ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Happy New Year 2015 | Buon Anno 2015 – Foto: Roma – archeologi americani facendo del loro meglio nel 2015.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Happy New Year 2015 | Buon Anno 2015 - Foto: Roma - archeologi americani facendo del loro meglio nel 2015.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Happy New Year 2015 | Buon Anno 2015 – Foto: Roma – archeologi americani facendo del loro meglio nel 2015.

Happy New Year 2015 | Buon Anno 2015!!!!

Martin & Muppet 🙂

Advertisements

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. Jon Coulston and Dr. Hazel Dodge (ed.), ANCIENT ROME – THE ARCHAEOLOGY OF THE ETERNAL CITY, OXFORD UNIVERSITY | MONOGRAPH 54 (2000) [PDF], pp. 1-15.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. Jon Coulston and Dr. Hazel Dodge (ed.), ANCIENT ROME - THE ARCHAEOLOGY OF THE ETERNAL CITY, OXFORD UNIVERSITY | MONOGRAPH 54 (2000) [PDF], pp. 1-15.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. Jon Coulston and Dr. Hazel Dodge (ed.), ANCIENT ROME – THE ARCHAEOLOGY OF THE ETERNAL CITY, OXFORD UNIVERSITY | MONOGRAPH 54 (2000) [PDF], pp. 1-15.

* Roma e archeologia – Diversi rapporti di lingua inglese con bibliografie: 2013, 2011, 1997, 2000 & 1983*  =

— Dr. Jon Coulston and Dr. Hazel Dodge (ed.), ANCIENT ROME – THE ARCHAEOLOGY OF THE ETERNAL CITY, OXFORD UNIVERSITY | MONOGRAPH 54 (2000) [PDF], pp. 1-15. Digital copy (?) [12|2014].

PDF = Dr. Jon Coulston and Dr. Hazel Dodge (ed.), ANCIENT ROME – THE ARCHAEOLOGY OF THE ETERNAL CITY, OXFORD UNIVERSITY | MONOGRAPH 54 (2000) [PDF], pp. 1-15. Digital copy (?) [12|2014].

s.v.,

— PDF = Prof. James E. Packer , The Atlante: Roma antica revealed. A. CARANDINI (a cura di) con P. CARAFA, ATLANTE DI ROMA ANTICA. BIOGRAFIA E RITRATTI DELLA CITTÀ, (Electa 2012). 2 vols. Pp. 1086, [etc.], in: JRA 26 | Nov. (2013), pp. 553-561.

http://wp.me/pPRv6-1S5

— PDF = Dr. Caroline Goodson, “Roman Archaeology in Medieval Rome,” UK: Ashgate Publishing (2011), [PDF] pp. 17-34.

http://wp.me/pPRv6-1YU

— 1). PDF = Prof. James R. Patterson, VII. THE EMPEROR AND THE CITY: THE  IMPERIAL FORA, PP. 226-9, in: SURVEY ARTICLE – The City of Rome Revisited: From Mid-Republic to Mid-Empire. JRS 100 (2010), pp. 210-232.

PDF = Prof. James R. Patterson, VII. THE EMPEROR AND THE CITY: THE IMPERIAL FORA, PP. 226-9, in: SURVEY ARTICLE – The City of Rome Revisited: From Mid-Republic to Mid-Empire. JRS 100 (2010), pp. 210-232.

— 1.1). PDF = J.R. Patterson, “The City of Rome from Republic to Empire,” in: JRS 82 (1992), pp. 186-215.

PDF = J.R. Patterson, “The City of Rome from Republic to Empire,” in: JRS 82 (1992), pp. 186-215.

— PDF = James E. Packer, Report from Rome: The Imperial Fora, a Retrospective [Relazione da Roma: I Fori Imperiali, una Retrospettiva]. AJA 101, April 1997, [PDF] 307-330.

http://wp.me/pPRv6-2oq

— PDF = Prof. David Whitehouse [British School of Rome], “THE FUTURE OF ANCIENT ROME,” ANTIQUITY, Vol. LVII, No. 219 (March 1983) [PDF], pp. 38 – 44. ARCHIVIO ANTONIO CEDERNA | MIBACT & SSBAR [12|2014].

http://wp.me/pPRv6-2zT

FOTO | FONTE:

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Rome – the Forum of Nerva. Excavations and Discoveries (1989-2009). (Above) – Plan of the pre-excavations area layout of the Imperial Fora / Forum of Nerva, (Below) – Satellite view of the excavations in the Imperial Fora (late 1998). [05|2009 & 12|2014].

Rome - the Forum of Nerva. Excavations and Discoveries (1989-2009). (Above) - Plan of the pre-excavations area layout of the Imperial Fora / Forum of Nerva, (Below) - Satellite view of the excavations in the Imperial Fora (late 1998).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. I. B. Martin, “El area arqueologica central de Roma. Los foros imperiales [Roma, il Fori Imperiali progetto 2000 in spagnolo], IMAFRONTE No. 15 (2000) [PDF], pp. 7-15.

ROMA ARCHEOLOGICA &  RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. I. B. Martin, "El area arqueologica central de Roma. Los foros imperiales [Roma, il Fori Imperiali progetto 2000 in spagnolo], IMAFRONTE No. 15 (2000) [PDF], pp. 7-15.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dr. I. B. Martin, “El area arqueologica central de Roma. Los foros imperiales [Roma, il Fori Imperiali progetto 2000 in spagnolo], IMAFRONTE No. 15 (2000) [PDF], pp. 7-15.

FONTE | SOURCE:

— Dr. INMACULADA BALLESTEROS MARTIN, “El area arqueologica central de Roma. Los foros imperiales, IMAFRONTE No. 15 (2000) [PDF], pp. 7-15. | EDICIONES DE LA UNIVERSIDAD DE MURCIA [12|2014].

PDF = Dr. INMACULADA BALLESTEROS MARTIN, “El area arqueologica central de Roma. Los foros imperiales, IMAFRONTE No. 15 (2000) [PDF], pp. 7-15. | EDICIONES DE LA UNIVERSIDAD DE MURCIA [12|2014].

http://revistas.um.es/imafronte/article/view/37601/36111

s.v., Roma, il Fori Imperiali progetto 2000 in spagnolo =

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Silvana Rizzo, “El corazon de la Roma Imperiali & Al reencuentro de los Foro,” (1999-2000) = [Roma – I Fori Imperiali: S. Rizzo, I Fori Imperiali con contributi di P. Giusberti, R. Meneghini e R. S. Valenzani. ARCHEO, nn. 178, [PDF] (12/1999).

Rome, The Imperial Fora Project (1998-2011): Roma - Silvana Rizzo, El corazon de la Roma Imperiali & Al reencuentro de los Foro, (1999-2000) = [S. Rizzo, P. Giusberti, R. Meneghini e R. S. Valenzani. Fori Imperiali, ARCHEO, nn. 178, (12/1999)].

PDF = http://wp.me/pPRv6-pf

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ASMOSIA X INTERNATIONAL CONFERENCE – Association for the Study of Marble & Other Stones In Antiquity, ROME (21-26|05|2012). [ITALIANO | ENGLISH].

 

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ASMOSIA X INTERNATIONAL CONFERENCE - Association for the Study of Marble & Other Stones In Antiquity, ROME (21-26|05|2012). [ITALIANO | ENGLISH].

The works of the Conference will be organized in 6 days and will offer original presentations from one, or groups of more than one author, subdivided into eight sessions which will take place along optional guided tours such, for instance, Villa Adriana and the travertine quarries of Tivoli; the quarry marbles from Portus now displayed in the Gardens of the Museum of Ostia Antica; the archaeological compounds on the Palatine; the archaeological site of the Theatre of Marcellus.

The programme also includes a session of posters, an exhibition of books and the General Assembly of ASMOSIA.

FONTE | SOURCE:

— ASMOSIA X INTERNATIONAL CONFERENCE – Association for the Study of Marble & Other Stones In Antiquity, ROME (21-26|05|2012). [ITALIANO | ENGLISH].

http://w3.uniroma1.it/asmosiax/default.htm

http://w3.uniroma1.it/asmosiax/program.htm

Foto = “Aspects of Trajan’s Temple and Forum,” Presenter (?).

— Foto sources:

1). Fabio Cavallero, Il TEMPIO dei DIVI TRAIANO e PLOTINA ROMA ANTICA – ESCLUSIVO, ARCHEOLOGIA VIVA, Rivista: N. 149 / mese: Sett.-Ott. 2011, pp. 47-54 [PDF pp. 1-5].

http://wp.me/pPRv6-15m

2). Roma – I Fori Imperiali / The Forum of Trajan. Excavations & Related Studies (1998-2008). The Column of Trajan: ([c. 2001 – revised in high-resolution 03/2008] copyright: Joost van Dongen).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITITTURA: Il Foro di Traiano - Ai Piedi Della Colonna di Traiano | Forum of Trajan - Column of Trajan (1907-2015 [2008]).  ([c. 2001 - revised in high-resolution 03/2008] copyright: Joost van Dongen).

3). Roma – I Fori Imperiali (1995-2008). The Forum of Trajan. Excavations & Related studies (1998-2008). Prof. James. E. Packer, The Forum of Trajan in Rome: a study of the Monuments (Vol. I), 1997. FRONTPIECE. Restored perspective: view of the Forum.

Roma - I Fori Imperiali (1995-2008). The Forum of Trajan. Excavations & Related studies (1998-2008). Prof. James. E. Packer, The Forum of Trajan in Rome: a study of the Monuments (Vol. I), 1997. FRONTPIECE. Restored perspective: view of the Forum.

4). ROMA ARCHEOLOGIA: Dott.ssa Marina Milella, “Decorazione architettonica romana: dalla regola alle eccezioni,” per il corso di “Principi di linguaggio architettonico”, cattedra di Archeologia classica (Patrizio Pensabene, Francesca Caprioli), Sapienza Università di Roma, Facoltà di Lettere (05/05/2012), pp. 1-159.

ROMA - Dott.ssa Marina Milella, "Decorazione architettonica romana: dalla regola alle eccezioni," per il corso di "Principi di linguaggio architettonico", cattedra di Archeologia classica (P. Pensabene, F. Caprioli), La Sapienza, (05/05/2012), pp. 1-159.

ITALIA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: BERLUSCONI & ROMA MAFIA CAPITALE – ‘London School of Economics: “Non rimarrà nulla dell’Italia”, ‘ IL CONTAGIO (17|10|2013).

ITALIA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: BERLUSCONI & ROMA MAFIA CAPITALE - 'London School of Economics: “Non rimarrà nulla dell’Italia”, ' IL CONTAGIO (17|10|2013).

ITALIA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: BERLUSCONI & ROMA MAFIA CAPITALE – ‘London School of Economics: “Non rimarrà nulla dell’Italia”, ‘ IL CONTAGIO (17|10|2013).

Nel giro di 10 anni del nostro Paese non rimarrà più nulla. O quasi. E’ la conclusione catastrofica cui giunge nella sua analisi il professore Roberto Orsi della London School of Economics and Political Science (LSE). Che cosa ci sta portando alla dissoluzione e all’irrilevanza economica? Una classe politica miope che non sa fare altro che aumentare le tasse in nome della stabilità. Monti ha fatto così. E Letta sta seguendo l’esempio. Il tutto unito a una “terribile gestione finanziaria, infrastrutture inadeguate, corruzione onnipresente, burocrazia inefficiente, il sistema di giustizia più lento e inaffidabile d’Europa”.

___
s.v., ITALIA – TABELLA La top 18 dei dirigenti pubblici – L’esercito dei duecentomila dirigenti della pubblica amministrazione che costano 20 miliardi, L’ESPRESSO (18|02|2014).

http://espresso.repubblica.it/palazzo/2014/02/12/news/la-top-18-dei-dirigenti-pubblici-1.152678

[Nota L’ESPRESSO (18|02|2014]: Fonte: nostra elaborazione su dati attinti dalla sezione “Amministrazione trasparente” dei vari siti istituzionali. I valori sono annuali, al lordo di imposte e contributi previdenziali. La retribuzione di Giuliano Amato, citato perché è di fresca nomina, è pari a quella degli altri 13 giudici costituzionali. Molte amministrazioni non rispettano gli obblighi di legge. Mancano così, ad esempio, le retribuzioni degli ambasciatori, o quelle degli avvocati dello Stato, che sicuramente figurerebbero in questa graduatoria. Va notato che la legge 214 del 2011 ha posto un tetto alle retribuzioni di ministeri ed enti pubblici: non possono superare lo stipendio del Primo Presidente di Cassazione, pari nel 2012, dato valido per le retribuzioni dell’anno successivo, a 302 mila 937 euro.

