Rome, the Temple of Peace, Area # A (1946/2008): Left – the Church of Santi Cosma e Damiano, ca. 1945-46. Right – View of the Church of Santi Cosma e Damiano (2008-09).

Rome, the Temple of Peace, Area # A (1946/2008): Left – View of the Church of Santi Cosma e Damiano facing the Via dei Fori Imperiali around 1945-46 prior to later restoration and the construction of the new entrance. Right – View of the Church of Santi Cosma e Damiano facing the Via dei Fori Imperiali following the ongoing excavations in the S.E corner of the Temple of Peace (ca. 2008-09).

Advertisements

Rome, Temple of Peace, Area # A (1867-2007): The Basilica of Santi Cosma e Damiano, the Vicus ad Carinas, and the Forma Urbis Romae. Notes: R. Lanciani, Athenaeum (06/1891), & E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867).

Rome, Temple of Peace, Area # A (1867-2007): The Basilica of Santi Cosma & Damiano, the Vicus ad Carinas, and the Forma Urbis Romae. Notes: R. Lanciani, Athenaeum (06/1891), pp. 805-806. & E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867), pp. 177-78.

1). SS. Cosma e Damiano, 1891, in: Rodolfo Lanciani, Notes Form Rome, THE ATHENAEUM, No 3321, June 20th, 1891, pp. 805-806.

2). Scavi di SS. Cosimo e Damiano. in: E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867), pp. 177-78.

____

1). SS. Cosma e Damiano, 1891, in: Rodolfo Lanciani, Notes Form Rome, THE ATHENAEUM, No 3321, June 20th, 1891, pp. 805-806.

The desire so strongly manifested by students of Roman topography for a new search in the grounds of SS. Cosma e Damiano, where the marble plan of the city was discovered in the sixteenth century, will soon be fulfilled, thanks to the liberality of the Minister of Public Instruction, Pasquale Villari. A few bits of the precious document have already been found in a trench opened at the foot of the wall to which it was appended. Hoping to announce more important finds in my next correspondence, I begin with the following preliminary notes.

The last census of Rome, taken in strict accordance with the old rules, was begun by Vespasian in 73 A.D., and finished two years later. The Flavian dynasty, to use the expression of Suetonius, had found the capital of the empire “deformis veteribus incendiis [the fire of Nero] atque ruinis [the disasters caused by the faction of Vitellius].” Vespasian reorganized the city materially as well as from an administrative point of view: the lands usurped by Nero for his Golden House were given back to the people; the burnt quarters rebuilt, on a new piano regolatore; the limits of the metropolitan district enlarged; public property on the line of the Tiber, of the aqueducts, of the Pomerium, was redeemed from the encroachments of private individuals; a new map of the city was drawn, and the cadastre of oublic and private property revised.

These documents were deposited in a fireproof building, an oblong hall 42 metres long, 25 metres wide, constructed expressly on the west side of the Forum Pacis, between it and the Sacra Via. On the epistyle, above the main entrance, the following words were engraved: “[This building has been raised by] Vespasian in his eighth consulship [a.d. 78].” The map of the city, drawn in accordance with the last official survey and the results of the census, was exhibited on the side of the hall facing the Forum of Peace. We do not know whether it was simply drawn in colours on plaster, like the celebrated maps of Agrippa in the portico of Vipsania Polla, or engraved on marble.

The city was again half destroyed by fire in the year 191 under the empire of Commodus, the centre of the conflagration being precisely the neighbourhood of these archives. The House of the Vestals, the jewellers’ shops on the Sacra Via, the imperial warehouses for Eastern spices (horrea piperataria), and the Forum and Temple of Peace were levelled to the ground. The archives, surrounded by this great blaze on every side, must have been turned into an oven in spite of their fireproof enclosure, their bronze roof melted, their contents injured by heat or by water.

Septimius Severus and his son Caracalla undertook, with the reconstruction of the city, the re-establishment of the archives of the cadastre, and, in memory of their work (which was begun in A.d. 193 and was completed in 211), they caused a new and revised edition of the plan of the city to be engraved in marble and exhibited in the same place—that is to say, on the front of the building facing the Forum of Peace. The building itself, magnificently restored and decorated in opus sectile (a sort of Florentine mosaic), was dedicated under the name of temphim sacra: urbis. It exists still in a good state of preservation, thanks to Pope Felix IV., who, in 526, turned it into a church, under the invocation of SS. Cosma e Damiano. The wall, on the marble facing of which the plan of Rome was engraved, measures 22 metres in length, 15 metres in height, and is remarkably well preserved. There is a good drawing of it in Jordan’s ‘Forma Urbis Romse,’ plate xxxi. figure 1.

The first fragments of the marble plan, formerly in the Farnese Palace, and now in the Capitoline Museum, were discovered by Giovanni Antonio Dosio, of San Gemignano, under the pontificate of Pius IV., between 1559 and 1565. The garden adjoining the wall, at the foot of which the successful excavations were carried on, was then the property of Torquato Conti, the builder of the Villa Catena at Poli and of the Villa Conti-Torlonia at Frascati.

No attempts at further discoveries were made for three hundred years. In July, 1867, Felix Tocco and Augusto Castellani, duly authorized by the Pope and the monks of S. Cosma, dug up the pieces containing the plan of the portico of Livia. In 1887 the fragment with the plan of the Temple of Castor and Pollux was discovered by accident in the excavations near S. Maria Liberatrice.

