ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Giuseppe Marchetti-Longhi, “CIRCUS FLAMINIUS – NOTA DI TOPOGRAFIA DI ROMA ANTICA E MEDIOEVALE,” Memorie della Reale Accademia dei Lincei In 4°, 151 | Serie V – vol.16 – fasc.11 (1923), 621-770. [PDF, 1-51].

formaurbisromae-4-1

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Giuseppe Marchetti-Longhi, “CIRCUS FLAMINIUS – NOTA DI TOPOGRAFIA DI ROMA ANTICA E MEDIOEVALE,” Memorie della Reale Accademia dei Lincei In 4°, 151 | Serie V – vol.16 – fasc.11 (1923), 621-770. [PDF, 1-51].

GIUSEPPE MARCHETTI-LONGHI (1884-1979) è stato un grande e appassionato studioso della Roma antica e medievale, un archeologo per vocazione troppo spesso ingiustamente ignorato dai colleghi del suo tempo. Eppure è al suo nome che è indissolubilmente legata la più importante scoperta archeologica nella Roma del secolo scorso: i templi di Largo Argentina. Si tratta di un evento archeologico che supera di gran lunga tutti gli altri che hanno segnata l’archeologia romana negli ultimi cento anni. Mentre infatti le altre scoperte sono state circoscritte a luoghi o edifici singoli e hanno portato alla luce per lo più quanto era già noto dalla letteratura o da scavi parziali precedenti, l’esistenza dei quattro templi di Largo Argentina erano del tutto ignorata (eccetto per i resti del c.d. Tempio A sotto la chiesa di S. Nicola), tanto è vero che ancora oggi nessuna delle tesi avanzate dai vari archeologi circa la dedicazione dei quattro templi ha potuto trovare una conferma certa e inoppugnabile. L’importanza della scoperta è poi ulteriormente notevole in quanto trattasi di templi di età repubblicana (seppure restaurati sotto Domiziano dopo un incendio), una rarità a Roma, dove i resti antichi sono per la maggior parte di età imperiale.
Intendo ampliare questo argomento sul mio blog, invitando nel contempo a partecipare quanti sono interessati ad esso. Intanto, per consentire a tutti di individuare meglio l’attività di Marchetti-Longhi, riporto qui di seguito la bibliografia degli scritti sia suoi che di altri sull’argomento, rimandando – per quanto riguarda una sua succinta biografia – al Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 69 (2007).

— Dott. Giuseppe Marchetti-Longhi, “CIRCUS FLAMINIUS – NOTA DI TOPOGRAFIA DI ROMA ANTICA E MEDIOEVALE,” Memorie della Reale Accademia dei Lincei In 4°, 151 | medievale. Serie V – vol.16 – fasc.11 (1923), 621-770. [PDF, 1-51].

http://www.tpsalomonreinach.mom.fr/Reinach/MOM_TP_072957/MOM_TP_072957_0001/PDF/MOM_TP_072957_0001.pdf

FONTE | SOURCE:

AA.VV., Accès au corpus des tirés-à-part numérisés de Salomon Reinach. Dépôt de la Maison de l’Orient et de la Méditerranée (MOM)(2012 [2017]).

http://www.tpsalomonreinach.mom.fr/

torre_argentina_historic_photo_01

s.v.,

— AA.VV., Giuseppe Marchetti-Longhi, La Voragine Insigne – Indice | Biografia di Giuseppe Marchetti-Longhi | La Voragine Insigne: storia dello scavo dell’Area Sacra di Largo Argentina, Roma. WORDPRESS (02/2012).

https://lavoragineinsigne.wordpress.com/2012/02/19/la-voragine-insigne-indice/

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: GIORGIO FILIPPI & PAOLO LIVERANI, UN NUOVO FRAMMENTO DELLA FORMA URBIS CON IL CIRCUS FLAMINIUS, RendPontAcc., 87, (2014-2015), [pdf] 69-88 & LA MESSAGGERO (22|05|2014), 1 & 47.

ROMA – È stato presentato il 25 febbraio 2016 all’Auditorium del Museo dell’Ara Pacis, dove rimarrà in esposizione fino al 17 marzo, un nuovo preziosissimo frammento della Forma Urbis severiana, la grande planimetria di Roma antica incisa su lastre di marmo tra il 203 e il 211 d.C.

Il nuovo tassello è stato scoperto nell’ambito di lavori all’interno di Palazzo Maffei Marescotti in via della Pigna, di proprietà della Santa Sede. Questo nuovo frammento va ad incastonarsi nel complesso mosaico che illustra la topografia di Roma Antica in particolare dell’area del Ghetto e del Teatro Marcello. Sul nuovo frammento sono infatti riportate alcune lettere che completano la scritta «Circus Flaminius». Dal 1562 sono stai rinvenuti oltre 1200 i pezzi appartenenti alla celebre pianta. Di questi però solo 200 sono stati identificati e ricollocati nella topografia moderna. Si tratta di circa un decimo del totale della pianta di Roma Antica, che era esposta sulla parete di un’aula nel Foro della Pace e che fu in seguito inglobata dal complesso dei SS. Cosma e Damiano.

http://wp.me/pPRv6-3EZ

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Lo scandalo dell’Affittopoli romana arriva sul NyTimes. Che esalta il ruolo di Tronca e pone dubbi sul futuro. the NYT (28/04/2016 ); L’HUFFINGTON POST (29/04/2016) & IL TEMPO (30/04/2016).

ftcasamalta

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Lo scandalo dell’Affittopoli romana arriva sul NyTimes. Che esalta il ruolo di Tronca e pone dubbi sul futuro. the NYT (28/04/2016 ); L’HUFFINGTON POST (29/04/2016) & IL TEMPO (30/04/2016).

“…Lo scandalo degli affitti a Roma arriva sul New York Times, in un articolo dedicato agli sforzi del commissario straordinario Francesco Paolo Tronca per portare alla luce il malcostume dell’Affittopoli capitolina. Jim Yardley, l’autore dell’articolo, riconosce allo staff di Tronca il merito di aver “scoperto” migliaia di documenti sulle case di proprietà del Comune “lasciati a marcire dai sindaci precedenti”.

1). ROME – In Rome, Cheap Public Housing Hid for Years in Plain Sight, THE NEW YORK TIMES (28/04/2016).

____

FOTO (NYT): tourists outside an ancient building near Trajan’s Forum in Rome. A charitable group rents the building for one euro a month. Credit Uriel Sinai for The New York Times (28/04/2016).
____

ROME — Back in 2004, Elio Ciampanella was evicted from his apartment of three decades. He found housing as a live-in caregiver to a disabled child but still wanted a place of his own. So he applied for an apartment in Rome’s public housing. And he waited.

More than a decade passed.

Then, in February, an apartment in the Testaccio neighborhood finally became available. In fact, Mr. Ciampanella, 75, unexpectedly had his choice of several apartments. His tale might be considered one of patience rewarded, but there was a twist: It turned out Rome’s municipal government never really had a shortage of properties.

Instead, the government actually owned so many thousands of apartments and buildings that no one was quite certain how many there were, who lived in them or where they were. That was, until staff members for Rome’s new interim administrator, Francesco Paolo Tronca, discovered nine boxes containing roughly 1,200 case files left languishing by past mayors.

What quickly became clear was that most of the apartments had been rented for years — in some cases, decades — for as little as 10 euros per month.

Some of the sweetheart deals were for charities, sports centers or embassies. Other apartments were supposed to go to low-income tenants but had been doled out by past administrations in a political spoils system that rewarded voting blocs of city workers, union members or just cronies.

“You know Italians,” Mr. Ciampanella joked as he gave a tour of his apartment recently. “If there is a law, they will try to find ways to go around it!”

Rome is the eternal city, suffused in a perfect light, overflowing with heartbreaking beauty. So stipulated. But as far as civic governance goes, it has long been regarded as an unruly mess. The continuing Mafia Capitale case revealed how organized crime has infiltrated everything from city garbage contracts to shelters for migrants.

Unrelated to that scandal, the center-left mayor, Ignazio Marino (an Italian-born, American-trained surgeon who won election in 2013 on an outsider campaign), resigned in October amid public anger over laggard services and irregularities in his expense account.

Prime Minister Matteo Renzi appointed an administrator to run the city until voters elect a new mayor in June. In a pointed jab at the Roman political class, Mr. Renzi found his man in Milan: the Italian business capital, known for its better governance.

Enter Mr. Tronca, a taciturn Sicilian who is one of the people credited with the smooth operation of the Expo World Fair last year in Milan.

In Rome, Mr. Tronca inherited the mayor’s elegant office, with a balcony overlooking the ruins of the Roman Forum. But he was presumed to be a placeholder figure, given his short-term tenure.

Instead, he shook things up. After the housing files were discovered, a cross-departmental technical team began trying to figure out under which contracts the city rented the buildings, who was using them and how much they were paying.

Eventually, Mr. Tronca’s staff concluded that the city owned more than 500 apartments and buildings in the historic center that needed to be scrutinized. Citywide, the figure was presumed to be in the thousands.

The rental scandal hit the local news media in February, and Mr. Tronca’s team began evicting egregious violators. One man earning 700,000 euros a year (about $790,000) was discovered to be living in an apartment intended for low-income tenants like Mr. Ciampanella. Evictions will continue, though the longer-term question is what will happen after the June elections, when Mr. Tronca is gone.

“I’m aware that I can only do a small part of the work that should have been done,” Mr. Tronca said in a recent interview, adding that he was trying to build an effective asset management system that the next mayor could use “to complete the journey that we began and not stop.”

Marco Damilano, an author and political commentator in Rome, said the rental scandal reflected a patronage system rooted in Roman political culture for centuries.

“The Roman political class has never managed or directed the city for the common good,” Mr. Damilano said. “It has always responded to the interests of unions, lobbyists and parties.”

Some say it is unfair to make blanket condemnations.

The Sovereign Order of Malta, a charitable group, has enjoyed seemingly the cushiest deal, renting an ancient building overlooking Trajan’s Forum for a mere one euro per month.

Mauro Casinghini, director of the group’s Italian relief corps, which helps rescue migrants, said the municipal government had signed a contract for that amount after World War II. He said that Benito Mussolini’s Fascists had seized the property in the 1930s and that the rental deal was a recognition that the property rightfully belonged to the charitable order.

“They decided to give it back to us,” Mr. Casinghini said, noting that annual maintenance costs could reach 25,000 euros, or about $28,000.

Stefano Guidoni, a photographer, lives with his wife, child and widowed mother in a small apartment near the Colosseum that his father received nearly 40 years ago. His father was a mechanic who worked on vehicles at City Hall, and the apartment was part of his compensation. Today, the family pays about 140 euros a month.

“The problem is not the people who live here,” Mr. Guidoni said. “The problem is the administration. They give you an apartment and they forget about you. Then they wake up and make a fuss about it.”

One of the most embarrassing fusses has involved a local branch of the Democratic Party, the center-left party of the prime minister.

The party’s two-room office in central Rome, on Via dei Giubbonari, was a political clubhouse for the Fascists until it was turned over to Italy’s Communist Party after World War II. As leftist parties rose, fell and combined over the years, the building eventually went to the Democratic Party.

In 1986, Rome’s mayor raised the rent to the equivalent today of 1,200 euros a month. Outraged and arguing that the commercial value of the location was far less, the party instead paid 120 euros per month for 30 years. Italian newspapers have calculated that it may owe 180,000 euros in unpaid rent.

“In 30 years, we have always tried to have a discussion with the city, to negotiate the increase or even understand the legal terms,” said Giulia Urso, secretary of the local branch. “But there was like a wall, regardless of the cabinet or the mayor.”

Ms. Urso added: “It was not just us. It was a whole system that no one wanted to uncover.”

At least one person is quite happy that the system has been uncovered. Mr. Ciampanella said his new neighborhood was a hotbed of fans of Rome’s professional soccer team. He said he did not even need to watch the match because every time the team scored a goal, he could hear the cheers ringing across the streets.

“When Rome scores a goal, even if you are asleep, you’ll know,” he said. And, he added, that is fine by him. He is very pleased with his new home. “A lot of suffering paid off in the end,” he said.

FONTE | SOURCE:

— THE NEW YORK TIMES (28/04/2016).

2). ROMA – Lo scandalo dell’Affittopoli romana arriva sul NyTimes. Che esalta il ruolo di Tronca e pone dubbi sul futuro, L’HUFFINGTON POST (29/04/2016).

Lo scandalo degli affitti a Roma arriva sul New York Times, in un articolo dedicato agli sforzi del commissario straordinario Francesco Paolo Tronca per portare alla luce il malcostume dell’Affittopoli capitolina. Jim Yardley, l’autore dell’articolo, riconosce allo staff di Tronca il merito di aver “scoperto” migliaia di documenti sulle case di proprietà del Comune “lasciati a marcire dai sindaci precedenti”.

“Presto divenne chiaro che molti di quegli appartamenti erano stati affittati per anni – in alcuni casi per decenni – a 10 euro al mese”, scrive Yardle. In alcuni casi i beneficiari erano “organizzazioni di volontariato, centri sportivi o ambasciate”. “Altri appartamenti, in teoria destinati ad affittuari di basso reddito, erano stati distribuiti dalle passate amministrazioni in base a uno spoil system politico” concepito per premiare blocchi di elettori specifici, come i dipendenti comunali o i sindacati, o semplicemente “gli amici”.