___

L’ANALISI DI ORSI

“Gli storici del futuro probabilmente guarderanno all’Italia come un caso perfetto di un Paese che è riuscito a passare da una condizione di nazione prospera e leader industriale in soli vent’anni in una condizione di desertificazione economica, di incapacità di gestione demografica, di rampate terzomondializzazione, di caduta verticale della produzione culturale e di un completo caos politico istituzionale. Lo scenario di un serio crollo delle finanze dello Stato italiano sta crescendo, con i ricavi dalla tassazione diretta diminuiti del 7% in luglio, un rapporto deficit/Pil maggiore del 3% e un debito pubblico ben al di sopra del 130%. Peggiorerà.

Il governo sa perfettamente che la situazione è insostenibile, ma per il momento è in grado soltanto di ricorrere ad un aumento estremamente miope dell’IVA (un incredibile 22%!), che deprime ulteriormente i consumi, e a vacui proclami circa la necessità di spostare il carico fiscale dal lavoro e dalle imprese alle rendite finanziarie. Le probabilità che questo accada sono essenzialmente trascurabili. Per tutta l’estate, i leader politici italiani e la stampa mainstream hanno martellato la popolazione con messaggi di una ripresa imminente. In effetti, non è impossibile per un’economia che ha perso circa l’8 % del suo PIL avere uno o più trimestri in territorio positivo.Chiamare un (forse) +0,3% di aumento annuo “ripresa” è una distorsione semantica, considerando il disastro economico degli ultimi cinque anni. Più corretto sarebbe parlare di una transizione da una grave recessione a una sorta di stagnazione.

Il 15% del settore manifatturiero in Italia, prima della crisi il più grande in Europa dopo la Germania, è stato distrutto e circa 32.000 aziende sono scomparse. Questo dato da solo dimostra l’immensa quantità di danni irreparabili che il Paese subisce. Questa situazione ha le sue radici nella cultura politica enormemente degradata dell’élite del Paese, che, negli ultimi decenni, ha negoziato e firmato numerosi accordi e trattati internazionali, senza mai considerare il reale interesse economico del Paese e senza alcuna pianificazione significativa del futuro della nazione. L’Italia non avrebbe potuto affrontare l’ultima ondata di globalizzazione in condizioni peggiori.

La leadership del Paese non ha mai riconosciuto che l’apertura indiscriminata di prodotti industriali a basso costo dell’Asia avrebbe distrutto industrie una volta leader in Italia negli stessi settori. Ha firmato i trattati sull’Euro promettendo ai partner europei riforme mai attuate, ma impegnandosi in politiche di austerità. Ha firmato il regolamento di Dublino sui confini dell’UE sapendo perfettamente che l’Italia non è neanche lontanamente in grado (come dimostra il continuo afflusso di immigrati clandestini a Lampedusa e gli inevitabili incidenti mortali) di pattugliare e proteggere i suoi confini. Di conseguenza , l’Italia si è rinchiusa in una rete di strutture giuridiche che rendono la scomparsa completa della nazione certa.

L’Italia ha attualmente il livello di tassazione sulle imprese più alto dell’UE e uno dei più alti al mondo. Questo insieme a un mix fatale di terribile gestione finanziaria, infrastrutture inadeguate, corruzione onnipresente, burocrazia inefficiente, il sistema di giustizia più lento e inaffidabiled’Europa, sta spingendo tutti gli imprenditori fuori dal Paese. Non solo verso destinazioni che offrono lavoratori a basso costo, come in Oriente o in Asia meridionale: un grande flusso di aziende italiane si riversa nella vicina Svizzera e in Austria dove, nonostante i costi relativamente elevati di lavoro, le aziende troveranno un vero e proprio Stato a collaborare con loro, anziché a sabotarli. A un recente evento organizzato dalla città svizzera di Chiasso per illustrare le opportunità di investimento nel Canton Ticino hanno partecipato ben 250 imprenditori italiani.

La scomparsa dell’Italia in quanto nazione industriale si riflette anche nel livello senza precedenti di fuga di cervelli con decine di migliaia di giovani ricercatori, scienziati, tecnici che emigrano in Germania, Francia, Gran Bretagna, Scandinavia, così come in Nord America e Asia orientale. Coloro che producono valore, insieme alla maggior parte delle persone istruite è in partenza, pensa di andar via, o vorrebbe emigrare. L’Italia è diventato un luogo di saccheggio demografico per gli altri Paesi più organizzati che hanno l’opportunità di attrarre facilmente lavoratori altamente, addestrati a spese dello Stato italiano, offrendo loro prospettive economiche ragionevoli che non potranno mai avere in Italia.

L’Italia è entrata in un periodo di anomalia costituzionale. Perché i politici di partito hanno portato il Paese ad un quasi – collasso nel 2011, un evento che avrebbe avuto gravi conseguenze a livello globale. Il Paese è stato essenzialmente governato da tecnocrati provenienti dall’ufficio del Presidente Repubblica, i burocrati di diversi ministeri chiave e la Banca d’Italia. Il loro compito è quello di garantire la stabilità in Italia nei confronti dell’UE e dei mercati finanziari a qualsiasi costo. Questo è stato finora raggiunto emarginando sia i partiti politici sia il Parlamento a livelli senza precedenti, e con un interventismo onnipresente e costituzionalmente discutibile del Presidente della Repubblica, che ha esteso i suoi poteri ben oltre i confini dell’ordine repubblicano. L’interventismo del Presidente è particolarmente evidente nella creazione del governo Monti e del governo Letta, che sono entrambi espressione diretta del Quirinale.

L’illusione ormai diffusa, che molti italiani coltivano, è credere che il Presidente, la Banca d’Italia e la burocrazia sappiano come salvare il Paese. Saranno amaramente delusi. L’attuale leadership non ha la capacità, e forse neppure l’intenzione, di salvare il Paese dalla rovina. Sarebbe facile sostenere che Monti ha aggravato la già grave recessione. Letta sta seguendo esattamente lo stesso percorso: tutto deve essere sacrificato in nome della stabilità. I tecnocrati condividono le stesse origini culturali dei partiti politici e, in simbiosi con loro, sono riusciti ad elevarsi alle loro posizioni attuali: è quindi inutile pensare che otterranno risultati migliori, dal momento che non sono neppure in grado di avere una visione a lungo termine per il Paese. Sono in realtà i garanti della scomparsa dell’Italia.

In conclusione, la rapidità del declino è davvero mozzafiato. Continuando su questa strada, in meno di una generazione non rimarrà nulla dell’Italia nazione industriale moderna. Entro un altro decennio, o giù di lì, intere regioni, come la Sardegna o Liguria, saranno così demograficamente compromesse che non potranno mai più recuperare.
I fondatori dello Stato italiano 152 anni fa avevano combattuto, addirittura fino alla morte, per portare l’Italia a quella posizione centrale di potenza culturale ed economica all’interno del mondo occidentale, che il Paese aveva occupato solo nel tardo Medio Evo e nel Rinascimento. Quel progetto ora è fallito, insieme con l’idea di avere una qualche ambizione politica significativa e il messianico (inutile) intento universalista di salvare il mondo, anche a spese della propria comunità. A meno di un miracolo, possono volerci secoli per ricostruire l’Italia.”

FONTE | SOURCE:

– Il Contagio (17|10|2013).

http://ilcontagio.org/2013/10/17/london-school-of-economics-non-rimarra-nulla-dellitalia/

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ITALIA & BERLUSCONI (2012): “Torna Silvio!”: la riscossa dei fedelissimi tra indagati, amazzoni, caporali e peones, LA REPUBBLICA (07/12/2012).

ITALIA & BERLUSCONI (2013): "Torna Silvio!": la riscossa dei fedelissimi tra indagati, amazzoni, caporali e peones, LA REPUBBLICA (07/12/2012).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: FORI IMPERIALI, DA COMMISSIONE ESPERTI PROGETTI INNOVATIVI PER AREA ARCHEOLOGICA, OK A RIPRISTINO ARENA COLOSSEO E FORO ROMANO DI NUOVO GRATIS PER TUTTI, MIBACT (30|12|2014), [PDF], pp. 1-34.

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: SCHEMA DI ASSETTO PRELIMINARE DEL PROGETTO FORI AMBITO STRATEGICO DEL PARCO DEI FORI E DELL'APPIA ANTICA ROMA - 2004/2006 [08|2014].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: FORI IMPERIALI, DA COMMISSIONE ESPERTI PROGETTI INNOVATIVI PER AREA ARCHEOLOGICA, OK A RIPRISTINO ARENA COLOSSEO E FORO ROMANO DI NUOVO GRATIS PER TUTTI, MIBACT (30|12|2014), [PDF], pp. 1-34.

— ROMA, FORI IMPERIALI, DA COMMISSIONE ESPERTI PROGETTI INNOVATIVI PER AREA ARCHEOLOGICA, OK A RIPRISTINO ARENA COLOSSEO E FORO ROMANO DI NUOVO GRATIS PER TUTTI, MIBACT [30|12|2014].

MIBACT (30|12|2014), PDF, pp. 1-34 = MIBACT (30|12|2014), PDF, pp. 1-34.

Franceschini: grande passo avanti per area archeologica urbana più grande del mondo, Marino: proposte che puntano a valorizzare patrimonio storico artistico di Roma.

La commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale sull’area archeologica centrale, presieduta da Giuliano Volpe e composta da Michel Gras, Tiziana Ferrante, Adriano La Regina, Eugenio La Rocca, Laura Ricci, Claudio Strinati e Jane Thompson, ha inviato oggi, nel rispetto dei tempi, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, e al Sindaco di Roma Capitale, Ignazio Marino, la relazione finale riguardo il lavoro svolto nel corso del proprio mandato. La relazione contiene le proposte tecnico-scientifiche su cui il Mibact e Roma Capitale definiranno le proprie soluzioni.

Nella relazione, la commissione – che propone di attribuire la denominazione di area archeologica centrale di Roma al quadrilatero costituito da Piazza Venezia, Fori Imperiali, Colosseo, Colle Oppio, Campidoglio-Teatro di Marcello, Foro Romano, Palatino e Circo Massimo – suggerisce diverse soluzioni per un migliore sistema degli accessi e dei percorsi e per regolare e migliorare i servizi turistici di quella che diventerà la più grande area archeologica urbana del mondo.
In particolare, la Commissione propone di diversificare le possibilità di accesso all’area realizzando un’entrata al Palatino lungo via dei Cerchi, creare punti di sosta e di parcheggio di scambio per i pullman turistici nella zona di S. Maria in Cosmedin ed eventualmente in via di Valle delle Camene eliminando gli stalli di via di S. Gregorio, pedonalizzare via dei Cerchi, aumentare la pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali eliminando le barriere architettoniche, migliorandone il decoro e riducendo la fascia carrabile limitandola esclusivamente al solo trasporto pubblico. Al riguardo la commissione prevede una linea circolare elettrica fatta di autobus ad altissima frequenza (via dei fori imperiali, Colosseo, via dei cerchi, piazza Venezia).

Per quanto riguarda il Colosseo la commissione si esprime favorevolmente alla recente proposta di ricostruzione dell’arena, nella convinzione che essa possa offrire un’ulteriore opportunità di comprensione e fruizione dei resti archeologici, rendendo visitabili anche gli ambienti sotterranei ed ospitando iniziative culturali compatibili con la corretta conservazione del monumento. Parere favorevole anche al progetto di ripristino del collegamento tra il Colosseo e il Ludus Magnus. Per quest’ultimo, la Commissione auspica un progetto innovativo, anche coinvolgendo privati per rendere la struttura frequentabile e aperta a diverse attività, anche coprendola e realizzando una grande piazza fruibile anche di sera. La commissione auspica infine che il Foro romano torni ad essere gratuito per tutti i cittadini e i visitatori e l’approvazione di una legge speciale per Roma.

Per il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini si tratta di ‘un grande passo avanti per la realizzazione di quella che sarà la più grande area archeologica urbana del mondo”.
“Le proposte della Commissione – aggiunge il sindaco di Roma Capitale Ignazio Marino – vanno finalmente nella direzione di una concreta valorizzazione dell’inestimabile patrimonio storico artistico di Roma, e ne disegnano una più moderna e più completa fruizione, per romani e turisti”.

in allegato il testo integrale della relazione

Roma, 30 dicembre 2014

FONTE | SOURCE:

— FORI IMPERIALI, DA COMMISSIONE ESPERTI PROGETTI INNOVATIVI PER AREA ARCHEOLOGICA, OK A RIPRISTINO ARENA COLOSSEO E FORO ROMANO DI NUOVO GRATIS PER TUTTI, MIBACT (30|12|2014), [PDF], pp. 1-34.