In 1885 other pieces were found built in a wall on the left bank of the Tiber near the Farnese Palace. They are all uninteresting and small. It appears that when the first set of fragments was removed from SS. Cosma e Damiano to the Farnese Palace, and arranged for exhibition in one of the great halls, these smaller bits must have been thrown aside as worthless, and given or sold to an ignorant mason with other building materials.

The question at issue is whether Giovanni Antonio Dosio excavated the whole of the garden of Torquato Conti or not, and whether he did his work with care, sifting every foot of the ground. We have reasons to believe that some chance is left for fresh discoveries. The carelessness of the Cinquecento excavators is proverbial. We have been able to recover many important fragments of the Fasti triumphaies et consrdares in ground which they assured us they had sifted inch by inch. The discovery of the map of Livia’s portico, made by Tocco and Castellani in situ, proves that there are strong probabilities in favour of the present attempt.

____

2). Scavi di SS. Cosimo e Damiano. in: E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867), pp. 177-78.

Scavi di S. Cosimo e Damiano. Lettera a. G. Henzen.

Appena ho sentito che V. S. sì è restituita in Roma reduce dalla campagna, adempio al mio desiderio di annunziare nel Bullettino dell’Istituto un breve rapporto degli scavi da me intrapresi nel cortile sterrato dei Santi Cosimo e Damiano , non lungi dal foro romano e sotto al soprastante monte palatino, dove oggi in luogo del tempio della Pace vi domina la basilica di Massenzio, oppure di Costantino.

Da gran tempo io vagheggiava il luogo attiratovi dalle visibili traode di impellicciatura di marmo su di gran muro laterizio. Finalmente il 29 luglio leste passato ho potuto mettermi all’opera, nella quale, cosa che non mi attendeva, ho dovuto combattere con un terreno malfermo, e con una profondità di met. 7, 50. Il primo risultato avuto è stato il ritrovamento di un gran pavimento a belle lastre di pavonazzetto e portasanta; il quale si trova in un piano eguale a quello del foro romano, e sotto al piano della suddetta Basilica permei. 10, 00. La molta terra e le rovine imponenti mi hanno impedito di largheggiare , come e quanto avrei voluto; ma però ho ottenuto tanto da poter riconoscere che in questa mia scoperta si tratta di un foro che, stando a Vaironi ed a qualche altro classico, mi pare riconoscervi il Macellum detto anche Forum Cupedinis 1). Gli idolatri dei regionari, in questa mia opinione, vedono un offesa fatta a quei loro idoli; ma però oltre a tutte le notizie che ho potuto accumulare in tre diversi articoli pubblicati nell’Osservatore romano , ne ho una che tengo in serbo per pubblicarsi all’occasione , colla quale si stabilisce quivi il Macellum.

Apparte poi di tale scoperta la fortuna me ne ha favorito altra pregevolissima consistente in tre pezzi della pianta capitolina, e forse qualche altro, siccome spero, ne verrà alla luce. Dei detti tre pezzi uno riporta gran parte del portico di Livia con gran fontana nel mezzo, ed altre cose da studiarsi , colla scritta PORTICVS LIVIAE.

Se la superbia non venisse punita dal disinganno e dalla umiliazione, potrei azzardare la conoscenza del luogo dove questo portico fatto da Augusto colla dedica di Livia si trovasse. Attendo con ansietà il parer dei dotti su questo argomento, ed una occasione che mi favorisca di potere esplorare il luogo a me sospetto.

Roma 20 settembre 1867. E. Luigi Tocco.

1). II passo di Varrone accennato dal eh. autore è senza dubbio de ling. lat. 5, 152: inter sacrarti viam el macellum editimi Cometa, del quale recentmente si è servito anche il prof. Jordan per collocare il macellum in quelle stesse vicinanze; cf. Hermes II p. 94, dove si confrontino puranche gli altri passi classici da lui arrecati in appoggio di tale opinione. G.H.

Rome, the Temple of Peace, Area # A (2010): View of the Vicus ad Carinas near the Basilica of Santi Cosma e Damiano leading into the area of the Temple of Peace, with comparative historic photos and plans (ca. 1867-1933).

Rome, the Temple of Peace, Area # A (2010): View of the Vicus ad Carinas near the Basilica of Santi Cosma e Damiano leading into the area of the Temple of Peace, with comparative historic photos and plans (ca. 1867-1933).

Cfr – Rome, the Temple of Peace, Area # A (1876-2007): Historical photographs and plans of the Basilica of Santi Cosma & Damiano, the Vicus ad Carinas, the wall of the Forma Urbis Romae, and the Temple of Peace.

Cfr – Roma, il Tempio della Pace, Amb. # A (1876-2007): fotografie storiche e dei piani della Basilica dei Santi Cosma e Damiano, Vicus ad Carinas, muro della Forma Urbis Romae, e il Tempio della Pace.

http://www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/5816549208/in/photostream

Rome, the Temple of Peace, Area # A, (ca. 1890-1900): View of the pavement of the Vicus ad Carinas leading into the area of the Temple of Peace. Peter P. Mackey, (ca. 1890-1900), Archive BSR (2011).

– Roma, il Tempio della Pace, Area # A, (ca. 1890-1900): Vista del pavimento del Vicus ad Carinas conduce nella zona del Tempio della Pace. Archive BSR (2011).

– Rome, the Temple of Peace, Area # A, (ca. 1890-1900): View of the pavement of the Vicus ad Carinas leading into the area of the Temple of Peace. Peter P. Mackey, (ca. 1890-1900), Archive BSR (2011).