Il NyTimes esalta il ruolo del commissario Tronca nel portare alla luce lo scandalo. E sottolinea il fatto che, scegliendo lui dopo le dimissioni del sindaco Ignazio Marino, il premier Matteo Renzi è andato a “pescare il suo uomo a Milano: la capitale italiana del business, conosciuta per il suo governo migliore”. Dando così un affondo tagliente alla classe politica romana.

“A Roma Mr Tronca ha ereditato l’elegante ufficio del sindaco, con un balcone che si affaccia sulle rovine del Foro Romano”, scrive il Times. “Da lui ci si aspettava un ruolo simbolico, data la brevità del suo mandato. Al contrario, ha dato una scossa alla situazione. Dopo la scoperta dei documenti, un team cross-dipartimentale ha iniziato a lavorare per capire sotto quali contratti, a chi e per quanti soldi il Comune stava affittando i suoi immobili. Alla fine lo staff di Tronca ha concluso che il Comune era in possesso di oltre 500 appartamenti e palazzi nel centro storico che dovevano essere controllati. In tutta la città la cifra era stimata in migliaia […]. Gli sfratti continueranno anche dopo che Tronca avrà lasciato il suo posto, ma la domanda a lungo termine è cosa succederà dopo le elezioni di giugno […]”.

FONTE | SOURCE:

— L’HUFFINGTON POST (29/04/2016).

http://www.huffingtonpost.it/2016/04/29/affittopoli-romana-nytimes_n_9804320.html

3). ROMA – Lo scandalo sbarca negli Usa. Nyt: “A Roma regalavano case” Il New York Times bacchetta i sindaci e premia Tronca IL LIBRO Favori agli amici dei politici Così è nata la nostra inchiesta, IL TEMPO (30/04/2016).

L’Affittopoli romana sbarca negli Stati Uniti d’America, nella Grande Mela, precisamente. Con tanto di elogi per Francesco Paolo Tronca e, soprattutto, di Matteo Renzi. Lo fa attraverso il corrispondente del New York Times nella Capitale, Jim Yardley, che ha raccontato lo scandalo amministrativo simbolo del 2015. L’articolo pubblicato nella sezione Europa sul sito dell’autorevole quotidiano stelle e strisce, esalta tra le altre cose il ruolo di Francesco Paolo Tronca, il commissario straordinario capitolino che ha dato una scossa alla situazione («he shook things up») e di fatto ha iniziato a rimettere in ordine il disastro scoperto da Il Tempo nel febbraio 2015, caos che la giunta guidata da Ignazio Marino non era stata in grado di sistemare nonostante qualche timido tentativo. dell’assessore Cattoi. Queste le parole spese dal giornalista americano sull’azione dell’ex prefetto di Milano: «A Roma Mr. Tronca ha ereditato l’elegante ufficio del sindaco – si legge – con un balcone che si affaccia sulle rovine del Foro Romano. Da lui ci si aspettava un ruolo simbolico, data la brevità del suo mandato. Al contrario, ha dato una scossa alla situazione». I complimenti a Tronca finiscono, tuttavia, per essere una specie di endorsement al premier Matteo Renzi, che secondo l’articolo «è andato a prendere il suo uomo a Milano: la capitale del business, conosciuta per il suo governo migliore». Una completa bocciatura per la politica romana, dopo che il 23 luglio 2015 lo stesso quotidiano newyorkese aveva stroncato l’azione dell’ex sindaco Ignazio Marino, evidenziando il degrado romano. E proprio a questo proposito, è eloquente la chiusa dell’articolo: «Ora gli sfratti continueranno – si legge – anche se la domanda a lungo termine è: cosa succederà dopo le elezioni di giugno?». Accadrà che il nostro quotidiano, che primo – e in solitaria – si è occupato dello scandalo dando vita all’inchiesta, continuerà a vigilare affinché la politica, e quindi il nuovo sindaco, porti avanti con la stessa determinazione il “repulisti” iniziato dal prefetto Tronca. Ecco, di seguto, la prefazione al libro “Affittopoli romana” del nostro Vincenzo Bisbiglia, che ripercorre le fasi salienti dell’indagine giornalistica.

FONTE | SOURCE:

— IL TEMPO (30/04/2016).

http://www.iltempo.it/roma-capitale/2016/04/30/gallery/lo-scandalo-sbarca-negli-usa-nyt-a-roma-regalavano-case-1008731/

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Virginia Raggi, Sindaca di Roma & Sgomberi Via del Colosseo 73: ecco come il Comune potrebbe insabbiare tutto. Il Primato Nazionale (08/02/2017).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Gossip sul sindaco Marino [DAJE – I Gansters dell’ via del Colosseo]: viene ad abitare in una casa del comune a via del Colosseo, ROMA CAPITALE NEWS (21|10|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: CAOS IMMOBILI A ROMA – Al Campidoglio basta un caffè Ecco la top 10 dei canoni ridicoli, IL TEMPO (08|02|2016 & 08|04|2015). Foto & La Nuova Affittopoli, LA REPUBBLICA (26|02|2011).

http://wp.me/pPRv6-3Ff

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Virginia Raggi, Sindaca di Roma & Sgomberi Via del Colosseo 73: ecco come il Comune potrebbe insabbiare tutto. Il Primato Nazionale (08/02/2017).

viacollo-1

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Virginia Raggi, Sindaca di Roma & Sgomberi Via del Colosseo 73: ecco come il Comune potrebbe insabbiare tutto. Il Primato Nazionale (08/02/2017).

Roma, 8 feb – “Invoco la vendetta divina su chi mi ha ridotto così senza alcuna pietà”. E’ lo sfogo della signora Laura (una delle signore con disabilità e che versa in stato di indigenza che è stata sgomberata dalla casa nella quale viveva da anni a Roma) affidato a Facebook qualche ora fa, ormai esasperata dopo essere stata ingiustamente sgomberata da casa sua a Via del Colosseo 73 e aver subito a partire dal 14 luglio scorso 2016 una vicenda personale veramente inquietante. Forse non a caso il suo nick name su Facebook è “Maga Magò” e si deve dire che dal giorno in cui è stata definitivamente buttata in strada dalle truppe inviate dal Sindaco Raggi e dal suo “Cerchio Magico”, il 29 settembre 2016, questa maledizione un qualche effetto lo abbia avuto.

La “Suburra” (in latino “Subura”, sub urbe) è una valle che dal Colle Esquilino digrada verso l’attuale parco archeologico romano, segue praticamente il percorso di Via Merulana fino a Largo Corrado Ricci da cui si vede a sinistra l’imponente mole del Colosseo, al centro i Fori Romani e a destra il colle del Campidoglio. Via del Colosseo è l’ultima traversa, un vicolo, prima di Via dei Fori Imperiali che separa la città dagli antichi ruderi. Già nell’antica Roma delle origini la Suburra era un quartiere malfamato e sottoproletario, tant’è che nell’età augustea si eresse un enorme muro ancora oggi in parte esistente per separare il quartiere dal Foro Romano nel frattempo diventato il centro politico, economico e sociale dell’antica Roma, mentre un parziale risanamento fu opera di Mecenate, il famoso protettore dei poeti e amico personale di Augusto, che nella parte alta della Suburra edificò il suo “Auditorium di Mecenate” che esiste ancora oggi. Con la caduta dell’Impero Romano Il Colosseo, il Foro e il Campidoglio vennero abbandonati (Roma passò da circa un milione e mezzo di abitanti, la più grande metropoli dell’antichità, a circa 20.000). Cominciavano i “secoli bui”, il Colosseo fu invaso dalla vegetazione e quasi scomparve alla vista, il Foro subì l’interramento e da suolo spuntavano tetre solo le colonne degli antichi templi. La Suburra subi la stessa sorte: gli antichi edifici popolari a più piani costruiti in legno crollarono, il legname di risulta fu usato per riedificare una sorta di baraccopoli, e in questa area ormai oscura e miserabile cominciarono a fiorire leggende.

La più importante e diffusa era quella che narrava della presenza di una Porta degli Inferi all’interno delle rovine del Colosseo, nascosta nell’intrico della vegetazione, e che questa fosse nota a Maghi e Fattucchiere della Suburra, e attraverso la quale entravano in contatto con le forze demoniache, e che da queste ricevevano poteri magici e ricette per preparare veleni con i quali si colpivano gli avversari e si risolvevano financo i contrasti familiari. Famosissima l’ “Acqua Tofana” che fu messa a punto nel 1600 dalla Fattucchiera di origine palermitana Giulia Tofana che vendendo questo veleno divenne famosa e ricchissima (una miscela di arsenico, piombo e belladonna. Veniva comunemente usata per “divorziare”). La ragione di questa “Porta degli Inferi” dentro al Colosseo risiedeva nel fatto che dal momento in cui l’arena era impregnata del sangue di decine di migliaia di persone morte in modo violento, dai gladiatori, ai condannati, fino alle stragi di Cristiani delle varie persecuzioni da Nerone a Diocleziano, tutta l’area si considerava invasa dai fantasmi di questi “perseguitati” che non trovavano pace, per cui il Demonio gli offriva una porta per gli inferi nel luogo del loro martirio. E forse proprio per questo fra il 1675 e il 1750 il Papa Clemente X e Benedetto XIV risanarono l’area decretando il Colosseo monumento cristiano ed edificando nuovi edifici, e infatti tutta Via del Colosseo risulta edificata nella seconda metà del 1600 (proprio ai tempi dell’Acqua Tofana) e comprende anche la Casa Generale dei Cistercensi Foglianti, un ordine religioso fondato in Francia nel 1098 (il ramo dei “Foglianti” si dedicava al recupero cristiano e alla vita monastica delle donne, sia nobili che popolane).

Maga Magò è stata indubbiamente “perseguitata”: dopo 29 anni in cui viveva in quella casa (chiariamolo, non era “abusiva”, le false accuse penali sono decadute in Procura) con un inganno è stata sbattuta in un campo Rom in cui resiste un mese e mezzo, dopo due ricoveri in ospedale (“stato generale gravissimo” recitano i referti medici) rientra a casa sua per salvarsi la vita. L’8 agosto 2016 ancora un inganno: la mandano al Camping Fabolous con la promessa di un bungalow che invece non c’è (lo aveva invece ottenuto uno dell’ISIS, a spese del Comune), rientra ancora a casa sua a Via del Colosseo e la denunciano per quattro reati, e infine il 29 agosto la buttano in mezzo alla strada con 60 Vigili Urbani “in armi” mandati dal Sindaco e dal suo ormai famoso “Raggio Magico” che ad agosto ancora è in carica, ma che subito dopo viene smantellato da dimissioni, polemiche, arresti, indagini in corso e polizze assicurative. Il vicesindaco, dimissionario; il Capo del personale, in galera; l’assicuratore indagato, la “Sindaca” in caduta libera nei sondaggi… e indagata. Che abbia avuto effetto la maledizione della Maga con vista sulla “Porta degli Inferi”? Non è che a questo punto al Raggio Magico piuttosto che gli avvocati difensori gli serve un Esorcista?

Nel frattempo la Maga continua la sua terribile odissea, entra e esce dagli ospedali con crisi ipertensive che degenerano in crisi cardiache, è ospite “a scadenza” in una organizzazione compassionevole, l’Assistente Sociale che gli invia il Comune le dice che “non ha diritto” all’assistenza pubblica (vive con 286 €/mese di pensione e pagava 117 €/mese di affitto per 29mq in una casa costruita nel 1600), che non possono mandarla nemmeno temporaneamente in una casa di riposo, e più la Maga si dispera e più quella infierisce, la vuole mandare in una RSA – Residenza Sanitaria Assistita, in manicomio. Se riescono a farla morire non rischiano che il Tribunale Civile a cui ci stiamo rivolgendo ordini di restituirgli la casa di cui ha “pieno titolo” perché le sue ragioni sono inappuntabili.

Se riescono a farla morire si supera sia il fatto che le accuse penali a suo carico, falsamente imbastite, siano decadute e si rende inefficace anche qualsiasi provvedimento di restituzione della casa da parte del Tribunale Civile, e quindi il suo sontuoso appartamento può essere passato a qualcuno che ci aveva messo gli occhi sopra, che lo ristruttura e lo trasforma in “grazioso loft con vista Porta degli Inferi” in cui poi qualche benestante riccone che se lo compra a quarantamila € ci può portare le mignotte (in romanesco si chiama “scortico”).

Nemmeno la Maga può sperare nella solidarietà dei media perché tutta l’operazione iniziò a febbraio 2016 proprio con una campagna stampa sui “furbetti del Colosseo” e quindi ora a scrivere che la Maga (e Massimo) stavano a casa loro, farebbero la figura dei fessi. Blasonatissimi, ma fessi. E poi dietro questa storia c’era un disegno mica da poco, nato prima ancora che la “Sindaca” fosse eletta (ma c’era già il Raggio Magico): Via del Colosseo era un test per dimostrare che “si poteva fare”, una volta mostrati i muscoli e date le botte sono uscite 500 lettere di sfratto (288 spedite), e poi un elenco di 60.000 contratti di affitto da “rivedere” mandandoli in Procura. Si potevano recuperare migliaia di appartamenti con quelli in zone di pregio per imbastirci saporiti business stile Mafia Capitale (rendono più della droga!) e quelli nei quartieri popolari per rimetterli in graduatoria e darli ai famosi migranti, bastava dichiarare i romani “abusivi” e usare la Procura per raggiungere rapidamente lo scopo. Per cui si capisce che se la Maga muore non avrà nemmeno un richiamo in Cronaca dai blasonatissimi Grandi Giornali.

