ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: New York Times Article on Rome’s Decay Draws a Surge of New Scrutiny, THE NEW YORK TIMES (24|07|2015) & L’ESPRESSO (29|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: New York Times Article on Rome’s Decay Draws a Surge of New Scrutiny, THE NEW YORK TIMES (24|07|2015) & L'ESPRESSO (29|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: New York Times Article on Rome’s Decay Draws a Surge of New Scrutiny, THE NEW YORK TIMES (24|07|2015) & L’ESPRESSO (29|07|2015).

ROME — The subject has filled afternoon television, dominated newspaper headlines, emboldened critics and left many frustrated Romans with the sense that, finally, someone else was noticing.

Widespread frustrations about the deterioration of Rome, a longstanding issue in this city, blew up into an even bigger political and media storm after the complaints were aired — to a mix of relief and despair — to an international audience.

In news outlets and on social media networks, Italians seized on an article, published online late Wednesday by The New York Times, as evidence that Rome — the eternal city, eternally falling apart — was indeed in “degrado,” or decaying, even more than usual.

Tourists and locals walked by an expanding pile of trash in the historic neighborhood of Trastevere in Rome earlier this month = Rome Journal: Romans Put Little Faith in Mayor as Their Ancient City DegradesJULY 22, 2015
Two national Italian dailies each devoted two full pages of coverage to the article. A Rome-based newspaper, Il Messaggero, referred to it on its front page on Friday. A national television channel discussed the article and reactions to it on both its afternoon and evening news broadcasts, and a daily afternoon talk show led off with the subject two days running.

“Corruption and filth, America no longer loves the eternal city,” read a headline on Friday in La Repubblica, a leading daily.

The surge of new attention focused on Rome’s problems intensified the scrutiny and pressure on Mayor Ignazio Marino, a former transplant surgeon who has faced criticism of his management of the city.

Mr. Marino responded on Friday by reshuffling the board of directors of the city’s public transportation company, a major object of Roman ire. Repeated strikes and service problems have so frustrated passengers on the city’s subway system that some of them recently tried to beat up a subway train conductor.

The mayor called the decline in service in the system “dramatic” and unworthy of Italy’s capital, and ordered its general director to fire whoever was responsible and to appoint new managers. He also urged Guido Improta, the City Council member responsible for transportation in Rome, to finalize his already announced resignation. The steps followed the Italian media’s focus on what was interpreted as a reference to Mr. Marino’s weakness in the article’s headline.

The city’s longstanding critics took the article and the viral reaction to it as vindication.

“I think there is no one in #Rome who doesn’t think it’s #degrado. Now it’s not us whiners saying it, but it’s the NYT,” a researcher in contemporary history wrote on Thursday in a Twitter post.

“But now that Rome’s degradation is on the @nytimes, where are all those Romans who mock us for exaggerating? Come out now … ” said another Twitter post by Roma Fa Schifo, or Rome Sucks, a website that since 2008 has chronicled the administration’s shortcomings by posting pictures of crowded buses, potholes, garbage piles near historic sites and double- or triple-parked cars.

Politicians also took up the subject and ran with it. The mayor’s opponents in Rome called for him to resign and hold an early election. Both the anti-establishment Five Star Movement and the right-wing party Forza Italia — some of whose members were involved in an investigation of mafia infiltration of the city government — said Mr. Marino should go.

By Thursday evening, even Italy’s prime minister, Matteo Renzi, found himself having to comment.

In an interview aired on a television program, “TG5,” he dryly answered a question posed by a journalist about Mr. Marino’s track record, as well as that of the governor of Sicily, Rosario Crocetta, who has been even more harshly attacked by the news media in recent weeks.

“If they are able to govern, they should govern,” Mr. Renzi said. “Otherwise, they should go.”

Mr. Marino defended his position once again on Friday, saying that the city would bring in a new contractor for parks and streets maintenance in September and that his administration would turn its focus from financial and administration issues to transportation and sanitation.

“We re-established legality in the balance sheets,” Mr. Marino said in an interview with La Repubblica. “Now we have to improve the quality of life.”

Correction: July 25, 2015
An earlier version of this article referred incorrectly to “TG5.” It is a television program, not a channel.

FONTE | SOURCE:

— THE NEW YORK TIMES (24|07|2015)

— Roma, degrado rifiuti a Trastevere | Fotogalleria, L’ESPRESSO (29|07|2015).

http://espresso.repubblica.it/foto/2015/07/29/galleria/roma-degrado-rifiuti-nel-quartiere-trastevere-1.222921#2

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Rome on ‘verge of collapse’ due to advanced ‘state of decay’, THE DAILY NEWS, NEW YORK CITY (15 JULY 2015) & THE NEW YORK TIMES (22 JULY 2015), p. A4;

http://wp.me/pPRv6-3bp

ROMA, LA REP (23|07|2015) | NEW YORK TIMES (22|07|2015) – Il degrado di Roma finisce sul New York Times: “Marino onesto, ma è anche capace?”

http://wp.me/pPRv6-3bl

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: RICCARDO MONTALBANO - ALESSANDRA AVAGLIANO, La cosiddetta domus Caeliorum in piazza della Pilotta Testimonianze d’archivio inedite sui ritrovamenti, STUDI ROMANI, Anno LXII – NN. 1-4 (2014), [pdf] pp. 51-71. Foto: Tavola XV.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: RICCARDO MONTALBANO - ALESSANDRA AVAGLIANO, La cosiddetta domus Caeliorum in piazza della Pilotta Testimonianze d’archivio inedite sui ritrovamenti, STUDI ROMANI, Anno LXII - NN. 1-4 (2014), [pdf] pp. 51-71. Foto: Tavola XV.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: RICCARDO MONTALBANO - ALESSANDRA AVAGLIANO, La cosiddetta domus Caeliorum in piazza della Pilotta Testimonianze d’archivio inedite sui ritrovamenti, STUDI ROMANI, Anno LXII – NN. 1-4 (2014), [pdf] pp. 51-71. Foto: Tavola XV.

FONTE | SOURCE:

— RICCARDO MONTALBANO - ALESSANDRA AVAGLIANO, La cosiddetta domus Caeliorum in piazza della Pilotta Testimonianze d’archivio inedite sui ritrovamenti, STUDI ROMANI, Anno LXII – NN. 1-4 (2014), [pdf] pp. 51-71. Foto: Tavola XV.

– Alessandra Avagliano | ACADEMIA.EDU (07|2015).

https://independent.academia.edu/AlessandraAvagliano

– Riccardo Montalbano | ACADEMIA.EDU (07|2015).

https://unive.academia.edu/RiccardoMontalbano

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Rome on ‘verge of collapse’ due to advanced ‘state of decay’, THE DAILY NEWS, NEW YORK CITY (15 JULY 2015) & THE NEW YORK TIMES (22 JULY 2015), p. A4;

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Rome on ‘verge of collapse’ due to advanced ‘state of decay', THE DAILY NEWS, NEW YORK CITY (15 JULY 2015) & THE NEW YORK TIMES (22 JULY 2015), p. A4

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Rome on ‘verge of collapse’ due to advanced ‘state of decay’, THE DAILY NEWS, NEW YORK CITY (15 JULY 2015) & THE NEW YORK TIMES (22 JULY 2015), p. A4;
___

s.v., Il degrado di Roma sul New York Times: Marino più interessato ai ricchi stranieri che ai cittadini, THE NEW YORK TIMES (22|07|2015), p. A4; LA REPUBBLICA & Forexinfo.it (23|07|2015).

“Il declino di Roma, di nuovo?”. Se lo chiede il New York Times che pubblica sulla prima pagina della versione internazionale del quotidiano americano un servizio, poi ripreso anche dall’edizione newyorkese, sulla capitale e il suo degrado. Accanto, la grande foto di un vicolo del rione Trastevere, in pieno centro, sommerso dai cartoni e dall’immondizia non raccolta. Più sotto due “pescatori” tra l’erba alta delle banchine del Tevere.

Fonte: ROMA, LA REP (23|07|2015) | NEW YORK TIMES (22|07|2015) – Il degrado di Roma finisce sul New York Times: “Marino onesto, ma è anche capace?”Il degrado di Roma finisce sul New York Times: “Marino onesto, ma è anche capace?”

http://wp.me/pPRv6-3bl

___

THE DAILY NEWS, NEW YORK CITY (15 JULY 2015) – Dirty and disorganized, Rome is once more in decline. City hall is paralyzed by allegations of Mafia infiltration, basic services are in tatters, the main airport is partially closed, and wild cat strikes have frayed an already ropey public transport network.

For generations, the Italian capital has rested on past glories rather than built on them. The years of neglect, corruption and bureaucratic bungling have taken a fierce toll, reflecting a wider malaise that afflicts Italy as a whole.
“Rome is on the verge of collapse,” Giancarlo Cremonesi, the president of the Rome Chamber of Commerce, told Reuters. “It is unacceptable that a major city which calls itself developed can find itself in such a state of decay.”
One of the 10 biggest cities in Europe, with a population of 2.8 million, Rome boasts some of the most spectacular squares, fountains, museums and churches in the world.

But like its ancient monuments, its problems are plain for all to see, starting at the main international gateway into the city, Fiumicino, Italy’s largest airport, which is struggling to bounce back from a fire that broke out on May 7.

Although the blaze was confined to just part of one of its three terminals, more than two months later, 40 percent of all flights still have to be canceled each day because of a dispute over the danger posed by contaminants
unleashed by the flames. Magistrates sealed the site for weeks to gauge the air quality, while various public bodies argued over how airports should be classified when it came to measuring pollution.

“In this case you see many things that are typically Italian. For example the role of the magistrates,” Vito Riggio, the head of the Italian Civil Aviation Authority, told Reuters. All the fire damaged material should have been immediately removed to speed up the rebuilding, he said.

“Instead the place was officially sealed. Nobody could enter and the source of the (contaminants) continued to pollute. It is not hard to grasp, but no one said anything, not even the government. I don’t believe other countries are like that.”

The prosecutors’ office dealing with the case said the sequestration order was lifted on June 24 and there was no legal impediment preventing a return to normal operations, although its investigation continues.

No date has been set for a full reopening and the smell of burnt plastics lingers in the departures halls.

MAFIA MESS

A much larger investigation has engulfed Rome city hall, housed in a Renaissance palace designed by Michelangelo and gazes out across the ruins of the ancient Roman forum.

The “Mafia Capital” probe, which hit the headlines last December following a first wave of arrests, has rattled Italy, suggesting that organized crime was flourishing far beyond its traditional southern bastions. Buried under 14 billion euros ($15.5 billion) of debt, Rome was saved from bankruptcy last year by emergency state funds. The mafia scandal has helped explain the financial mess, with wiretap transcripts suggesting mobsters had siphoned off millions of euros from a string of lucrative contracts, covering everything from recycling paper to sheltering immigrants.

Italy is struggling to shake off its worst post World War Two slump, a three year slide that has driven unemployment up to 1970s levels. While the real economy plunged, the illegal one, such as that unmasked in Rome, has spread
and thrived. Much of the alleged corruption dates back to the time of the previous mayor, Gianni Alemanno, a former rightwing minister who is under investigation. He denies any wrongdoing. However, magistrates say the mobsters’ tentacles have also delved into the current administration, run by Ignazio Marino, a liver transplant surgeon and an ally of centerleft Italian Prime Minister Matteo Renzi.

While Marino is not implicated, a number of his staff have come under scrutiny, leading to a stream of resignations. A city source says an official review has recommended that around 30 major public contracts be annulled and reoffered for tender.

In a letter to Corriere della Sera newspaper, published on Monday, mayor Marino conceded that much of Rome’s public administration was “substantially rotten”.

But, in the same way that Renzi was trying to change Italy with a battery of reforms, so he was looking to shake up sclerotic Rome, he said. “There is strenuous resistance to any type of change (here) … but I will never give up,”
he wrote. With grass running wild by the kerbsides and graffiti spreading like garish vines along buildings, Marino this month put together a 500 strong taskforce of employees and volunteers to help clean up Rome’s neglected green spaces. “Rome is falling apart at the seams,” the city’s main newspaper, Il Messaggero, lamented on its frontpage last week. On an inside page it reported a rat infestation in the center.

A 2013 European Commission survey placed Rome last out of 28 EU capitals in the rankings for the efficiency of city services. Despite its fine cuisine and sunny climate, Rome came second to last for quality of life satisfaction. Athens
was bottom.

Rome also came last when it came to satisfaction with public transport. This summer’s chaos will not have
improved sentiment.