Rome, Prof. Andrea Carandini (1985-2011): The Palatine Hill, the Roman Forum, the Sacra Via. Roman Forum, Oct. 1987.

– Rome, Prof. Andrea Carandini (1985-2011): The Palatine Hill, the Roman Forum, the Sacra Via. Roman Forum, Oct. 1987.

– Roma, Prof. Andrea Carandini (1985-2011): Il Palatino, il Foro Romano, la Via Sacra. Il Foro Romano, ottobre 1987.

Rome, Prof. Andrea Carandini (1985-2011): The Palatine Hill, the Roman Forum, the Sacra Via. Roman Forum, Oct. 1987.

– Rome, Prof. Andrea Carandini (1985-2011): The Palatine Hill, the Roman Forum, the Sacra Via. Roman Forum, Oct. 1987.

– Roma, Prof. Andrea Carandini (1985-2011): Il Palatino, il Foro Romano, la Via Sacra. Il Foro Romano, ottobre 1987.

Rome, Palatine Hill (2002-11): Prof.ssa Clementina Panella, (a cura di),” I SEGNI DEL POTERE. Realtà e immaginario della sovranità nella Roma imperiale”, Bibliotheca Archaeologica 24, Bari 2011. Fonte / source: Dott. Giacomo Pardini (09/06/2011).

Rome, Palatine Hill (2002-11): Prof.ssa Clementina Panella, (a cura di),” I SEGNI DEL POTERE. Realtà e immaginario della sovranità nella Roma imperiale”, Bibliotheca Archaeologica 24, Bari 2011. Fonte / source: Dott. Giacomo Pardini (09/06/2011).

Il catalogo iillustra analiticamente l’eccezionale scoperta, sulle pendici del Palatino, degli unici simboli imperiali romani giunti fino a noi, attribuiti in via di ipotesi a Massenzio.

Il catalogo. Schede dei reperti, by Giacomo Pardini in C. PANELLA (a cura di), I Segni del Potere. Realtà e immaginario della sovranità nella Roma imperiale, Bari 2011.

Cat. nr. 1 – Piccolo scettro con sfera in vetro verde (con A.F. Ferrandes); Cat. nr. 2 – La sfera in calcedonio; Cat. nr. 6 – Punta di lancia a sei lame in ferro ed oricalco e cannula in oricalco; Cat. nr. 8 – Punta di lancia a lama semplice e base sagomata in ferro; Cat. nrr. 9-10 – Punte di lancia a lama rombodidale ed alette laterali in ferro.

Repairs fail to fix cracks at Tomb of the Unknowns, THE WASHINGTON POST (June 8th, 2011).

Repairs fail to fix cracks at Tomb of the Unknowns, THE WASHINGTON POST (June 8th, 2011).

By Christian Davenport, Wednesday, June 8, 10:00 PM
http://www.washingtonpost.com/local/repairs-fail-to-fix-cracks-at-tomb-of-the-unknowns/2011/06/08/AGR2ASMH_story.html?wprss=rss_local

Repairs made last year to cracks that zigzag across the monument at the Tomb of the Unknowns at Arlington National Cemetery are failing, and officials said Wednesday that they are trying to figure out how to fix them.

Initially, the cemetery was to begin working on the monument this week. But historic preservationists, upset that they were notified of the problems just a week before new repairs were to start, accused the cemetery of moving too fast and possibly performing a shoddy job that could jeopardize the 48-ton white marble monument.

“This is racing forward,” said Robert Nieweg, director of the National Trust for Historic Preservation’s Southern Field Office. “They’ve already failed once. Why would they rush into a second repair when the experts don’t know for certain why the first one failed? . . . If you don’t do it right, you can harm the historic resource.”

ROMA, METRO C SCAVI / I FORI IMPERIALI (2006-11). PUBBLICATO – ARCHEOLOGIA E INFRASTRUTTURE. IL TRACCIATO FONDAMENTALE DELLA LINEA C DELLA METROPOLITANA DI ROMA: PRIME INDAGINI ARCHEOLOGICHE, Bollettino d’Arte (2010).

ROMA, METRO C SCAVI / I FORI IMPERIALI (2006-11). PUBBLICATO – ARCHEOLOGIA E INFRASTRUTTURE. IL TRACCIATO FONDAMENTALE DELLA LINEA C DELLA METROPOLITANA DI ROMA: PRIME INDAGINI ARCHEOLOGICHE, Bollettino d’Arte (2010).

1). ROMA, PRESENTAZIONE DEL VOLUME SPECIALE – ARCHEOLOGIA E INFRASTRUTTURE. IL TRACCIATO FONDAMENTALE DELLA LINEA C DELLA METROPOLITANA DI ROMA: PRIME INDAGINI ARCHEOLOGICHE. Mercoledì 15 giugno 2011 ore 17.00, Palazzo Massimo alle Terme, Largo di Villa Peretti, 6 – 00185 Roma.

1.1). ♦ comunicato stampa:
http://www.bollettinodarte.beniculturali.it/opencms/multimedia/BollettinoArteIt/documents/1307520442478_comunicato_stampa_metro_c.pdf

1.2). ♦ invito:
http://www.bollettinodarte.beniculturali.it/opencms/multimedia/BollettinoArteIt/documents/1307520337667_invito.pdf

1.3). sommario:
http://www.bollettinodarte.beniculturali.it/opencms/export/BollettinoArteIt/sito-BollettinoArteIt/Contributi/Editoria/BollettinoArte/Speciali/visualizza_asset.html_1541827041.html

______

1.3.1). Sommario: Italiano / 1.3.2). Summary: English –

– FEDORA FILIPPI, pp. 82-91, LE INDAGINI IN CAMPO MARZIO OCCIDENTALE. NUOVI DATI SULLA TOPOGRAFIA ANTICA: IL GINNASIO DI NERONE (?) E L’“EURIPUS.”