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_1842016686.html

FOTO | FONTE SOURCE:

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: SCHEMA DI ASSETTO PRELIMINARE DEL PROGETTO FORI AMBITO STRATEGICO DEL PARCO DEI FORI E DELL’APPIA ANTICA ROMA – 2004/2006 [08|2014].

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: SCHEMA DI ASSETTO PRELIMINARE DEL PROGETTO FORI AMBITO STRATEGICO DEL PARCO DEI FORI E DELL'APPIA ANTICA ROMA - 2004/2006 [08|2014].

s.v.,

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: SCHEMA DI ASSETTO PRELIMINARE DEL PROGETTO FORI AMBITO STRATEGICO DEL PARCO DEI FORI E DELL'APPIA ANTICA ROMA - 2004/2006 [08|2014].

— 1). FOTO & STAMPA 1 di 44 = ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I Fori Imperiali Progetto – documenti di progetto in formato PDF.| The Imperial Fora Project – Planning Documents in PDF [1998-2014].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: NASCE IL “CONSORZIO PER I FORI DI ROMA”. INSIEME PER L’AREA ARCHEOLOGICA URBANA PIÙ IMPORTANTE DEL MONDO, MIBACT (21|04|2015); * s.v., Min. Rutelli | Vice Sindico M. P. Garavaglia, MIBAC (18|02|2008).

— 2). FOTO & STAMPA 1 di 49 = ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The Imperial Fora / Via dell’ Impero (2004): Exhibit: “Forma / La città moderna e il suo passato (2004),” & Prof. Paulette Singley, “[Review of:] Fascism Under Erasure: Fuksas’s Proposal for the Via dei Fori Imperiali (2004).”

ROME – THE IMPERIAL FORA: Mostra – ‘Forma / La città moderna e il suo passato (2004). Prof. Paulette Singley, Abstract – ‘Fascism Under Erasure: Fuksas's Proposal for the Via dei Fori Imperiali (2004).’

— 3). FOTO & STAMPA 1 di 149 = ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Commissario delegato per le Aree Archeologiche di Roma e Ostia Antica e ulteriori informazioni relative anche alla Commissione (2008-2012).

RAPPORTO ARCHEOLOGIA 2012 - Dall'Appia al Palatino. Ecco la mappa degli scavi. Nei piani del commissario Cecchi il tetto “mimetico” per la casa di Augusto e l’apertura delle terrazze della Domus Tiberiana. La Repubblica (10/08/2011), p. 11 [PDF pp. 1-3].

— 4). FOTO & STAMPA 1 di 288 = ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA e I FORI IMPERIALI: Marino: “Pedonalizzerò i Fori imperiali”, IL MESSAGGERO (13/06/2013). [2013-14].

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTUARO ARCHITETTURA: "What's a Marino?" - Ignazio Marino a San Francisco. Ma negli Usa non se ne parla la stampa locale ancora non accenna nemmeno alla sua visita, CINQUE QOUTIDIANO (12|09|2014).

— 5). FOTO & STAMPA 1 di 256 = ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROME – PROF. RCH. GIACOMO BONI (1899-07), THE ROMAN FORUM: THE ANTIQUARIUM FORENSE – REDISCOVERING AN ANCIENT MUSEUM & RESTORATION OF THE ANTIQUARIUM (2004-07). THE EXCAVATIONS OF THE COMITIUM (2009-2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The Roman Forum and prof. Arch. Giacomo Boni - "...how to evoke the genius of the place and make its dry bones live," Boni: (03|1903) Foto: (05|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Margherita Zanzarella Dottori (A CURA DI) NO ALLA RIMOZIONE DEI SAMPIETRINI A ROMA, FACEBOOK (30|12|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Margherita Zanzarella Dottori (A CURA DI) NO ALLA RIMOZIONE DEI SAMPIETRINI A ROMA, FACEBOOK (30|12|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Margherita Zanzarella Dottori (A CURA DI) NO ALLA RIMOZIONE DEI SAMPIETRINI A ROMA, FACEBOOK (30|12|2014).

Ce li misero i papi nel ‘500, grazie ad una tassa sulle meretrici! Si, i “serci” sono stati messi in posa nel per far scivolare meglio le carrozze …. e sono diventate un simbolo di Roma!

FONTE | SOURCE:

NO ALLA RIMOZIONE DEI SAMPIETRINI A ROMA, FACEBOOK (30|12|2014).

https://www.facebook.com/groups/733286696757500/

ROMA, L’INTERVISTA «Fare cassa con i sampietrini per salvare Roma dal degrado»Il neo assessore comunale ai Lavori pubblici Maurizio Pucci . «Non ci sono risorse e hanno un mercato fiorente , rimarranno in parte nelle piazze e nelle vie storiche». CORRIERE DELLA SERA (30|12|2014).

ROMA – Gli obiettivi «più ambiziosi per il 2015 sono il decoro e le grandi opere» ma «bisogna sapere che le risorse sono insufficienti»: ecco, allora, che Maurizio Pucci, il neoassessore che da dirigente ha firmato la pedonalizzazione dei Fori Imperiali, punta a Lavori pubblici «creativi». In sintesi, immagina una rivoluzione di metodo. Dall’apertura ai privati – «le imprese non possono solamente attendere gli appalti pubblici» – ai commercianti da coinvolgere «come accaduto con i negozianti di via Merulana, che in cambio dello sconto sulla Cosap provvedono all’arredo urbano: bisogna fare lo stesso con il Tridente, con le grandi vie commerciali, l’Appia, viale Europa». E in assenza dei soldi che fecero bella Roma all’epoca del Giubileo, ecco l’idea: «I sampietrini hanno un mercato fiorente, sia italiano sia internazionale. Li daremo alle imprese, sono un valore». Un’idea che creerà polemiche, come le ha create la sua nomina, alla luce delle intercettazioni su «Mafia Capitale»

Pucci, scusi: le diranno che vuole vendere un pezzo di Roma.

«Gli approcci ideologici non servono. E io dico che i sampietrini se non sono utili sono pericolosi, per automobilisti scooteristi e pedoni, per tutti: vanno sostituiti con l’asfalto, almeno in tutte le strade dove passa l’autobus. Dobbiamo rendere la città più funzionale, l’idea principale è questa: per risolvere il problema delle buche servono massicci investimenti, e nuove forme di collaborazione coi privati, come le sponsorizzazioni; per le consolari penso a forme di mecenatismo, ad esempio. E comunque, per tornare ai sampietrini: una parte rimarrà, in forme ridotte, qualche metro nelle piazze storiche, ma il resto diventerà proprietà delle imprese».

Non è difficile immaginare le reazioni delle Soprintendenze…

«Io so che le opinioni non sono poi così divergenti: perché la sutura tra un sampietrino e l’altro produce polvere che crea inquinamento, danneggia i monumenti. E poi sia chiaro: neanche Wolf, il personaggio di Tarantino che risolve problemi in Pulp Fiction, può curare i mali di Roma senza soldi. Non siamo più ai tempi del Giubileo del 2000, e adesso il degrado è tale, dal centro alla periferia, che bisogna fare qualcosa».
Vendere i sampietrini non basterà.
«Dobbiamo costruire nuovi metodi di manutenzione urbana, di decoro: mi riferisco al coinvolgimento dei privati, delle imprese, che non possono solamente attendere gli appalti pubblici, che pure ci saranno, legali e trasparenti. Ma serve la compartecipazione agli investimenti, anche con nuove forme di presenza nel rapporto con la pubblica amministrazione. La città va salvata tutti assieme. E poi bisogna superare il deficit infrastrutturale, visto che dopo il Giubileo, salvo rare eccezioni, non è stato fatto nulla: dobbiamo completare la linea C e puntare sui tram. e completare le tante opere lasciate a metà. Per dirlo con uno slogan, nel presente dobbiamo immaginare il futuro».
Nel presente significa che oggi si fanno parole e poi i fatti…

«Nel presente apriremo i cantieri per le Olimpiadi del 2024 e per il Giubileo del 2025: nel futuro i lavori saranno completati, ma vanno cominciati adesso. Voglio cantieri che sopra abbiano un orologio, un conto alla rovescia, in modo che si sappia quando è prevista la fine dei lavori».

Si sta ancora aspettando il parco archeologico più grande del mondo…

«Completeremo la pedonalizzazione dei Fori una volta finiti i lavori in superficie della metro: metteremo il tram fino a via Labicana. Poi, grazie al Ministero e alla Soprintendenza archeologica, faremo il parco sull’Appia Antica voluto da Cederna, dal Campidoglio ai confini dei Roma».

Tra le nuove nomine la sua è stata quella che ha fatto più discutere.

«Io ero onorato di essere stato osteggiato da quei presunti mafiosi. Al Pd, ai consiglieri e comunali, a Matteo Orfini, posso solo dire grazie per la correttezza. Più in generale non ho rancori con nessuno, e sono sempre stato tranquillo, le chiacchiere non mi hanno mai fermato: se sono diventato assessore lo devo a Marino, mi ha voluto con testardaggine».

FONTE | SOURCE:

— CORRIERE DELLA SERA (30|12|2014).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/14_dicembre_30/fare-cassa-sampietrini-salvare-roma-degrado-f83c16b4-8ff3-11e4-a207-f362e6729675.shtml

s.v.,

— Foto varii: Roma, “SAMPIETRINI A ROMA” di FLICKR [12|2014].

https://www.flickr.com/search?text=sampietrini+ROMA

— ROMA, Sanpietrini souvenir di Roma antica, Rubati e messi in valigia dai turisti scatta denuncia in aeroporto Fiumicino VIDEO, ANSA (23|06|2104).

FIUMICINO – Sampietrini antichi e moderni, oltre a mosaici datati I e III secolo Avanti Cristo trafugati dai turisti stranieri lungo le strade e nelle aree archeologiche della Capitale e considerati alla stregua di ”souvenir” della vacanza a Roma.

E’ l’ultima moda di molti viaggiatori stranieri, in particolare nord europei, scoperta dalla Polizia di frontiera nello scalo aereo romano. Sembra incredibile, eppure i pesanti blocchetti di leucitite, un tipo di roccia eruttiva tipica delle zone vulcaniche laziali, storicamente utilizzati per la realizzazione del lastricato stradale di vie e piazze romane, sono da qualche tempo tra gli oggetti che gli agenti della Polizia di frontiera, diretti dal dirigente della V Zona della Polizia di Frontiera, Antonio Del Greco e dal dirigente Rosario Testatiuti, sequestrano ai turisti che tornano in patria. Per i passeggeri trovati in possesso di questi oggetti, comunque, scatta una denuncia per furto, mentre i sampietrini vengono restituiti al Comune di Roma.

”E’ un fatto davvero curioso che si va ripetendo con una certa frequenza”, ammette Del Greco. E sottolinea che il fenomeno si verifica prevalentemente tra i passeggeri che si servono di compagnie aeree low cost, in particolare tra quelli che al termine del soggiorno nella Capitale rientrano in uno dei Paesi del Nord Europa.

”Questi sampietrini, antichi e moderni, e gli altri reperti archeologici sequestrati, tra cui anche alcune parti di mosaici di epoca romana, una pietra miliare e diversi frammenti di roccia vulcanica – prosegue il dirigente – nascosti tra gli indumenti e gli effetti personali all’interno dei bagagli, non sono rilevati al controllo radiogeno dai macchinari a cui sovrintendono gli addetti alla sicurezza aeroportuale”.

”E’ grazie alla solerzia dei nostri uomini – sostiene a sua volta il Vicequestore aggiunto della Polizia giudiziaria, Roberto Mattei – in stretta collaborazione con il personale addetto alla sicurezza di Adr Security, se riusciamo a scoprirli”.

FONTE | SOURCE:

— VIDEO, ANSA (23|06|2104).

http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/curiosita/2012/06/23/Sampietrini-come-souvenir-Roma-antica_7083114.html

ROMA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: F. G. Cavallero, “11. Foro di Augusto,” in A. Carandini, P. Carafa (a cura di), ‘La Roma di Augusto in 100 monumenti,’ UTET Editore (2014), [pdf] pp. 73-77.

ITALIA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: F. G. Cavallero, "11. Foro di Augusto," in A. Carandini, P. Carafa (a cura di), 'La Roma di Augusto in 100 monumenti,' UTET Editore (2014), [pdf] pp. 73-77.

ROMA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: Fabio Giorgio Cavallero, “11. Foro di Augusto,” in A. Carandini, P. Carafa (a cura di), ‘La Roma di Augusto in 100 monumenti,’ UTET Editore (2014), [pdf] pp. 73-77.