RUBBISH AND PICKPOCKETS

Metro drivers have staged a series of go slows to protest at a new norm requiring them to clock into work. The
mayor says this is needed to boost productivity, arguing that while drivers in Milan work 1,200 hours a year, in Rome they put in 730 hours.

The dispute has led to delays of up to 25 minutes between trains, leaving stranded passengers sweltering in the hottest July for more than a decade and fuelling anger on Internet protest sites like ‘Rome Sucks’ (Roma Fa Schifo).
Rome is the most popular tourist destination in the country, attracting some 10.61 million foreign visitors in 2014. This was down from more than 11 million the year before and locals say the poor state of infrastructure is hurting.
“All my clients say Rome is beautiful, but all of them, without fail, complain about the services,” said Marcello Lazazzera, who owns a small bed and breakfast, Domus Cornelia.

“The metros never arrive on time, the stations are full of pickpockets, the streets are full of rubbish. Instead of getting better, the situation is getting worse.”

It could get worse still in 2016, when 25 million pilgrims are expected to flow into the Eternal City in response to Pope Francis’s call for an extraordinary Holy Year one of the Roman Catholic Church’s most important events.
The mayor’s office has yet to layout its strategy for coping with the influx, or earmark any funds to cover the cost.

“The prayers of the pope will not be enough. Here we need a miracle from the lord above for Rome to emerge in good shape,” said Chamber of Commerce chief, Cremonesi.

FONTE | SOURCE:

— THE DAILY NEWS, NEW YORK CITY (15 JULY 2015).

http://www.nydailynews.com/news/world/rome-verge-collapse-due-advanced-state-decay-article-1.2293078

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il degrado di Roma sul New York Times: Marino più interessato ai ricchi stranieri che ai cittadini, THE NEW YORK TIMES (22|07|2015), p. A4; LA REPUBBLICA & Forexinfo.it (23|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il degrado di Roma sul New York Times: Marino più interessato ai ricchi stranieri che ai cittadini, THE NEW YORK TIMES (22|07|2015), p. A4; LA REPUBBLICA & Forexinfo.it (23|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il degrado di Roma sul New York Times: Marino più interessato ai ricchi stranieri che ai cittadini, THE NEW YORK TIMES (22|07|2015), p. A4; LA REPUBBLICA & Forexinfo.it (23|07|2015).

1). ROMA, LA REP (23|07|2015) – Il degrado di Roma finisce sul New York Times: “Marino onesto, ma è anche capace?”
La foto apparsa sul New York Times.

Un reportage sull’incuria e l’abbandono della capitale sul quotidiano americano che sull’edizione newyorkese di oggi titola: “Il sindaco è senza macchia, ma questo è sufficiente per fermare il declino della città eterna?”

“Il declino di Roma, di nuovo?”. Se lo chiede il New York Times che pubblica sulla prima pagina della versione internazionale del quotidiano americano un servizio, poi ripreso anche dall’edizione newyorkese, sulla capitale e il suo degrado. Accanto, la grande foto di un vicolo del rione Trastevere, in pieno centro, sommerso dai cartoni e dall’immondizia non raccolta. Più sotto due “pescatori” tra l’erba alta delle banchine del Tevere.

L’incuria e l’abbandono della città eterna rimbalzano dunque Oltreoceano. “Le sterpaglie in alcuni parchi sfiorano le ginocchia, i lavoratori della metropolitana, scontenti, hanno rallentano il servizio a passo d’uomo, un incendio ha reso il più importante scalo della città (Fiumicino), caotico e affollato, gli arresti di funzionari pubblici si accumulano rendendo evidenti le infiltrazioni criminali nel governo della città” scrive nella sua corrispondenza da Roma il Nyt che ricostruisce anche i passaggi principali dell’inchiesta di “Mafia Capitale”. “Tutto questo – prosegue il reportage – si aggiunge a quello che i romani chiamano “degrado ” – il degrado dei servizi, degli edifici, della qualità della vita – e alla sensazione generale che la loro antica città, ancora più del solito, stia cadendo a pezzi”.

Tra i sentimenti diffusi tra i cittadini – racconta l’articolo – anche quello che il sindaco di Roma Ignazio Marino non sia la causa di tutti i mali che affliggono la città e sia, anzi, una persona senza macchia. Anche se, ricorda il quotidiano, un recente sondaggio di “Repubblica” ha rivelato che la maggioranza dei romani lo considera troppo debole e il 73% di coloro che lo hanno votato alle ultime elezioni non lo farebbe di nuovo. Interpellato, il primo cittadino si difende: “Sono stato aggressivo fin dall’inizio, in modo clinico. Abbiamo portato le regole: la cosa più importante per me a amministrare la città in modo trasparente”. Ma, si chiede il New York Times, “il sindaco è onesto, lo sarà abbastanza per fermare il declino della città eterna?”

Il primo cittadino non ci sta: “E’ un titolo tradotto male, io leggo: ‘Un sindaco virtuoso contro i vizi di Roma'”. L’intestazione, come la racconta Marino, campeggia infatti sull’edizione internazionale del Nyt. Nella versione online è scritto anche però che una versione dell’articolo sul degrado romano è apparsa nella stampa newyorkese di oggi sotto al titolo: “The Mayor’s honest, but is that enough to halt the eternal city’s decline?”.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (23|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/23/news/il_degrado_di_roma_finisce_sul_new_york_times-119649084/

2). ROMA – Forexinfo.it (23|07|2015). Il degrado di Roma sul New York Times: Marino più interessato ai ricchi stranieri che ai cittadini.

In un articolo del New York Times, il sindaco di Roma Ignazio Marino è sotto accusa per il continuo degrado e corruzione nella Capitale.

Roma è abituata al degrado. Dalla sua fondazione ad oggi la ‘città eterna’ ha assistito ad un continuo andirivieni di disastri ed abbandono. La capitale italiana ha sopportato invasioni, inondazioni, incendi, terremoti, bombardamenti, battaglie e di recente anche la paralisi politica del sindaco Marino.

Le iniquità del sindaco sono delineate in un articolo di ieri del New York Times, che ripercorre i fallimenti di Marino e lo scontento crescente nella Capitale.

L’articolo inizia parlando di ‘degrado’; un degrado a cui i romani sono fin troppo abituati.

È ironico che proprio il sindaco “Made in USA” – Marino ha infatti avuto la sua formazione negli States – sia ora l’oggetto della critica del giornale più popolare del Nord America.

“I media romani hanno spesso criticato il sindaco di essere più interessato in una audience straniera – corteggiando ricchi patroni per restaurare le antichità cittadine – piuttosto che ai problemi municipali”.
Lo scrive Gaia Pianigiani, nel suo articolo nel NYT e procede con l’analizzare il malcontento dei cittadini romani nei confronti della palesata mancanza di know how di Marino.

I romani avevano infatti sperato che la qualità ‘straniera’ del nuovo sindaco gli permettesse di non essere corrotto dal sistema politico romano e allo stesso tempo di mettere in atto rapidamente delle riforme per rimediare il declino cittadino.

Il NYT riporta un’intervista con Carlo Bonini de La Repubblica:

“La sua (di Marino) virtù è anche il suo principale difetto: non è legato a tutte le relazioni corrotte di Roma. Conosce troppo poco il mondo in cui opera”.

Infatti, dopo due anni dalla nomina di Marino, il comune di Roma rischia il default, il debito del trasporto pubblico aumenta vertiginosamente e la polizia arranca senza una guida precisa, senza fondi e con una criminalità in aumento.

Il New York Times cita dunque i giornali italiani che hanno definito il sindaco un ‘marziano’ e addirittura ‘Forrest Gump’.

Ma le critiche non sono finite qui, il colpo di grazia lo fornisce il disastro di “Mafia Capitale” di cui l’articolo offre un breve e schematico sommario.

“Anche per un paese abituato a scandali del genere, le rivelazioni sono arrivate come uno shock”.
I continui arresti e le rivelazioni riguardanti la vasta rete di corruzione e criminalità a Roma non hanno fatto altro che aumentare la frustrazione dei 2.8 milioni di abitanti romani.

Marino, che prima di cimentarsi nella politica faceva il chirurgo, si difende dalle accuse di inerzia affermando di essere stato “aggressivo in modo chirurgico fin dall’inizio”.

Sembrerebbe che il sindaco non ne combini una giusta. Anche la sua tanto pubblicizzata promessa di rendere i fori imperiali un’area pedonale gli si è ritorta contro causando le lamentele dei venditori, mercanti, autisti e anche di coloro che vanno in bicicletta.

L’articolo del New York Times continua riportando i dati rilevati da La Repubblica che rilevano che il 70% di coloro che hanno eletto Marino non lo voteranno alle prossime elezioni.

Ma non c’è da preoccuparsi. Roma è sopravvissuta a disastri ben peggiori di Marino.

FONTE | SOURCE:

— ROMA – Forexinfo.it (23|07|2015).

http://www.forexinfo.it/Il-degrado-di-Roma-sul-New-York-Times-Marino-piu-interessato-ai-ricchi

3). ROME – Romans Put Little Faith in Mayor as Their Ancient City Degrades, THE NEW YORK TIMES (22|07|2015), p. A4.

ROME — The grass in some public parks sways knee high. Disgruntled subway workers have slowed service to a crawl. Fire has rendered the city’s largest airport crammed and chaotic. The arrests of public officials pile up, revealing mob infiltration of the city government.

It all adds up to what Romans call “degrado” — the degradation of services, buildings and their standard of living — and the general sense that their ancient city, even more than usual, is falling apart.

Not all those troubles are necessarily the fault of Mayor Ignazio Marino, a former surgeon whose own integrity remains unblemished. But, strangely enough, in Rome, his decency is not necessarily seen as part of the solution, either.

Today, Mr. Marino finds himself under political siege in the city he vowed to save from itself. Italy’s news media lampoons him as an honest man in over his head, or as one newspaper called him, a Forrest Gump.

“His virtue is also his main problem: He is not connected to all the rotten Roman relationships,” said Carlo Bonini, an investigative journalist with La Repubblica, a daily newspaper. “He knows the world he operates in too little.”

Romans are notorious for their cynicism about politics, their resignation in the face of antiquated services and sprawling bureaucracy, and their abundance of ways to complain about it. As the problems mount, residents are voicing more frustration with services inadequate to serve the city’s roughly 2.8 million people.

“At times I do wonder whether this is a first- or third-world service,” said Liliana Marelli, 64. She was sweating as she rode a city bus with no air-conditioning during a recent heat wave.

In recent months, the situation in the capital has grown so dire that Prime Minister Matteo Renzi, himself a reformer, has expressed concern, fueling speculation that the city cabinet will be disbanded or that the mayor might be prodded to step down.

Perhaps most damning for the mayor has been the slow-bleeding “Mafia Capitale” investigation, which has exposed tainted bidding for city contracts on a number of services, including refugee centers and sanitation. Even for a country more than accustomed to such scandal, the revelations have come as a shock.

In the south, as well as in some northern regions, investigations have revealed that organized crime groups such as the Camorra, the ’Ndrangheta and the Mafia still exert surreptitious influence and dominate public bidding.

But Rome was supposed to be different. The seat of power of the national government, it was believed to be free of mafia tentacles.

While the corruption revealed by the scandal predated Mr. Marino’s arrival in office, the mayor has been criticized as responding slowly and indecisively. “He has always been a step behind,” Mr. Bonini of La Repubblica said.

Police raids have set off a torrent of bad publicity as one powerful figure after another has been taken down. They include the former president of the City Council and top municipal officials responsible for housing and social policy.

It has not helped that some are former members of Mr. Marino’s own Democratic Party. In wiretaps, publicized in the national news media, calls for obedience can be heard.

“These city councilmen have to be at our orders,” Salvatore Buzzi, who ran a social cooperative that provided housing services for migrants, is heard telling a mob suspect, Massimo Carminati.

Both were jailed last year when the corruption revelations first emerged, and most of the public figures linked to the scandal are now under house arrest.

Facing fierce criticism, Mr. Marino published a response in a national newspaper last week and then sat down for an interview last Friday in his office in Rome’s City Hall to defend himself.

“I was surgically aggressive from the very beginning,” he said. “I am the first mayor that called the investigators of our I.R.S. inside our offices to check what had been done in the years before.”

“We bring rules here,” he added.

For the time being, though, his good intention to instill order has, it seems, ushered in still more disorder.