Nell’ambito delle indagini preliminari per la realizzazione della Linea C della metropolitana di Roma, la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma ha diretto scientificamente la realizzazione di 10 sondaggi lungo l’asse di corso Vittorio Emanuele II finalizzati alla conoscenza delle preesistenze archeologiche e alla conseguente definizione delle Stazioni previste nel progetto preliminare a largo Argentina, piazza della Chiesa Nuova e piazza Paoli.
Le indagini hanno pertanto riguardato un’area urbana ad altissima sensibilità archeologica, qual’è il Campo Marzio occidentale. Esse sono state limitate nell’estensione e nella possibilità di approfondimento, sia dalla necessità di dover contestualmente garantire la funzionalità della città, sia dall’impossibilità di superare con lo scavo il livello della falda acquifera.
Si presenta un primo rapporto preliminare sui risultati, con una panoramica di carattere generale sulla stratigrafia complessiva e con un approfondimento sull’interpretazione topografica dei ritrovamenti afferenti alla fase romana, che ha consentito alcune precisazioni. Sulla base di un nuovo tratto di colonnato emerso in piazza Sant’Andrea della Valle rapportato a dati già noti, si ipotizza l’impianto di un quadriportico monumentale, forse il ginnasio di Nerone. Gli scavi nell’area di piazza della Chiesa Nuova hanno permesso di riconsiderare le fasi costruttive dell’Euripus e le sue funzioni, oltre che l’assetto topografico della zona del cosiddetto Cenotafio di Agrippa.

– RAFFAELE LEONARDI, STEFANO PRACCHIA, STEFANO BUONAGURO, MATTEO LAUDATO, NICOLETTA SAVIANE, pp. 82-91, SONDAGGI LUNGO LA TRATTA T2. CARATTERI AMBIENTALI E ASPETTI TOPOGRAFICI DEL CAMPO MARZIO IN EPOCA ROMANA.

Una campagna di sondaggi a recupero di nucleo, conclusa nel 2009 nell’ambito delle indagini preventive alla realizzazione della Metro C di Roma, ha fornito nuovi dati sui paleoambienti dell’antico Campo Marzio e l’occasione per riconsiderare alcuni aspetti della topografia antica dell’area. Lo studio, condotto nell’ambito della più vasta ricerca diretta da Fedora Filippi della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, ha portato al riconoscimento di tre comparti ambientali distinti, con caratteri naturali propri dell’evoluzione dei contesti fluviali: uno a ridosso dei colli Quirinale e Campidoglio (piana inondabile), uno lungo la sponda meridionale del Campo Marzio (riva convessa) e un terzo delimitato a Est e Sud–Ovest dai precedenti (fascia di meandri). I dati geologici, analizzati in relazione alle fonti letterarie e alle testimonianze archeologiche oggi note, permettono di valutare tempi e forme del popolamento dell’area in età romana.
Sono state riesaminate le attribuzioni relative a luoghi noti dalle fonti classiche, come la Palus Caprae e i vada del Tarentum, e le scelte edificatorie di complessi monumentali come il Pantheon e l’area sacra di largo di Torre Argentina.
In relazione ai sistemi di gestione delle acque, i dati raccolti contribuiscono a definite la relazione funzionale tra le zone di ristagno idrico e le opere idrauliche antiche, come la grande vasca osservata in diverse occasioni a Ovest delle Terme di Agrippa e il canale scoperto a tratti tra piazza Sant’Andrea della Valle e l’ansa del Tevere, riconosciuti generalmente come lo Stagnum Agrippae e l’Euripus delle fonti.
La variabilità morfologica e idrografica dei tre comparti sembra aver giocato un ruolo importante non solo nei processi di edificazione dell’area, ma anche nella ripartizione degli spazi simbolici.

– ROBERTO EGIDI, pp. 93-123, L’area di piazza Venezia. Nuovi dati topografici, con Appendice di Silvia Orlandi, pp. 94-124, L’iscrizione del praefectus urbi F. Felix Passifilus Paulinus.

Vengono presentati i risultati delle indagini archeologiche di prima fase, propedeutiche alla progettazione definitiva della Stazione di Piazza Venezia e delle sue uscite.
Nell’area centrale della piazza (S18) è stato rinvenuto il tracciato della via Flaminia antica con resti di botteghe a lato; sono stati evidenziati i livelli severiani e flavi: Lo scavo è stato interrotto per la presenza della falda d’acqua.
Su via dei Fori Imperiali, lato Est del Vittoriano (S15, 15 bis) si sono rinvenuti: fogna di età traianea, pozzo medievale, strutture monumentali realizzate in connessione con l’emiciclo sud-occidentale del Foro di Traiano. In via Cesare Battisti (S9), resti di una domus tardo-antica. In piazza Santi Apostoli (S9 bis), un grande muro in laterizio di età imperiale riutilizzato in epoca tardo-medievale e poi rinascimentale. In piazza Madonna di Loreto (S14) un complesso monumentale riferibile ad un edificio pubblico di età adrianea, relativo alla sistemazione del settore Nord del Foro di Traiano oltre la colonna coclide, costituito da due grandi aule gradonate: auditoria adibiti ad attività culturali; forse riconducibili all’Athenaeum, sorta di università, o istituto di studi superiori, fondato dall’imperatore Adriano nel 135 d.C. in cui esercitavano professori nominati dall’imperatore nelle cattedre di sofistica greca e retorica romana, e frequentato dalle classi sociali elevate che si esercitavano nell’apprendimento.