— F. G. Cavallero, “11. Foro di Augusto,” in A. Carandini, P. Carafa (a cura di), ‘La Roma di Augusto in 100 monumenti,’ UTET Editore (2014), pp. 73-77.

PDF = F. G. Cavallero, “11. Foro di Augusto,” in A. Carandini, P. Carafa (a cura di), ‘La Roma di Augusto in 100 monumenti,’ UTET Editore (2014), pp. 73-77.

Fonte | source:

— Fabio Giorgio Cavallero, La Sapienza University of Rome, Archeologia, Graduate Student.
ACADEMIA.EDU [12|2014].

https://uniroma.academia.edu/FabioCavallero

— A. Carandini, P. Carafa (a cura di), ‘La Roma di Augusto in 100 monumenti,’ UTET Editore (2014).

Descrizione

L’universo di Roma antica sfugge a una decifrazione immediata. Il patrimonio sterminato di architetture, sculture, pitture e arti minori è letto spesso come un insieme di capolavori isolati, mirabilia estrapolati da ogni contesto. Andrea Carandini – uno dei massimi archeologi contemporanei, artefice di quello straordinario tour de force erudito e intellettuale che è “L’Atlante di Roma antica” – tenta in questo libro un esperimento singolare: consegnarci una lettura organica dell’Urbe durante un periodo capitale della sua storia, quello dell’ascesa al potere e del lunghissimo principato di Ottaviano Augusto, attraverso il racconto di 100 monumenti giunti come rovine fino a noi. Edifici amministrativi, luoghi di culto, infrastrutture, costruzioni commerciali, spazi per lo spettacolo, monumenti onorari, abitazioni private e aree funerarie – l’intero programma urbano del princeps – sono illustrati da immagini e testi illuminanti che formano una guida della Roma augustea tra il 44 a.C. e il 14 d.C. Centro simbolico, oltre che fisico, di questo itinerario è la domus Augusti, lo straordinario complesso architettonico palatino e primo “palazzo” da cui il principe governava il mondo. Idee, fantasie, forme artistiche e azioni politiche sono, per Carandini, inseparabili dal luogo in cui sono state concepite e attuate. È cosi che dalla descrizione minuziosa della prima residenza imperiale emerge prodigiosamente un inedito ritratto del suo inventore e abitante.

Fonte | source: libreriauniversitaria.it ® 2014.

http://www.libreriauniversitaria.it/roma-augusto-100-monumenti-book/libro/9788851120931

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: “SISTEMA INFORMATIVO ARCHEOLOGICO DI ROMA ANTICA E DEL SUO TERRITORIO,” di Andrea Carandini, Sapienza Universita di Roma (2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: "SISTEMA INFORMATIVO ARCHEOLOGICO DI ROMA ANTICA E DEL SUO TERRITORIO," di Andrea Carandini, Sapienza Universita di Roma (2014).

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. James E. Packer , The Atlante: Roma antica revealed. A. CARANDINI (a cura di) con P. CARAFA, ATLANTE DI ROMA ANTICA. BIOGRAFIA E RITRATTI DELLA CITTÀ, (Electa 2012). 2 vols. Pp. 1086, [etc.], in: JRA 26 | Nov. (2013), pp. 553-561.

http://wp.me/pPRv6-1S5

— ROMA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: “SISTEMA INFORMATIVO ARCHEOLOGICO DI ROMA ANTICA,” di A. Carandini, La Sapienza, Roma (2014); “Atlante di Roma Antica” (2012), Vol. II – Tavv. vari in PDF | JPEG; Notizie & Bibliografia SITAR & ‘Atlante Roma’ (2005-14).

http://wp.me/pPRv6-2g5 & http://wp.me/pPRv6-2fR

— ROMA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: Foro di Augusto: Dott.ssa Carnabuci & Dott.ssa Braccalenti, Nuove ipotesi per una rilettura del settore meridionale del Foro di Augusto. BCOM, CXII (2011), [pdf] pp. 35-65.

http://wp.me/pPRv6-1Qv

— Foto & stampa 1 di 189 = ROMA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il Foro di Augusto – Scavi – (2007-14 & 1926-33) | The Forum of Augustus – excavations – (2004-14 & 1926-33).

Rome - the Imperial Fora: Forum of Augustus Excavations (2004-2006).

ITALIA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: Italy to bring private sector into its museums in effort to make a profit, THE GUARDIAN, U.K., (21|12|2014).

ITALIA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: Italy to bring private sector into its museums in effort to make a profit, THE GUARDIAN, U.K., (21|12|2014).

ITALIA ARCHEOLOGIA & RESTAURO ARCHITETTURA: Italy to bring private sector into its museums in effort to make a profit, THE GUARDIAN, U.K., (21|12|2014).

Italy to bring private sector into its museums in effort to make a profit, THE GUARDIAN, U.K., (21|12|2014).

Italy to bring private sector into its museums in effort to make a profit. Nation aims to emulate countries including the US – where the Met’s restaurant earned more than all Italy’s museums combined.

Italy is turning to the private sector to try to increase the profitability of some of its cultural treasures, including the Uffizi gallery in Florence and Borghese gallery in Rome.

Under a new initiative sponsored by the government of the prime minister, Matteo Renzi, Italy’s cultural centres are likely to begin to look more like other great museums around the world, including the Metropolitan Museum of Art in New York, by opening more restaurants, gift shops, ticket booths, guides, and other tourist-friendly additions that can start generating bigger profits.

The museum decree, expected to be unveiled this week by Dario Franceschini, the culture minister, will create 18 new offices for the biggest artistic sites in the country.

These offices will begin to accept private sector bids from Italian and international companies to build up some of the museums, with the aim of raising about €2bn (£1.6bn) per year by 2017.

It will be hard to do much worse than the current state of affairs, where only 190 of Italy’s 450 state museums offer any additional facilities to tourists.

Italy’s museums and archaeological sites made only €380m in sales last year and, according to La Repubblica, generated profits of just €30m, or 50 cents per Italian citizen.

By comparison, the Louvre in Paris, home of the Mona Lisa by Leonardo da Vinci, generated €2.5bn in sales last year.

The Italian press reported that the restaurant at the Metropolitan Museum of Art in New York in itself made more money alone than all of the Italian museums combined.

“We’ve inherited an intolerable situation,” Franceschini said recently, according to La Repubblica. “There is no activity of the state that is even capable of running a bookshop.”

Advertisement

Italy is the fifth largest tourism destination in the world and hosted an estimated 47.7 million foreign visitors in 2013, according to the UN World Tourism Organisation rankings.

For a country facing record unemployment and a third recession, the great artistic and cultural venues that are spread from Naples to Milan have long been seen as a possible cash cow.

But change has been slow.

In 2009, a former director of McDonald’s called Mario Resca, who served as the general manager of Italy’s state-run museums, caused a stir when he called for some of Italy’s cultural centres, including the Colosseum, to be made available to private parties for special events.

Now it is Franceschini who is trying to shake up the moribund Italian tourism sector, and that could lead to better services – and higher prices – for visitors.

In July, Franceschini unveiled what were deemed to be revolutionary changes at the Uffizi, as well as at other state-owned museums, when he announced that only visitors under the age of 18 would be given free tickets and those under 25 would be given reduced tickets. Before the change, some senior citizens received steep discounts.

Franceschini has also encouraged greater corporate involvement in the Italian arts. Earlier this month, the minister hailed Samsung Italia, a division of the South Korean conglomerate, for its €600,000 investment in the Gallerie dell’Accademia, Venice.

He said the investment in the museum ought to serve as an example to other companies looking to do their part to protect Italy’s cultural heritage.

The funds paved the way for the gallery to double its exhibition size to 10,000 sq m and will triple the number of expected visitors from 300,000 per year to 900,000.

Not everyone is enamoured by the idea of museums seeking alternative ways to generate income, however.

Marco Pierini, the director of the civic gallery in the northern city of Modena, resigned this month after his museum opened its doors to a food exhibition that showcased local specialities such as mortadella and balsamic vinegar.

“It seems to me that to evict art and replace it with typical products, creates the image of a city that caters to consumer tourism, rather than thoughtful citizens,” he said in his resignation letter.
FONTE | SOURCE:

— THE GUARDIAN, U.K., (21|12|2014).

http://www.theguardian.com/culture/2014/dec/21/italy-aims-to-make-museums-profitable

FOTO | FONTE | SOURCE:

— Annalisa Giuseppetti, ROME, FACEBOOK (29|12|2014).

https://www.facebook.com/annalisa.giuseppetti

s.v.,

— News | Notizie: Dario Franceschini, the Italian culture minister (2013-14).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/?s=+Franceschini+

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/?s=galloni

Foto’s | New’s article 1 thru 600, plus under the following subject matter (12|2014):

– ROMA ARCHEOLOGICA – Commissario delegato per le Aree Archeologiche di Roma e Ostia Antica e ulteriori informazioni relative anche alla Commissione (2008-2012).

– ROME, ARCHAEOLOGY & CULTURAL HERITAGE: Political Corruption, Neglect & Abandonment of Rome’s Cultural Heritage & Priorities of the Tourist Industry by the Political Administration of the Ministry of Culture & the City of Rome (2005 – 2014).

– ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI e I FORI IMPERIALI: The Italian Ministry of Culture & the City of Rome – Archaeological & Cultural Heritage Planning (06/2013 – onwards).

– Italy & Rome: Protecting Italy’s Cultural Heritage – ‘Il grande business dell arte’ – Who ultimately decides the future for Italy’s; Rome’s past? The Politicians or the Scholars or the Archaeologists?

https://www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/collections/72157625542342430/

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: [Prof. Arch. Italo Gismondi, in:] Prof. Valentin Kockel, “Il palazzo per tutti”. Die Entdeckung des antiken Mietshauses und seine Wirkung auf die Architektur des faschistischen Rom, NBA | Nurnberg, No. 11 (1994-95) [PDF], pp. 23-36.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: [Prof. Arch. Italo Gismondi, in:] Prof. Valentin Kockel, "Il palazzo per tutti". Die Entdeckung des antiken Mietshauses und seine Wirkung auf die Architektur des faschistischen Rom, NBA | Nurnberg, No. 11 (1994-95) [PDF], pp. 23-36.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: [Prof. Arch. Italo Gismondi, in:] Prof. Valentin Kockel, “Il palazzo per tutti”. Die Entdeckung des antiken Mietshauses und seine Wirkung auf die Architektur des faschistischen Rom, NBA | Nurnberg, No. 11 (1994-95) [PDF], pp. 23-36.

FONTE | SOURCE:

— 1). Prof. Valentin Kockel, “Il palazzo per tutti”. Die Entdeckung des antiken Mietshauses und seine Wirkung auf die Architektur des faschistischen Rom, NBA | Nurnberg, No. 11 (1994-95) [PDF], pp. 23-36.

–2). Prof. Valentin Kockel, “Il palazzo per tutti”. La scoperta ad Ostia dell’antica casa di affitto e la sua influenza sull’architettura della Roma fascista, Confronto. Studi e ricerche di storia dell’arte europea, Bd. 5, (2005) [PDF], pp 54 – 73.

Prof. Valentin Kockel, ACADEMIA.EDU [12|2014].

https://uni-augsburg.academia.edu/ValentinKockel

s.v.,

— Prof. Valentin Kockel, Die Wiederentdeckung des römischen Mietshauses im antiken Ostia, Klassische Archäologie | Universitat Ausburg [12|2014].

http://www.philhist.uni-augsburg.de/lehrstuehle/archaeologie/Forschung/Forschungsprojekte_Kockel/Nachleben/Mietshaus.html

–Prof. Arch. Italo Gismondi: FOTO & STAMPA 1 di 66, in: ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Rome / The Imperial Fora: Models & Reconstructions of Ancient Imperial Forums – G. Marcelliani (1905-1906); P. Bigot (1906-1911, 1942); I. Gismondi / P. Di Carlo (1933-1937; L. Quilici (c. 1991); M. Travaglini (2000), & Radu Oltean (2010), [12|2014].

Rome - Model of Ancient Rome [Imperial Fora]. Arch. Italo Gismondi. Bird's - Eye View of the Imperial Fora of Rome (date ? / unpublished). Rome Exhibit: Architect Italo Gismondi (2007). [Original colored version].

ITALIA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Intervista al ministro – “Riportiamo a casa le opere dimenticate dai grandi Musei,” CORRIERE DELLA SERA (27|12|2014) [pdf], p. 39 & CDS (25|12|2014).

