycled in and out of office, sites like Predappio surged in popularity, and preservationists of all political stripes forged alliances with the empowered right to save the Fascist monuments, which were increasingly seen as an integral part of Italy’s cultural heritage. The Foro Mussolini, like the “Square Colosseum,” is a subject of special admiration. In 2014, Matteo Renzi, the center-left Prime Minister, announced Rome’s bid for the 2024 Olympics inside the complex, which is now known as the Foro Italico, standing in front of “The Apotheosis of Fascism,” a painting that was covered up by the Allies, in 1944, because it depicts Il Duce as a God-like figure. It would be hard to imagine Angela Merkel standing in front of a painting of Hitler on a similar occasion.

In recent years, there have been some halting efforts to examine Italy’s relationship to Fascist symbols. In 2012, Ettore Viri, the right-wing mayor of Affile, included a memorial to General Rodolfo Graziani, a Nazi collaborator and an accused war criminal, in a park built with funds approved by the center-left regional government. After a public outcry, the government rescinded the funds. Recently, Viri was charged with Fascist apologism, but the memorial remains in place.

In Predappio, a new Museum of Fascism is currently under construction. Some see the museum, which is modelled on Munich’s Documentation Center for the History of National Socialism, as a much needed exercise in public education. (In 2016, I was a member of the international committee of historians that convened in Italy to evaluate the project.) Others fear that its location in Mussolini’s home town means that it will further fuel rightist nostalgia. Laura Boldrini, the president of the lower house of parliament, has been lobbying for the removal of Italy’s most egregious Fascist remnants. Her proposal, in 2015, to remove an inscription of Mussolini’s name from the Foro Italico’s obelisk prompted outcries that a “masterpiece” would be defamed.

Boldrini has often pointed to the outlawing of Nazi symbols in Germany as an example for Italy to follow. But even that model might soon be tested. In a strong showing in the elections on September 24th, the Alternative for Germany became the first far-right party to win seats in the German parliament since 1945. The right wing in Germany, lacking the benefit of emotionally charged public monuments, has been orchestrating its gatherings around fringe events such as “right rock” music concerts. Yet, at AfD events, such as a march earlier in September, in Jena, Nazi chants have begun to resound. Unless the Party takes a hard line against Fascist symbols, it’s only a matter of time, one imagines, before they reappear. In Italy, where they never went away, the risk is different: if monuments are treated merely as depoliticized aesthetic objects, then the far right can harness the ugly ideology while everyone else becomes inured. One doubts that Fendi’s employees fret about the Fascist origins of the Palazzo della Civiltà Italiana as they arrive at work each morning, their stilettos tapping on floors made of travertine and marble, the regime’s preferred materials. As Rosalia Vittorini, the head of Italy’s chapter of the preservationist organization docomomo, once said when asked how Italians feel about living among relics of dictatorship: “Why do you think they think anything at all about it?”

FONTE | SOURCE:

— THE NEW YORKER (5 October 2017).
https://www.newyorker.com/culture/culture-desk/why-are-so-many-fascist-monuments-still-standing-in-italy/amp

 

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, riapre il mercato di Campagna Amica al Circo Massimo, LA REPUBBLICA (06/10/2017).

131544352-af2c74e8-fcc4-4182-b0d0-2be9fb077bab

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, riapre il mercato di Campagna Amica al Circo Massimo, LA REPUBBLICA (06/10/2017).

Frutta, verdura, enogastronomia ma soprattutto tradizioni del territorio, direttamente dal produttore – contadini, allevatori e pastori – al consumatore. Dopo otto di mesi di chiusura per la pubblicazione del bando di gestione, riapre oggi il mercato del contadino in via San Teodoro 74, al Circo Massimo. Sarà gestito per tre anni dal Raggruppamento di Imprese di Campagna Amica per il Circo Massimo che ha vinto il bando, come già faceva dal 2012 ma solo sulla scorta di un protocollo d’intesa. Al fianco delle 68 aziende agricole, 12 in più rispetto al passato, sono presenti imprese dei territori di Lazio, Umbria, Abruzzo e Marche colpiti dal terremoto l’anno scorso. All’inaugurazione presenti tra gli altri, il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, il presidente della Coldiretti Lazio e Roma David Granieri e la sindaca Virginia Raggi. Il mercato si svolgerà con cadenza settimanale, ogni sabato e domenica (8-15 orario invernale, da 1 novembre al 30 aprile; 8-19 orario estivo dal 1 maggio al 31 ottobre) tutto l’anno e nelle giornate di festività tradizionali nazionali e locali.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (06/10/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/10/06/foto/mercato_san_teodoro-177522573/1/#1

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: “Viaggi nei Fori” – I Fori Imperiali in: In viaggio nel tempo e nello spazio nella storia di Roma con Paco Lanciano. LA REPUBBLICA (05/09/2017).

143247390-edcf9cb5-6e96-434c-a66e-c645091e3279

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: “Viaggi nei Fori” – I Fori Imperiali in: In viaggio nel tempo e nello spazio nella storia di Roma con Paco Lanciano. LA REPUBBLICA (05/09/2017).

143248285-1c1fdd34-fc3c-4a1c-bd86-d44cc8398031

Un viaggio nella città di Roma attraverso lo spazio e il tempo. “Welcome to Rome” è un viaggio multimediale che offre l’indice di una visita della città comprendendola dalle origini attraverso i secoli. Gli spazi del Cinema Augustus in Corso Vittorio Emanuele II 203 – tra Largo Argentina, Piazza Navona e piazza della Chiesa Nuova – tornano ad essere crocevia di un viaggio per gli occhi e la mente con un contributo filmato immersivo e usufruibile in otto lingue. Si parte dalla formazione geologica di travertino e tufo, si passa all’insediamento sul Palatino dove scorre il fiume Tevere e, attraverso l’espansione dell’Impero Romano, gli anni bui del Medioevo e la rinascita con il mecenatismo dei Papi e la rivalità “barocca” di Bernini e del Borromini si giunge fino ai giorni nostri. In piu’, quattro approfondimenti su diverse aree per comprenderne il lavoro di sovrapposizione e stratificazione nei secoli, come è accaduto alla Mole Adriana o Castel Sant’Angelo, o quello di sottrazione, che ha interessato il Foro Romano. Artefice di questo viaggio è Paco Lanciano, fisico e divulgatore scientifico che dal 1993 collabora con Piero Angela in trasmissioni televisive come Superquark, Quark Speciale, Viaggio nel cosmo e Il Pianeta dei dinosauri, per le quali ha ideato e realizzato oltre 250 dimostrazioni sperimentali in studio. Co-ideatore dell’esperienza virtuale del Viaggio nei Fori, ora Paco Lanciano intraprende quest’altro viaggio in quella che definisce “una sorta di macchina del tempo che aiuta tutti quelli che vengono a visitare Roma a costruirsi una mappa, un indice della citta’, e, aggiungo, un po’ aiuta anche i romani ad avere un atteggiamento un po’ più costruttivo nei confronti della propria citta'”.

FONTE | SOURCE: LA REPUBBLICA (05/09/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/10/05/foto/welcome_to_rome_in_viaggio_nel_tempo_e_nello_spazio_nella_storia_della_citta_-177439152/1/#1

VIDEO – LA REPUBBLICA (05/09/2017).
https://video.repubblica.it/edizione/roma/roma-un-viaggio-multimediale-in-una-storia-lunga-2700-anni/286479/287098