– MIRELLA SERLORENZI, pp. 131-164. LE TESTIMONIANZE MEDIEVALI NEI CANTIERI DI PIAZZA VENEZIA.
Le aree prese in considerazione in questo contributo si trovano in una zona abbastanza circoscritta e riguardano le indagini effettuate: a piazza Santi Apostoli e via Cesare Battisti, se pur con sondaggi ridotti; a piazza Venezia con un saggio dell’estensione di circa mq 900 e a piazza Madonna di Loreto con uno scavo ancora in corso della dimensione di circa mq 500.
La complessità dei rinvenimenti, e a volte la parzialità dell’indagine, non permette di delineare un quadro topografico certo, tuttavia sono abbastanza chiare alcune dinamiche che hanno regolato l’insediamento urbanistico nel periodo post antico.
L’elemento determinante per lo sviluppo dell’area di piazza Venezia è costituito dalla presenza della via Lata, che senza soluzione di continuità giunge fino all’inizio del XX secolo: il suo livello cresce nel corso del tempo per più di m 3.
L’inizio del VI secolo costituisce un periodo di degrado delle strutture romane dalle quali vengono asportati tutti i rivestimenti marmorei e riconvertiti ad altri usi. L’unico sito che fa eccezione riguarda il complesso sulla via Lata che mantiene la funzione originaria.
Più complesse sono le trasformazioni che avvengono durante tutto l’Alto Medioevo, periodo durante il quale continua l’impoverimento del tessuto urbano a detrimento degli edifici classici. La rinascita carolingia vede una ripresa delle attività costruttive ed una rioccupazione degli spazi, ma purtroppo il forte terremoto della metà del IX secolo pone fine a questa vitalità.
Nel periodo compreso tra X–XI secolo sono poche le tracce rinvenute nei cantieri di scavo, è noto tuttavia, anche dalle fonti documentarie, che la riorganizzazione urbanistica della città nasce proprio in questo periodo.
A partire dal XII secolo e in particolar modo nel XIII, in tutte le aree indagate sono presenti nuove strutture murarie che indicano una urbanizzazione assai articolata. Tali edifici sono poi successivamente cancellati dai poderosi resti delle cantine dei palazzi rinascimentali; tra essi si ricorda come caso emblematico l’edificazione del primo Palazzo Vescovile: il Palazzetto Venezia.
Tali strutture sono giunte fino al XX secolo quando, in particolare con la costruzione del Vittoriano e di piazza Venezia, furono demoliti una grande quantità di edifici.

– ROSSELLA REA, pp. 171-201, La sella tra la Velia e le Carinae. La Valle dell’Anfiteatro. I versanti sud–orientale e nord–occidentale della Velia.

Indagini archeologiche preventive sono state condotte lungo la tratta T3 in via dei Fori Imperiali, funzionali all’individuazione dei limiti dell’altura della Velia entro cui inserire la Stazione Fori Imperiali; nella piazza del Colosseo, a largo G. Agnesi e in via degli Annibaldi, in previsione dell’ampliamento della Stazione Colosseo della Linea B. Lungo le pendici Nord–Ovest della Velia è emerso un tratto del clivus ad Carinas fiancheggiato da resti di edifici databili dall’età flavia al IV secolo; lungo le pendici Sud–Est restano tracce delle strutture risalenti al I secolo, distrutte nel 1932 per la costruzione di via dei Fori Imperiali.
Nella piazza del Colosseo si conservano strutture di età giulio–claudia e parte di un ambiente ancora in costruzione della Domus aurea.
Alle pendici meridionali del Colle Oppio sono state rinvenute evidenze ascrivibili dal IV secolo a.C. all’età flavia.

1.3.2). SUMMARY / ENGLISH:

– FEDORA FILIPPI, pp. 82-91,Archaeological explorations in the western Campus Martius. New data on the ancient topography: the gymnasium of Nero (?) and the Euripus.

As part of the preliminary archaeological explorations for the realization of Line C of the metropolitana of Rome, the Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma has coordinated ten exploratory excavations along the axis of Corso Vittorio Emanuele II aimed at widening our knowledge of archaeological remains in this area and the consequent definition of the metro stations planned in the preliminary project at Largo Argentina, Piazza della Chiesa Nuova and Piazza Paoli.
The explorations thus involved an urban area of the highest archaeological sensitivity, namely the western Campus Martius. They were limited both in extension and in depth, due both to the need simultaneously to ensure the continuing function of the city’s infrastructures, and the impossibility of digging to levels deeper than ground water level.
The author presents a first preliminary report on the findings, including a survey of a general character on the overall stratigraphy of the area and a topographical interpretation of the finds relating to the Roman period. The findings have enabled her to draw some preliminary conclusions. One of the main results of the exploratory campaign was the discovery of a new stretch of colonnade in the Piazza Sant’Andrea della Valle. The author relates this to the previous archaeological data, and proposes that it formed part of a monumental quadriporticus, perhaps the gymnasium of Nero. The excavations in the area of Piazza della Chiesa Nuova permitted fresh light to be thrown on the building phases of the Euripus and its purpose. It also permitted a re–consideration of the topographical layout of the area of the so–called Cenotaph of Agrippa.