ITALIA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Intervista al ministro - "Riportiamo a casa le opere dimenticate dai grandi Musei," CORRIERE DELLA SERA (27|12|2014) [pdf], p. 39

ITALIA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Intervista al ministro – “Riportiamo a casa le opere dimenticate dai grandi Musei,” CORRIERE DELLA SERA (27|12|2014) [pdf], p. 39 & CDS (25|12|2014).

PDF = Intervista al ministro – “Riportiamo a casa le opere dimenticate dai grandi Musei,” CORRIERE DELLA SERA (27|12|2014) [pdf], p. 39.

– MINISTERO DEI BEN CULTURALI – Mibact, online i direttori generali Cgil:«Nuove nomine,vecchia politica» Ugo Soragni alla direzione generale dei musei e Federica Galloni all’arte contemporanea. Il sindacato: «È una scelta sconsiderata»Esclusa la sorella di Buzzi. CORRIERE DELLA SERA (25|12|2014).

Ugo Soragni alla direzione generale dei musei, Federica Galloni all’arte e architettura contemporanea e periferie urbane, Mario Guarany alla direzione generale archivi. Senza alcuna nota ufficiale, ma come semplice aggiornamento dell’organigramma, sono già online sul sito del ministero i nomi dei nuovi direttori generali voluti da Dario Franceschini per guidare il ministero della Cultura rivoluzionato dalla sua riforma.

Esclusi Prosperetti e la sorella di Buzzi
Confermate tutte le indiscrezioni della vigilia, compresi i due nomi che hanno già fatto scoppiare la polemica, in particolare per l’esclusione di Francesco Prosperetti che i rumors delle settimane passate davano in prima posizione per la direzione del contemporaneo (nel 2008 Prosperetti guidò la neonata Parc) poi affidata all’architetto Federica Galloni. Confermata anche l’esclusione dalle nomine di Anna Maria Buzzi, sorella di Salvatore Buzzi, il cui nome è citato in una delle intercettazioni relative all’inchiesta di Mafia Capitale.

Le nomine
Le nomine non hanno riguardato invece le direzioni cinema, spettacolo e turismo, che non sono state toccate dalla riforma del ministero firmata da Franceschini. Di seguito le nuove direzioni con i responsabili:

1) DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE: Gregorio Angelini
2) DIREZIONE GENERALE MUSEI: Ugo Soragni
3) DIREZIONE GENERALE ARCHEOLOGIA: Gino Famiglietti
4) DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE: Federica Galloni
5) DIREZIONE GENERALE ARCHIVI: Mario Guarany
6) DIREZIONE GENERALE BIBLIOTECHE E ISTITUTI CULTURALI: Rossana Rummo
7) DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA: Nicola Borrelli
8) DIREZIONE GENERALE PER LO SPETTACOLO : Salvatore Nastasi
9) DIREZIONE GENERALE TURISMO: Onofrio (Ninni) Cutaia
10) DIREZIONE GENERALE BILANCIO: Paolo D’Angeli
11) DIREZIONE GENERALE BELLE ARTI E PAESAGGIO: Francesco Scoppola
12) DIREZIONE GENERALE EDUCAZIONE E RICERCA: Caterina Bon Valsassina

I grandi musei

Nel mondo della cultura ci sono altre nomine in ballo, quelle per i direttori dei più grandi musei italiani per cui il ministro Franceschini ha fatto sapere di volere una gara internazionale. Il bando verrà pubblicato sul numero dell’Economist che uscirà il 9 gennaio 2015, ma anche sulle pagine culturali di alcuni giornali internazionali.

La Cgil: «Nomine nuove, vecchia politica»

In queste nomine c’è un segnale di «vecchia politica ministeriale». Lo denuncia la Cgil di settore, che sottolinea: «Nessun rinnovamento nei criteri di nomina e qualcuna di queste non si comprende bene in base a quali requisiti. Questa tornata doveva essere una utile occasione per dare un segno distintivo alle possibilità di rinnovamento e certo non si può affermare che questo sia avvenuto». Nella lista – anticipata da più parti – «al di là della promozione di Paolo D’Angeli al Bilancio gli altri nomi sono gli stessi di sempre e in questa tornata in piu c’è l’escluso eccellente e la nomina sconsiderata» fa notare Claudio Meloni del coordinamento Fp Cgil Mibact. Il riferimento, chiarisce , è «all’esclusione di Francesco Prosperetti e la designazione di Federica Galloni». Operazione, sottolinea il sindacalista, «non certo avvenuta per motivi curricolari, considerata l’esperienza e la competenza del primo rispetto ai dubbi non solo nostri sulle capacità specifiche della seconda». «Siamo curiosi di conoscere le motivazioni – aggiunge – ma certo il segnale che proviene da questa infornata è quello della solita vecchia politica ministeriale, se queste nomine saranno confermate ufficialmente. Nulla di nuovo sotto il sole, se non l’immagine vecchia e decadente di un ministero avvolto nel declino».

FONTE | SOURCE:

CORRIERE DELLA SERA (25|12|2014).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/14_dicembre_24/mibact-online-direttori-generali-cgilnuove-nominevecchia-politica-13b921fe-8b65-11e4-9698-e98982c0cb34.shtml

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Arch. Federica Galloni [ex-l’amante di Paolo Berlusconi], la nuova ”Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee,” IL MESSAGGERO (22|12|2014).

http://wp.me/pPRv6-2Aw

VATICANO ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Femen – dell’Ucraina Euro rifiuti: “Natale 2014 – ore 13.25 – Piazza S. Pietro – Una donna scavalca…”, di Annalisa Giuseppetti, FACEBOOK (25|12|2104).

vaticano 12

VATICANO ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Femen – dell’Ucraina Euro rifiuti: “Natale 2014 – ore 13.25 – Piazza S. Pietro – Una donna scavalca…”, di Annalisa Giuseppetti, FACEBOOK (25|12|2104).

Natale 2014 – ore 13.25 – Piazza S. Pietro – Una donna scavalca…Una femen entra nel presepio, ruba il bambinello e comincia ad urlare. Azione dimostrativa arginata da un solo gendarme. Dimostrazione di come tutto è possibile.
Se invece che nuda, avesse avuto addosso un giubbotto carico di tritolo, forse non ve la stavo raccontando.

FONTE | SOURCE:

VATICANO di Annalisa Giuseppetti, FACEBOOK (25|12|2104).

https://www.facebook.com/annalisa.giuseppetti/media_set?set=a.10205957003550070.1073741860.1409365619&type=1&comment_id=10205965858731444&ref=notif&notif_t=comment_mention

s.v.,

Nota: Quello che nessuno Romani avevano un ombrello per battere il suo culo stupido come l’ultima volta nel gennaio 2013?

ITALIA / VATICANO: "San Pietro: Femen nude, botte con' ombrello," La Repubblica & REUTERS NEWS, USA (13 Jan. 2013). - Uno speciale ringraziamento alla donna polizia italiana, e l'altra donna italiana con l'ombrello.

ITALIA / VATICANO: “San Pietro: Femen nude, botte con’ ombrello,” La Repubblica & REUTERS NEWS, USA (13 Jan. 2013). – Uno speciale ringraziamento alla donna polizia italiana, e l’altra donna italiana con l’ombrello.

 

NAPOLI ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il «caffè sospeso» fa notizia in Usa: un articolo sulle pagine del New York Times, IL MATTINO (26|12|2014) & THE NEW YORK TIMES (25|12|2014), p. A1.

NAPOLI ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il «caffè sospeso» fa notizia in Usa: un articolo sulle pagine del New York Times, IL MATTINO (26|12|2014) & THE NEW YORK TIMES (25|12|2014), p. A1.

NAPOLI ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il «caffè sospeso» fa notizia in Usa: un articolo sulle pagine del New York Times, IL MATTINO (26|12|2014) & THE NEW YORK TIMES (25|12|2014), p. A1.

— Non solo degrado, traffico e “monnezza” a Napoli e nelle strade del centro. Questa volta, a quanto pare, a fare notizia è il popolare caffè sospeso, IL MATTINO (26|12|2014).

Questo “semplice atto di generosità” infatti, come si legge nell’articolo realizzato sull’argomento dal New York Times, “è un piccolo regalo che nessuno dovrebbe perdere” e che negli anni – anche grazie alla “rete del caffè sospeso” diffusa in tutto il mondo – sembra essersi esteso con grande rapidità.

Il quotidiano statunitense, ripercorrendo la storia di questa usanza, accenna al fatto che nessun napoletano ha memoria delle sue origini ma rammenta anche che con il passare del tempo, è diventata la più nobile delle tradizioni napoletane.

In questi ultimi anni di difficoltà economica però, il “sospeso” è stato applicato sempre più spesso anche ad altre cose come la pizza, i panini o addirittura i libri.

Proprio in quest’ultimo caso, il New York Times ricorda l’iniziativa del “libro sospeso” ideata dalla libreria Feltrinelli che ha “incoraggiato i clienti a comprare un libro e lasciarlo per i lettori indigenti che potrebbero poi andarlo a prendere”. Ma non è il solo caso.

Dal caffè Gambrinus, alla pizzeria “Da Concettina ai tre Santi”, la giornalista del Times viaggia per le strade ed i vicoli di Napoli descrivendo con cura ed attenzione tutti i locali in cui la pratica è in uso.

“Napoli è una città nota per la sua grinta, la sua bellezza, il suo caos e la sua criminalità” si legge ancora, “Nonostante queste cose però, la sua gente è anche famosa per la solidarietà di fronte alle difficoltà”.

“Noi serviamo circa 1.000 caffè sospesi ogni anno” commenta Pino De Stasio, proprietario del bar 7bello, “proprio tra i vicoli storici di Napoli dove quello dell’espresso è un rito e dove nel XX secolo abitò e prese il caffè anche Benedetto Croce.

— EUROPE | NAPLES JOURNAL – In Naples, Gift of Coffee to Strangers Never Seen, THE NEW YORK TIMES (25|12|2014), p. A1.

NAPOLI ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il «caffè sospeso» fa notizia in Usa: un articolo sulle pagine del New York Times, IL MATTINO (26|12|2014) & THE NEW YORK TIMES (25|12|2014), p. A1.

NAPLES, Italy — One azure morning in December, Laura Cozzolino arrived at her corner cafe in central Naples and ordered her usual: a dense espresso, which arrived steaming hot on the dark marble counter.

She lingered over the aroma, then knocked it back in two quick sips. But instead of paying for one coffee, she paid for two, leaving the receipt for the other — a caffè sospeso, or suspended coffee — with the bartender for a stranger to enjoy.

“It’s a simple, anonymous act of generosity,” said Ms. Cozzolino, 37, an employee of a medical device company. “As a Neapolitan who tries to restrict herself to four coffees a day, I understand that coffee is important. It’s a small treat that no one should miss.”

The suspended coffee is a Neapolitan tradition that boomed during World War II and has found a revival in recent years during hard economic times.

From Naples, by word of mouth and via the Internet, the gesture has spread throughout Italy and around the world, to coffee bars as far-flung as Sweden and Brazil. In some places in Italy, the generosity now extends to the suspended pizza or sandwich, or even books.

Naples is a city well known for its grit, beauty, chaos and crime. Despite those things, or perhaps because of them, its people are also famous for their solidarity in the face of hardship.

No one here seems to know precisely when or how the suspended coffee began. But that it started here speaks to the small kindnesses that Italians are known for — and also of the special place that coffee occupies in the culture.

In a time of hardship, Italians can lack many things, but their coffee is not one of them. So it may be the most common item left at many cafes, as a gift, for people too poor to pay.

More than 90 percent of Italian families drink coffee at home, and there is one coffee bar for every 490 Italians, according to Illy, one of Italy’s leading coffee producers, and a local organization that studies food and drinks. Espresso comes in seemingly infinite forms: ristretto (strong), lungo (more water), macchiato or schiumato (with a bit of milk or milk foam), or corretto (a kick of liquor added).

Drinking one is an act rigorously performed standing at the counter for a few quick minutes. It naturally sets the passing hours of the day. It is both an intimate and a public ritual.

Many bartenders attribute a soul to the coffee-making process and take pride in knowing their customers’ preferences, even before they lay an elbow on the counter and start talking about the sun — or lack thereof — or complaining about the government.

“Coffee consumption predated the unification of Italy by more than 200 years, so the rituals and traditions around it are very ancient,” Andrea Illy, chairman of Illy, said in a phone interview. “In Naples, coffee is a world in itself, both culturally and socially. Coffee is a ritual carried out in solidarity.”

That solidarity is spreading. In 2010, an ensemble of small Italian cultural festivals gave form to the tradition of generosity by creating the Suspended Coffee Network.

Continue reading the main storyContinue reading the main storyContinue reading the main story
The purpose was to weather the severe cuts to the state cultural budgets by organizing and promoting their own activities together. But it also started solidarity initiatives for those in need. Encouraging a donated coffee was one of them.