Ma se muore, la Maga, avrà ben altri appoggi a sostenere le sue invocazioni al castigo divino, non ci sarà Esorcista che tenga. Sarebbe meglio restituirgli casa sua con tante scuse. Comunque noi che magari abbiamo la camicia nera, non la coscienza, li stiamo aiutando. Ora, l’istanza di restituzione al Tribunale Civile che ha giurisdizione sulle questioni amministrative, e poi richiesta di fare i contratti scritti come il Comune di Roma è impegnato a fare dal 15/06/2015, in base alla delibera 165 del 2014, applica tardivamente (16 anni!) il dettato della Legge 481/1998.
La legalità la facciamo rispettare noi, non le camicie bianche con le anime nere.

Fonte | source:

— Il Primato Nazionale (08/02/2017).

http://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/sgomberi-via-del-colosseo-ecco-come-il-comune-potrebbe-insabbiare-tutto-57234/

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Gossip sul sindaco Marino [DAJE – I Gansters dell’ via del Colosseo]: viene ad abitare in una casa del comune a via del Colosseo, ROMA CAPITALE NEWS (21|10|2014).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2014/10/23/roma-archeologia-e-restauro-architettura-gossip-sul-sindaco-marino-daje-i-gansters-dell-via-del-colosseo-viene-ad-abitare-in-una-casa-del-comune-a-via-del-colosseo-roma-capitale-news-21102/

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: CAOS IMMOBILI A ROMA – Al Campidoglio basta un caffè Ecco la top 10 dei canoni ridicoli, IL TEMPO (08|02|2016 & 08|04|2015). Foto: La Nuova Affittopoli, LA REPUBBLICA (26|02|2011).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: CAOS IMMOBILI A ROMA - Al Campidoglio basta un caffè Ecco la top 10 dei canoni ridicoli, IL TEMPO (08|02|2016 & 08|04|2015). Foto: La Nuova Affittopoli, LA REPUBBLICA (26|02|2011).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Samantha Floody, “Donald Trump and Benito Mussolini: Men Who Project Power Through Architecture.” Blog di Samantha Floody (03/02/2016).

tm1

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Samantha Floody, “Donald Trump and Benito Mussolini: Men Who Project Power Through Architecture.” Blog di Samantha Floody (03/02/2016).

ABSTRACT – If you are keeping up with politics and not the Kardashians as of late, then you probably know that Donald Trump quoted Mussolini (known as IL Duce) on Twitter, SCARY. Trump retweeted Mussolini’s quote from a parody account because he was taunted by Gawker (grow up?), the quote said, “It is better to live one day as a lion than 100 years as a sheep”. I understand the sentiment to attack life with the heart of a lion, but NO – Mussolini was a bad dude.

This isn’t the first time I have encountered the Trump/Mussolini comparison. Just this past December I presented my senior thesis, which focused on Fascist and Nazi architecture, and after my presentation one of the professors from the Art History Department said that Mussolini’s name placed all over his architectural projects reminded him of Trump’s bravado. This comment was funny because it was said by (what I am assuming) was a stereotypical liberal professor in front of my Republican parents. My parents did laugh because they are progressive Republicans and also see the humor in all things Trump-related. I mean it takes a real egomaniac to think that they can be the leader of a country, both sides of the political spectrum. But in this case, these two specific personalities take it to a whole new height, architecturally speaking.

FONTE | SOURCE:

Samantha Floody, “Donald Trump and Benito Mussolini: Men Who Project Power Through Architecture.” Blog di Samantha Floody (03/02/2016).

http://skfloody.wixsite.com/thekarefulkurator/single-post/2016/03/03/Donald-Trump-and-Benito-Mussolini-Men-Who-Project-Power-Through-Architecture

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: La Polemica – «L’architettura fascista è storia Assurdo demolire dei capolavori», CORRIERE DELLA SERA (19|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: La Polemica - «L’architettura fascista è storia  Assurdo demolire dei capolavori», CORRIERE DELLA SERA (19|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: GIORGIO FILIPPI & PAOLO LIVERANI, UN NUOVO FRAMMENTO DELLA FORMA URBIS CON IL CIRCUS FLAMINIUS, RendPontAcc., 87, (2014-2015), [pdf] 69-88 & LA MESSAGGERO (22|05|2014), 1 & 47.

ffucfROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: GIORGIO FILIPPI & PAOLO LIVERANI, UN NUOVO FRAMMENTO DELLA FORMA URBIS CON IL CIRCUS FLAMINIUS, RendPontAcc., 87, (2014-2015), [pdf] 69-88 & LA MESSAGGERO (22|05|2014), 1 & 47.

Abstract:

A new fragment of the Severan marble plan of Rome came to light during renovation work in a building of the Holy See. The fragment joins with fragment FUR 31ii, completes the caption Circus Flaminius and shows – among other new elements – a short section of the perimeter of the Marcellus Theatre. The new discovery allows a number of little corrections to the topography of the plate 31 of the FUR and to place more accurately the group of fragments of the Marcellus Theatre. As conclusion some considerations are discussed concerning the path of the Triumph across the Theatre.

FONTE| SOURCE:

— GIORGIO FILIPPI & PAOLO LIVERANI, UN NUOVO FRAMMENTO DELLA FORMA URBIS CON IL CIRCUS FLAMINIUS, Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia 87, 2014-2015, pp. 69-88

PAOLO LIVERANI [ACADEMIA.EDU] (2016-17).

https://www.academia.edu/23483153/Un_nuovo_frammento_della_Forma_Urbis_con_il_Circus_Flaminius

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: A new fragment of the “Forma Urbis Romae” discovered! BLOG of Roger Pearse (26|02|2016) | Foto: Sophie Hay, BSR (27|02|2016), & LA MESSAGGERO (22|05|2014), 1 & 47.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: A new fragment of the “Forma Urbis Romae” discovered! BLOG of Roger Pearse (26|02|2016) | Foto: Sophie Hay, BSR (27|02|2016), & LA MESSAGGERO (22|05|2014), pp. 1 & 47.

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2016/03/02/roma-archeologica-restauro-architettura-a-new-fragment-of-the-forma-urbis-romae-discovered-blog-of-roger-pearse-26022016-foto-sophie-hay-bsr-27022016-la-me/

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – Il nuovo frammento è relativo alla lastra 31 della Forma Urbis, che rappresenta l’odierna area del Ghetto, Museo dell’Ara Pacis, (25/02/2016).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2016/02/26/roma-archeologica-restauro-architettura-roma-il-nuovo-frammento-e-relativo-alla-lastra-31-della-forma-urbis-che-rappresenta-lodierna-area-del-ghetto-museo-dellara-pacis-25022/

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Sinagoga di Roma (1901) – Costruzione della Sinagoga (fondamenta), sulla sinistra il Tevere e Ponte Garibaldi. Fonte: Roma ieri oggi | FACEBOOK (20|11|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Sinagoga di Roma (1901) - Costruzione della Sinagoga (fondamenta), sulla sinistra il Tevere e Ponte Garibaldi. Fonte: Roma ieri oggi | FACEBOOK (20|11|2015).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Mayor Virgina Raggi – also probed over Romeo appointment – Rome Mayor under investigation over Marra too. ANSA | ITALY (08/02/2017) & THE NEW YORK TIMES (24/01/2017).

16602302_10154541485614825_1048209960648289599_o

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Mayor Virgina Raggi – also probed over Romeo appointment – Rome Mayor under investigation over Marra too. ANSA | ITALY (08/02/2017) & THE NEW YORK TIMES (24/01/2017).

1. (ANSA) – Rome, February 8 – Rome Mayor Virginia Raggi is under investigation in relation to the appointment of her former cabinet chief Salvatore Romeo, sources said.

Raggi is also being probed for for appointing Renato Marra, brother of her former personnel chief Raffaele Marra, as Rome tourist chief.

Marra was arrested in December in a separate corruption probe. Both Marra brothers have been sacked from their jobs.

Romeo quit his position after Raffaele Marra’s arrest. The case of life-insurance policies taken out by Romeo in which Raggi is the beneficiary has also hit the headlines, although prosecutors have ruled out any wrongdoing by the mayor over the latter.

FONTE | SOURCE:

— ANSA | ITALY (08/02/2017).

http://www.ansa.it/english/news/politics/2017/02/08/raggi-also-probed-over-raggi-appointment_cdc29bd1-9b50-415a-a245-b944904f0794.html

2. Rome Mayor Virginia Raggi rejects Berdini resignation – City planning chief allegedly chided mayor in denied interview. ANSA | ITALY (08/02/2017).

(ANSA) – Rome, February 8 – Rome Mayor Virginia Raggi on Wednesday rejected the resignation of city planning chief Paolo Berdini, saying he had “apologised” for a press interview criticising her, which he denied giving. “I rejected the resignation, with reservations, because Rome is facing complex issues, such as zoning plans and the (AS Roma) stadium,” she said.

“Berdini didn’t mean those words, he doesn’t think them. I was able to clear it up with him and he apologised.
“He was mortified for what he said.” Berdini had tendered his resignation after criticising Raggi in an interview with La Stampa, which he denied giving. “I reaffirm my esteem in Mayor Raggi and tender my resignation,” he said in a statement. In the interview, which was confirmed by La Stampa, Berdini allegedly called Raggi “unprepared” and said she had surrounded herself by a “gang” of allegedly incompetent officials. He also allegedly claimed she and her former cabinet chief Salvatore Romeo were “lovers, and ill-equipped” for their jobs. Raggi is being probed in two separate cases, over Romeo’s appointment and over the appointment of Renato Marra, brother of her ex-right-hand man Raffaele, as city tourism chief. Raffaele Marra was arrested in a separate corruption probe in December.

Raggi also took flak, but is not under investigation, after it emerged that Romeo, her former cabinet chief, made out two life assurance policies to her, months before getting his job.

FONTE | SOURCE:

— ANSA | ITALY (08/02/2017).

http://www.ansa.it/english/news/politics/2017/02/08/raggi-rejects-berdini-resignation-3_b5b0a810-a715-41a1-b948-92a67e8d037f.html

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italy Court Puts Rome’s 5-Star Mayor Virginia Raggi Under Investigation for Abuse of Office, THE NEW YORK TIMES (24/01/2017).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2017/02/05/roma-archeologia-e-restauro-architettura-italy-court-puts-romes-5-star-mayor-virginia-raggi-under-investigation-for-abuse-of-office-the-new-york-times-24012017/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Adriano La Regina, Anger over plans to ‘Disneyfy’ the Colosseum | Parco del Colosseo – Disneyland per il «valorizzatore» Franceschini. THE AUSTRALIAN (13/01/2017).

boni-foro-color

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Adriano La Regina, Anger over plans to ‘Disneyfy’ the Colosseum | Parco del Colosseo – Disneyland per il «valorizzatore» Franceschini. THE AUSTRALIAN (13/01/2017).

ROME – An international headhunt to find an archaeologist able to entice more tourists to the Colosseum, the Forum and Palatine Hill has prompted a furious reaction from critics who fear the sites will be “Disneyfied”.

The three sites, along with the Domus Aurea, Nero’s palace, will be turned over to the new manager by May as part of a government drive to shake up Italy’s dusty museums. Foreign talent has already been hired to run the Uffizi Gallery in Florence.

“The Colosseum, the Forum and the Palatine are together the most important urban archaeological site in the world and we are aiming for a top candidate; someone who knows Rome, archaeology and management. We will also consider Italians, but international experience is preferred,” said Dario Franceschini, the culture minister. The salary will be about 150,000 euros.

The Colosseum already crams in 6.5 million visitors a year, with long queues forming outside even in the low season, but Mr Franceschini expects the new manager to push ahead with more crowd-pleasing features – starting with a plan to resurface the arena to once again host events, albeit of the musical not gladiatorial kind. The authorities have already recreated one of the wooden lifts which used to hoist wild animals into the arena from the basement below.

“The whole area has huge potential, from plans to keep the Forum lit and open until midnight to the new restaurant built in a 17th-century building on the Palatine Hill which will give 360-degree views of the whole area and have no equal in the world,” Mr Franceschini said.

New directors hired in 2015 at museums across Italy have been given new powers to brighten up the institutions, which were often plagued by poor presentation and odd opening hours. “We have the best collections in the world, but we are now making up for lost time with new cafes, social media presence and the welcome we give.”

That has caused an outcry from Italian experts who believe that giving big museums financial autonomy has meant less funding trickling down for smaller, less-visited sites and for vital research.

The hiring of a new manager for the Colosseum brought particularly fierce criticism. “This is a serious mistake which accelerates the commercialisation of our heritage,” said Tomaso Montanari, a historian. Adriano La Regina, the head of Italy’s National Institute of Archaeology, added: “You cannot run archaeological heritage focusing only on tourism.”

Mr Franceschini said he was pushing ahead anyway. “A real reform will always provoke protest,” he said.

FONTE | SOURCE:

— THE AUSTRALIAN (13/01/2017).

http://www.theaustralian.com.au/news/world/the-times/anger-over-plans-to-disneyfy-the-colosseum/news-story/6ba8bad9baefe13b8e35fd148cf8e2d2

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA ARCHEO DISNEYLAND – UNA FLOP. Fonte Varii (2010-17).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/?s=disney+

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA-PARIGI – Accademie a confronto L’Accademia di San Luca e gli artisti francesi XXVII-XIX. Accademia Nazionale di San Luca, Roma (2016-17).

paris-roma-2016-2017

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA-PARIGI – Accademie a confronto L’Accademia di San Luca e gli artisti francesi XXVII-XIX. Accademia Nazionale di San Luca, Roma (2016-17).