– RAFFAELE LEONARDI, STEFANO PRACCHIA, STEFANO BUONAGURO, MATTEO LAUDATO, NICOLETTA SAVIANE, pp. 82-91, Explorations along stretch T2. Environmental features and topographical aspects of the Campus Martius in the Roman period.

A core–sampling campaign, concluded in 2009 as part of preliminary investigations for the realization of Line C of the metropolitana of Rome has furnished new data on the hydrogeological situation of the ancient Campus Martius. It also provided an opportunity to reconsider some aspects of the ancient topography of the area. The study, conducted in the framework of the wider research project directed by Fedora Filippi of the Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, led to the recognition of three distinct environmental sectors, with natural features peculiar to the evolution of fluvial contexts: one at the foot of the Quirinal and Capitoline hills (flood plain), one running along the southern margin of the Campus Martius (convex river bank) and a third delimited to the east and south–west by the preceding sectors (fascia of meanders). The hydrogeological data, analyzed in relation to the literary sources and current archaeological evidence, permit the chronology and forms of the settlement of the area in the Roman period to be evaluated.
The results of the exploratory campaign led to a re–examination of the attributions relating to sites known by the classical sources, such as the Palus Caprae and the vada (river shallows) of the Tarentum. They also help to explain the choice of sites for the construction of monumental complexes like the Pantheon and the sacred area of Largo di Torre Argentina.
In relation to water management systems, the data gathered help to define the functional relation between the zones of water stagnation and ancient hydraulic works, such as the large catchment basin observed on various occasions to the west of the Baths of Agrippa and the canal, of which stretches have been identified between Piazza Sant’Andrea della Valle and the loop of the Tiber, generally identified respectively as the Stagnum Agrippae and the Euripus of the classical sources.
The morphological and hydrographical variability of the three sectors seems to have played an important role not only in the urbanization of the area, but also in the way that symbolic spaces were defined and partitioned.

– ROBERTO EGIDI, pp. 93-123,The area of Piazza Venezia. New topographical data.

The article presents the results of the first phase of archaeological excavation of the Piazza Venezia and its adjacent areas, preliminary to the final planning of the Stazione di Piazza Venezia (metro Line C) and its various exits.
In the central area of the piazza (S18) a stretch of the ancient Via Flaminia was uncovered, flanked by remains of shops; the Severan and Flavian levels were ascertained in the stratigraphy. But the excavation here could not go down to deeper levels, interrupted by the presence of the aquifer.
On the Via dei Fori Imperiali, on the east side of the Vittoriano (S15, 15 bis), archaeological remains of various date were found: a drain of the Trajanic period, a medieval well, and monumental structures realized in connection with the south–west hemicycle of the Forum of Trajan.
Remains of a late–antique domus were found in the Via Cesare Battisti (S9); while a large brick wall of imperial date, reused in the late–medieval and then in the Renaissance period, was found in the Piazza Santi Apostoli (S9 bis).
A monumental complex attributable to a public building of the Hadrianic period was uncovered in the Piazza Madonna di Loreto (S14). Forming part of the layout of the northern sector of the Forum of Trajan beyond Trajan’s Column, it consisted of two large stepped auditoria presumably used for cultural activities. Perhaps they formed part of the Athenaeum, a kind of university or institute of higher studies, founded by the emperor Hadrian in 135 AD, where professors appointed by the emperor to chairs of Greek sophistry and Roman rhetoric instructed sons of the upper classes.

– MIRELLA SERLORENZI, pp. 131-164. The medieval remains found in the excavations in Piazza Venezia.

The article reviews the findings of the excavations conducted during building work for the construction of Line C of the metropolitana in a fairly circumscribed zone in Piazza Venezia and its vicinity. They concern the excavations of limited extent conducted in Piazza Santi Apostoli and Via Cesare Battisti; the excavations covering an area of c. 900 sq m in Piazza Venezia itself; and the excavation still in progress covering an area of c.500 sq m in Piazza Madonna di Loreto.
The complexity of the finds and at times the partial nature of the explorations do not permit a reliable topographical picture as yet to be defined. Yet some dynamics that regulated the urban settlement in the post–antique period seem fairly clear.
The decisive factor for the urban development of the Piazza Venezia area consists of the presence of the ancient via Lata, which survived without interruption until the early years of the 20th century: its level rose by over 3 m in the course of time.
The early 6th century represented a period of the deterioration of Roman structures, which were spoliated of all their marble revetments and reconverted to other uses. The one site that formed an exception was the complex on the via Lata which maintained its original function.
More complex are the transformations that took place through the Dark Ages, a period during which the impoverishment of the urban fabric to the detriment of the classical buildings continued.
The Carolingian renaissance was marked by a resumption of some building activity and a re–occupation of abandoned spaces, but unfortunately the powerful earthquake of the mid–9th century put an end to this revival. Few traces dating to the period between the 10th and 11th century have been found in the excavations; but that the urban reorganization of the city began during this period is known from the documentary sources.
Signs of a revival in building from the early 12th and especially in the 13th century are confirmed by the structural remains dating to this period that were found during all the areas explored. They point to a wide–ranging process of urban regeneration. These buildings were later demolished to make way for the massive foundations of the Renaissance palaces in the area; emblematic among them is the building of the first bishop’s palace: the Palazzetto Venezia.
These structures survived until the early 20th century when many buildings were demolished in the wave of urbanization at the turn of the century, in particular with the construction of the Vittoriano and the laying out of Piazza Venezia.

– ROSSELLA REA, pp. 171-203, The saddle between the Velia, the Carinae. The Valley of the Amphitheatre. The south–east and north–west slopes of the Velia.