The corruption investigation of park maintenance contractors led the mayor to suspend their work, leaving public spaces overgrown. His order to stop sidewalk vendors from peddling near historical sites prompted protests from merchants.

Rome’s news media outlets have often criticized the mayor for being more interested in a foreign audience — courting wealthy patrons to restore the city’s antiquities — than in municipal troubles. As the crime scandal erupted, his popularity was already sinking as a result of problems more commonly encountered by mayors of larger cities.

A recent survey published in La Repubblica found that a majority of Romans consider the mayor to be too weak, while more than 70 percent of those who supported him in the last election said they would not do so again.

Once the scandal broke, critics said Mr. Marino was too naïve to grasp the vast illegal network that has long surrounded Rome’s administration, and too weak to respond.

“He personally remains honest, but that’s it, as the world around him falls apart,” Ernesto Galli della Loggia, columnist for the daily Corriere della Sera, wrote in a front-page editorial last week.

Mr. Marino argues that he has successfully shaken up the city’s entrenched networks, and that doing so has provoked much animosity. A few envelopes delivered in his mail contained spent bullets.

“I don’t give a damn about what the political agreements were before I arrived,” he said, adding that previous mayors made decisions in closed circles, often during lunches and dinners with famed entrepreneurs.

“The most important thing to me is to run the city in an honest and transparent way,” he added.

Others are backing his efforts. “Marino might be an earthenware vase among iron vases,” said Alfonso Sabella, a Sicilian anti-mafia magistrate whom the mayor brought to Rome’s administration last December, after the scandal broke. “But he has proved to be persistent and honest.”

He added: “I wonder where all those who are criticizing him were as the crimes were committed. He needs more time.”

The mayor notched a victory last week when a report by a government delegate exonerated him of any corruption.

And he maintains that he has started substituting cronyism with merit in Rome, as the rules for public bidding are streamlined and a website has been set up to allow whistle-blowers to report problems.

Many residents credit Mr. Marino for his honesty but are frustrated that he is not getting more done.

“Marino is a Martian in Rome, which is fascinating, but tiring,” said Marco Damilano, a political commentator and city resident.

“Rome is in ruins. If he starts acting, he and the city can come out of this stronger.”

FONTE | SOURCE:

— THE NEW YORK TIMES (22|07|2015), p. A4.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Palatino, i segreti delle Curie Veteres il cantiere degli studenti-archeologi, ONLINE NEWS (22|07|2015) & LA REPUBBLICA (21|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Palatino, i segreti delle Curie Veteres il cantiere degli studenti-archeologi, ONLINE NEWS (22|07|2015) & LA REPUBBLICA (21|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Palatino, i segreti delle Curie Veteres il cantiere degli studenti-archeologi, ONLINE NEWS (22|07|2015) & LA REPUBBLICA (21|07|2015).

1). ROMA – L’archeologia della Sapienza e il Palatino nord-orientale, ONLINE NEWS (22|07|2015).

Lo scavo, dato in concessione agli archeologi dell’Università dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del (MIBACT) e sostenuto nel 2015 dal contributo di Fondazione Roma, offre da quasi 15 anni didattica a cielo aperto per i giovani studenti.

È una profonda passione quella che lega gli archeologi della Sapienza al versante nord-orientale del Palatino: lo scavo ha restituito in questi anni una serie impressionante di monumenti e di documenti e ha formato centinaia di giovani archeologi che per la prima volta qui hanno avuto la possibilità di imparare le procedure necessarie a condurre uno scavo secondo metodi scientifici.

Il “mestiere” dell’archeologo ai tempi di internet e del web è ancora fortemente legato alla manualità e richiede in qualche misura anche sforzo e fatica. A dare un’occhiata dall’alto del colle in questi giorni, il sito è un viavai di ragazzi con mascherine, cazzuole, picconi e setacci, tavolette da disegno, che si muovono sudati e attenti tra un intrico di ponteggi, guidati nelle attività dai professori, scesi dalla cattedra e pronti ad inginocchiarsi accanto a loro per mostrare come si distinguono strati e strutture, come si classificano i tanti oggetti restituiti dalla terra.
È cominciato tutto nel 2001 grazie alla concessione di quest’area da parte del MIBACT al Dipartimento di Scienze dell’Antichità, e anche quest’anno dal 1 giugno l’appuntamento con il Palatino si è rinnovato, giovandosi del contributo finanziario della Fondazione Roma, da sempre impegnata nel campo della formazione e già al fianco della Sapienza nella realizzazione di progetti didattici. In questo caso sono stati interessati circa 85 studenti che in due turni di 4 settimane si sono alternati sul sito, coinvolti in tutte le attività normalmente praticate in uno scavo stratigrafico: dallo scavo manuale alla realizzazione di planimetrie, sezioni e prospetti; dalla redazione di schede al trattamento dei reperti mobili (lavaggio, siglatura e prima classificazione), che saranno poi analizzati e studiati a campagna conclusa.

“Gli studenti hanno anche avuto modo di utilizzare strumentazione ottica ed elettronica innovativa per l’immissione e la gestione in banca dati delle strutture, dei manufatti, dei resti vegetali e animali” spiega la direttrice dello scavo Clementina Panella. È lei l’archeologa della Sapienza a cui si devono le scoperte effettuate in quest’area situata nel cuore di Roma, accanto al Colosseo, nel Parco Archeologico del Foro Romano e del Palatino. “Il nostro cantiere-scuola occupa un settore della collina con particolari valenze simbolico-sacrali, la cui storia, è stata ricostruita partendo dagli interventi moderni e medievali fino agli affioramenti geologici sui quali compaiono le prime capanne (X-IX secolo a.C.): tra questi due estremi, il cuore della città classica”. Questo è lo scenario in cui il Presidente della Fondazione Roma Emmanuele Emanuele e il Rettore della Sapienza Eugenio Gaudio incontreranno il Soprintendente Francesco Prosperetti, gli archeologi e gli studenti al lavoro. “La formazione e l’istruzione sono alla base della crescita personale e dello sviluppo sociale della nostra comunità” – sottolinea il Rettore – “il sostegno della Fondazione Roma rappresenta un importante segnale di come la parte migliore della società civile sappia intervenire in un momento critico per il nostro Paese e lancia un segnale di speranza per le nuove generazioni”.

“Siamo orgogliosi – dichiara il Presidente della Fondazione Roma, Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele – di sostenere un progetto che unisce così tante direttrici della nostra azione: la valorizzazione del patrimonio culturale italiano, artistico e archeologico, che io considero il motore principale dello sviluppo economico, sociale e civile; l’investimento nella formazione delle giovani generazioni; la centralità delle nuove tecnologie, perché solo l’innovazione è in grado di fare la differenza, in un mondo sempre più competitivo”.

“Imparare un mestiere – prosegue il Prof. Emanuele -, che unisca le competenze tradizionali e le tecniche più moderne, è essenziale per affrontare la sfida del mercato del lavoro. Ed è questo l’obiettivo di Archeo Lab. “Questa iniziativa – conclude il Presidente Emanuele – si inserisce all’interno della più ampia collaborazione tra la Fondazione Roma e l’Università “La Sapienza”, a cui nel 2014 la Fondazione ha assegnato un contributo di 5,9 milioni di euro, per un progetto triennale volto al potenziamento e all’ammodernamento delle strutture didattiche. A questo proposito, mi piace ricordare che lo scorso 18 maggio è stata inaugurata la Sala Multimediale presso il Palazzo del Rettorato. In futuro, si prevede la realizzazione di un centro linguistico d’ateneo e di un nuovo sistema di archiviazione robotizzato per la biblioteca centrale della Facoltà di Architettura, oltre alla creazione di laboratori avanzati e al potenziamento delle infrastrutture di rete”.

Info
Clementina Panella – dipartimento di Scienze dell’antichità; membro del Comitato Scientifico della Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma.

Lo scavo
Lo scavo archeologico della Sapienza Università di Roma, diretto dalla Professoressa Clementina Panella, è in corso di svolgimento sulle pendici nord-orientali del Palatino. Il cantiere, che, occupa il versante del Palatino tra la Piazza del Colosseo e l’Arco di Tito lungo l’attuale via Sacra. Scavi e ricerche sono date in concessione da parte del MIBACT al Dipartimento di Scienze dell’Antichità della Sapienza.

La didattica
Lo scavo è inteso come un grande laboratorio che vede impegnati per due mesi l’anno studenti, allievi della Scuola di Specializzazione e dottorandi del Dipartimento di Scienze dell’Antichità della Facoltà di Lettere e Filosofia e di altre università italiane e straniere, e degli allievi del Master interfacoltà Architettura per l’Archeologia. Il lavoro proseguirà durante i mesi invernali con gli studenti e gli allievi più interessati alle tematiche dell’archeologia urbana e ai metodi della ricerca archeologica sul campo. Alla campagna del 2015 (dall’1 giugno al 24 luglio) hanno partecipato 85 giovani divisi in due turni di 4 settimane. Gli studenti sono stati coinvolti in tutte le attività normalmente praticate in uno scavo archeologico stratigrafico: scavo manuale, redazione di elaborati grafici (planimetrie, sezioni, prospetti), redazione di documentazione scritta (schede, diario di scavo, listati di reperti, ecc.), trattamento dei reperti mobili (lavaggio, siglatura, prima classificazione). Hanno avuto modo di utilizzare strumentazione ottica ed elettronica innovativa per l’elaborazione dei dati grafici (CAD, GIS) e per l’archiviazione delle schede delle Unità Stratigrafiche e dei materiali (banche-dati), e di seguire sul campo, essendone parte attiva, una serie di ricerche scientifiche che spettano ad altri specialismi (paleobotanica, archeozoologia, geologia e pedologia). Al lavoro pratico, eseguito sotto la guida e il controllo dei docenti, sono state affiancate nel corso della campagna di scavo alcune lezioni tenute dal medesimo personale e da specialisti esterni, tese ad illustrare le metodiche utilizzate, ad ampliare la conoscenza nel campo della topografia, dell’evoluzione storico-monumentale di uno dei luoghi più centrali della città antica, dell’architettura romana, della cultura materiale dall’età regia all’età medievale e moderna. Durante i mesi invernali gli studenti affronteranno in laboratorio lo studio dei materiali, l’interpretazione delle sequenze stratigrafiche, l’informatizzazione della documentazione grafica e scritta, le ricostruzioni grafiche.

La ricerca
A fronte dell’attività didattica, c’è la ricerca in un sito straordinario. Al suo interno gravitano monumenti finora ignoti, di fondamentale importanza per la storia insediativa di uno dei luoghi-simbolo della città antica e della città contemporanea. Ritrovamenti del tutto eccezionali sono le tracce di capanne del X-IX secolo a.C., cioè anteriori alla fondazione della città che la tradizione fissa al 753 a.C., i resti dell’antico santuario delle Curiae Veteres attribuite dalla tradizione scritta a Romolo, i pozzi votivi con i loro depositi spettanti ad un secondo antichissimo santuario (metà/fine VIII secolo a.C.) che fronteggiava le antiche Curie sulla via che saliva dalla valle del Colosseo al Foro, una residenza aristocratica (probabile casa natale di Augusto) che si estendeva lungo la pendice del Palatino sino alla sella tra il Palatino e Velia, le rovine impressionanti del famoso incendio neroniano del 64 d.C., le grandi realizzazioni imperiali (neroniane, flavie, adrianee, severiane, tardo-antiche) che caratterizzano il paesaggio di questo settore urbano fino alle destrutturazioni dell’insediamento del VI e VII secolo d.C., alle spoliazioni di età medievale e rinascimentale e agli sterri post-unitari. Tremila anni di storia sono passati sotto gli occhi e tra le “mani”, degli archeologi, restituendo alla comunità scientifica e alla città un formidabile patrimonio di “memorie”. Tra i rinvenimenti più spettacolari si segnalano le insegne imperiali attribuite a Massenzio, esposte oggi nel Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo in una sala appositamente allestita; un grande bacino in terracotta della prima metà del V secolo a.C., la cui decorazione pittorica rappresenta per Roma un unicum, esposto da pochi mesi nel Museo Palatino, le erme in marmo e i ritratti di Settimio Severo e dei suoi familiari (attualmente in corso di restauro) rinvenute nelle fondazioni di un edificio di età molto tarda (fine VI/VII secolo). Una sala del Museo Epigrafico del Museo Nazionale Romano alle Terme ospita il complesso architettonico del tempio restaurato da Claudio e la base iscritta dell’edicola dei Giulio-Claudi. Va detto che con gli anni sono stati progressivamente chiusi alcuni settori nei quali lo scavo poteva ritenersi concluso. Molte strutture sono state reinterrate per garantirne la conservazione, altre sono attualmente in fase di restauro. Le indagini si sono perciò concentrate nel 2015 nelle antiche Curie, dove comparivano, ritagliate da murature di tutte le età, stratigrafie del V secolo a.C. Ad esse è stata dedicata l’attuale campagna.