Valeria Rotili, E.M. Falconet (copia da), Bagneuse, seconda metà XIX secolo, 276; in: “Scultura”, 273-293:

Questa rara scultura in biscuit, come registra l’Inventario del 1909 delle opere della galleria accademica, fu donata dal “signor Leygues”, da identificarsi con ogni probabilità con Georges Leygues, abile uomo politico e Presidente del Consiglio francese dal 1920 al 1921. Tra il 1894 e il 1895 e successivamente dal 1898 al 1902 fu due volte ministro “de l’Instruction publique et des Beaux- Arts” e soggiornò a Roma, come è testimoniato da alcune fotografie conservate nell’Archivio Primoli, che che mostrano il ministro in visita al Foro Romano con l’architetto Edmond Guillaume. Il biscuit fu donato dal ministro in occasione della sua visita all’Accademia di San Luca, come fa mostrano il ministro in visita al Foro Romano con l’architetto Edmond Guillaume. Il biscuit fu donato dal ministro in occasione della sua visita all’Accademia di San Luca, come fa supporre una minuta datata 7 maggio 1899 in cui Stefano Galletti, celebre scultore e presidente dell’Istituzione ringrazia della visita inviando una copia del catalogo della Biblioteca Sarti. Questa scultura in porcellana biscuit è tratta da un modello della celebre opera nota come la Bagneuse o Nynphe di Étienne-Maurice Falconet, rinomato scultore e scrittore d’arte, e rappresenta una giovane donna mentre abbandona con grazia la veste per entrare in acqua, come suggerisce la gamba sinistra spostata in avanti e il suo sguardo assorto e verso il basso. I seni in erba, le linee dolcemente ondulate del corpo, con i polsi, le mani e le caviglie sottili, il volto dai tratti regolari, la piccola bocca e il mento corto dimostrano l›assimilazione delle diverse correnti della statuaria settecentesca. Falconet, per questa composizione, si ispirò inoltre a un dipinto di François Lamoyne del 1724, diffuso attraverso incisioni. Il modello in terracotta della Bagneuse o Ninfa che scende al bagno dello scultore francese fu
esposto al Salon nel 1757, periodo in cui Falconet ebbe l’incarico di dirigere l’atelier di scultura della Manifattura di porcellane di Sèvres. Questo biscuit può essere datato alla seconda metà dell’Ottocento, dopo che la fabbrica venne riorganizzata e i direttori attinsero costantemente ai modelli settecenteschi, realizzando di questi anche versioni di grandi dimensioni. Specializzata fin dalla sua origine in prodotti di lusso, fin dal Settecento, la fabbrica sperimentò nuove tecniche per una porcellana più resistente. In questo periodo si diffuse la lavorazione del biscuit, ovvero una porcellana non dipinta a pasta dura, cotta “due volte”. La Bagneuse di Falconet fu uno dei soggetti più felici della Manifattura, replicata in tutte le epoche e in formati diversi, diventando quasi un simbolo della produzione di porcellane.

— Di Valeria Rotili – E.M. Falconet (copia da), Bagneuse, seconda metà XIX secolo, 276; in: “Scultura”, 273-293.

— FOTO | FONTE | SOURCE:

Étienne Maurice Falconet (copia da)
Parigi 1716 – 1791
Bagneuse, seconda metà XIX secolo
biscuit, cm 70 x 24
Roma, Accademia Nazionale di
San Luca, inv. 79
fonti
Aasl, Inventario 1909.

In: AA.VV, ROMA-PARIGI – Accademie a confronto L’Accademia di San Luca e gli artisti francesi XXVII-XIX. Roma, Accademia Nazionale di San Luca Palazzo Carpegna 13 ottobre 2016 – 13 gennaio 2017. Accademia Nazionale di San Luca, Roma (2016).

https://www.academia.edu/31011196/ROMA-_PARIGI._Accademie_a_confronto._LAccademia_di_san_Luca_e_gli_artisti_francesi

s.v.,

— NEWS DALL’ACCADEMIA 13/ott/2016 – 13/gen/2017 Mostra ROMA PARIGI.
Accademie a confronto. L’Accademia di San Luca e gli artisti francesi, Accademia Nazionale di San Luca (2016).

http://www.accademiasanluca.eu/it/news/id/2833/mostra-strong-roma-parigi.-br-accademie-a-confronto.-br-l-accademia-di-san-luca-e-gli-artisti-francesi-strong-

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – L’assessore all’urbanistica di Roma Paolo Berdini “Raggi impreparata, circondata da una banda”. Stupore tra i 5 stelle. LA REPUBBLICA (08/02/2017). Foto: Via dei Fori Imperiali, in; GOOGLE EARTH (10/2016).

ge102016

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – L’assessore all’urbanistica di Roma Paolo Berdini “Raggi impreparata, circondata da una banda”. Stupore tra i 5 stelle. LA REPUBBLICA (08/02/2017). Foto: Via dei Fori Imperiali, in; GOOGLE EARTH (10/2016).

— ROMA – L’assessore all’urbanistica di Roma Paolo Berdini – “Raggi impreparata, circondata da una banda”. Stupore tra i 5 stelle. LA REPUBBLICA (08/02/2017).

Su “La Stampa” l’assessore all’urbanistica di Roma dà giudizi pesanti sulla sindaca e sul suo entourage. Poi precisa: “Mai data un’intervista, sono state carpite alcune frasi mentre parlavo con amici”

ROMA – Una sindaca impreparata, circondata da una banda. Le parole dell’assessore all’Urbanistica Berdini, già in prima linea sulla questione stadio, diventano il caso del giorno nella giunta capitolina. “Incredibile”. “Allucinante”. Dall’entourage di Virginia Raggi, il commento alle parole lette su La Stampa è di assoluta meraviglia. “Stiamo cercando di capire – dicono nel Movimento – a questo punto non sappiamo proprio cosa possa succedere”.

La sindaca di Roma “su certe scelte sembra inadeguata per il ruolo che ricopre”, ha detto Berdini secondo quanto riportato dal quotidiano torinese. Sembra “impreparata strutturalmente, non per gli anni” e “si è messa in mezzo a una corte dei miracoli”, ” s’è messa vicino una banda”.

Il riferimento sembra essere a quei “quattro amici al bar” – così si chiamava la chat Telegram che comprendeva Raggi, l’ex vicesindaco Daniele Frongia, l’ex capo del personale Raffaele Marra (arrestato per corruzione il 16 dicembre) e l’ex capo della segreteria politica Salvatore Romeo, ora indagato insieme alla sindaca per abuso d’ufficio a proposito della sua nomina (con cui era passato dal ruolo di semplice dipendente a quello di dirigente mettendosi in aspettativa e con lo stipendio triplicato sopra i 100mila euro, poi ridotto a 93mila per l’intervento dell’Autorità anticorruzione e per le proteste di parte del Movimento).

E Stefàno (M5s) dice: “Ora Berdini valuti le dimissioni”

L’assessore all’Urbanistica della giunta capitolina, che sta trattando per il nuovo stadio della Roma mettendosi di traverso davanti a ipotesi di speculazioni edilizie, è preoccupato: “Trovo la situazione esplosiva, questa città non tiene”, riporta La Stampa. E sul caso della nomina di Romeo e dei suoi rapporti con Virginia Raggi (che il collaboratore indicava come beneficiaria di due polizze sulla vita da 30mila e 3mila euro ciascuna in caso di morte), commenta: “Sono proprio sprovveduti. Questi secondo me erano amanti. L’ho sospettato fin dai primi giorni”.

Al mattino, al telefono con Rainews24, Berdini nega: “‘Stavo parlando con due amici e il giornalista, questo piccolo mascalzone, ha carpito alcune frasi”. E ancora: “Sindaca impreparata? Tutti noi della giunta siamo impreparati, anche io mi ci metto, l’avevo già detto. Non immaginavo il baratro che ho trovato: la città è messa in ginocchio”. L’assessore nega la ricostruzione del quotidiano, senza però volersi addentrare sulle singole frasi. La Stampa conferma tutto. E scrive in una nota: “Se umanamente si può comprendere l’imbarazzo dell’assessore, questo non giustifica in alcun modo gli inaccettabili giudizi che Berdini ha pronunciato sul collega per cercare di smentire quanto riferito”.

Il primo commento dall’opposizione arriva dalla capogruppo pd al Campidoglio Michela De Biase: “Dopo questo salutiamo @paoloberdini che immaginiamo si stia dimettendo”, scrive su Twitter lanciando l’hashtag: “#cortedeimiracoli”.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (08/02/2017).

http://www.repubblica.it/politica/2017/02/08/news/berdini_raggi_impreparata_circondata_da_una_banda_-157827673/?ref=HREA-1

FOTO | FONTE | SOURCE:

ROMA – Foto: Via dei Fori Imperiali, in; GOOGLE EARTH (10/2016).

— ROMA – Berdini: “La sindaca è impreparata. Dall’inizio si è circondata di una corte dei miracoli” – Lo sfogo dell’assessore all’Urbanistica: intorno a lei una banda. LA STAMPA (08/02/2017).

Nota Questa mattina l’assessore del Comune di Roma Paolo Berdini ha smentito di aver rilasciato delle dichiarazioni al nostro giornale sulla giunta di Virginia Raggi. “La Stampa” conferma parola per parola il colloquio con l’assessore Berdini pubblicato nell’edizione odierna a firma del giornalista Federico Capurso. Se umanamente si può comprendere l’imbarazzo dell’assessore, questo comunque non giustifica in alcun modo gli inaccettabili giudizi che Berdini ha pronunciato sul collega per cercare di smentire quanto riferito.

Lo hanno chiamato «eretico», «comunista», ma Paolo Berdini, assessore all’Urbanistica di Roma, è un uomo difficile da incasellare. Di certo anarchico, nel suo approccio con il Movimento 5 stelle: quasi esterno alla giunta grillina, libero dalle briglie nel dire sempre ciò che pensa e con una guerra da vincere, quella per evitare speculazioni edilizie nel progetto per lo stadio della Roma.

Ora che la sua battaglia rischia di naufragare, e che la sindaca Virginia Raggi è sempre più incatenata dal commissariamento politico di Beppe Grillo e dalle vicende giudiziarie, Berdini sente il bisogno di sfogarsi, anche se non riesce a darsi una risposta, per come si sia arrivati a questo punto. «Non lo so, è stato fatto un errore dopo l’altro». Prima con la nomina di Raffaele Marra, poi la polizza di Romeo, «e se è uscita questa cosa su L’Espresso, fra qualche giorno magari ne esce un’altra. Non si può dire che sia finita la musica». Si stringe nella giacca, mentre dopo una giornata di lavoro tenta di fare il punto. «Trovo la situazione esplosiva, questa città non tiene». Ma le risposte non arrivano. Forse, c’è bisogno di tornare al principio di questa avventura, «quando i Cinque stelle mi hanno chiesto aiuto per affrontare alcune battaglie insieme. Anche per questo, non ho fatto gli esami con il direttorio. L’unico assessore, credo, ad essere entrato di diritto, ma non mi aspettavo tutto questo». Poi, forse, i volti delle persone con cui si è dovuto interfacciare in questi mesi tornano rapidi alla mente, dai consiglieri ai vertici del Movimento, fino a Virginia Raggi e a Salvatore Romeo, al centro dell’ultimo ciclone abbattutosi sul Campidoglio, e non riesce a tenersi: «Sono proprio sprovveduti. Questi secondo me erano amanti. L’ho sospettato fin dai primi giorni, ma mi chiedevo: “com’è che c’è questo rapporto?”». Mentre lo dice, il suo sguardo non è quello dell’insofferenza, ma della stanchezza, quasi arreso a certi comportamenti. «E poi, questa donna che dice che non sapeva niente, ma a chi la racconti? La sua fortuna è stata che non ci fosse nessun reato. Lei era anche già separata al tempo, e allora dillo! Ma possibile che questa ragazza non debba uscire mai?».

Il problema del Campidoglio però, per Berdini non sembra quello di una eventuale relazione tra Raggi e Romeo, sulla quale peserebbe il sospetto, tutto politico, che Romeo abbia potuto approfittare della situazione per diventare capo staff della sindaca, con conseguente stipendio triplicato, in barba alle battaglie grilline contro le parentopoli, per la meritocrazia e così via. Il problema, per il professore “anarchico” di Roma, sembra essere proprio la Raggi: «Su certe scelte sembra inadeguata al ruolo che ricopre. I grand commis dello Stato, che devo frequentare per dovere, lo vedono che è impreparata. Ma impreparata strutturalmente, non per gli anni. Se vai, per dirne una, a un tavolo pubblico e dici che sei sindaco di Roma, spiazzi tutti. Lei invece…» – e nell’esitazione, Berdini si accarezza i baffi, prima di tirare un sospiro che nulla ha del sollievo – «Mi dispiace. Mi dispiace molto». «Se lei si fidasse delle persone giuste… Ma lei si è messa in mezzo a una corte dei miracoli. Anche in quel caso, io glie l’ho detto: “sei sindaco, quindi mettiti intorno il meglio del meglio di Roma”. E invece s’è messa vicino una banda». È forte il sapore del rimorso e della rabbia per non essere stato ascoltato quando, da mesi, aveva avvisato la sindaca dei pericoli che Marra e il Raggio magico portavano con sé. «Io sono amico della magistratura, Paolo Ielo lo conosco benissimo, è un amico, ma lei è stata interrogata otto ore. Anche lì c’è qualcosa che non mi torna». «Come se ne esce? Non lo so. Io questo non lo so». E si allontana nella notte romana.