Preventive archaeological excavations were conducted along stretch T3 of metro Line C in the Via dei Fori Imperiali, aimed at identifying the extension of the Velia (the hill connecting the Palatine and Esquiline), preliminary to the identification of the site on which to build the planned Fori Imperiali metro station. Other exploratory digs were conducted in Piazza del Colosseo, at Largo G. Agnesi and in Via degli Annibaldi, preliminary to the planned enlargement of the Stazione Colosseo of Line B. A stretch of the clivus ad Carinas flanked by remains of buildings datable between the Flavian period and the 4th century was found along the north–west slopes of the Velia, while traces of structures dating to the 1st century AD, destroyed during the construction of the Via dei Fori Imperiali in 1932, were found on its south–east slopes.
Structures of the Julio–Claudian period and part of a room of Nero’s Domus aurea, begun but never completed, are preserved in the Piazza del Colosseo.
Remains datable between the 4th century BC and the Flavian period were found on the southern slopes of the Oppian Hill.

ARCHEOLOGIA – Sulla Tomba di Marco Nonio Macrino. Da Francia, Olanda e Spagna l’ appello: salvate il Gladiatore. Corriere Della Sera (08/06/2011), p. 6.

ARCHEOLOGIA - Sulla Tomba di Marco Nonio Macrino. Da Franca, Olanda e Spagna l' appello: salvate il Gladiatore. Corriere Della Sera (08/06/2011), p. 6.ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). Foto: LA REPUBBLICA (15.11.2008).  pg. 1.ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). foto: Dott.ssa l' archeologa Daniela Rossi (SSBAR).
ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).
ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008). ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).
ROMA - SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL "GLADIATORE" - MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (11.06.2010 - aggiornato da 15/11/2008).

ARCHEOLOGIA – Sulla Tomba di Marco Nonio Macrino. Da Francia, Olanda e Spagna l’ appello: salvate il Gladiatore. Corriere Della Sera (08/06/2011), p. 6.

**PDF** = ARCHEOLOGIA – Sulla Tomba di Marco Nonio Macrino. Da Francia, Olanda e Spagna l’ appello: salvate il Gladiatore. Corriere Della Sera (08/06/2011), p. 6.

Foto vari [1-12]: Archeologia, appello di Italia Nostra: “Acquisire il mausoleo del Gladiatore” La Repubblica,(10/05/2011).

“Quanto è stato messo in luce, la più grande scoperta archeologica degli ultimi 40 anni, non può essere né soffocata né pure, in parte annullata, da tre, dicasi tre, palazzine di abitazione che non sono di alcuna utilità né indispensabili nell’ambito di una visione degli interessi strategici di Roma Capitale”.Carlo Ripa di Meana, presidente di Italia Nostra Roma, lancia l’ennesimo appello per il mausoleo di Marco Nonio Macrino, il cui ritrovamento ha già fatto il giro del mondo grazie al grande successo del film ‘Il Gladiatore’ di Ridley Scott.”L’area dello scavo si trova in via Vitorchiano, è di proprietà del costruttore Bonifaci, che intende qui costruire tre palazzine, come da accordo di programma con il Comune”, dice Ripa di Meana, sottolineando che “Italia Nostra Roma segue con apprensione la vicenda fin dal 2008 , quando, si è ispirata alla lezione civile e morale del funzionario della Soprintendenza Archeologica, Gaetano Messineo (di cui piangiamo la scomparsa), colto e splendido servitore dello Stato che, lungo la Flaminia, ha acquisito, restaurato e messo a disposizione della città la Villa di Livia e l’Arco quadriportico di Malborghetto . Un archeologo urbanista Gaetano Messineo, che ha preconizzando, grazie ai tanti ritrovamenti, un parco lineare lungo la Flaminia integrato al parco fluviale del Tevere Nord. Qui aggiungiamo che lo scavo della Flaminia e l’anastilosi in loco dell’eccezionale Mausoleo di Marco Nonio Macrino varrebbe per Roma e per i suoi interessi turistici e culturali almeno quanto l’assegnazione di un’Olimpiade”

s.v., ROMA – SCOPERTO IL MAUSOLEO DEL “GLADIATORE” – MARCO N. MACRINO / LA STATUA DELLA MOGLIE (15/11/2008) [aggiornato da 11.06.2010 & 08/06/2011].in:

http://www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/sets/72157624148680261/detail/


– Rome – Forum of Nerva, Medieval housing in the 9th-10th century. Comparative views of the hand-made house constructed in Milan, Italy following the Second World War.

– Rome – Forum of Nerva, Medieval housing in the 9th-10th century. Comparative views of the hand-made house constructed in Milan, Italy following the Second World War.

– Roma – Foro di Nerva, abitazioni medievali nel 9 ° – 10 ° secolo. Viste comparata con la casa costruita a mano a Milano, Italia seguenti seconda guerra mondiale.

—-
Roma – Various structural residence built in the Medieval period in the Forum of Caesar and Nerva =

Roma – Diverse residenza strutturali costruito in epoca medievale nel Foro di Cesare e di Nerva =

– L’ area del Foro di Cesare e Foro di Nerva nell’ Alto Medioevo:

Foto 1 – Foro di Cesare e Foro di Nerva / Alto Medioevo:
www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/3927352082/in…

Foto 2 – Foro di Nerva / Alto Medioevo:
www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/4174702806/in…

___

Fonti / source: [Milano] – Viale Argonne dopo la seconda guerra mondiale, in: ‘Milan l’era insc’, (20/01/2010).
www.flickr.com/photos/milan_lera_insc/5228503607/in/set-7…

America at War: June 6th 1944 & June 5th 2011 – US. Army medics attend to the wounded in Normandy, France. June 6th 1944; & US. Army medics attend to the wounded in southern Afghanistan, June 5th, 2011.