FONTE | SOURCE:

— ONLINE NEWS (22|07|2015).

http://www.online-news.it/2015/07/22/l%E2%80%99archeologia-della-sapienza-e-il-palatino-nord-orientale/#.Va_QC_mrT4Y

2). ROMA – Palatino, i segreti delle Curie Veteres il cantiere degli studenti-archeologi – Termina venerdì la campagna de La Sapienza guidata da Clementina Panella, LA REPUBBLICA (21|07|2015).

Fu una piccola “rivoluzione” paesaggistica e architettonica, accompagnata da riti di espiazione, quella che nel V secolo a. C. ridisegnò l’antico santuario delle Curiae Veteres, sul versante nord-orientale del Palatino. Dove da giugno l’archeologa Clementina Panella è tornata a scavare, dirigendo la campagna 2015 dell’università La Sapienza, cofinanziata dalla Fondazione Roma, che coinvolge 85 studenti. Le indagini si sono concentrate quest’anno sulle antiche Curie dove comparivano, ritagliate da murature di tutte le età, stratigrafie del V secolo a. C.. Periodo in cui, racconta Panella, “un evento drammatico che ancora non abbiamo identificato portò a una rivisitazione dell’appendice collinare, con fondazioni impressionanti che ricomposero un paesaggio nuovo”. L’antico santuario delle Curiae Veteres, attribuite dalla tradizione a Romolo, aveva già subito due grandi restauri: uno in età serviana, l’altro con Tarquinio il Superbo. Ma è negli anni della nascita della Repubblica che l’area subì il cambiamento forse più eclatante, con la riconfigurazione di tutto il sistema collinare e il rifacimento del santuario. “Abbiamo trovato moltissimi reperti databili fra il 500 e il 400 a. C., ma anche delle fasi precedenti”, spiega Panella. E ad aprire agli archeologi inediti scorci sul passato più remoto del santuario sono stati proprio i resti dei riti di espiazione celebrati nella fase della demolizione e ricostruzione del V secolo.

“Quel che ha caratterizzato l’ultimo scavo – racconta l’archeologa – è stato proprio il rinvenimento di almeno una decina di piacula, e cioè di piccoli alloggiamenti di pietre intorno alla terra bruciata, dove si conservavano i resti delle architetture e degli arredi precedenti. Ogni volta che si procedeva a una demolizione, infatti, per non scatenare l’ira degli dèi, si svolgevano particolari riti di espiazione e purificazione, in cui si sacrificavano animali e si conservava una parte per il tutto di ciò che era stato demolito”. Ma per l’archeologa che ha dedicato la propria vita agli scavi sulle pendici nord-orientali del Palatino – con scoperte sensazionali come quella delle insegne di Massenzio – l’emozione forse più grande è stata quella di arrivare al “Palatino vergine” e cioè alle stratificazioni più antiche dei limi e delle argille del Paleotevere. “In fondo – spiega Panella – è questo che noi archeologi facciamo: ricostruiamo paesaggi e storie, ne riannodiamo i fili, scendendo in profondità, fino a toccare i suoli più antichi”. A visitare il cantiere-scuola 2015, che si chiuderà venerdì, saranno oggi il soprintendente per il Colosseo, Francesco Prosperetti, il rettore della Sapienza, Eugenio Gaudio, e il presidente della Fondazione Roma, Emmanuele Emanuele, che ha cofinanziato gli scavi didattici di quest’anno, insieme ad altri sponsor (Fondazione Bnc, Hdi Assicurazioni e Ibl Banca). Mentre la Soprintendenza ha curato e diretto la messa in sicurezza e il restauro delle strutture a rischio, anche in vista della fruibilità futura dell’intera area.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (21|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/21/news/palatino_i_segreti_delle_curie_veteres_il_cantiere_degli_studenti-archeologi-119495143/

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma – the Piazza Venezia and the Column of Trajan (Top: 4 July 1944 – LIFE MAGAZINE | Bottom: 17 June 2014 – Stefanie Kovacevic) (14|07|2015).

  ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma - the Piazza Venezia and the Column of Trajan (Top: 4 July 1944 - LIFE MAGAZINE | Bottom: 17 June 2014 - Stefanie Kovacevic) (14|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma – the Piazza Venezia and the Column of Trajan (Top: 4 July 1944 – LIFE MAGAZINE | Bottom: 17 June 2014 – Stefanie Kovacevic) (14|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma - the Piazza Venezia and the Column of Trajan (Top: 4 July 1944 - LIFE MAGAZINE | Bottom: 17 June 2014 - Stefanie Kovacevic) (14|07|2015).

— Roma – the Piazza Venezia and the Column of Trajan (Top: 4 July 1944 – LIFE MAGAZINE | Bottom: 17 June 2014 – Stefanie Kovacevic) (14|07|2015).

Foto | fonte | sources:

1). Rome – 4 July 1944, U.S. Army Gen. Mark Clark’s visit in Rome (04/07/1944). LIFE 1944.
Rome - Via Dell' Impero (1924-40): Rome Exhibit: "L' invenzione dei Fori Imperiali - Demolizioni e scavi: 1924-40." the Pz. Venezia during Gen. Mark Clark's visit in Rome (04/07/1944). LIFE 1944.

2). Rome – 17 June 2015, “Rome”, Stefanie Kovacevic | FLICKR (07|2015).
Roma

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITECTURA: Fides e Vittoria: a 90 anni dalla morte di Giacomo Boni il 10 luglio 2015, IL PRIMATO NAZIONALE (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITECTURA: Fides e Vittoria: a 90 anni dalla morte di Giacomo Boni il 10 luglio 2015, IL PRIMATO NAZIONALE (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITECTURA: Fides e Vittoria: a 90 anni dalla morte di Giacomo Boni il 10 luglio 2015, IL PRIMATO NAZIONALE (10|07|2015).

Roma, 10 lug – È il 16 febbraio 1923, due signori si incontrano in un luogo del tutto inusuale. Si trovano, infatti, in mezzo al foro romano.

Il più giovane è un americano assetato di cultura europea e ha 38 anni. È appena arrivato in Italia e si è subito fiondato in mezzo agli scavi. L’altro è un veneziano trapiantato a Roma e di anni ne ha 64. Parla bene inglese, lo ha imparato diversi anni prima alle scuole serali e lo ha affinato in alcune collaborazioni con istituti internazionali, quindi la conversazione può essere fluida.

L’americano è Ezra Pound e qualche settimana dopo, scrivendo alla madre, così rievocherà quell’episodio: “Ho incontrato diversi amabili letterati, come Giacomo Boni, il direttore degli scavi, che vive su una collina all’interno del foro”.

Il caso, forse, non esiste mai. Di sicuro non nella vita di Giacomo Boni, di cui oggi ricorre il novantennale della morte, avvenuta il 10 luglio 1925. Casuale, forse, non fu neanche questo incontro non programmato con il grande poeta, che Boni mise in contatto con il collega Corrado Ricci, autore di studi sul tempio malatestiano, in quel periodo vera ossessione poundiana.

Avessero potuto conversare più a lungo, avrebbero potuto trovare altri punti di sintonia, a cominciare dall’idea di voler “rifare l’Italia agricola, laboriosa e pura” oppure dal culto mistico del grano (anche se Boni preferiva il farro) o dalla passata vicinanza con John Ruskin.

Per un genio curioso, proteiforme, originale come Pound, Giacomo Boni era l’interlocutore ideale. Di cultura e interessi enciclopedici, Boni non era un semplice archeologo ma un vero e proprio cultore della romanità in tutti i suoi aspetti, non esclusi quelli “sottili”, legati alle forze segrete del genius loci, di cui egli si fece vettore consapevole.

Ma chi era questo tipo definito da Ugo Ojetti come “uno degli uomini più singolari e affascinanti di questo secolo”? Nato a Venezia il giorno di S. Marco, il 25 aprile 1859, dopo gli studi tecnici partecipò ai restauri che si eseguivano sul Palazzo Ducale di Venezia e studiò architettura all’Accademia delle Belle Arti.

Nel 1890 è nominato ispettore dei monumenti della Direzione generale delle Antichità e Belle Arti: nel 1895-1896 è direttore dell’Ufficio Regionale dei Monumenti di Roma e a partire dal 1898 dirige gli scavi del Foro Romano, a cui a partire dal 1907 si aggiungono quelli del Palatino. Alle sue ricerche nel Foro BoniRomano si devono la scoperta del Lapis niger, della Regia, del Lacus Curtius, dei cunicoli cesariani nel sottosuolo della piazza, della necropoli arcaica presso il tempio di Antonino e Faustina e della chiesa di Santa Maria Antiqua. Sul Palatino portò alla luce una cisterna arcaica a thòlos, i ricchi ambienti della “Casa dei Grifi” e della cosiddetta “Aula isiaca” al di sotto del palazzo imperiale di età flavia.

Tutto questo già basterebbe a fare di Boni un eroe della cultura nazionale e della custodia dell’eredità romana. Ma non si comprende ancora nulla del personaggio se non si entra a pieno nel suo più ampio progetto di civiltà romano-italico e nella dimensione anche spirituale e “magica” del suo lavoro di archeologo, guidato allo stesso tempo da perizia tecnica e da segni, simboli, sogni, messaggi di forze superiori.

Benedetto Croce, che lo incontrò intorno al 1906, ne descrisse “l’aspetto tra di mago e di veggente”. D’Annunzio lo battezzò “vate e veggente del Palatino”. Per Ojetti era il “sacerdote della Dea Roma”. Tutti coloro che lo conobbero ne hanno ricavato una impressione di grande potenza e sacralità.

Uomo di fides, Boni non era tuttavia avulso dalla realtà storica, politica e sociale in cui si trovava. Tutt’altro. Allo scoppio della Grande Guerra, non potendo servire come soldato, l’archeologo diede il suo contributo tecnico, raggiungendo il fronte e cercando soluzioni pratiche ai problemi dei soldati.

Scriverà: “Tutta la vita trascorsa sembra un nulla al confronto di ciò che l’Italia opera qui con una fede ed un’abnegazione che fanno persino dimenticare la materialità della guerra, e danno l’impressione di assistere ad una cerimonia religiosa, ad un atto puro di sacrificio collettivo per il trionfo d’un principio da cui dipende tutta la vita nostra”.

Il 13 gennaio 1916, Boni fu tuttavia colpito da un paresi al braccio e alla gamba destra, cui seguì la pleurite. Quando si riprese, tornò al suo Palatino, e da lì cercò di raccogliere tutte le forze spirituali per aiutare la nazione in guerra. Archeologo-contadino-sacerdote, fece del colle sacro di Roma un tempio a cielo aperto in favore della Vittoria. Poi, nel 1918, il segno: durante i lavori di demolizione di una torre medievale sulle pendici del Palatino ritrovò il frammento di una grande statua di marmo, che giudicò essere una Nike del V secolo a.C. Per Boni era l’omen della Vittoria.

Dopo la guerra sostenne l’avventura dannunziana a Fiume (per il Vate aveva una grande ammirazione, ma più per il soldato che per il poeta). Il biennio rosso, la caccia al veterano, la vittoria mutilata lo portarono quasi subito a solidarizzare col fascismo.

Prontamente si mise a disposizione del duce e della sua opera di riscoperta della romanità. Il 1° marzo del 1923 inviò a Mussolini un ramo di lauro, ricordando che “i soldati romani che seguivano il carro trionfale avevano la testa coronata di lauro, per espiare gli omicidi legali commessi in guerra, ed i fasci littori dei consoli vittoriosi erano pure inghirlandati di lauro. Questi fasci erano gli emblemi delle magistrature supreme, della purificazione suprema. La società umana cessa di essere società e finisce di essere umana, quando cessa di purificarsi”.

Su incarico del ministro delle Finanze Alberto De Stefani cercò anche di ricostruire il fascio littorio nella sua forma originale. Quel simbolo finì sulle nuove monete da due lire. Margherita Sarfatti ne parlò come di un’arma “potentissima per la diffusione del senso della bellezza”, fungendo da “umile agente di propaganda che penetra ovunque, passa per ogni mano, all’interno e all’estero, dice a tutti e rappresenta per tutti l’Italia”. È appena il caso di dire quanto anche questa idea della moneta come simbolo di bellezza fosse eminentemente poundiana.