FONTE | SOURCE:

— LA STAMPA (08/02/2017).

http://www.lastampa.it/2017/02/08/italia/politica/la-sindaca-impreparata-dallinizio-si-circondata-di-una-corte-dei-miracoli-zW3Ok8EovpK1j0QMcoMTWO/pagina.html

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: “I FORI IMPERIALI – Archeologia in Comune” della Sovrintendenza Capitolina (24/11/2016). Foto | Fonte: Dott.ssa Paola Marzoli, “I progetti in Sovraintendenza dal 2001 (2016),” FACEBOOK (25/11/2016).

fi112016

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: “I FORI IMPERIALI – Archeologia in Comune” della Sovrintendenza Capitolina (24/11/2016). Foto | Fonte: Dott.ssa Paola Marzoli, “I progetti in Sovraintendenza dal 2001 (2016),” FACEBOOK (25/11/2016).

FOTO | FONTE | SOURCE:

— Dott.ssa Paola Marzoli, “I progetti in Sovraintendenza dal 2001 – PROGETTI E CANTIERI DI SCAVI, ALLESTIMENTI SCIENTIFICI E CULTURALI, RESTAURI(2016),” FACEBOOK (25/11/2016).

https://www.facebook.com/paola.marzoli/media_set?set=a.101945896488501.4865.100000192726608&type=1

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Virginia Raggi – Sindaca di Roma (22 giugno 2016 – oggi), Roma, riapre anche di giorno l’area archeologica dei Fori Imperiali. LA REPUBBICA (24/11/2016) & COMUNE DI ROMA | I FORI IMPERIALI (04/01 – 28/06/2017).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2017/01/05/roma-archeologia-e-restauro-architettura-virginia-raggi-sindaca-di-roma-22-giugno-2016-oggi-roma-riapre-anche-di-giorno-larea-archeologica-dei-fori-imperiali-la-repubbica-24112016-amp/

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTUARO ARCHITETTURA: Dott. Roberto Meneghini, I FORI IMPERIALI E I MERCATI DI TRAIANO – Storia e descrizione dei monumenti alla luce degli studi e degli scavi recenti [1991-2010], ROME: LIBRERIA DELLO STATO (2010), pp. 1-276 [in PDF].

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2016/11/05/roma-archeologia-e-restuaro-architettura-dott-roberto-meneghini-i-fori-imperiali-e-i-mercati-di-traiano-storia-e-descrizione-dei-monumenti-alla-luce-degli-studi-e-degli-scavi-recenti-1991-2010/

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: U. Quatember, Gebaute Macht. Rezension zu Roberto Meneghini, Die Kaiserforen Roms. Verlag Philipp von Zabern, Darmstadt 2015 (Antike Welt-Sonderheft), Forum Archaeologiae 76/IX/2015 (farch.net). s.v., Paul Zanker, “Die neuen Ausgrabungen auf den Kaiserfora in Rom” (Mai 2000).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2015/11/29/roma-archeologica-restauro-architettura-u-quatember-gebaute-macht-rezension-zu-roberto-meneghini-die-kaiserforen-roms-verlag-philipp-von-zabern-darmstadt-2015-antike-welt-sonderheft-fo/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA, IL FORO ROMANO: “Veduta del Foro Romano con il Tempio di Saturno [prima del 1811?].” V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris). Le Louvre des Antiquaires | Gallerie Claude Vittet, Paris (2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA, IL FORO ROMANO: “Veduta del Foro Romano con il Tempio di Saturno [prima del 1811?].” V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris). Le Louvre des Antiquaires | Gallerie Claude Vittet, Paris (2017).

FONTE | SOURCE:

— V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris), in: Le Louvre des Antiquaires | Gallerie Claude Vittet, Paris (2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA, IL FORO ROMANO: “Veduta del Foro Romano con il Tempio di Saturno [prima del 1811?].” V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris).  Le Louvre des Antiquaires | Gallerie Claude Vittet, Paris (2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA, IL FORO ROMANO: “Veduta del Foro Romano con il Tempio di Saturno in lontananza [prima del 1811?].” V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris). Le Louvre des Antiquaires | Gallerie Claude Vittet, Paris (2017).

FONTE | SOURCE:

— V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris), in: Le Louvre des Antiquaires | Gallerie Claude Vittet, Paris (2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA, IL FORO ROMANO: “Veduta del Foro Romano con il Tempio di Saturno [prima del 1811?].” V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris).  Le Louvre des Antiquaires | Gallerie Claude Vittet, Paris (2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA, IL FORO ROMANO: “Veduta del Foro Romano[prima del 1811?].” V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris). TABLEAUX ET DESSINS ANCIENS ET DU XIXE SIÈCLE, SOTHERBY’S (2012 [2017]).

FONTE | SOURCE:

— V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris), in: TABLEAUX ET DESSINS ANCIENS ET DU XIXE SIÈCLE, SOTHERBY’S (2012 [2017]).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA, IL FORO ROMANO: “Veduta del Foro Romano[prima del 1811?].” V. J. Nicolle (French, Paris 1754 – 1826 Paris). TABLEAUX ET DESSINS ANCIENS ET DU XIXE SIÈCLE, SOTHERBY'S (2012 [2017]).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Veduta del Foro Romano con la Colonna di Foca e il Tempio di Saturno [prima del 1811?]. Victor Jean Nicolle (French, Paris 1754–1826 Paris). MOMA (2011).

ROMA ARCHEOLOGICA: Veduta del Foro Romano con la Colonna di Foca e il Tempio di Saturno [prima del 1811?]. Victor Jean Nicolle  (French, Paris 1754–1826 Paris). MOMA (2011).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, il turista pentito rimanda a casa il sampietrino-souvenir…Il sampietrino, in effetti, era made in China. CORRIERE DELLA SERA (18/01/2017). & “Selciaroli Romani” in: THE NEW YORK TIMES (01 Sept. 2005).

sampietrino_1piccolo-kjn-u432701069376701sni-1224x916corriere-web-roma

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, il turista pentito rimanda a casa il sampietrino-souvenir…Il sampietrino, in effetti, era made in China. CORRIERE DELLA SERA (18/01/2017). & “Selciaroli Romani” in: THE NEW YORK TIMES (01 Sept. 2005).

Roma, il turista pentito rimanda a casa il sampietrino-souvenir. La pietra in un plico recapitato all’enoteca di via del Governo Vecchio. Nella lettera in inglese l’ammissione: «L’ho rubato un anno fa a piazza del Popolo, mi dispiace. Lo potete rimettere dov’era?»

Cleptomani con la sindrome di Stendhal. Della serie: veni, vidi, spoliavi. Convinti che sottrarre un atomo di bellezza nel grande museo a cielo aperto della Capitale in fondo sia un peccato veniale: un po’ come chi stacca un rametto dalla barriera corallina, tanto rispetto all’immensità degli oceani…O come i trentenni brasiliani che, per il gusto della bravata, hanno scavalcato di notte le recinzioni del Colosseo: variante archeologica del videogame. Se non fosse che in altri Paesi, dove i controlli sono stringenti, è quasi impossibile non farsi beccare.

«Lo rimettete a posto, please?»
A Roma invece, bersaglio di continui saccheggi, c’è sempre chi riesce a farla franca: meno male che, ogni tanto, qualcuno si pente. Chissà cosa avrà spinto il turista inglese a rispedire indietro, un anno dopo, il sampietrino divelto. I proprietari dell’enoteca «Il Piccolo» in via del Governo Vecchio se lo sono visto recapitare in un plico bianco sigillato con lo scotch: rigorosamente anonimo. Sentite cosa scrive il misterioso autore nella lettera allegata: «Ho rubato questo sampietrino come souvenir l’anno scorso, mentre ero in vacanza a Roma. Sono molto dispiaciuto e vorrei restituirlo. L’ho preso sulla strada che, da piazza del Popolo, va verso il parco (la salita del Pincio, ndr). Vi dispiacerebbe riportarlo lì? Molte grazie x».

Lacrime di coccodrillo
Ma perché spedirlo proprio al Piccolo? «Probabile che abbia conservato il nostro biglietto da visita – immaginano dall’enoteca a due passi da piazza Navona – : non sapendo a chi altri mandarlo, si sarà ricordato di noi». E adesso cosa pensate di farne? «Ce lo teniamo». Non lo rimetterete al suo posto? «Non esiste, troppo facile lavarsi la coscienza in questo modo… Dopo un anno, poi…». Lacrime di coccodrillo? «L’inglese fa il danno e vorrebbe che fossimo noi a metterci la pezza… Un dritto, ma non si è accorto che il selcio è cinese».

Made in China
Quantomeno, ci ha provato. È raro che il turista-predatore, tormentato dal senso di colpa, cerchi di riparare alla malefatta. Molto più frequenti le spoliazioni: dai controlli all’aeroporto di Fiumicino spuntano decine di pezzi (tessere di mosaico, sampietrini, lastre dell’Appia Antica) nascosti nel bagaglio a mano. La maggior parte, scriveva già cinque anni fa il Daily Mail, rubati da turisti britannici e nordeuropei. Tra i monumenti più depredati, e vandalizzati, l’Anfiteatro Flavio che solo nel 2015 è stato colpito due volte in tre mesi: prima dal turista russo condannato a pagare 20 mila euro per aver inciso una K su un muro di laterizio, poi le ventenni californiane sorprese a scolpire le proprie iniziali. E però, per una volta che la refurtiva viene restituita, non sarà che il turista si è accorto del bluff? Il sampietrino, in effetti, era made in China.

FONTE | SOURCE:

— CORRIERE DELLA SERA (18/01/2017).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_gennaio_18/lettera-turista-pentito-scusatepresi-sampietrino-come-souvenir-57bbf2fa-dd57-11e6-bc4e-e834b97e9c52.shtml

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: [Roma & sampietrini] “For Its Motorists, Only Parts of Rome Prove to Be Eternal,” THE NEW YORK TIMES (01 Sept. 2005), [di Dott.ssa Ilaria Giacobbi Presidente “Ass. Selciaroli Romani,” 01|2015].

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2015/01/02/roma-archeologica-restauro-architettura-roma-sampietrini-for-its-motorists-only-parts-of-rome-prove-to-be-eternal-the-new-york-times-01-sept-2005-di-dott-ssa-ilaria-giacobbi/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma Metro C 2017-97 – I trasporti a Roma? Servirebbero 80 anni per adeguarsi agli standard europei, l`Unita.tv (24/01/2017) & Giornale di Roma (20/01/1932) & (24/05/1932).

velia-2017-1932

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma Metro C 2017-97 – I trasporti a Roma? Servirebbero 80 anni per adeguarsi agli standard europei, l`Unita.tv (24/01/2017) & Giornale di Roma (20/01/1932) & (24/05/1932).

” (…) Un gigantesco muro parallelo alla via del tempio della Pace, appartenente al tempo dell’ impero, formato da calcestruzzo e delle mine (…).

— A. Bachhiani, in: Giornale di Roma; Roma, 20 gennerio 1932.*

ITALIA – I trasporti a Roma? Servirebbero 80 anni per adeguarsi agli standard europei, l`Unita.tv (24/01/2017).

Ci vorrebbero 80 anni affinché Roma riesca a recuperare, in termini di metropolitane ogni mille abitanti, la distanza che la separa da tutte le altre capitali Europee. E’ l’amara constatazione che emerge dal Rapporto Pendolaria 2016 di Legambiente, presentato a Palermo. Infatti, Roma nel 2016 non ha visto realizzare alcun tratto di metro o linee di tram, e al momento l’unico progetto finanziato riguarda il prolungamento (3,6 chilometri) della metro C fino a Colosseo. “Se consideriamo i cantieri in corso della metro – spiega Legambiente – a Roma si dovranno attendere 80 anni per recuperare la distanza dalle altre città europee (in termini di metropolitane ogni 1.000 abitanti). Non molto migliore la situazione Napoli, a cui servirebbero 65 anni per adeguarsi agli standard europei, mentre a Milano ne basterebbero “solo” 15.

Il rapporto offre un quadro dettagliato sullo stato dei trasporti in Italia e su che ne fa uso.

Ogni giorno nel nostro Paese quasi 5,5 milioni di persone prendono il treno per spostarsi per ragioni di lavoro o di studio, un numero solo leggermente superiore al 2015 (+0,2%), quando i pendolari del treno erano 5,43 milioni (e 5,1 nel 2014). A crescere in maniera evidente sono, invece, le diseguaglianze tra le Regioni rispetto al numero di viaggiatori e alle condizioni del servizio offerto.

Sui 5,5 milioni di pendolari, sono 2milioni e 832mila quelli che usufruiscono del servizio ferroviario regionale (divisi tra 1,37 milioni che utilizzano i convogli di Trenitalia e gli altri 20 concessionari) e 2milioni e 655mila quelli che prendono le metropolitane presenti a Milano, Roma, Napoli, Torino, Genova, Brescia e Catania. Nel 2016 il numero dei pendolari del treno è aumentato di poco: +0,7% rispetto al 2015 per il trasporto ferroviario e +0,6% per quello metropolitano.