America at War: June 6th 1944 & June 5th 2011 – US. Army medics attend to the wounded in Normandy, France. June 6th 1944; & US. Army medics attend to the wounded in southern Afghanistan, June 5th, 2011.

June 6th 1944 & June 5th 2011 – Foto / left: US. Army Medics tends to the wounded in Normandy, France (June 6th, 1944 / LIFE Magazine); Foto / right: US. Army medic U.S. Army flight medic Spc. Daniel Miller, right, tends to injured United States Marine Lance Cpl. Michael Lynch onboard a medevac helicopter en route to a hospital in the Helmand Province of southern Afghanistan, Sunday, June 5, 2011. (June 6th, 2011, AP NEWS).

Roma, Il viaggio – Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemanno 2.0 (2011).

Roma, Il Sindaco in visita ufficiale a Washington DC, National Gallery, con l'esposizione della celebre "Venere Capitolina" Comune di Roma / Roma Capitali (05/06/2011) & Washington Post (June 3rd 2011).Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).
Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).2011-06-06_071558Roma, Il viaggio - Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemaano 2.0 (2011).

Roma, Il viaggio – Alemanno a Washington DC con la Venere Capitolina. Corriere della Sera (06/05/2011), p.2. & alemanno 2.0 (2011).

Roma, Il Sindaco in visita ufficiale a Washington DC, National Gallery, con l’esposizione della celebre “Venere Capitolina” Comune di Roma / Roma Capitali (05/06/2011) & Washington Post (June 3rd 2011).

Roma, Il Sindaco in visita ufficiale a Washington DC, National Gallery, con l’esposizione della celebre “Venere Capitolina” Comune di Roma / Roma Capitali (05/06/2011).

– Roma, 5 giugno – Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, da oggi a mercoledì 8 giugno è in visita ufficiale a Washington, dove inaugura la mostra “Dream of Rome” alla National Gallery, con l’esposizione della celebre “Venere Capitolina”, variante romana in marmo di un originale creato da Prassitele.
http://www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?contentId=NEW179053&jp_pagecode=newsview.wp&ahew=contentId:jp_pagecode

– Statua della “Venere Capitolina” Da originale di Prassitele (IV secolo a.C.) Marmo cm 193.
Collocazione: Palazzo Nuovo > Gabinetto della Venere
Provenienza: Da Roma, Viminale (1667-1670)
Dati di acquisizione: Dono di Benedetto XIV (1752)
Inventario: inv. MC0409
http://www.museicapitolini.org/percorsi/percorsi_per_temi/opere_celebri/statua_della_venere_capitolina

– Ancient sculpture leaves Italy for 1st time in 200 years for display at US National Gallery. The Washington Post (June 3rd 2011).
http://www.washingtonpost.com/entertainment/ancient-sculpture-leaves-italy-for-1st-time-in-200-years-for-display-at-us-national-gallery/2011/06/03/AGvSKuHH_print.html

WASHINGTON — One of the best preserved sculptures from Roman antiquity, the “Capitoline Venus,” has left Italy for the first time in nearly 200 years for a special display at the National Gallery of Art.

The installation goes on public view Saturday through early September, the museum announced Thursday. The full-scale female nude statue has only left Rome one other time: when it was seized by Napoleon and taken to France in 1797. It was returned to Rome’s Capitoline Museum in 1816 after Napoleon fell from power. Gallery Director Earl A. Powell III called it a “once-in-a-lifetime opportunity” to see the piece in the United States. It will have a prime spot as a museum centerpiece for the busy summer months.

“The ‘Venus’ will feel right at home in our West Building Rotunda, which was designed by John Russell Pope and was based on the Pantheon in Rome,” Powell said in a written statement. The sculpture is a descendent from the “Aphrodite of Cnidos” by Greek sculptor Praxiteles around 360 B.C. That sculpture was groundbreaking in art history for its introduction of the large-scale nude female form as a subject.

The statue was unearthed in the 1670s in a garden in the remains of an ancient building, according to historical accounts. The statue was intact, except for the nose, some fingers and a hand that had broken off. It was later reattached. Pope Benedict XIV gave the sculpture to the Capitoline Museum in 1752.
This is the first time it has been lent for exhibition.

The exhibit is part of an effort by Rome Mayor Gianni Alemanno to display masterpieces in the United States between 2011 and 2013. It also marks the 150th anniversary of Italy’s unification as a single state. Next week, Washington Mayor Vincent Gray plans to sign a proclamation announcing a new sister city agreement with Alemanno.

 

Roma, Festa della Repubblica (2011) – La Parata Il Dell 150 Dell’ Unita’ D’ Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento – cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].

Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].
Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].
Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].
Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].Roma, Festa della Repubblica - La Parata Il Dell 150 Dell' Unita' D' Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento - cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 ora].

Roma, Festa della Repubblica (2011) – La Parata Il Dell 150 Dell’ Unita’ D’ Italia (02/06/2011). Corriere Della Sera TV / Diretta [In Questo Momento – cattura schermo della parata reale televisivo a Roma ora, 11:53 mattina / Washington DC 05:53 mattina ora].
Martin G. Conde (a cura di), Washington DC, USA (02/06/2011). 14:00 ora / pomeriggio tempo a Roma.