Alla vigilia del discorso di Mussolini del 3 gennaio, che segnò il superamento della crisi del fascismo dopo l’assassinio Matteotti, inviò un ramo di mirto al Duce, “quale augurio per la purificazione indispensabile alla concordia civile”.

Va ricordato, inoltre, che Boni fu anche uno dei pionieri degli studi sugli indoeuropei in Italia. Auspicò aiuti pubblici per uno studio sull’antica civiltà aria che spaziasse dall’Irlanda all’India. E se a un certo punto finirà proprio nell’Isola Verde a misurare i crani dei bambini parlanti il gaelico, nel suo ultimo discorso da senatore, nel febbraio del 1925, in occasione della discussione sul voto di fiducia a Mussolini, citò addirittura il Bhagavad-gîtâ. Grande fu anche la sua passione per il Giappone, il cui punto apicale fu la visita che l’imperatore Hirohito gli fece sul Palatino.

Dopo la sua morte, la sua salma fu avvolta nel tricolore e fu sepolta, su richiesta di D’Annunzio e con assenso di Mussolini, negli Orti farnesiani, sul Palatino. Nella sua ultima conferenza, così aveva terminato il suo discorso: “Torneremo a ricordare, a studiare ed obbedire le tradizioni patrie venerande, ispirandoci al costume antico, alla Fides nazionale, all’idea della Giustizia purificatrice, che aveva per emblema un fascio littorio e alle virtù domestiche che portarono gli italici a livello mai raggiunto da ogni altra stirpe umana”.

Adriano Scianca

(molte delle informazioni citate dell’articolo sono tratte dal saggio di Sandro Consolato, Giacomo Boni, Il Veggente Del Palatino, uscito in “Politica Romana” 6/2000-2004, pp. 33-1808. Ringrazio l’autore per il reperimento del testo)

FONTE | SOURCE:

— IL PRIMATO NAZIONALE (10|07|2015).

Fides e Vittoria: a 90 anni dalla morte di Giacomo Boni

FOTO | FONTE | SOURCE:

— The Roman Forum & Prof. Giacomo Boni (1898-1925): Saverio Kambo, “In memoriam: Prof. Giacomo Boni.” EMPORIUM, Vol. LXII, n. 368, (1925) pp. 88-96.

http://wp.me/pPRv6-1EA

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – ‘IL FORO ROMANO & I FORI IMPERIALI’ – Fine del 1944 all’inizio del 1945 | “George Kay War Photos [1944-45], by Paul Brice (07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA - 'IL FORO ROMANO & I FORI IMPERIALI' - Fine del 1944 all'inizio del 1945 |

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – ‘IL FORO ROMANO & I FORI IMPERIALI’ – Fine del 1944 all’inizio del 1945 | “George Kay War Photos [1944-45], by Paul Brice (07|2015).

— ROMA – IL FORO ROMANO & I FORI IMPERIALI – Fine del 1944 all’inizio del 1945.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA - 'IL FORO ROMANO & I FORI IMPERIALI' - Fine del 1944 all'inizio del 1945 |

FONTE | SOURCE:

— “George Kay War Photos [1944-45], by Paul Brice | FLICKR (07|2015).

IMG_0005

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI – Ancora sullo spostamento di camionbar e bancarelle, DARIOROMANO (11|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI - Ancora sullo spostamento di camionbar e bancarelle, DARIOROMANO (11|07|2015).

traiana

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: “NOT – WANTED IN ROME!” DUMB-ASS “IDIOTA” AMERICAN TOURISTS SWIMMING IN THE BERNINI FOUNTIAN IN THE PIAZZA NOVANA OF ROME, Nathalie Niam, (La Consigliera – Comune di Roma), CORRIERE DELLA SERA & LA REPUBBLICA. (13|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: "NOT - WANTED IN ROME!" DUMB-ASS "IDIOTA" AMERICAN TOURISTS SWIMMING IN THE BERNINI FOUNTIAN IN THE PIAZZA NOVANA OF ROME, Nathalie Niam, (La Consigliera - Comune di Roma), CORRIERE DELLA SERA & LA REPUBBLICA. (13|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: “NOT – WANTED IN ROME!” DUMB-ASS “IDIOTA” AMERICAN TOURISTS SWIMMING IN THE BERNINI FOUNTIAN IN THE PIAZZA NOVANA OF ROME, Nathalie Niam, (La Consigliera – Comune di Roma), CORRIERE DELLA SERA & LA REPUBBLICA. (13|07|2015).

1). Nathalie Niam, Comune di Roma | FACEBOOK (13|07|2015).

“…H 3 di notte la fontana seicentesca del Bernini di piazza Navona utilizzata come piscina per 20 minuti sotto lo sguardo degli operatori Ama. La denuncia di una turista sul sito “Wanted in Rome”. La notte i monumenti sono abbandonati e troppo spesso utilizzati in modo improprio e dannoso, servono presidi di forze di polizia e maggiore intervento da parte di chi lavora in questi luoghi per il comune in questo caso l’ Ama, per garantirne il rispetto e la conservazione.”

FONTE | SOURCE:

— Nathalie Niam, la consigliera – Comune di Roma | FACEBOOK (13|07|2015).

https://www.facebook.com/nathalie.naim

2). ROMA – Piazza Navona, il bagno notturno dei turisti americani nella fontana Su Facebook la denuncia di Nathalie Naim, consigliere del primo municipio, CORRIERE DELLA SERA (13|07|2015).

«Ore 3 di notte la fontana di piazza Navona utilizzata come piscina sotto lo sguardo degli operatori Ama. La notte i monumenti sono abbandonati e utilizzati in modo improprio e dannoso , servono presidi di forze di polizia e maggiore intervento da parte di chi lavora in questi luoghi per il comune, per garantirne il rispetto e la conservazione»: è quanto denunciato sui Facebook da Nathalie Naim, consigliere municipale del Centro Storico, impegnata nella battaglia per il decoro della Capitale.

I monumenti e gli atti vandalici
Il post denuncia è accompagnato dalla fotografia pubblicata sulla pagina Facebook Wanted in Roma, che ritrae appunto tre giovani turisti che fanno il bagno nella famosa Fontana dei Fiumi del Bernini, considerato uno dei gioielli della scultura nella Capitale. Un problema annoso, quello della tutela dei monumenti, spesso oggetto di atti di vandalismo, come accadde per esempio per l’altra Fontana storica di piazza Navona, quella del Moro, presa di mira nel 2011 da un vandalo peraltro filmato mentre staccava alcuni frammenti successivamente recuperati dai vigili.

FONTE | SOURCE:

— CORRIERE DELLA SERA (13|07|2015).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_luglio_13/piazza-navona-bagno-notturno-turisti-americani-fontana-d7ae1e12-2952-11e5-8a16-f989e7f12ffa.shtml

3). ROMA – Piazza Navona, il tuffo dei turisti americani nella fontana dei Quattro Fiumi, LA REPUBBLICA (13|07|2015).

Piazza Navona, 13 luglio, ore 3 di notte: un gruppo di turisti americani (due uomini e una donna) si tuffa nella seicentesca fontana dei Quattro Fiumi del Bernini sotto agli occhi di alcuni operatori Ama che stanno ripulendo la strada. La denuncia viaggia su Facebook e a postare le foto, scattate da un’altra scandalizzata turista america, Victoria Wyatt, è la consigliera Nathalie Naim, riprendendole dalla pagina “Wanted in Rome”. “La notte i monumenti sono abbandonati e utilizzati in modo improprio e dannoso, servono presidi di forze di polizia e maggiore intervento da parte di chi lavora in questi luoghi per il comune in questo caso l’Ama, per garantirne il rispetto e la conservazione” scrive la Naim. Decine i commenti sdegnati, tra cui quelli di chi ricorda la vandalizzazione della fontana della Barcaccia di piazza di Spagna, altra opera del Bernini, compiuta dagli scatenati hooligans olandesi del Feyenoord nel febbraio scorso o i ripetuti bagni nella fontana di piazza Madonna dei Monti di turisti ubriachi (di Viola Giannoli).

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (13|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/13/foto/piazza_navona_il_tuffo_dei_turisti_americani_nella_fontana_dei_quattro_fiumi-118982712/1/#1

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il cantiere del Colosseo, SKYSCRAPERCITY.COM (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il cantiere del Colosseo, SKYSCRAPERCITY.COM (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il cantiere del Colosseo, SKYSCRAPERCITY.COM (10|07|2015).

“…Ci sono passato ieri davanti con la bici, e con le arcate ripulite è ancora più mastodontico, Secondo me camminandoci troppo vicino e con il caldo torrido si perde di vista la sua grandiosità.”

FONTE | SOURCE:

— Foto e il Testo di SKYSCRAPERCITY.COM (10|07|2015).

http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=1416110&page=4287

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Fori Imperiali – Foro della Pace: giusto il restauro delle colonne? Il prof. Giuliano Volpe: “Non dubito della sua correttezza tecnica e metodologica”, L’Indro (10|07|2015).

ROMA ARCHAEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Fori Imperiali - Foro della Pace: giusto il restauro delle colonne? Il prof. Giuliano Volpe: “Non dubito della sua correttezza tecnica e metodologica”, L'Indro (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Fori Imperiali – Foro della Pace: giusto il restauro delle colonne? Il prof. Giuliano Volpe: “Non dubito della sua correttezza tecnica e metodologica”, L’Indro (10|07|2015).

— Si parla del progetto di rialzare 7 colonne del Foro della Pace a Roma, ma con plinti in cemento armato. È vera la notizia e se sì come mai?

Il progetto di anastilosi delle colonne del Foro della Pace è stato elaborato ed è in corso di realizzazione da parte della Sovrintendenza Comunale di Roma. Non conosco quindi le soluzioni tecniche adottate, ma ho stima e fiducia nei colleghi della Sovrintendenza, a partire dal sovrintendente, Parisi Presicce, e non ho dubbi che le soluzioni siano perfettamente in linea con le più rigorose metodologie in questo campo. Mi risulta che si tratta di soluzioni perfettamente reversibili – e non potrebbe essere diversamente –, che devono però tener conto anche di problemi di sicurezza e, ormai, anche giustamente delle norme antisismiche. Tuttavia ripeto, non ho motivo di dubitare della correttezza tecnica e metodologica di chi sta eseguendo il progetto di anastilosi, che difendo nella maniera più assoluta. Trovo anzi gravi e volgari gli attacchi mossi – anche su giornali importanti che evidentemente nel campo dei beni culturali hanno deciso di sposare le posizioni oggettivamente più retrive e conservatrici, assai lontane dalle visioni più avanzate, elaborate a livello internazionale – che partendo da una notazione di tipo tecnico (peraltro tutta da verificare), coinvolge il progetto di anastilosi in sé. Questa posizione mi sembra il frutto d’ignoranza e forse anche di malafede. Ignoranza perché l’anastilosi è pratica diffusa dappertutto nel mondo da oltre un secolo e ha raggiunto livelli tecnici elevati. Nasce sia dell’esigenza di conservazione (le colonne adagiate a terra si danneggiano certamente molto di più a causa degli agenti atmosferici), sia per garantire una migliore comprensione del monumento da parte dei cittadini e dei visitatori. Solo chi, con una visione neoromantica e spiccatamente elitaria, preferisce la contemplazione di ruderi incomprensibili, si può opporre all’anastilosi di colonne, che, è forse il caso di ricordarlo, erano fatte per stare in piedi e non per essere, com’era finora, allineate a terra. È questo un esempio del ritardo culturale, e di un certo conservatorismo, del feticismo, e anche del provincialismo – hanno visitato i parchi archeologici di altre parti del mondo, sono mai stati, ad esempio, ad Efeso? – di certe vestali della cultura che preferiscono un paesaggio di rovine a monumenti resi più comprensibili con l’anastilosi e con altri sistemi di ricostruzione.

— Questo progetto di restauro non contraddice la teoria espressa da Brandi sul mantenimento dei materiali originali per restaurare gli edifici, opere d’arte ed elementi architettonici?