La crescita dei pendolari è però un dato con differenze macroscopiche, perché aumenta dove il servizio non è stato tagliato e dove sono stati realizzati investimenti nell’acquisto di nuovi treni, come in Lombardia dove sono arrivati a 712mila (con un +1,3%), in Emilia-Romagna (+3%) e in Alto Adige (dove sulle linee riqualificate con treni nuovi sono triplicati, da 11.000 nel 2011 a quasi 32.000). Mentre continua a calare in Regioni dove dal 2010 a oggi sono stati realizzati solo tagli ai servizi (in Calabria -26,4% treni in circolazione e -31% passeggeri, in Campania -15,1% treni e -40,3% passeggeri, in Piemonte -8,4% e -9,5%) e nelle città dove il servizio è scadente, con sempre meno treni e sempre più vecchi come a Napoli sulla Circumvesuviana (le corse sono state ridotte del 30% dal 2010) o sulla Roma-Ostia Lido.

In questi anni si è inoltre assistito alla chiusura di oltre 1.120 chilometri di linee ferroviarie, cui vanno aggiunti 412 km di rete ordinaria che risulta “sospesa” per inagibilità dell’infrastruttura, come per la Trapani-Palermo, la Gemona-Sacile, la Priverno-Terracina, la Bosco Redole-Benevento e la Marzi-Soveria Mannelli in Calabria.

FONTE | SOURCE:

— l`Unita.tv (24/01/2017).

http://www.unita.tv/focus/i-trasporti-a-roma-servirebbero-80-anni-per-adeguarsi-agli-standard-europei/

* = Text and fotos (fig. III.10 | top-left and fig. III. 11 | top-center) cited from: Dr. Riccardo S. Valenzani, “ARCHEOLOGIA e CITTA’ “, pp. 63-63 in: M. F. Boemi & C. M. Travaglini, (edd. | a cura di), ROMA DALL’ ALTO, Catalogo delle mostra, Roma (25/10-30/11/2006).

Fig. III.10 = Roma, Colle Velia c. 1932? – “Le gigantesche fondazioni in opera cementizia di epoca imperiale rinenute durante lo sbancamento della Velia. Saranno distrutte a colpi di mina e di scalpell0 elettrico.”

Fig. III.11 = Roma, Colle Velia c. 1932? – “Strutture della domus romana che sorgeva sulla Velia. Anche’ esse vennero distrutte quasi senza documentazione.”

Additional fonte | sources:

Foto | Top | Far-Right =

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Colle Velia – Scavi archeologici, sterri e demolizioni per l’apertura di via dell’Impero (1928-1933): ‘I resti di un elefante preistorico nello scavo accanto al Colosseo’. IL GIORNALE D’ ITALIA (24/05/1932), p. 3.

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2013/03/10/roma-i-fori-imperiali-colle-velia-scavi-archeologici-sterri-e-demolizioni-per-lapertura-di-via-dellimpero-1928-1933-i-resti-di-un-elefante-preistorico-nello-scavo-accanto/

Foto | Center =

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA [aggiornare 11|2015]: Roma Metro C – I danni collateralli degli scavi di Via dei Fori Imperiali & Eliminazione del colle Velia. Roma, Dott.ssa Arch. Paola Giannone | Facebook (26|05|2015) & Roma Metropolitane (21|04|2015).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2015/11/30/roma-archeologica-restauro-architettura-aggiornare-112015-roma-metro-c-i-danni-collateralli-degli-scavi-di-via-dei-fori-imperiali-eliminazione-del-colle-velia-roma-dott-ssa/

Foto | Bottom =

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Fori Imperiali – La stazione Fori Imperiali si sviluppa al di sotto dell’omonima via, nell’area compresa tra il Colosseo (Anfiteatro Flavio) e la zona antistante la Basilica di Massenzio. Fonte & Foto – Metro C Spa.it (01|2017) | ROMA – VIA DEI FORI – PANORAMIC 2017.

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2017/01/11/roma-archeologia-e-restauro-architettura-fori-imperiali-la-stazione-fori-imperiali-si-sviluppa-al-di-sotto-dellomonima-via-nellarea-compresa-tra-il-colosseo-anfiteatro-flavio-e/

 

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Rome Mayor Virgina Raggi admits to bad start…, ANSA | ITALY (06/02/2017). Foto: Roma – Discarica e cacatoio a Porta Maggiore (e di amianto!), ROMA FA SCHIFO (05/02/2017).

img_20170201_140017

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Rome Mayor Virgina Raggi admits to bad start…, ANSA | ITALY (06/02/2017). Foto: Roma – Discarica e cacatoio a Porta Maggiore (e di amianto!), ROMA FA SCHIFO (05/02/2017).

— ROMA – (ANSA) – Rome, February 6 – Rome Mayor Virginia Raggi has admitted her administration made a poor start while adding that she was turning things around and had the support of her anti-establishment 5-Star Movement (M5S) and leader Beppe Grillo.

Raggi is under investigation over an appointment.

The case of life-insurance policies taken out by her former cabinet chief in which she is the beneficiary also hit the headlines, although prosecutors have ruled out any wrongdoing by the mayor over the latter.

“The start was wrong. But today we can say that we have opened a new phase,” Raggi said in an interview published in Monday’s Corriere della Sera, adding that relations with Grillo were “excellent”.

“The story of the policy was inflated on purpose by the newspapers to discredit me via an outrageous operation”. The former cabinet chief, Salvatore Romeo, on Monday denied that there were political motives behind the life-insurance policies. Romeo told State broadcaster RAI that the policies were “not excessively risky, quit remunerative forms of investment”.

The M5S is vying with the ruling centre-left Democratic Party (PD) to be Italy’s top party and Raggi’s tenure at the Rome helm has been widely seen as a test for its ability to govern Italy.

The movement prides itself on being fee from the corruption it says has tainted all other parties.
Raggi has had a string of appointments woes and has been accused of failing to get to grips with the government of the Italian capital.

Critics say probes against two of her former appointees show the M5S is not as virtuous as it claims.

FONTE | SOURCE:

— ANSA | ITALY (06/02/2017).

http://www.ansa.it/english/news/politics/2017/02/06/rome-mayor-raggi-admits-to-bad-start-2_8fa26336-9dac-4495-b3e9-4ddd176b03c8.html

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROMA – Discarica e cacatoio a Porta Maggiore. Pensare che basterebbe una telecamera | ROMA FA SCHIFO (05/02/2017).

Qualche giorno fa abbiamo sul nostro profilo Facebook pubblicato la documentazione di uno sversamento d’amianto (di amianto!) addirittura nei giardinetti prospicenti Porta Maggiore, uno dei monumenti più significativi della romanità. Qualche giorno successivo, dall’altra parte dell’antica Porta Labicana, la scena si è ripetuta ancor con maggiore gravità. L’area abbandonata (perché di fronte a Porta Maggiore ci sono aree abbandonate benché potrebbero essere miniere d’oro e autentici salotti urbani!) si è riempita di calcinacci, qualche camion reduce dai lavori in qualche appartamento ha deciso di sversare qui, nel cuore della città. Per tacere del resto della zona ridotta a cacatoio.

FONTE | SOURCE:

— ROMA FA SCHIFO (05/02/2017).

http://www.romafaschifo.com/2017/02/discarica-e-cacatoio-porta-maggiore.html

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italy Court Puts Rome’s 5-Star Mayor Virginia Raggi Under Investigation for Abuse of Office, THE NEW YORK TIMES (24/01/2017).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2017/02/05/roma-archeologia-e-restauro-architettura-italy-court-puts-romes-5-star-mayor-virginia-raggi-under-investigation-for-abuse-of-office-the-new-york-times-24012017/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italia – Agenzia del Demanio: the 16th cent. “Palazzo Silvestri-Rivaldi” along the Via dei Fori to be Sold for Private Development. CORRIERE DELLA SERA (25/01/2017) & LA REPUBBLICA (06/02/2004), 5.

pv22017

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italia – Agenzia del Demanio: the 16th cent. “Palazzo Silvestri-Rivaldi” along the Via dei Fori to be Sold for Private Development. CORRIERE DELLA SERA (25/01/2017) & LA REPUBBLICA (06/02/2004), 5.

ROMA – Palazzo Rivaldi – 40 anni di degrado Il complesso sui Fori ora spera di riaprire al pubblico col Demanio.

Lo splendido complesso rinascimentale sui Fori Imperiali – con affreschi e fregi di pregio – è abbandonato da quarant’anni. Ora sarà al centro di una consultazione pubblica aperta a cittadini e imprenditori per un progetto di tutela e riqualificazione.

Un’entrata come tante in una strada come poche. Dietro un portone di legno di via del Colosseo, chiuso con da un lucchetto e diversi giri di catena, c’è uno dei più grandi tesori abbandonati del patrimonio artistico mondiale: Palazzo Silvestri Rivaldi. Un complesso rinascimentale che sorge su ciò che resta dell’antica Velia – l’altura che separava l’area dei Fori Imperiali dalla valle del Colosseo e distrutta dalla via dell’Impero di Mussolini – e guarda dall’alto la Basilica di Massenzio, l’Arco di Costantino e il Tempio di Venere.

Per il Palazzo – completamente abbandonato da più di 40 anni – c’è un progetto di recupero che chiama in causa l’Agenzia del Demanio e passa per una consultazione pubblica: con un questionario che sarà online da domani, associazioni e residenti, professionisti e imprenditori decideranno insieme il progetto migliore per riaprire finalmente al pubblico questo gioiello ora abitato solo da ragni e topi. Stanze e corridoi hanno un aspetto spettrale, con ponteggi che sorreggono le strutture pericolanti e un’ala – proprio quella più vicina al Colosseo – dove il tetto è crollato. All’interno inginocchiatoi e stufe, polvere e calcinacci e persino una bandiera della Roma lasciata lì da qualche operaio.

Il complesso – oltre 7mila metri quadrati tra edifici e giardino-belvedere – ha una storia travagliata: progettato da Sangallo il Giovane è stato realizzato tra il 1534 e il 1547 per Eurialo Silvestri, cameriere segreto di papa Paolo III, e poi passato alle famiglie Medici e Rivaldi. Nel 1660 le «Zitelle Mendicanti» lo trasformarono in convitto per ragazze. Per secoli i saloni affrescati – coperti con una pudica pennellata di tempera – sono stati usati come aule e cappelle. Ma i sondaggi realizzati nel 2006 dalla Soprintendenza mostrano dorature e fregi pregiati per lo più attribuiti a Gaspare Beccerra (che decorò anche Palazzo Spada), alunno di Giorgio Vasari e di Perin Del Vaga.

Nel 1975 il Palazzo passò all’Isma (Istituti di Santa Maria in Aquiro) e – a parte un’occupazione vivace di artisti e studenti – rimase sempre inaccessibile. Più volte è stata annunciata la sua riapertura: nel 2004 come Museo nazionale romano (e il Comune stanziò anche 6 milioni per acquisire l’edificio). Nel 2007 Veltroni stipulò un protocollo «per attuare il sogno di Antonio Cederna di farne un polo dell’archeologia». Ma il progetto fu definanziato da Alemanno nel 2009. Poi più niente.

Oggi la convenzione del Demanio con Isma chiama in ballo cittadini e privati: un progetto che produrrà successivamente un bando di gara, la concessione e la riqualificazione (occorrono diverse decine di milioni). Per ora però, chi vorrà visitare il Palazzo potrà partecipare agli open day organizzati per la consultazione pubblica.

— CORRIERE DELLA SERA (25/01/2017).

http://roma.corriere.it/notizie/cultura_e_spettacoli/17_gennaio_25/dorsormpag15-t10corriere-web-roma-ad667b38-e259-11e6-90f6-27595f8990ae.shtml

ROMA – Città in rovina – Palazzo Rivaldi al Tempio della Pace, Diarioromano (22/01/2017).

Quello di Palazzo Rivaldi è il simbolo dell’insipienza e della miopia di chi ha governato Roma per decenni. Un gioiello architettonico del ‘500, in uno dei luoghi più belli del mondo, è in abbandono da quasi 20 anni.

Dai Fori Imperiali provate ad immettervi in via del Tempio della Pace. Subito vi apparirà davanti agli occhi la rovina di questa città. Il contrasto con lo splendore dei Fori è stridente. Un immenso complesso di oltre 5mila metri quadri tutto circondato da ponteggi che prevengono la caduta degli intonaci. Gli infissi sono marci e permettono l’ingresso di sbandati e senzatetto. I saloni interni puntellati per evitare cedimenti.

Villa Rivaldi-Silvestri fu costruita su progetto di Antonio da Sangallo. Gli affreschi interni, i soffitti a cassettoni, le volte dipinte stanno andando perduti per l’incuria dell’Ipab Santa Maria in Aquiro che è proprietaria del complesso immobiliare e dello splendido giardino che lo circonda. Si tratta di un ente di assistenza che come tutte le ex Ipab è passato sotto il controllo degli enti locali ed è quindi partecipato dal Comune di Roma, dalla Provincia e dalla Regione Lazio. E’ la Regione che ne nomina il consiglio di amministrazione. L’Ipab Santa Maria in Aquiro possiede un ingente patrimonio immobiliare (cliccare qui per l’elenco completo) ma i vertici che si sono succeduti negli ultimi 20 anni non hanno saputo trovare una soluzione per Villa Rivaldi.