Now, across Italy, the bars that have joined the network display the suspended coffee label — a black and brown sticker with a white espresso cup — in their windows.

In participating coffee bars, customers might toss receipts in an unused coffee pot on the counter, where the needy can pull them out and use them. In others, customers pay in advance for an extra coffee, and the cafe keeps a list or hangs the receipts in the shop window.

As the most vulnerable increasingly feel the pinch of Italy’s long economic crisis, bars in some southern towns have started inviting customers to pay for a sandwich — or more — for those in need.

This year, Feltrinelli, a large bookstore, encouraged clients to buy a book and leave it for destitute readers who could then go and collect it.

Likewise, in 2012, a pizzeria in Naples, Da Concettina ai Tre Santi, created the suspended pizza logo and printed it on its paper tablecloths. Each week, it manages to deliver around 15 free pizzas for the poor.

But in Naples, with its rich diversity of neighborhoods, coffee bars hold a special place as gathering points for all: senators, families with grandchildren, street artists, businessmen and beggars.

“Coffee in Naples is an excuse to dialogue, to tell stories, not like in other more hectic Italian cities,” said Bruno La Mura, one of the owners of the Spazio Nea art gallery, exhibition room and coffee shop, which has offered suspended coffees since it opened in 2012.

“Here we don’t drink coffee, we ‘take’ it, as a medicine,” echoed his business partner, Luigi Solito. “To me, the philosophy of the suspended coffee is that you are happy today, and you give a coffee to the world, as a present.”

Even before joining the Suspended Coffee Network, some Neapolitan cafes embellished the tradition on their own.

At Gran Caffè Gambrinus, a 154-year-old cafe in Naples, in 2009 the managers began displaying an old, oversize Neapolitan coffee pot, a local version of the kind in almost all Italian homes.

They leave the lid open, with explanations in six languages — and in Neapolitan — of what a suspended coffee is and how clients can contribute one by dropping a receipt inside.

Of more than 1,500 espressos it serves on average every day, about 10 are left suspended by customers, said Sergio Arturo, one of the owners. About five people come every day and stick their hands in the coffee pot and take a receipt, a number that has increased in the past year or two, he said.

Almost everybody in Naples seems to know what a suspended coffee is, though not all bartenders have served one.

In Naples’s old quarter, an area heavily visited by tourists, Caffè 7Bello serves about 1,000 suspended coffees a year, mostly to older people, migrants and the Roma, the owner, Pino De Stasio, said.

It is in the building where the 20th-century thinker Benedetto Croce once lived, on a street that is today lined with souvenir shops and pitchmen selling lucky horns made in China for a euro. That is where Ms. Cozzolino left her suspended coffee.

“I didn’t know about the suspended coffee,” said another customer that day, a mother of four from Bucharest, Romania, in flip-flops, socks and a light winter jacket, who panhandles nearby. “I just came by once, and they gave it to me, so I come back. We like coffee, too.”

FONTE | SOURCES:

— IL MATTINO (26|12|2014).

http://www.ilmattino.it/NAPOLI/CRONACA/caff-amp-egrave-sospeso-new-york-times/notizie/1086102.shtml

— THE NEW YORK TIMES (24|12|2014).

http://www.nytimes.com/2014/12/25/world/europe/naples-suspended-coffee.html?_r=0

VIENNA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The ‘Evil Turd’ is seeking forgiveness and redemption on Christmas Day in one of Vienna’s Chuches. © 2014 ArtSpecialDay (25|12|2014).

VIENNA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The 'Evil Turd' is seeking redemption forgiveness and redemption on Christmas Day in one of Vienna's Chuches. © 2014 ArtSpecialDay (25|12|2014).

VIENNA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The ‘Evil Turd’ is seeking forgiveness and redemption on Christmas Day in one of Vienna’s Chuches. © 2014 ArtSpecialDay (25|12|2014).

VIENNA – Steinbrener / Dempf & Huber hanno istallato l’opera “To be in Limbo” nella chiesa gesuita in Vienna. Sarà in mostra fino al 19 aprile. È un richiamo a Le chateau des Pyrénées (Il castello dei Pirenei), tela di Magritte del 1961.

L’opera è impressionante. Se lo spettatore si lasciasse andare potrebbe veramente pensare che in sospensione nell’aria della chiesa vi sia il limbo. Un terreno che sta tra terra e cielo. Se il cielo è paradiso, la terra è per forza l’inferno. Ma è dolce il poter ammirare davanti gli occhi le terre che percorreremo lasciata questa.

Steinbrener / Dempf & Huber sono una collaborazione che sta ricordando al panorama artistico mittel-europero delle caratteristiche che alcuni davano per disperse.

Non sono nuovi ad istallazioni all’interno di chiese. Come non sono nuovi alla terra come inferno. Già nel 2008 al Monastero di Klosterneuburg avevano dato prova di una sensibilità strabiliante creando un cerchio in ferro sospeso sopra la platea, cerchio vestito d’azzurro e di farfalle. Un colloquio simbolico con un cielo che cadeva dal soffitto affrescato. Nel 2012 al Museo di Storia Naturale di Vienna gli animali sono invece usciti dal giardino per trovarsi immersi nei rifiuti tossici.

Anche oggi ci offrono un avvicinamento al mondo celeste.

L’intervento odierno come detto parte da una chiara citazione di Magritte. L’opera è il castello dei Pirenei, a sua volta ripreso da un racconto di Edgar Allan Poe.

Sono sicuro che la serie potrebbe continuare, e scovare nuovi gradini nella fascinazioni seguite da Poe. In comune questi autori, Steinbrener / Dempf & Huber compresi, hanno la tensione verso la descrizione di una realtà. Da sempre l’opera di Magritte è in bilico tra le interpretazioni oniristiche che i più accettano come buona sintesi e una più profonda analisi della realtà.

Magritte tuttavia è meno onirico dei suoi colleghi surrealisti. Di certo lo è meno di Dalì, di certo meno freudianamente analizzabile di Man Ray. A dividerli la negazione per eccellenza, che questa non è una pipa. Divisione conscia. A dividerli è il tentativo non di analizzare una soggettività che arricchisce il mondo quotidiano, ma di presentare un’ipotesi di realtà, verso la quale noi saremo spettatori. E che siamo spettatori è chiaro dallo stile pittorico che Magritte utilizza, marcatamente pittorico e mai fotografico (è questa una delle critiche di spettatori impreparati alle mostre di Magritte, come per De Chirico, che si aspetterebbero materiale grafico in esposizione, mai pittorico). Lo stile della pietra limbica esposta nella chiesa gesuita è ugualmente non fotografico, ma rivelatamente scultoreo.

La fascinazione che vi siano ipotesi di realtà altre diventa particolarmente prolifica quando il dialogo si spinge in luoghi che ammettono l’ipotesi come principio.

Tanto Poe quanto Magritte sono molto curiosi di chi prima di loro ha creato ipotesi di realtà. La loro curiosità li ha spesso uniti nello studio degli aspetti più rituali delle tradizioni religiose. E così si trovano a loro agio dove di rito si fa scansione del tempo, e la presenza diventa ruolo. Nelle chiese come nei castelli.

Il compito di una narrazione che ipotizza legami tra realtà diverse indaga una vera terra di mezzo, si nutre di fantasiosi richiami e rispetto dovuto verso gli stessi.

Magritte rimarrà sempre una guida verso una disciplina dell’analisi delle sovrapposizioni tra ipotesi di realtà diverse. Sempre meno sarà l’onirico surrealista.

L’opera di Steinbrener / Dempf & Huber diventa un manifesto perfetto delle concatenazioni tra mondi, come da sempre lo è il Limbo.

Fonte | source: A Vienna è di scena il Limbo, di Guido Nosari
By Guido Nosari, dicembre 1, 2014 10:15

http://www.artspecialday.com/2014/12/01/vienna-scena-limbo/#.VJ0Eyl4BCA

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Arch. Federica Galloni [ex-l’amante di Paolo Berlusconi], la nuova ”Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee,” IL MESSAGGERO (22|12|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Arch. Federica Galloni [ex-l’amante di Paolo Berlusconi], la nuova ''Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee,'' IL MESSAGGERO (22|12|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Arch. Federica Galloni [ex-l’amante di Paolo Berlusconi], la nuova ”Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee,” IL MESSAGGERO (22|12|2014).

__

Nota 1). “…If you follow the well documented careeer path of Dr. Arch. Galloni, beginning with her work as an architect with the City of Rome, and now Italy’s ”Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee,” one thing is certain, nearly every project, event or undertaking she has been involved with relating to Rome, Latium, and now Italy, all have been involved with issues of serious conflicts of interest, controversay, scandal and corruption.”  M. G. Conde (25|12|2014). 

Nota 2). rif: IL MESSAGGERO (22|12|2014), Commento di colleghi a Roma di FACEBOOK (23|12|2014): “Cara […] , l’ unico senso è che Letta (Gianni) è ancora molto potente nel Mibact.”

– Gianni Letta, s.v., Enrico Letta, Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana dal 28 aprile 2013 al 14 febbraio 2014 ed esponente del Partito Democratico, del quale per alcuni anni è stato responsabile economico, è nipote di Gianni Letta e lo ha sostituito nel ruolo di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, fino ad allora da lui occupato, nel passaggio dal Governo Berlusconi III al Governo Prodi II. L’8 maggio 2008 Gianni ha poi ripreso l’incarico dalle mani del nipote.

http://www.dagospia.com/mediagallery/dago_gallery-2130/60172.htm
_

ROMA, Beni culturali, pronte le nomine dei direttori: salta la Buzzi, sorella del socio di Carminati, IL MESSAGGERO (22|12|2014).

Dall’archeologia alle Belle Arti, passando per biblioteche, educazione e bilancio, sono pronte le nomine dei nuovi direttori generali del Ministero per i Beni culturali e per il turismo. Un primo passaggio strategico per la rivoluzione di Dario Franceschini. E per la guida dei musei salta la poltrona di Anna Maria Buzzi, sorella di Salvatore Buzzi, uomo-chiave dell’inchiesta Mafia Capitale, che fino ad oggi ha guidato la direzione per la Valorizzazione, competenza che sembrava naturale passare ai Musei. Al suo posto è stato nominato l’architetto Ugo Saragni. Esce di scena, dunque, Anna Maria Buzzi, finita anche lei nelle intercettazioni del fratello, “patron” della Cooperativa 29 Giugno arraffa-appalti d’oro, ma non indagata.

Quanto al decreto Franceschini, la vera e attesa svolta sarà dopo la pubblicazione, in programma per il 9 gennaio sulla testata del The Economist, del bando per la ricerca internazionale dei venti direttore top manager per musei e istituzioni che avranno una gestione autonoma (dal Colosseo a Pompei, dagli Uffizi alla Galleria Borghese). Per questo primo step, si è trattato di un “rimescolamento” di poltrone.

Le indiscrezioni sul toto-nomi si sono rincorse fino in serata. Per la formalizzazione del processo di nomina si attende domani (martedì 23 dicembre) con il visto ufficiale del Ministero della Pubblica amministrazione. Ma da quanto si apprende, la nuova squadra dei direttori generali è pronta, tra riconferme, scambi e new entry.

Ecco tutti i nomi. Ugo Soragni, come dicevamo sopra, l’architetto che ha curato gli interventi alla Reggia di Caserta, vola alla Direzione Musei, mentre Francesco Scoppola guiderà le Belle arti e paesaggio. Caterina Bon Valsassina sbarca all’Educazione e ricerca, lasciando la direzione regionale della Lombardia, e Federica Galloni, fino ad oggi direttore regionale del Lazio, prende la poltrona della direzione per l’Arte e architettura contemporanee e periferie urbane.

Gino Famiglietti resta alla direzione per l’Archeologia, forte della sua lunga esperienza alla direzione del Molise. Confermata Rossana Rummo che rimane in tema di “carte”, guidando la direzione generale Biblioteche, seguita da Mario Guarany cui spettano gli Archivi. Gregorio Angelini occupa la direzione Organizzazione del personale, mentre a Paolo D’Angeli spetta il Bilancio.

Le direzioni a Cinema, Spettacolo dal vivo e Turismo non sono state toccate dalla riforma di Franceschini, quindi i direttori rimangono in carica fino a scadenza naturale. Vale a dire, tra un anno. Nel dettaglio, Nicola Borrelli al Cinema, Salvo Nastasi allo Spettacolo, Onofrio Cutaia al Turismo.