Anche le teorie del restauro non sono il vangelo, ma si evolvono nel tempo con il progresso delle conoscenze, delle riflessioni metodologiche, delle tecniche e delle tecnologie. Molta acqua è passata sotto i ponti dai tempi del restauro estetico di Brandi; c’è stata ad esempio la grande lezione di Giovanni Urbani e la riflessione continua. Anzi il problema è che l’Italia vive sugli allori del passato nel campo del restauro e non si rende forse conto che quel primato non c’è più e che servirebbe nuova capacità d’innovazione e sperimentazione. In ogni caso, lo ribadisco, questa domanda andrebbe posta a chi ha progettato e realizzato l’intervento. Io non posso che limitarmi a considerazioni generali.

— Come rientra questo progetto di restauro nel Consorzio dei Fori?

Il Consorzio Fori di Roma è ancora in fase di progettazione e diventerà operativo solo il prossimo anno; questo restauro è opera della Sovrintendenza Comunale. Peraltro il Consorzio si occuperà di gestione e non di ricerca, tutela, conservazione, che restano competenze della Soprintendenza statale e di quella comunale.
Trovo, però, questo intervento pienamente in linea con la visione della tutela, della valorizzazione e della fruizione, indicata dalla Commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale, che ho avuto l’onore di presiedere. Oltre all’intervento sulle colonne del Foro della Pace sono previste operazioni di anastilosi anche nell’area del Foro di Traiano, oltre ad altri progetti – ad esempio la ricostruzione dell’arena del Colosseo, la sistemazione della piazza del Colosseo, etc. – auspicati dalla Commissione, come si può desumere dalla relazione consegnata il 30 dicembre scorso. Trovo, però, questo intervento pienamente in linea con la visione della tutela, della valorizzazione e della fruizione, indicata dalla Commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale, che ho avuto l’onore di presiedere.

— Il Consorzio dei Fori ha in programma altri restauri per la zona dei Fori. E se sì quali?

Oltre all’intervento sulle colonne del Foro della Pace sono previste operazioni di anastilosi anche nell’area del Foro di Traiano, oltre ad altri progetti – ad esempio la ricostruzione dell’arena del Colosseo, la sistemazione della piazza del Colosseo, etc. – auspicati dalla Commissione, come si può desumere dalla relazione consegnata il 30 dicembre scorso.

FONTE | SOURCE:

— L’Indro (10|07|2015).

http://www.lindro.it/foro-della-pace-giusto-il-restauro-delle-colonne/2/

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma: Tempio Della Pace – cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido, M5S SENATO NEWS (09|07|2015) & [VIDEO 02:53].

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il Tempio della Pace e le sette colonne della discordia. A Roma scoppiano le polemiche per l’uso eccessivo di cemento armato nel il restauro del portico voluto da Vespasiano. Il rischio è l’effetto Disneyland, La Repubblica, (7 luglio 2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI – TEMPIO DELLA PACE Cemento ai Fori, caso in Parlamento «Intervento dannoso» per le colonne, CORRIERE DELLA SERA (05|07|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITECTTURA: RESTAURO CHOC AL FORO DELLA PACE – Archeologia La denuncia di gruppo di studiosi – Fa discutere l’ uso del cemento nelle colonne, IL TEMPO (02|06|2015). Foto varii: Foro della Pace (04 & 05|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI – “Il Tempio della Pace torna a vivere,” Roma Capitale Istituzione | VIDEO FACEBOOK (27|04|2015) & COMUNE DI ROMA (25|04|2015). [Nota. Foto 1 di 18 = Video].

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Paola Giannone, I FORI IMPERIALI – “ANASTILOSI DELLE COLONNE DEL TEMPIO DELLA PACE,” | FACEBOOK (26|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Fori Imperiali, risplendono le prime due colonne del Tempio della Pace, LA REPUBBLICA (24|04|2015) & Dott.ssa Arch. Paola Giannone, Roma (23|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Tempio della Pace, cemento armato negli scavi: «C’è dagli anni Novanta», CORRIERE DELLA SERA (07|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I Fori Imperiali, rivive il Tempio della Pace. Tornano le antiche colonne, Fonte: Gianni de Dominicis, Roma | FACEBOOK (04|04|2015).

http://wp.me/pPRv6-3aO

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Francesco Prosperetti: “È un evento storico, ora vanno valorizzati Meta sudans e Palatino [compiuti negli anni scorsi da Clementina Panella], LA REPUBBLICA (11|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Francesco Prosperetti: "È un evento storico, ora vanno valorizzati Meta sudans e Palatino [compiuti negli anni scorsi da Clementina Panella], LA REPUBBLICA (11|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Francesco Prosperetti: “È un evento storico, ora vanno valorizzati Meta sudans e Palatino [compiuti negli anni scorsi da Clementina Panella], LA REPUBBLICA (11|07|2015).

ROMA – Il soprintendente plaude all’allontanamento dei camion bar dall’area archeologica centrale deciso dal Campidoglio: “Un’attesa di trent’anni”

“ERANO 30 anni che aspettavamo questo momento, si tratta di un evento storico”. Francesco Prosperetti, soprintendente speciale per il Colosseo, plaude all’allontanamento dei camion bar dall’area archeologica centrale deciso dal Campidoglio. Al convegno sulle “Nuove opportunità per l’archeologia a Roma”, alla Casa dell’Architettura, ha annunciato che ora ci sarà un concorso internazionale per il restyling di piazza del Colosseo.
“A giorni firmeremo con l’assessore Caudo un protocollo per la riprogettazione della piazza. Il progetto è strettamente legato alla pedonalizzazione completa di via dei Fori Imperiali, quindi la collaborazione con il Comune è fondamentale”.

Come immagina la piazza nel futuro?
“I suoi margini, a mio avviso, sono tutti da ridefinire. Anche per valorizzare, ad esempio, i risultati degli scavi della Meta Sudans e del Palatino nord-orientale compiuti negli anni scorsi da Clementina Panella “.

Appena insediato dichiarò anche che avrebbe voluto eliminare la recinzione dell’Arco di Costantino.
“E sono ancora dello stesso avviso, pur con le dovute precauzioni”.

Per il resto, cosa cambierà ora nell’area archeologica centrale?
“Dobbiamo prima di tutto attrezzarci per offrire ai visitatori quel servizio che, anche se in maniera impropria, i camion bar offrivano. Perché al momento mancano i punti di ristoro. Per questo, spero già da agosto, metteremo tre distributori automatici di bevande fra il Palatino e il Foro e altri tre in prossimità degli ingressi, in modo che non impattino sul paesaggio. E abbiamo già dato l’incarico di elaborare un progetto per un punto di ristoro a largo della Salara Vecchia, che dovrebbe aprire a metà 2016 dove c’era la vecchia biglietteria, riutilizzando strutture preesistenti, senza naturalmente costruire nulla”.

Quello dei punti di ristoro è, insomma, un suo pallino.
“Dobbiamo migliorare la politica di accoglienza ai nostri siti. Per questo c’è anche l’idea di realizzare un ristorante al terzo piano del Museo Palatino: sposteremo la biblioteca di Giacomo Boni a Palazzo Altemps, dove sarà più facilmente fruibile. E finalmente doteremo l’area archeologica di adeguati servizi al pubblico, così come Palazzo Massimo, dove la caffetteria sarà pronta fra pochi mesi, e le Terme di Diocleziano “.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (11|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/11/news/francesco_prosperetti_e_un_evento_storico_ora_vanno_valorizzati_meta_sudans_e_palatino_-118869925/

FOTO | FONTE | SOURCE:

— Prof.ssa Clementina Panella, Roma-Piazza del Colosseo, area della Meta Sudans; pendici nord-orientali del Palatino. Dipartimento Di Scienze Dell’ Antichita, La Sapienza (2002-2015) [aggiornato 2015].

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof.ssa Clementina Panella (et al.), Crowdfunding Project for Ancient Rome’s Archeological Excavation on the slope of the Palatine Hill and in the Valley of the Colosseum. "LoveItaly!" & the La Sapienza Universit

— ROMA ARCHEOLOGICA e RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Arch. Raffaele Panella, “L’AREA DEI FORI IMPERIALI TRA PIAZZA VENEZIA E IL COLOSSEO,” ROMA CASA DELL’ARCHITETTURA (27 MAGGIO 2014), [PDF] pp. 1-30. http://wp.me/pPRv6-2rx

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma: Tempio Della Pace – cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido, M5S SENATO NEWS (09|07|2015) & [VIDEO 02:53].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma: Tempio Della Pace - cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido, M5S SENATO NEWS (09|07|2015) & [VIDEO 02:53].

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma: Tempio Della Pace – cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido, M5S SENATO NEWS (09|07|2015) & [VIDEO 02:53].

1). ROMA – I FORI IMPERIALI: cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido Scritto da M5S Senato News pubblicato il (09.07.15).

Una colata di cemento armato per rimettere in piedi le colonne di granito rosa del Tempio della Pace nel Foro romano, risalenti al 75 d.C. quando Vespasiano volle celebrare la conquista di Gerusalemme.

Succede a Roma, museo a cielo aperto che di cultura potrebbe vivere e arricchirsi, e che invece muore di corruzione, incuria e sciatteria. E tutto questo succede, incredibilmente, con il beneplacito della Sovraintendenza capitolina e nazionale, che hanno approvato la scelta di usare ferro e cemento per restaurare pezzi di storia dal valore inestimabile.

La scelta, però, ha fatto accapponare la pelle ad archeologi, studiosi e specialisti del settore: l’intervento in corso ignora gli studi accademici e specialistici sul restauro archeologico degli ultimi 40 anni. Gli interventi finora attuati risultano essere invasivi e dannosi, tanto che due delle colonne già restaurate, e inaugurate il 21 aprile scorso, sono già venute giù. Un disastro su cui è impossibile chiudere gli occhi!

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma: Tempio Della Pace - cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido, M5S SENATO NEWS (09|07|2015) & [VIDEO 02:53].

Come facemmo già per lo scempio di Capo colonna nel crotonese, anche questa volta il M5S si è mobilitato: accompagnati da un esperto del settore siamo andati a vedere da vicino il cantiere dove stanno avvenendo i restauri e con un’interrogazione a prima firma Manuela Serra abbiamo chiesto la sospensione dei lavori e di ripensare il progetto di restauro. Se così non fosse, richiederemo l’intervento della magistratura per danneggiamento del patrimonio storico-archeologico.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma: Tempio Della Pace - cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido, M5S SENATO NEWS (09|07|2015) & [VIDEO 02:53].

A questo link l’interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle al Senato.

FONTE | SOURCE:

— M5S SENATO NEWS (09|07|2015).

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/cultura/2015/07/roma-cemento-armato-nelle-colonne-di-vespasiano-il-restauro-e-da-brivido.html

2). ROMA – Cemento armato nelle colonne di Vespasiano, il restauro è da brivido (Serra) M5s – Senato Cinque Stelle (09|07|2015). YouTube Video [02:53].

Una colata di cemento armato per rimettere in piedi le colonne di granito rosa del Tempio della Pace nel Foro romano, risalenti al 75 d.C. quando Vespasiano volle celebrare la conquista di Gerusalemme.

Succede a Roma, museo a cielo aperto che di cultura potrebbe vivere e arricchirsi, e che invece muore di corruzione, incuria e sciatteria. E tutto questo succede, incredibilmente, con il beneplacito della Sovraintendenza capitolina e nazionale, che hanno approvato la scelta di usare ferro e cemento per restaurare pezzi di storia dal valore inestimabile.

La scelta, però, ha fatto accapponare la pelle ad archeologi, studiosi e specialisti del settore: l’intervento in corso ignora gli studi accademici e specialistici sul restauro archeologico degli ultimi 40 anni. Gli interventi finora attuati risultano essere invasivi e dannosi, tanto che due delle colonne già restaurate, e inaugurate il 21 aprile scorso, sono già venute giù. Un disastro su cui è impossibile chiudere gli occhi!

FONTE | SOURCE:

— M5s – Senato Cinque Stelle (09|07|2015). YouTube Video [02:53].

FOTO | FONTE | SOURCE:

— M5s – Senato Cinque Stelle (09|07|2015). YouTube Video [02:53].

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il Tempio della Pace e le sette colonne della discordia. A Roma scoppiano le polemiche per l’uso eccessivo di cemento armato nel il restauro del portico voluto da Vespasiano. Il rischio è l’effetto Disneyland, La Repubblica, (7 luglio 2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI – TEMPIO DELLA PACE Cemento ai Fori, caso in Parlamento «Intervento dannoso» per le colonne, CORRIERE DELLA SERA (05|07|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITECTTURA: RESTAURO CHOC AL FORO DELLA PACE – Archeologia La denuncia di gruppo di studiosi – Fa discutere l’ uso del cemento nelle colonne, IL TEMPO (02|06|2015). Foto varii: Foro della Pace (04 & 05|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI – “Il Tempio della Pace torna a vivere,” Roma Capitale Istituzione | VIDEO FACEBOOK (27|04|2015) & COMUNE DI ROMA (25|04|2015). [Nota. Foto 1 di 18 = Video].