Molti nel rione lo chiamano ancora “il convento occupato”, in quanto tra il 1975 e il 1980 fu preso in autogestione da alcuni centri sociali.

Pensate che un’intera ala del palazzo affaccia direttamente sul Belvedere Cederna con una vista sui Fori migliore di quella che si gode dal Campidoglio. Insomma un luogo che potrebbe essere destinato a molte attività, soprattutto culturali che porterebbero posti di lavoro e valorizzazione dell’area. Nel 2007, durante lo scorcio finale della Giunta Veltroni, sembrava che la soluzione fosse alle porte. La Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune aveva avuto l’incarico di preparare un piano di restauro del complesso mentre Campidoglio e Regione avevano stanziato 11 milioni per il risanamento e trasformazione in museo. Nel 2009 con la Giunta Alemanno tutto si bloccò (i danni provocati da quell’amministrazione non finiscono mai di stupirci). Il progetto fu definanziato e il lento e inesorabile crepuscolo di Palazzo Rivaldi è proseguito.

In una Roma che soffre il declino economico provocato dalla fine del terziario e dalla deindustrializzazione, le attività culturali possono essere l’unica via di salvezza. Eppure uno dei luoghi più suggestivi e importanti del pianeta, viene lasciato marcire. Ogni giorno che passa senza fare nulla per Palazzo Rivaldi è un giorno di lavoro perso per tanti di noi.

Diarioromano (22/01/2017).

http://www.diarioromano.it/citta-in-rovina-palazzo-rivaldi-al-tempio-della-pace/

FONTE | SOURCES:

1). ROME – “Palazzo Silvestri-Rivaldi” – ICE – Italian Trade Agency | INVEST IN ITALY – REAL ESTATE (25/01/2017) – Palazzo Rivaldi, a renaissance complex near Fori Imperiali, in Rome, with frescoes and precious friezes, abandoned for forty years, will be the focus of a public consultation, open to citizens and entrepreneurs for a project of conservation and upgrading. that calls into question the Agenzia del Demanio (or State Property Agency).

The complex covers more than 7,000 square meters of buildings and panoramic garden. It has a troubled history: designed by Sangallo the Younger was built between 1534 and 1547 for Eurialo Silvestri, secret waiter of Pope Paul III, and then passed to the Medici and Rivaldi families. In 1975 the building passed all’Isma, a religious institute, remaining unused.

Now, after the public consultation, a call for redevelopment will be lunched.

— ICE – Italian Trade Agency | INVEST IN ITALY – REAL ESTATE (25/01/2017).

http://www.investinitalyrealestate.com/en/palazzo-rivaldi-vuole-riaprire-al-pubblico-demanio/

2). ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Imperial Fora / Metro C Archaeological Surveys (2006-11): Archaeological Investigations: Basilica Maximus, Velia Hill, & Colosseum Valley (1930-33, 2006-16). Foto & Stampa 1 di 307,

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Mayor Virginia Raggi & the Rome City Hall pulls plug on costly, graft-ridden Metro C subway project, REUTERS NEWS, U.K., (04/11/2016).

3). ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: “Palazzo Silvestri-Rivaldi”, in: Roma, I Fori Imperiali / Colle Velia: Scavi archeologici, sterri e demolizioni per l’apertura di via dell’Impero (1928-1933). Foto & Stampa 1 di 136.

Roma, I Fori Imperiali / Colle Velia: Scavi archeologici, sterri e demolizioni per l’apertura di via dell’Impero (1928-1933).

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA [aggiornare 11|2015]: Roma Metro C – I danni collateralli degli scavi di Via dei Fori Imperiali & Eliminazione del colle Velia. Roma, Dott.ssa Arch. Paola Giannone | Facebook (26|05|2015) & Roma Metropolitane (21|04|2015).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2015/05/26/roma-archeologica-restauro-architettura-roma-metro-c-i-danni-collateralli-degli-scavi-di-via-dei-fori-imperiali-eliminazione-del-colle-velia-roma-dott-ssa-arch-paola-giannone-faceb/

— ROMA – PALAZZO RIVALDI ” GIOIELLO CONTESO – STORIE E SEGRATI DEL COMPLESSO RINASCIMENTALE SUI FORI, LA REPUBBLICA (06/02/2004), 5.

Rome - The Imperial Fora: The Metro "C" Archaeological Surveys - Velia Hill (S10 - b1, b2, b3). (2006-2007). Nuovi scavi e scoperte Palazzo Rivaldi. La Repubblica (06-02-2004, pg.5) {pg. 1 of 3} [MIBAC - Rassegna Stampa 2004].

Rome - The Imperial Fora: The Metro "C" Archaeological Surveys - Velia Hill (S10 - b1, b2, b3). (2006-2007). Nuovi scavi e scoperte Palazzo Rivaldi. La Repubblica (06-02-2004, pg.5) {pg. 2 of 3} [MIBAC - Rassegna Stampa 2004].

— ROMA – Prof. Andrea Carandini – “Un Louvre dei Fori imperiali ecco il nuovo museo di Roma” – La proposta di Carandini, uno dei più celebri archeologi: nella collina Velia pensa anche ad un archivio degli scavi. LA REPUBBLICA (12|03|1999), 3.

“Un Louvre dei fori, un nuovo museo per contenere l’archivio degli scavi in corso in questi mesi, ma anche un grande centro informativo con vista sulla basilica di Massenzio, realizzato al di sotto della terrazza Rivaldi là dove era la collina Velia demolita per far correre la strada fascista. E’ un colle di Roma sconosciuto, in antico secondo solo al Palatino, sul quale nella Roma primordiale viveva la popolazione dei velienses: questo monte custodisce i segreti della Roma delle origini. Oggi corrisponde alla parte sotto la terrazza Rivaldi . Come una talpa io vorrei scavare li sotto per vedere cosa contiene quella zona vergine e poi trasformarla in un louvre che contiene il museo di se stesso, con un centro di accoglienza e informazione, comlementare alla torre dei Conti e al palazzo Rivaldi, in cui saranno allestite le statue e le altre cose, insomma un archivio di questi scavi che dovrebbe anche contenere un ricca documentazione sulla cultura materiale e architettonica della zona. Un luogo di attrazione mondiale, vicino alla nuova metropolitana che passerà sotto via dei Fori.”

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Antonio Cederna, “Distruzione e ripristino della Velia,” in: L. Benevolo, F. Scoppola (edd.), Roma, l’area archeologica centrale e la città moderna. Rome (1987), pp. [PDF] 81-101.

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2011/10/02/rome-%E2%80%93-imperial-fora-velia-pdf-antonio-cederna-distruzione-e-ripristino-della-velia-in-l-benevolo-f-scoppola-edd-roma-larea-archeologica-centrale-e-la-citta-moderna-rome/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italy Court Puts Rome’s 5-Star Mayor Virginia Raggi Under Investigation for Abuse of Office, THE NEW YORK TIMES (24/01/2017).

Virginia Raggi, new Rome's Mayor

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italy Court Puts Rome’s 5-Star Mayor Virginia Raggi Under Investigation for Abuse of Office, THE NEW YORK TIMES (24/01/2017).

ROME — Virginia Raggi, the anti-establishment mayor of Rome elected by a landslide last year after pledging to crack down on rampant corruption, has been put under investigation for abuse of office and false testimony.

Raggi herself announced the investigation in a Facebook post on Tuesday. She will be questioned by prosecutors on Jan. 30, a judicial source said.

“Today I’ve received a subpoena from the Rome court,” Raggi wrote, saying it was related to the nomination of the director of the city’s tourism department, who was later removed from the position.

“I’m very serene and I have full confidence in the judiciary, as always,” she wrote.

The news came just three weeks after the 5-Star Movement said it would not require its politicians who come under legal investigation to automatically step down.

Italy’s largest opposition group presents itself as a squeaky-clean substitute to the tainted mainstream parties, which have been dogged by corruption for decades.

The June election victory of 38-year-old Raggi was meant to show the 5-Star Movement, which was founded by comic Beppe Grillo in 2009, was capable of managing a major city.

But almost from the start her administration was beset by resignations and infighting, and in December one of her aides, Raffaele Marra, was arrested on suspicion of corruption linked to a 2013 real estate deal.

Opinion polls nevertheless suggest that 5-Star might beat Matteo Renzi’s ruling centre-left Democratic Party (PD) at the next elections, which are due by early 2018.

“Some of you may say that 5-Star uses double standards,” Renzi wrote in an uncharacteristically forgiving Facebook post in which he did not call for Raggi to resign, but instead urged her to “do her job”.

The nomination of Marra’s brother, Renato, as director of tourism for Rome is the object of the probe, Raggi said in her Facebook post. Italy’s anti-corruption office criticized the appointment of Renato Marra as a conflict of interest in December.

No further details about the investigation were immediately available.

FONTE | SOURCE:

— THE NEW YORK TIMES (24/01/2017).

s.v.,

— Roma – Virginia Raggi, beffa su Wikipedia: è «sindaco a sua insaputa» IL MESSAGGERO (04/02/2017).

Luogo di nascita: «Montagna del Sapone». Carica: «Sindaco di Roma, ma a sua insaputa». Così Wikipedia, «l’enciclopedia libera e collaborativa» del web, modificabile da tutti gli utenti in ogni momento, descriveva Virginia Raggi, intorno alle cinque del pomeriggio. La pasquinata 2.0 si è subito propagata per i meandri (soprattutto social) della rete. Ma è durata poco: i supervisori del portale, nel giro di cinque minuti, hanno rimesso ordine nella pagina della prima cittadina. Anche per loro, evidentemente, «er sinnaco nun se tocca».

FONTE | SOURCE:

— IL MESSAGGERO (04/02/2017).

http://www.ilmessaggero.it/roma/campidoglio/raggi_wikipedia_sindaco_insaputa_montagna_del_sapone-2238431.html

— FOTO: Virginia Raggi, new Rome’s Mayor of the anti-establishment Five Star Movement (M5S), during the press conference in Rome, Italy, 20 June 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO.

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Arch. Giovanni Carbonara, “An Italian contribution to architectural restoration,” Frontiers of Architectural Research, Vol. 1 | Issue 1, March (2012), 2-9 [PDF].

restauro

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Arch. Giovanni Carbonara, “An Italian contribution to architectural restoration,” Frontiers of Architectural Research, Vol. 1 | Issue 1, March (2012), 2-9 [PDF].

Prof. Arch. Giovanni Carbonara, “An Italian contribution to architectural restoration,” Frontiers of Architectural Research, Vol. 1 | Issue 1, March (2012), 2-9.

Abstract
The essay provides an up-to-date review of the realities of Italian restoration. Restoration work feeds off the doubt that stems directly from historical and balance, and a conceptual rigour and practical approach at the same time. Restoration is carried out always and only on the original, with all the attendant risks of error and damage, and thus with all the prudence that demands.

One of the most recent definitions of restoration is put forward: “By restoration, therefore, is meant any intervention that has the aim of conserving and transmitting to the future works of historical, artistic and environmental interest, facilitating the reading of them while not erasing the traces of the passage of time this is based on a respect for ancient material land the authentic documentation that such works constitute and, moreover, is to be seen as a critical act of interpretation that is not verbal but expressed concretely in the work carried out. Or, more precisely, it is a critical hypothesis and a proposition that is always modifiable, without it ever altering irreversibly the original”.

The true nature of restoration is a complete fusion of historical and technical-scientific expertise. It is therefore artificial to distinguish between a ‘project of consolidation’ and a truly described restoration project. This is a distinction based on the assumption (to be demonstrated) that in an ancient building static problems and those related to the materials can be isolated and treated separately from an overall understanding of the architectural ensemble. So the paper stresses research methodology, the project and specific skills. As part of the principle of unity of methods in restoration, interdisciplinarity is viewed as the principal tool for bringing together consistently and fully the different skills necessary for the study and conservation of monuments.

In summary, there are three fundamental components: (1) the history of architecture and theory of restoration; (2) the techniques of survey, analysis, diagnosis and intervention on the materials and the structure; and (3) legislative and regulatory aspects.

The author emphasises the link between restoration and access to the monumental heritage. The definition of restoration as ‘an act of culture’ (fundamentally critical-historical and technical-scientific) leads to the reflection that culture is, by definition, exchange, communication and opening up to people without distinction. So restoration, because of its cultural nature, has need of recommendations, trends and orientations rather than regulations.

Restoration looks to the future, not to the past. It has educational and commemorative functions for future generations, for young people; it ultimately is concerned not with satisfaction with research per se but the preparation of all citizens and their quality of life, viewed in the widest possible spiritual and material sense.

In conclusion, some perspectives for the new millennium are offered. We have to ask ourselves whether society today is still able to guarantee a role for memory, for history and for the value of traditions, or for beauty itself. At first sight, it seems that interest in conservation and restoration has been reinforced in recent times. At the same time, we are aware of dominant pressures wanting to renovate and redesign our environment, giving priority above all to economic factors and revenue. To recall an earlier declaration by Renato Bonelli: contemporary society is not interested in historical and artistic things in themselves, whether they are ancient or modern. It is practical and consumerist, but it is also a society of complexities, and that however opens up some vents.