FONTE | SOURCE:

— IL MESSAGGERO (22|12|2014).

s.v.,

— VERSO UN NUOVO MIBACT – IN VIGORE LA RIFORMA DEL MINISTERO. PRIMO GIORNO DI APPLICAZIONE DELLA RIORGANIZZAZIONE, MIBACT [Pubblicato il 11|12|2014 & 30 agosto 2014].

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_513525077.html

— Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo | Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee [12|2014].

http://www.pabaac.beniculturali.it/opencms/opencms/BASAE/sito-BASAE/ma/direzione-generale/index.html

— I nuovi soliti nomi al MiBACT, TAFTER (24|12|2014).

La presunta rivoluzione e le nuove nomine del MiBACT sono state annunciate dal ministro Dario Franceschini a ridosso delle feste natalizie. I nuovi incarichi non colpiscono per originalità e freschezza, inducendoci a chiedere se si tratti di vero cambiamento o meno.

http://www.tafter.it/2014/12/24/i-nuovi-soliti-nomi-al-mibact/

— ITALIA [MIBACT] e CORRUZIONE: Dott.ssa Arch. Federica Galloni, DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL LAZIO (16 aprile 2010 – oggi), & “Galloni …[ex-] l’amante di Paolo Berlusconi” (11|2014).

Commento di diversi colleghi a Roma (01|11| 2014):

1). Collega 1): “Martin, …Tra la posta, allo studio, ho trovato la raccomandata della Galloni! Mi vuole dare le carte, che Le ho chiesto? Chissà! Domani ti mando la scannerizzazione del documento. Il dialogo è aperto,” Ciao [di —-], Roma (01|11|2014).

– Martin = s.v., ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: DIRETTORE REGIONALE: Arch. Federica Galloni | Complesso Monumentale di San Michele a Ripa | Via di S. Michele, 22 – 00153 ROMA

– Martin = s.v., ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Arch. F. Galloni, Le Direzioni Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici, Lazio [stampa vari], pagina 1.

– Martin = s.v., ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Arch. F. Galloni, Le Direzioni Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici, Lazio [stampa vari], pagina 2.

Collega 1.1): “Caro Martin, Che meravigliose notizie mi dai sulla Galloni, che è arrivata a fare il Direttore dei Beni Culturali del Lazio, senza aver fatto il concorso, che in Italia è d’obbligo per accedere ai Pubblici Uffici (Io, per insegnare, ne ho vinti due!), con il solo “merito” di essere stata l’amante di Paolo Berlusconi!!! Non capisce nulla e sta facendo solo enormi danni ai Beni Culturali!…” Ciao di [—-],” Roma (01|11|2014).

Collega 2.): “Martin, Amante non sappiano ma in ottimi rapporti sicuramente si,come lo era anche con l’ ex ministro Galan. Purtroppo non è l’unica ad avere fatto carriera grazie alle amicizie importanti,” (…) “Caro Martin, tutto ruotava attorno a Balducci e Bertolaso. L’ articolo del 2010 è molto buono e documentato,” Ciao di [—-],” Roma (01|11|2014).

– Martin = s.v., ROMA, L’INCHIESTA G8 La lobby del mattone benedetta dal Vaticano Dai lavori per la Curia romana ai maxi appalti della Protezione civile. G8, nuovo filone d’inchiesta. I rapporti con la Santa Sede consolidati da molte commesse. L’architetto di fiducia del Papa e quello amico di Paolo Berlusconi, LA REPUBBLICA (28|06|2010).

– Martin = s.v., ITALIA BENI CULTURALI e CORRUZIONE: Giancarlo Galan, Ex-Ministro per i Beni e le Attività Culturali (23|03 – 16|11|2011), Arresto Dell’ Ex Governatore Veneto, Accusanto di Corruzione, LA REPUBBLICA (23|07|2014), p. 1. | foto: ArcheoNews (Ottobre 2011).

Collega 3): “Martin, ora mi spiego molte cose…,” Ciao di [—-],” Roma (01|11|2014).

Collega 4): “Martin, L’inchiesta continua, ma si dovrebbe arrivare ai capi banda in colletto bianco, che si presentano alle conferenze pubbliche come servitori delle istituzioni. Anche la curia di Terni è indagata dalla procura, ma i signori con l’abito talare sono ben protetti pare. (…) Si si sapeva che costei era legata alla “destra” di Berlusconi, ma non è la sola, sono persone presenti in tutti i partiti del parlamento italiano, destra, centro o sinistra, per costoro conta solo il culto del dio denaro,” Ciao di [—-],” Roma (01|11|2014).

Collega 5): “Martin, grazie molte! Questa storia é molto interessante … Un capitolo della storia italiana basata sul merito …,” Ciao di [—-],” Roma (01|11|2014).

http://wp.me/pPRv6-2s7

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Maxxi, a Giovanna Melandri lo stipendio e il premio “non autorizzati”, in: Marco Lillo di IL FATTO QUOTIDIANO | PATRIMONIOSOS.IT (24|12|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Maxxi, a Giovanna Melandri lo stipendio e il premio “non autorizzati”, in: Marco Lillo di IL FATTO QUOTIDIANO | PATRIMONIOSOS.IT (2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Maxxi, a Giovanna Melandri lo stipendio e il premio “non autorizzati”, in: Marco Lillo di IL FATTO QUOTIDIANO | PATRIMONIOSOS.IT (24|12|2014).

REGALI – Giovanna Melandri e lo stipendio Maxxi “non autorizzato” di Marco Lillo “Il Fatto Quotidiano”, 24 dic. 2014

PER LA DIREZIONE GENERALE DEL MINISTERO LA PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE MUSEALE NON DOVEVA AVERE COMPENSI

Non bastava lo stipendio. Giovanna Melandri, presidente della Fondazione MAXXI, a fine anno troverà sotto l’albero anche un bel premio. Ricordate le polemiche sul ‘MAXXI stipendio’ del politico? Melandri il 22 novembre del 2013 al Messaggero rivelava che il suo stipendio ammontava a 45 mila euro netti.

Il 6 novembre, pochi giorni prima, il Cda presieduto da lei stessa approvava la delibera n. 12 che Il Fatto ha visionato. Si scopre che lo stipendio è di 91.500 euro lordi all’anno e che Melandri avrà diritto anche a un bonus sull’andamento dei ricavi fino a una somma di 24 mila euro o ancora di più se l’incremento di biglietti, sponsor e introiti supera il 30 per cento. Non solo. Il Fatto ha visionato anche il voluminoso carteggio seguito alla travagliata scelta di elargire uno stipendio all’ex ministro. La delibera del cda del MAXXI è oggetto di un duro braccio di ferro. Prima la delibera è stata annullata sulla base di un parere negativo del Ragioniere Franco. Poi su spinta del segretario generale e del capo gabinetto del ministro, il capo dell’ufficio legislativo si è espresso contro l’annullamento che è stato ritirato in autotutela. Ora proprio la Ragioneria Generale dello Stato sta esaminando il voluminoso carteggio per stabilire una volta per tutte se il MAXXI sia davvero una fondazione di ricerca e possa quindi pagare Giovanna Melandri.

Tutto con la nomina alla presidenza della Fondazione MAXXI dell’allora parlamentare Melandri il 19 ottobre del 2012. Melandri si dimette da deputato per dirigere l’ente che controlla il museo di arte contemporanea ma la nomina del ministro della cultura del Governo Monti, Lorenzo Ornaghi fa discutere. Il rottamatore Matteo Renzi sbotta: “Facciamoci del male! Com’è possibile dopo il Parlamento avere subito lo scivolo del Maxxi?”. Giovanna Melandri se la cava sostenendo che avrebbe lavorato gratis: “prenderò 90 euro all’anno”.
A luglio del 2013 Gian Antonio Stella scopre che, grazie alla trasformazione dell’ente in fondazione di ricerca, il MAXXI poteva finalmente pagare il suo presidente. Le polemiche consigliano di soprassedere fino al 6 novembre. Quel giorno con la presidenza di Giovanna Melandri, il cda propone “in favore del presidente per ciascun anno di esercizio il compenso (…) di 91.500 euro quale componente fissa (…) su base mensile posticipata al netto delle ritenute previste (…) più un ulteriore ammontare quale componente variabile (premio) da determinarsi in ‘misura fissa’ come sintetizzato nella tabella che segue in funzione dell’incremento rispetto al precedente esercizio della sommatoria delle voci di proventi quali: I) biglietteria; II) Contributi di gestione; III) Sponsorizzazioni; IV) Altri ricavi e proventi. Le somme di componente variabile devono intendersi quali componenti netti”. Segue tabella: se l’incremento va dal 5 al 15 per cento, il premio è di 12 mila euro (netti) se raggiunge la forchetta 15-20 arriva a 18 mila euro; se si pone tra il 25 e il 30 per cento Melandri prende un premio di 24 mila euro. Se aumenta più del 30 per cento il premio sarà “quanto deliberato di volta in volta dal Cda”.

Melandri si astiene ma il suo stipendio passa con un verbale a sua firma grazie al voto degli altri due consiglieri: Monique Veaute e Beatrice Trussardi. La delibera del Cda si chiude così: l’atto “è trasmesso all’Autorità Vigilante ai sensi dell’articolo 20 comma 2 dello Statuto per la relativa approvazione”.

L’autorità vigilante è la direzione generale per la valorizzazione del patrimonio culturale diretta da Anna Maria Buzzi, sorella di Salvatore Buzzi. Si potrebbe pensare che la sorella di un soggetto in affari e arrestato con Luca Odevaine, vicino a Giovanna Melandri, avrebbe avuto un occhio di riguardo per l’ex ministro Pd. Invece è accaduto il contrario. La direttrice Buzzi ha chiesto un parere alla Ragioneria Generale sulla delibera. Lo stipendio è giustificato dal Cda del MAXXI con l’inserimento della Fondazione nell’elenco di quelle ammesse alle agevolazioni fiscali. In risposta al quesito di Buzzi, il Ragioniere generale in persona, Davide Franco, scrive una nota il 13 gennaio 2014 per sostenere che l’inserimento del MAXXI nell’aprile del 2013 nell’elenco suddetto “assume rilievo solo ai fini fiscali”. Sembra di capire, quindi, non ai fini dello stipendio del presidente. Il 22 gennaio la direttrice Buzzi scrive una nota per annullare la delibera del cda che dava lo stipendio a Giovanna Melandri. Il 21 marzo del 2014 però il capo dell’ufficio legislativo del ministero Paolo Carpentieri scrive una nota dai toni duri, concordata con il capo di gabinetto del ministro Franceschini, Giampaolo D’Andrea, e con il segretario generale Antonia Pasqua Recchia. Carpentieri boccia la scelta del direttore generale, forte di un parere favorevole allo status di ente di ricerca di Emanuele Fidora , direttore generale della ricerca del MIUR. Carpentieri intima a Buzzi di annullare in autotutela il suo atto perché ha male interpretato la nota del Ragioniere Franco. Per Carpentieri il MAXXI va valutato come ente di ricerca nel concreto e non ci sono storie: Giovanna Melandri ha diritto allo stipendio. A quel punto Anna Maria Buzzi si adegua. Annulla il suo annullamento ma comunque non approva la delibera del MAXXI.
Quindi ancora oggi Giovanna Melandri percepisce uno stipendio sulla base di una delibera non approvata dall’Autorità vigilante. A metà aprile tutto il carteggio finisce sul tavolo della Ragioneria Generale dello Stato. Ora sarà Davide Franco in persona a dover dire se lo stipendio e il premio del presidente Melandri sono da approvare o no.

FONTE | SOURCE:

— IL FATTO QUOTIDIANO | PATRIMONIOSOS.IT (2014).

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/24/maxxi-stipendio-non-autorizzato-giovanna-melandri/1295337/

http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=115175

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA «MIBACT & DEGRADO & MAFIA CAPITALE», Anna Maria Buzzi & Giovanna Melandri – Così la sorella del boss inguaia Melandri e Veltroni, IL GIORNALE.IT (13|12|2014).

— ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Maxxi al minimo Melandri’s Aggrappa all’Azerbaijan, L’ ultima volta – 25 custodi, 7 biglietti, Il Fatto Quotidiano, (03/04/2013), p. 9.