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Paola Giannone, I FORI IMPERIALI – “ANASTILOSI DELLE COLONNE DEL TEMPIO DELLA PACE,” | FACEBOOK (26|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Fori Imperiali, risplendono le prime due colonne del Tempio della Pace, LA REPUBBLICA (24|04|2015) & Dott.ssa Arch. Paola Giannone, Roma (23|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Tempio della Pace, cemento armato negli scavi: «C’è dagli anni Novanta», CORRIERE DELLA SERA (07|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I Fori Imperiali, rivive il Tempio della Pace. Tornano le antiche colonne, Fonte: Gianni de Dominicis, Roma | FACEBOOK (04|04|2015).

http://wp.me/pPRv6-3ag

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI COME LO HA VISTO PROF. CORRADO RICCI (1912) & PROF. ARCH. GIACOMO BONI (1891), LIBERO DA BANCARELLE E CAMION BAR, LA REPUBBLICA & CORRIERE DELLA SERA (10|07|2015). Foto: La Rep. | C.D.S (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI COME LO HA VISTO PROF. CORRADO RICCI (1912) & PROF. ARCH. GIACOMO BONI (1891), LIBERO DA BANCARELLE E CAMION BAR, LA REPUBBLICA & CORRIERE DELLA SERA (10|07|2015). Foto: La Rep. | C.D.S  (10|07|2015).ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI COME LO HA VISTO PROF. CORRADO RICCI (1912) & PROF. ARCH. GIACOMO BONI (1891), LIBERO DA BANCARELLE E CAMION BAR, LA REPUBBLICA & CORRIERE DELLA SERA (10|07|2015). Foto: La Rep. | C.D.S (10|07|2015).
________

The ‘I Fori Imperiali,’ the ‘Il Quartiere Alessandrina,’ and the ‘Via dei Fori Imperial’ –
“Restauri di innovazione” 1913 to “Ininterrottamente” 2013

— Roma, Il Foro Romano & I Fori imperiali | Architetto & Archeologo Integrale (1891-1913) = “Restauri di innovazione” di Prof. Arch. Gustavo Giovannoni (1913) + “Esplorazioni stratigrafiche” di Prof. Giacomo Boni (1913 [1901])” + “…Un minimo di demolizione e un massimo di resultato archeologico e monumentale” di Prof. Corrado Ricci (1912)” + “…’Ricostruire le aree archeologiche’ con percorsi e insiemi arborei, diposti secondo schemi didattico-ricostruttivi” di Prof. G. Boni (1891).” [s.v., sotto].
________

ROMA – Camion bar, via alla rivoluzione in centro a Roma. Ma è protesta: ambulanti in lacrime a Bocca della Verità LA REPUBBLICA (10|07|2015).

Nel primo giorno della rivoluzione imposta dal Campidoglio agli ambulanti che da oggi non potranno più sostare all’ombra dei monumenti del Centro storico nessuno ha infranto il divieto montando le strutture mobili davanti all’Anfiteatro Flavio, il luogo forse più ambito per la vendita su ruote di bibite, panini e gelati, ma anche souvenir. Un “salotto” della città visitato oggi con orgoglio durante un sopralluogo da sindaco di Roma Ignazio Marino, insieme agli assessori ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci, e alla Roma Produttiva Marta Leonori.

A poca distanza da lì, tra Bocca della Verità e l’assessorato al Commercio, è andata invece in scena la protesta degli ambulanti in strada con i loro camion. Gli eserecenti anno scritto una lettera aperta ai cittadini e chiedono un incontro al sindaco Ignazio Marino: “Siamo 150 famiglie di commercianti che dal 9 luglio non lavorano più e vedono le proprie entrate decimate dal finto decoro e dalla lotta al più debole. Nuovi disoccupati di una fabbrica che chiude”. Qualcuno di loro, disperato, dice: “Io dall’oggi al domani mi trovo senza lavoro, noi democraticamente chiediamo udienza al sindaco che rappresenta solo alcune categorie. Ma Marino si deve ricordare che è anche il nostro sindaco, perché noi siamo romani. E ci deve ascoltare, le ragioni noi ce l’abbiamo. Gli abbiamo fatto delle proposte, non ci ha mai risposto. Ho fatto un camion bar nuovo perchè me lo ha imposto l’amministrazione. Ho speso 100mila euro. Mi sono venduto un appartamento di mia madre del 1963 e mi piange il cuore- spiega con voce rotta- e allora mi levi il posto di lavoro in un momento così? Sono 20 giorni che non dormo. Noi abbiamo tutti una licenza. Andatevi a fare un giro dove ci hanno mandato. Se andiamo lì a lungotevere è solo per buttarci di sotto, e il sindaco è responsabile”. Poco più in là, un bambino tiene in mano un cartello giallo con scritto: “Ciao sindaco marino sono il piccolo Niki, ti presento mio nonno Antonio, onesto lavoratore con regolare licenza da 50 anni. Ripensaci!’.

Marino, dai Fori, ha però ribadito: “Il confronto è andato avanti per due anni, capisco che il cambiamento sia difficile da accettare ma noi andiamo avanti verso quella Roma del terzo millennio che sogniamo”.

Circa dieci gli stalli tra camion bar e urtisti intorno alla piazza del Colosseo che secondo la direttiva capitolina, frutto di un lavoro congiunto tra amministrazione e Stato, si sposteranno su lungotevere Oberdan, lungotevere Maresciallo Diaz, lungotevere Testaccio e Piramide. Ma in tutto, a lasciare le postazioni abituali saranno 76 titolari di licenze tra 22 camion bar, 43 urtisti (che verranno riposizionati su via di San Gregorio), 11 tra posti fissi, di cui 3 fiorai che resteranno nel Tridentissimo e 7 anomali che andranno in via Carlo Felice e che alle 11 sono attesi in I Municipio per scegliere le postazioni in base all’anzianità. In campo una task force di 220 uomini tra vigili urbani e polizia di Stato.

E’ protesta però anche ai Fori Imperiali chiusa temporaneamente anche ai mezzi pubblici per attuare il piano capitolino. Una soluzione che non è piaciuta ai cittadini in attesa degli autobus alla fermata davanti alla stazione metro Colosseo. In molti hanno lamentato la mancanza di informazioni da parte dell’Atac che ha deciso però di inviare lungo il tratto chiuso il personale per informare i viaggiatori delle alternative e ha attivato delle navette, a partire dalle 9.30, che coprono il tragitto tra piazza Venezia e il Colosseo.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (10|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/10/news/camion_bar_via_alla_rivoluzione_del_colosseo_liberato_ma_e_protesta_per_i_fori_off_limits_ai_bus-118766260/

— ROMA DECORO – Camion bar fuori dal centro, dalle 7 al via l’operazione per 22 esercizi, CORRIERE DELLA SERA Esplora il significato del termine: Verranno trasferiti in 4 nuove aree. Momenti di tensione alla Bocca della Verità. Il sindaco Marino a passeggio ai Fori Imperiali: giorno straordinario (10|07|2015).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_luglio_09/camion-bar-ultimo-giorno-venerdi-22-devono-lasciare-centro-80d6a8b2-265e-11e5-9a08-f80f881ecc8e.shtml

_____

s.v.,

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: PARCO DEI FORI IMPERIALI & VIA DEI MONTI di G. Giovannoni, G. Boni, C. Ricci & V. Morpurgo (1911-13 & 1919|1924), Foto:

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: PARCO DEI FORI IMPERIALI & VIA DEI MONTI di G. Giovannoni, G. Boni, C. Ricci & V. Morpurgo (1911-13 & 1919|1924), Foto: “Dall’ alto dell Palatino, Giacomo Boni spiega al Presidente Alvear (Argentina) il Foro Romano,” (1922). http://wp.me/pPRv6-2no

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: TUTTI “FORI” DENTRO NESSUNO? Dott. Roberto Meneghini – Area archeologica dei Fori Imperiali interamente chiusa al pubblico da 12 anni e in stato di abbandono. MIBACT (13|06|2009) [VIDEO 06:30], s.v., STAMPA VIVERE ROMA (26/10/2003), p. 1. http://wp.me/pPRv6-3aq

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: “Il Foro Romano dopo gli scavi recenti” Roma (1908) [PDF], pp. 1-149; da Romolo Artioli, Segretario – Prof. Giacomo Boni, Ufficio degli Scavi del Foro Romano. [Libro di testo inglese]. Foto: ROMA, “GIACOMO BONI” | SSBAR (25|06|2008).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA:

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: “Il Foro Romano dopo gli scavi recenti” Roma (1908) [PDF], pp. 1-149; da Romolo Artioli, Segretario – Prof. Giacomo Boni, Ufficio degli Scavi del Foro Romano. [Libro di testo inglese]. Foto: ROMA, “GIACOMO BONI” | SSBAR (25|06|2008).

PDF =

PDF = ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: “Il Foro Romano dopo gli scavi recenti” Roma (1908) [PDF], pp. 1-149; da Romolo Artioli, Segretario – Prof. Giacomo Boni, Ufficio degli Scavi del Foro Romano. [Libro di testo inglese].

— ROMA – “Il Foro Romano dopo gli scavi recenti” Roma (1908) [PDF], pp. 1-149; da Romolo Artioli, Segretario – Prof. Giacomo Boni, Ufficio degli Scavi del Foro Romano. [Libro di testo inglese].

— ROME – “The Roman Forum After the Recent Excavations,” 2nd Edt., Rome (1908) [PDF], pp. 1-149; by Romolo Artioli, Secretary to Prof. Giacomo Boni, Office of the Excavations of the Roman Forum.

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROMA, “GIACOMO BONI” | SSBAR (25|06|2008).

http://archeoroma.beniculturali.it/

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The Roman Forum and prof. Arch. Giacomo Boni – “…how to evoke the genius of the place and make its dry bones live,” Boni: (03|1903) Foto: (05|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The Roman Forum and prof. Arch. Giacomo Boni - "...how to evoke the genius of the place and make its dry bones live," Boni: (03|1903) Foto: (05|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: The Roman Forum and prof. Arch. Giacomo Boni – “…how to evoke the genius of the place and make its dry bones live,” Boni: (03|1903) Foto: (05|2015).

___

“When in the autumn of 1898 opportunity offered to begin serious examination of the Forum, the problem arose in my mind was less how to discover new archaeological remains than how to evoke the genius of the place and make its dry bones live.

Prof. Arch. Giacomo Boni,
“Recent Discoveries in the Forum,”
HARPER’S MONTHLY MAGAZINE, Vol. XVI, Dec. 1902 – May, 1903
[March 1903], p. 627 of pp. 626-633.

FONTE | SOURCE:

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Prof. Arch. Giacomo Boni, “Recent discoveries in the Forum [= “Recenti scoperte nel Foro Romano]”, HARPER’S MONTHLY MAGAZINE, Vol. XVI, Dec. 1902 – May, 1903 [March 1903], pp. 626-633. [pag. 1 -4].

http://wp.me/pPRv6-2MQ

FOTO | FONTE | SOURCES:

— HEN-Magonza, “Forum Romanum, Akanthus (acanthus mollis)” | FLICKR (28|05|2015).

Forum Romanum, Akanthus (acanthus mollis)

— HEN-Magonza, “Forum Romanum, Vesta-Tempel (Temple of Vesta)” | FLICKR (28|05|2015).

Forum Romanum, Vesta-Tempel (Temple of Vesta)

— HEN-Magonza, “Forum Romanum, Oleander” | FLICKR (28|05|2015).

Forum Romanum, Oleander

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Arrivederci alla famiglia criminale Tredicine – Colosseo, Fori, Pantheon e piazza di Spagna: monumenti liberi da camion bar, LA REPUBBLICA (09|07|2015).

 ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Arrivederci alla famiglia criminale Tredicine - Colosseo, Fori, Pantheon e piazza di Spagna: monumenti liberi da camion bar, LA REPUBBLICA (09|07|2015).
ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Arrivederci alla famiglia criminale Tredicine – Colosseo, Fori, Pantheon e piazza di Spagna: monumenti liberi da camion bar, LA REPUBBLICA (09|07|2015).