Keywords
Restoration; Interdisciplinarity; Monumental heritage; Italy

FONTE | SOURCE:

— Frontiers of Architectural Research, Volume 1, Issue 1, March 2012, Pages 2–9.

http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2095263512000088

— prof. Giovanni Carbonara, in: Roma – Il Dipartimento di Storia, disegno e restauro dell’architettura (DSDRA) è stato istituito il 1° luglio 2010 come unione di due Dipartimenti preesistenti, quello di Storia dell’architettura, restauro e conservazione dei beni architettonici e quello di Rilievo, analisi e disegno dell’ambiente e dell’architettura, interamente confluiti nel nuovo Dipartimento nell’ambito del riordino della “Sapienza” – Università di Roma.

http://www.dsdra.it/drupaluni/dipartimento/chi-siamo

s.v.,

Prof. Arch. Jukka Jokilehto, Roma | ICCROM, 1986 [& 2017] = Centro internazionale di studi per la conservazione ed il restauro dei beni culturali | https://it.wikipedia.org/wiki/Centro_internazionale_di_studi_per_la_conservazione_ed_il_restauro_dei_beni_culturali

— A History of Architectural Conservation (pdf 6.7 MB); Jokilehto, Jukka. ICCROM, 1986. (Thesis) part 1(pdf 1.8 MB), part 2 (pdf 2.1 MB), part 3 (pdf 3.0 MB)

This document (466 pages) consists of the research undertaken for the degree of the Doctor of Philosophy (D.Phil.) at the University of York, England, between 1978 and 1986.

http://www.iccrom.org/downloads/

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Arch. Gustavo Giovannoni (1874-1947) – Scuola Romana Di Storia Dell’ Architettura – Restauro Dei Monumenti (1946), in: Prof. L. Napoleone, Università degli Studi di Genova (2014) [PDF], pp. 1-10.

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/2014/08/23/roma-archeologia-e-restauro-architettura-prof-arch-gustavo-giovannoni-1874-1947-scuola-romana-di-storia-dell-architettura-restauro-dei-monumenti-1946-in-prof-l-napoleone-universita-d/

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Rome, the Roman Forum and the “Il Comizio dei Re” – Two new discoveries: A structure dating from the 9th century B.C., & a “Rostra Regia” of the 7th Century B.C. Prof. Stephen Kay | BSR & Dott.ssa Arch. Maddalena Scoccianti | Twitter (17/01/2017).

forgbc

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Rome, the Roman Forum and the “Il Comizio dei Re” – Two new discoveries: A structure dating from the 9th century B.C., & a “Rostra Regia” of the 7th Century B.C. Prof. Stephen Kay | BSR & Dott.ssa Arch. Maddalena Scoccianti | Twitter (17/01/2017).

Roma – Workshop. Il Comizio dei Re | SSCOL & BSR (17/01/2017).

Si terrà domani 17 gennaio dalle ore 9.00, presso la British School at Rome, in via Gramsci 61 il workshop dal titolo “Il Comizio dei Re”.

I lavori intrapresi dalla SSCol per mettere in sicurezza il complesso monumentale del Comizio-Niger Lapis hanno permesso di acquisire nuovi ed importanti
elementi di conoscenza. In particolare, è stato possibile accertare che quest’area – di fondamentale importanza per la storia politica ed istituzionale
della Roma antica – fosse già utilizzata alla fine del IX secolo a.C. Sono state evidenziate anche strutture pertinenti alla fase regia del complesso dei
Rostra.

La ricerca e gli scavi recentemente condotti dalla dott.ssa Patrizia Fortini, con la direzione dei lavori dell’ arch. M. Maddalena Scoccianti, hanno inoltre offerto puntuali e precisi riscontri a quanto tradito dalle fonti antiche circa il termalismo che contraddistingue tale luogo, con tutte le implicazioni che ne conseguono sul piano religioso e sacrale. Infine l’impiego delle moderne tecnologie del Laser Scanner 3D ha reso possibile una più accurata restituzione dell’epigrafe incisa sul ‘cippo del Foro’ che ha consentito di avanzare nuove ipotesi sulla natura e il contenuto della più
antica ‘lex regia’.

— Roma – Workshop. Il Comizio dei Re | SSCOL & BSR (17/01/2017).

http://archeoroma.beniculturali.it/evento/workshop-comizio-dei-re

FOTO | FONTE | SOURCES:

— Prof. Stephen Kay | BSR | Twitter (17/01/2017).

https://twitter.com/stephenjohnkay

— Dott.ssa Arch. Maddalena Scoccianti | Twitter (17/01/2017).

https://twitter.com/federicacolaiac

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: ROME – PROF. GIACOMO BONI, THE ROMAN FORUM & THE EXCAVATIONS OF THE COMITIUM (1898-1915 & 2009-2017). Foto varii & stampa (1 di 415). https://www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/sets/72157603440482574/

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Carla Amici, EVOLUZIONE ARCHITETTONICA DEL COMIZIO A ROMA, RendPontAcc, LXXVII (2004-05), p. 351-379 (in: ACADEMIA.EDU [02|2016]). http://wp.me/pPRv6-3tY

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: A partire dal febbraio 2017 – Ora ho inserito il mio 18 ° anno come ricerca indipendente negli studi di Roma, I Fori Imperiali, Il Quartiere Alessandrina & Via dei Fori Imperiali’ (02/1999-02/2017).

mgc19992000

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: A partire dal febbraio 2017 – Ora ho inserito il mio 18 ° anno come ricerca indipendente negli studi di Roma, I Fori Imperiali, Il Quartiere Alessandrina & Via dei Fori Imperiali’ (02/1999-02/2017).

Foto: “Roma, vista degli scavi nel Foro di Cesare alla fine del 1999 e all’inizio del 2000″ di M. G. Conde | via screenshots = web-camera CAPITOLIUM.ORG | COMUNE DI ROMA (1999-2000), in: Rome, The Imperial Fora (1999-2000): Foto’s of the Imperial Fora excavations by the web camera of the City of Rome’s”CAPITOLIUM.ORG” (1999-2000). By: Martin G. Conde (1999-2000).

Rome, The Imperial Fora (1999-2000): Foto's of the Imperial Fora excavations by the web camera of the City of Rome's "CAPITOLIUM.ORG" (1999-2000). By: Martin G. Conde (1999-2000).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: “EXCITING PALATINE. INTERVIEW WITH PROF. CLEMENTINA PANELLA | EMOZIONI DAL PALATINO. INTERVISTA CON LA PROFESSORESSA CLEMENTINA PANELLA,” Photos via: ©Martin Conde & ©Clementina Panella, in: ITALIAN WAYS.COM (20/01/2017).

panella-2017

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: “EXCITING PALATINE. INTERVIEW WITH PROF. CLEMENTINA PANELLA | EMOZIONI DAL PALATINO. INTERVISTA CON LA PROFESSORESSA CLEMENTINA PANELLA,” Photos via: ©Martin Conde & ©Clementina Panella, in: ITALIAN WAYS.COM (20/01/2017).

1). ROME – EXCITING PALATINE. INTERVIEW WITH CLEMENTINA PANELLA, in: ITALIAN WAYS.COM (20/01/2017).

You can tell she fills with excitement when she has the chance to show an important archaeological find, such as a colored fragment from an 7th-century decoration or a small, sculpted face featuring an enigmatic “archaic smile”. And just listening to her, we could not help but feel the same excitement.

Clementina Panella is professor of Archaeological Research Methodology and Techniques at the Literature and Philosophy Faculty of Rome’s “La Sapienza” university. For over fifteen years, she has carried out excavations and research in an area between the valley of the Colosseum, the northeastern side of the Palatine Hill and the southeastern side of the Velia (from the Arch of Constantine to the Arch of Titus, in the Archaeological area of the Roman Forum and Palatine Hill).

This was the area where the history of Rome began in the 8th century BC, chosen by Romulus – or some other historical figure – to establish the new city. It is not by chance that the Italian word “palazzo” (and the English “palace”), a symbol and place of power, comes from the toponym “Palatino”.

According to professor Panella, “While digging, archaeologists are in fact leafing through the great book of human history, just reading it from the last page – usually written in the language of gas pipes and electrical cables, placed in the uppermost layer. In the past fifteen years of stratigraphic excavation, we have reached the first page of the wonderful book about the history of Rome and its inhabitants. And the story we are reading confirms people have lived here since the late Bronze Age, around the 14th century BC. The words of that faraway time are sometimes minuscule fragments that might have no aesthetic importance, but are still of great value to us.”

Value that has been appreciated by “Loveitaly!”, a non-profit association that gathers funds through an international crowdfunding platform, attracting big and small donations from around the world with the overarching goal of protecting and promoting Italy’s historical and artistic masterpieces.

“Loveitaly!” started supporting Panella’s team a few months ago, with help from CISTeC (La Sapienza’s Research Center for Science and Technology for the Conservation of Historical and Architectural Heritage) and under the direction of professor Maria Laura Santarelli.

The team is hard at work, not only excavating but also backfilling, protecting structures, restoring and analyzing finds made of metal, glass, terracotta and other materials. “Loveitaly!” raises funds to cover all of these activities (as described in detail here).

In her career, professor Panella has directed important excavation sites both in Italy and abroad: the Swimmer’s Thermal Baths in Ostia, the “Centuria A” in Carthage and, in Rome, the “Porticus Liviae” and the “Meta Sudans” in Piazza del Colosseo. She met us at the former Vetreria Sciarra, now one of the buildings of the Literature and Philosophy Faculty of “La Sapienza”, in the San Lorenzo district.

We visited the workshops where young researchers from her team are busy analyzing a huge number of finds, and took the chance to ask her a few questions.

2). ROMA – EMOZIONI DAL PALATINO. INTERVISTA CON CLEMENTINA PANELLA, in: ITALIAN WAYS.COM (20/01/2017).

Quando mostra un reperto archeologico significativo – per esempio il frammento colorato della decorazione di una struttura del VII secolo, o quello di un piccolo volto scolpito su cui s’incurva un enigmatico “sorriso arcaico” – si emoziona. E quell’emozione la trasmette anche a chi, come noi, la ascolta.

Clementina Panella, docente di Metodologia e tecniche della ricerca archeologica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università “La Sapienza” di Roma, porta avanti da più di quindici anni i lavori di scavo e di studio in un’area situata tra la valle del Colosseo e le pendici nord-orientali del Palatino e sud-orientali della Velia (dall’Arco di Costantino all’Arco di Tito, nel Parco archeologico del Foro Romano-Palatino).

Stiamo parlando dello spazio fisico in cui ebbe inizio, nell’VIII secolo a.C., la storia di Roma, il luogo scelto da Romolo, o da chi per lui, per fondare la città. Dal Palatino deriva non a caso il termine “Palazzo”, per antonomasia la sede del potere.

«L’archeologo», spiega la professoressa Panella, «quando scava, sfoglia il grande libro della storia umana, ma lo legge partendo dall’ultima pagina, che con grande probabilità è scritta nella lingua dei tubi del gas o dei fili elettrici, depositati nello strato più superficiale. Ecco, noi in questi quindici anni di scavi stratigrafici siamo arrivati fino alla prima pagina di questo meraviglioso testo relativo alla vicenda dell’Urbe e dei suoi abitanti. E stiamo leggendo qualcosa che ci dà conferma della presenza umana in tale sito fin dall’Età del Bronzo finale, cioè intorno al XIV secolo a.C. Naturalmente, le parole di quell’epoca così remota sono composte anche da frammenti minimi, magari esteticamente insignificanti. Comunque importantissimi».

Un’importanza che non sfugge a “Loveitaly!“, l’associazione no profit che, attraverso una piattaforma di crowdfunding internazionale, si è data l’obiettivo di creare un sistema di raccolta fondi in grado di coinvolgere piccoli e grandi donatori sparsi in tutto il mondo per tutelare e promuovere i capolavori storici e artistici dell’Italia.

“Loveitaly!” si è attivata già da qualche mese per sostenere il lavoro portato avanti dal team della Panella con l’aiuto del CISTeC, il Centro di ricerca in scienza e tecnica per la conservazione del patrimonio storico-architettonico della Sapienza, e sotto la direzione della professoressa Maria Laura Santarelli.

Un lavoro che, ovviamente, non termina con la fine degli scavi, ma continua con i reinterri, la protezione delle strutture, il restauro e le analisi dei reperti mobili (metalli, vetro, terrecotte architettoniche…). Anche a queste finalità è dedicata la raccolta fondi di “Loveitaly!” (che è descritta analiticamente qui).

La professoressa Panella – che nella sua carriera di archeologa ha diretto importanti scavi in Italia e all‘estero, come quelli delle Terme del Nuotatore di Ostia, della “Centuria A” di Cartagine, e, a Roma, della “Porticus Liviae” e dell’area della “Meta Sudans” in piazza del Colosseo – ci accoglie nell’ex Vetreria Sciarra, oggi sede distaccata della Facoltà di Lettere e Filosofia della “Sapienza”, nel quartiere romano di San Lorenzo.

La accompagniamo a visitare i laboratori in cui giovani ricercatori della sua équipe sono impegnati ad analizzare un numero incredibile di reperti. E le poniamo alcune domande.

FONTE | SOURCE:

— ENGLISH | ITALIAN WAYS.COM (20/01/2017).

http://www.italianways.com/exciting-palatine-interview-with-clementina-panella/

— ITALIANO | ITALIAN WAYS.COM (20/01/2017).

http://www.italianways.com/emozioni-dal-palatino-intervista-con-clementina-panella/