— ITALIA [EX-] BENI CULTURALI – Chiuso-Per-Lavori: MIBAC Rassegna stampa; Maxxi – Melandri annulla il documentario anti-Berlusconi; & Anna Maria Buzzi – Italia Museo, La festa è finita. (02/02/2013).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. Mafia Capitale: Annamaria Buzzi, MIBACT – Direzione della valorizzazione, sorella di Salvatore Buzzi, Archivi: accordo tra MiBACT e Mondadori Electa per utilizzo delle immagini relative a beni culturali, TAFTER (29|11|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA «MAFIA CAPITALE» VISTA DAL MONDO – Rome mobster probe spreads across Italy, FRANCE 24, THE NEW YORK TIMES & CORRIERE DELLA SERA (11-12|12|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. Mafia Capitale: Annamaria Buzzi, MIBACT – Direzione della valorizzazione, sorella di Salvatore Buzzi, ora lady Buzzi rischia. LINKIESTA (12|12|2014).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/?s=Melandri

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA VIA DEI FORI & TEMPIO DI VENERE – Dott.ssa Arch. Paola Giannone, “Metro C – Tratta E La Colonne del T. di Venere e Roma,” FACEBOOK (23|12|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA VIA DEI FORI & TEMPIO DI VENERE - Dott.ssa Arch. Paola Giannone, "Metro C - Tratta E La Colonne del T. di Venere e Roma," FACEBOOK (23|12|2014).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA VIA DEI FORI & TEMPIO DI VENERE – Dott.ssa Arch. Paola Giannone, “Metro C – Tratta E La Colonne del T. di Venere e Roma,” FACEBOOK (23|12|2014).

LA METRO C DEVE ESSERE FERMATA A SAN GIOVANNI, SUBITO. Lo scavo ha messo in luce, confermando tutti gli studi di settore, la natura argillosa del Sito di fondazione del Colosseo e del Tempio di Venere e Roma, come della Basilica di Massenzio, che, se ulteriormente rimosso, non garantirebbe più il sostegno ai Monumenti dei Fori, creando un danno incalcobile e irreversibile. — at Fori Imperiali; di Dott.ssa Arch. Paola Giannone, “Metro C – Tratta E La Colonne del T. di Venere e Roma,” FACEBOOK (23|12|2014).

Fonte | source:

— Dott.ssa Arch. Paola Giannone, Foto 1 di 19, “Metro C – Tratta E La Colonne del T. di Venere e Roma,” FACEBOOK (23|12|2014).

https://www.facebook.com/paola.giannone.560

s.v.,

— Foto e stampa 1 di 197, in: ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Imperial Fora | Metro C Archaeological Surveys (2006-11): Archaeological Investigations: Basilica Maximus, Velia Hill, & Colosseum Valley (1930-33, 2006-14).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Mayor Virginia Raggi & the Rome City Hall pulls plug on costly, graft-ridden Metro C subway project, REUTERS NEWS, U.K., (04/11/2016).

— Foto e stampa 1 di 29, in: ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma – Apertura del percorso del Tempio di Venere e Roma nel Foro romano. MIBAC (12/11/2010).

Roma - Apertura del percorso del Tempio di Venere e Roma nel Foro romano. MIBAC (12/11/2010).

— Foto e stampa 1 di 105, in: ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, I Fori Imperiali | Colle Velia: Scavi archeologici, sterri e demolizioni per l’apertura di via dell’Impero (1928-1933).

Roma, I Fori Imperiali / Colle Velia: Scavi archeologici, sterri e demolizioni per l’apertura di via dell’Impero (1928-1933).

— 1.) Foto e stampa 1 di 295, in: ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROME – PROF. GIACOMO BONI (1899-07), THE ROMAN FORUM: THE ANTIQUARIUM FORENSE – REDISCOVERING AN ANCIENT MUSEUM & RESTORATION OF THE ANTIQUARIUM (2004-07).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The Roman Forum and prof. Arch. Giacomo Boni - "...how to evoke the genius of the place and make its dry bones live," Boni: (03|1903) Foto: (05|2015).

— 1.1). Rome, Venus and Roma’s Temple: Prof. Giacomo Boni & Roma’s Cella and Repairs, The Museum of the Roman Forum (1901-07). in: Rome, Venus and Roma’s Temple. (SSBAR / MIBAC (2011).

Rome, Venus and Roma's Temple: Prof. Giacomo Boni & Roma's Cella and Repairs, The Museum of the Roman Forum (1901-07). in: Rome, Venus and Roma's Temple. (SSBAR / MIBAC (2011).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: BUON NATALE | MERRY CHRISTMAS 2014.

512

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: “BUON NATALE | MERRY CHRISTMAS” 2014.

“…Buon Natale e buone feste a tutti!…”

s.v.,

— ELVIS (a cura di) & BUON NATALE | MERRY CHRISTMAS 2014.

00:00:00 – Santa Claus Is Back Town
00:02:24 – White Christmas
00:04:49 – Here Comes Santa Claus (Right Down Santa Claus Lane)
00:06:43 – I’ll Be Home For Christmas
00:08:37 – Blue Christmas
00:10:44 – Santa Bring My Baby Back (To Me)
00:12:36 – O Little Town Of Bethlehem
00:15:12 – Silent Night
00:17:35 – (There’ll Be) Peace In The Valley [For Me]
00:20:56 – I Believe
00:23:01 – Take My Hand, Precious Lord
00:26:19 – It’s No Secret

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Palazzo Valentini svela il tempio di Traiano, IL MESSAGGERO (20|12|2014) [Incluso qui nuova bibliografia e le risorse di archiviazione digitali per la ricerca T. di Traiano, 1989-2014].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Palazzo Valentini svela il tempio di Traiano, IL MESSAGGERO (20|12|2014) [Incluso qui nuova bibliografia e le risorse di archiviazione digitali per la ricerca T. di Traiano, 1989-2014].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Palazzo Valentini svela il tempio di Traiano, IL MESSAGGERO (20|12|2014) [Incluso qui nuova bibliografia e le risorse di archiviazione digitali per la ricerca T. di Traiano, 1989-2014].

E a breve avranno un vero e proprio museo hi-tech del Tempio di Traiano (risalente al 117- 121 dopo Cristo). La rivelazione della scoperta era stata anticipata proprio dal Messaggero a novembre scorso. Ora arriva la conferma che questa meraviglia non rimarrà uno spettacolo solo per addetti ai lavori. Il commissario straordinario dell’amministrazione provinciale Riccardo Carpino ha, infatti, coinvolto Piero Angela e Paco Lanciano per un progetto di valorizzazione del nuovo sito archeologico ipogeo che svela le imponenti fondazioni del Tempio di Traiano, capolavoro di architettura che concludeva il lato Nord del Foro di Traiano, alle spalle, per intenderci, della Colonna Traiana.

L’unico monumento sul quale Adriano avrebbe consentito che fosse apposto il proprio nome. Per l’apertura si parla già della prossima primavera. I lavori fervono. Giorni fa il commissario Carpino, Piero Angela e Paco Lanciano hanno effettuato un giro di ricognizione nell’area archeologica dove è venuta alla luce l’importante scoperta. «Questi nuovi ambienti – ha commentato Piero Angela – vengono ad arricchire e completare un’area sorprendentemente ricca di reperti e testimonianze, che solo da poco sono tornati alla luce. Sono impressionanti le immense colonne ritrovate in questi nuovi scavi, tra le più grandi mai viste, che testimoniano l’eccezionalità di questo luogo».

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Palazzo Valentini svela il tempio di Traiano, IL MESSAGGERO (20|12|2014) [Incluso qui nuova bibliografia e le risorse di archiviazione digitali per la ricerca T. di Traiano, 1989-2014].

È già allo studio il nuovo sistema di videoproiezioni, ricostruzione virtuali, ambienti immersivi sui nuovi resti. Si tratta delle imponenti strutture di fondazione in opera cementizia e possenti blocchi di travertino, ma anche la gradinata di accesso all’edificio composta da quindici gradini, che superano un dislivello di circa quattro metri. Una fondazione che sostiene un complesso sistema di ambienti paralleli coperti da volte a botte e a crociera ancora ben conservate. Stanze ricavate all’interno del podio del Tempio che quindi costituivano i sotterranei della cella templare. Su indicazione del commissario Carpino, sarà previsto per il pubblico un nuovo ingresso dalla porta che si affaccia sulla Colonna traianea, proprio per agevolare la visita alle nuove stanze ritrovate.

L’obiettivo è, comunque, di collegare tutto il complesso archeologico in un contesto unico, offrendo un museo sotterraneo capace di raccontare, come un viaggio indietro nel tempo, le aree residenziali a vocazione abitativa, ma anche le aree pubbliche a carattere religioso. «Un mondo raccontato con tecnologie poste al servizio della realtà – dice Paco lanciano che servono ad esaltarla e non a sostituirla, per scoprirne i particolari e ricostruirne le lacune».

Soddisfatto Riccardo Carpino per «il lavoro virtuoso della gestione commissariale che è riuscita ad abbattere costi di gestione e nello stesso tempo ha ricavato risorse importanti per mantenere alto sia l’offerta culturale che interventi di manutenzione, che praticamente saranno a costo zero. Un esempio di gestione virtuosa che porta a profitto un sito culturale di pregio».

FONTE | SOURCE:

–IL MESSAGGERO (20|12|2014).

http://spettacoliecultura.ilmessaggero.it/eventi/palazzo-valentini-svela-tempio-traiano-piero-angela/1078635.shtml
s.v.,

Notes:

“Yes. The wall in the former cafeteria of Palazzo Valentini has enormous stone foundations and carries a vault that supports the modern courtyard above it. When I saw that I knew [Prof. E.] La Rocca had found the Temple [of Trajan]!”

– Prof. James E. Packer, personal communication (06 December 2009).* Comments by Prof. Packer on his tour of the substructure of the Palazzo Valentini | and the remains of tn Temple of Trajan with [then] Prof. Eugenio La Rocca (former City of Rome’s Archaeological Supervisor) in 2007, see: J. E. Packer, TEMPLVM DIVI TRAIANI PARTHICI ET PLOTINA. A debate with R. Meneghini,” JRA 16 (2003), p. 109.

* = Il Tempio [del Divo Traiano], l’Atheneum e il terremotto che creo` le premesse dell’ urbanistica medievale – Dai cantieri una citta` sparita, finora inedita. IL MESSAGGERO (04|12|2009), p. 29; La Provincia. Partono visite alle scoperte. E inizia la caccia al tempio di Traiano. Palazzo Valentini, antichita` e high-tech tutta i fila per tour con Piero Angela. LA REPUBBLICA (04|12| 2009), p. 9; & Provincia, alla luce le antiche terme e Il Tempio del Divo Traiano. LA REPUBBLICA (19|05|2007, pg. 1).

s.v.,

— Foto e stampa 1 di 314: ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il Foro di Traiano – Tempio di Traiano – Palazzo Valentini  scavi | The F. of Trajan – T. of Trajan – Pal. Valentini excavations (1998-2014, 1989-97). = Fonte, Varii: A. De Alvari, C. M. Amici, P. Baldassarri, B. Baldrati, M. T. Boatwright, G. Boni, F. Cavallaro [A. Carandini | P. Carafa], A. Claridge, M. C. Cola, M. G. Ercolino, A. L. Garcia, G. Gatti, I. Gismondi [P. di Carlo], R. Lanciani, C. Ricci, E. La Rocca, P. Storti, R. Meneghini, and J. Packer [J. Burge].

ROMA ARCHEOLOGIA: Piazza Venezia - Tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900, a seguito della realizzazione del monumento a Vittorio Emanuele II & Piazza Venezia (2009-13),  RADICI DEL PRESENTE (2013) & Pietro Strorti - Trivioquadrivio (2013).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Maurizio Musio, “Il complesso del Foro di Augusto: la rappresentazione monumentale del potere,” Tesi di Laurea | Università degli studi di Salerno, Anno Accademico 2011-2012 [12|2014], pp. 1-101.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Maurizio Musio, "Il complesso del Foro di Augusto: la rappresentazione monumentale del potere," Tesi di Laurea | Università degli studi di Salerno, Anno Accademico 2011-2012 [12|2014]. [PDF], pp. 1-101.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Maurizio Musio, “Il complesso del Foro di Augusto: la rappresentazione monumentale del potere,” Tesi di Laurea | Università degli studi di Salerno, Anno Accademico 2011-2012 [12|2014]. [PDF], pp. 1-101.

Dott. Maurizio Musio, “Il complesso del Foro di Augusto: la rappresentazione monumentale del potere,” Tesi di Laurea | Università degli studi di Salerno, Anno Accademico 2011-2012 [12|2014]. [PDF], pp. 1-101.

Fonte | foto | source (Figg. 6 & 7):

— Dott. Maurizio Musio, “Il complesso del Foro di Augusto: la rappresentazione monumentale del potere,” Tesi di Laurea | Università degli studi di Salerno, Anno Accademico 2011-2012; [PDF], pp. 1-101; Dott. Maurizio Musio, ACADEMIA.EDU [12|2014].

Dott. Maurizio Musio, ACADEMIA.EDU [12|2014].

https://unisa-it.academia.edu/MaurizioMusio