Da domani saranno dislocati i 22 stalli tra il lungotevere e Piramide. Spostati anche i venditori di souvenir e i fiorai.

Monumenti liberi. Da domani i 22 camion bar, i 42 venditori di souvenir e gli 11 banchi dei fiorai non potranno più utilizzare gli stalli situati tra l’area archeologica centrale e il Tridente, ovvero la zona che comprende il Colosseo, via dei Fori Imperiali, il Pantheon e piazza di Spagna.

Gli stalli del centro storico, dove attualmente stazionano a rotazione i camion bar che operano nella zona, verranno trasferiti in quattro nuove aree. Il Campidoglio ha individuato nuovi stalli, sempre nel territorio del Municipio I, dove saranno autorizzate le attività commerciali dei camion bar. Saranno dislocati in quattro aree: lungotevere Oberdan, lungotevere Testaccio, lungotevere Maresciallo Diaz, via della Piramide Cestia. Gli urtisti invece dovranno spostarsi dall’area dei Fori e del Colosseo al marciapiede di via di San Gregorio lato Celio.

Un percorso iniziato con il tavolo sul decoro, istituito a maggio 2014 dal dipartimento al Commercio, in collaborazione con la direzione regionale del Mibact, la Soprintendenza Speciale per i beni archeologici di Roma, la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio del Comune di Roma, il Dipartimento Attività Produttive, la Sovrintendenza Capitolina, il Municipio I, l’Ufficio Città Storica del Campidoglio e la Polizia Locale.

Saranno circa 200 gli agenti della municipale impegnati nell’operazione di controllo del trasferimento delle attività. I vigili controlleranno che camion bar, urtisti e fiorai si trasferiscano dal centro storico alle aree assegnate dal Comune. I gruppi impegnati nell’operazione saranno: I Trevi, Git, Gssu, Prati, Cassia, Parioli.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (09|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/09/news/colosseo_fori_pantheon_e_piazza_di_spagna_monumenti_liberi_da_camion_bar-118716898/

— FOTO | FONTE | SOURCE:

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Suolo pubblico, commercianti in trincea: “Leonori stralci la delibera”. ROMA TODAY (21|01|2015).

http://wp.me/pPRv6-2FV

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: BERLUSCONI & MAFIA CAPITALE: Assunzioni “senza regole” nelle aziende del Campidoglio. I giudici: 340 milioni di danni I contratti sotto esame sarebbero stati stipulati tra il 2007 e il 2010, LA REPUBBLICA (08|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: BERLUSCONI & MAFIA CAPITALE: Assunzioni "senza regole" nelle aziende del Campidoglio. I giudici: 340 milioni di danni I contratti sotto esame sarebbero stati stipulati tra il 2007 e il 2010, LA REP. (08|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: BERLUSCONI & MAFIA CAPITALE: Assunzioni “senza regole” nelle aziende del Campidoglio. I giudici: 340 milioni di danni I contratti sotto esame sarebbero stati stipulati tra il 2007 e il 2010, LA REPUBBLICA (08|07|2015).

ROMA – BERLUSCONI & MAFIA CAPITALE: Assunzioni “senza regole” nelle aziende del Campidoglio. I giudici: 340 milioni di danni I contratti sotto esame sarebbero stati stipulati tra il 2007 e il 2010, LA REPUBBLICA (08|07|2015).

C’è un fascicolo che fa tremare i polsi di chi negli ultimi anni, prima dell’arrivo del sindaco Ignazio Marino a palazzo Senatorio, ha occupato le poltrone più prestigiose del Campidoglio. Dirigenti, funzionari e city manager: ora rischiano tutti. La procura della Corte dei conti del Lazio ha aperto un’inchiesta per fare luce su 2781 contratti stipulati dal Comune e dalle sue municipalizzate tra il 2007 e il 2010. Di più, secondo i pm contabili, c’è anche un secondo fronte aperto: tra il 2008 e il 2012 sarebbero stati erogati illegalmente 340 milioni di euro in salari accessori. Somme concesse in barba alle regole, in carenza dei criteri per la loro legittima attribuzione. A sganciare la bomba ieri sera è stato il primo cittadino in persona. Dopo aver aggiustato le carte e aver fatto un rapido passaggio tra slide colme di numeri e risultati raggiunti nel corso della propria amministrazione, Ignazio Marino ha staccato per un attimo gli occhi dagli appunti per rivolgersi ai giovani imprenditori romani riuniti nel pastificio Cerere di San Lorenzo: “Dovete sapere che lo scorso primo luglio, quindi soltanto pochi giorni fa, in Campidoglio è arrivato un documento con il timbro della Corte dei conti. Quel referto ci dice che negli anni in Comune e nelle partecipate sono stati stabilizzati illegalmente centinaia e centinaia di dipendenti. E il danno erariale calcolato dai magistrati contabili ammonta a 340 milioni di euro”.

Insomma, una cifra capace di far impallidire qualsiasi Parentopoli. Anche quella di Atac, scandalo per il quale domani mattina davanti alla sezione giurisdizionale della Corte dei conti del Lazio e al pubblico ministero Maiello Tammaro sfileranno otto tra politici e dirigenti accusati di aver reclutato 49 tra amici e parenti tra le fila della municipalizzata dei trasporti. Dovranno rispondere di un presunto danno da circa dieci milioni di euro. Un’inezia rispetto ai numeri su cui i magistrati contabili di via Baiamonti si concentreranno nei prossimi mesi. L’incontro con i giovani imprenditori è poi rientrato nei binari inizialmente previsti. Così il sindaco ha ripreso a snocciolare “le scelte per cambiare Roma” intraprese dalla propria amministrazione. Rimanendo in tema contabile, Marino ha ricordato come la capitale sia stata l’unica città italiana ad aver approvato il bilancio previsionale del 2015 entro la fine del 2014. Un risultato che farà sicuramente felici i magistrati della sezione di controllo della Corte dei conti del Lazio. Quindi, il menu dei successi ottenuti in poco più di due anni: la chiusura di Malagrotta, lo stop a 161 delibere che avrebbero portato nuovo cemento nell’agro romano e l’obiettivo di ridurre sensibilmente entro il 2018 il trasporto pubblico su gomma. E ancora: la battaglia dei cartelloni pubblicitari, quella per valorizzare lo sterminato patrimonio immobiliare del Comune e la pedonalizzazione dei Fori Imperiali. Risultati che ieri, però, sono passati in secondo piano davanti a un possibile danno erariale a otto zeri.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (08|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/08/news/assunzioni_senza_regole_nelle_aziende_del_campidoglio_i_giudici_340_milioni_di_danni-118588555/

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA SOTTO MARINO – VIA DEI FORI – MARZO AL LUGLIO 2015 | QUATTRO MESI PER PULIRE IL BELVEDERE CEDERNA, LA REPUBBLICA (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA SOTTO MARINO - VIA DEI FORI - MARZO AL LUGLIO 2015 | QUATTRO MESI PER PULIRE IL BELVEDERE CEDERNA, LA REPUBBLICA (10|07|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA SOTTO MARINO – VIA DEI FORI – MARZO AL LUGLIO 2015 | QUATTRO MESI PER PULIRE IL BELVEDERE CEDERNA, LA REPUBBLICA (10|07|2015).

ROMA – Sgomberato accampamento abusivo ai Fori Imperiali, LA REPUBBLICA (10|07|2015).

Erano arrivate diverse segnalazioni, anche sul canale Twitter della Polizia Locale (@plromacapitale): alcune persone avevano creato una sorta di “terrazza” con vista su via dei Fori Imperiali, sulle scalette in prossimità di largo Corrado Ricci. Sul posto sono intervenuti i vigili del gruppo pics della polizia di Roma Capitale, con l’ausilio di Ama e Sanema. Approfittando di una transenna, alcune persone si erano “appropriate” di uno dei pianerottoli intermedi sulle rampe delle scale con vettovaglie e giacigli di fortuna. “Qui, ovviamente ben nascosti dalla strada, dormivano, cucinavano e abbandonavano i loro rifiuti, anche escrementi”, fa sapere la polizia locale. Una situazione di degrado nel cuore della città, prontamente ripristinata dai vigili, che hanno liberato l’area, disposto lo sgombero dei rifiuti e il lavaggio delle scale, restituendole pulite ai romani e ai turisti.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (10|07|2015).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2015/07/08/foto/accampamento_abusivo_ai_fori_imperiali-118667926/1/#1

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma ‘Giubileo straordinario’ 2015-16: Roma si prepara al Giubileo, Fori pedonali e bus fuori dal centro, ANSA.IT LAZIO (14|03|2015). FOTO: “Via dei Fori & Belvedere Antonio Cederna,” ROMA FA SCHIFO (05|12|2014).

— ROMA – Foto semplicemente incredibili. Speriamo fotomontaggi. Un autentico campo abusivo dentro ai Fori Imperiali a 10 metri dall’information point turistico, ROMA FA SCHIFO (05|12|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – IL DEGRADO DELLA CITTA’- Via dei Fori Imperiali, Belvedere Cederna, che brutto spettacolo. La Repubblica (11|05|2011) [1999-2015]. FOTO & STAMPA 1 di 75,

ROMA ARCHEOLOGIA: Antonio Cederna, l'instancabile; «Scrivo da sempre lo stesso articolo, finché le cose non cambieranno continuerò imperterrito a scrivere le stesse cose», di Antonio Cederna. IL FATTO QUOTIDIANO/ Patrimoniosos.it (11/08/2012).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA ‘Giubileo straordinario’ 2015-16: Caudo: “Per i Giubileo apriamo i varchi sotto ai Fori Imperiali”, LA REPUBBLICA (15|03|2015).

http://wp.me/pPRv6-2Ry

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: TUTTI “FORI” DENTRO NESSUNO? Dott. Roberto Meneghini – Area archeologica dei Fori Imperiali interamente chiusa al pubblico da 12 anni e in stato di abbandono. MIBACT (13|06|2009) [VIDEO 06:30], s.v., STAMPA VIVERE ROMA (26/10/2003), p. 1.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: TUTTI "FORI" DENTRO NESSUNO? Dott. Roberto Meneghini - Area archeologica dei Fori Imperiali interamente chiusa al pubblico da 12 anni e in stato di abbandono. MIBACT (13|06|2009) [VIDEO 06:30], s.v., STAMPA VIVERE ROMA (26/10/2003), p. 1.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: TUTTI “FORI” DENTRO NESSUNO? Dott. Roberto Meneghini – Area archeologica dei Fori Imperiali interamente chiusa al pubblico da 12 anni e in stato di abbandono. MIBACT (13|06|2009) [VIDEO 06:30], s.v., STAMPA VIVERE ROMA (26/10/2003), p. 1.

FONTE | SOURCE:

ROMA – RAI UNO SABATO&DOMENICA ESTATE – 6.30 – Durata: 0.06.01
Conduttore: OSSINI MASSIMILIANO-DELPRINO ANTONELLA – Servizio di: Flavia Marimpietri
Roma. Area archeologica dei Fori Imperiali interamente chiusa al pubblico da 12 anni e in stato di abbandono. Cartacce e bottiglie residui della parata del 2 giugno scorso, perché l’AMA non ha mai ripulito l’area archeologica. Il problema dei fondi per i Beni Culturali. Int. Roberto Meneghini (archeologo sovraintendenza Comune di Roma); Umberto Broccoli (sovrintendente Beni Culturali Comune di Roma). MIBACT (13|06|2009) [VIDEO 06:30].

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/Sorgenti-esterne/VideoEmail/visualizza_asset.html_203346156.html

s.v.,

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Archeologia, fund raising a stelle e strisce Da domani Marino in viaggio a Philadelphia, ARTRIBUNE | OMNIROMA (26|05|2015). Foto: Roma, Foro di Traiano (2012).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Flavia Maripietri, “A Passeggio tra i Fori Imperiali” Un intervento che però, come spiega Roberto Meneghini, ARCHEO, no. 349 | Marzo 2014.

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Roberto Meneghini e Dott.ssa Lucrezia Ungaro – L’ area archeologia videosorvegliata usata come toilette – Rifuti, bivacchi, cattivi odori discarica al Foro di Traiano. Il Messaggero (20/08/2012), [PDF] p. 1 e 30 & (28/08/2007), p. 1 e 9.

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott. Roberto Meneghini, “Foro di Traiano – Cari Reperti, non c’e un soldo!” STAMPA VIVERE ROMA (26/10/2003), p. 1

http://wp.me/pPRv6-2wf