ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: Case tra le arcate, così il Medioevo trasformò il Colosseo in un condominio, LA REPUBBLICA (26|06|2014) & Blog di coordinati da Giulia Facchin (06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: Case tra le arcate, così il Medioevo trasformò il Colosseo in un condominio, LA REPUBBLICA (26|06|2014) & Blog di coordinati da Giulia Facchin (06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: Case tra le arcate, così il Medioevo trasformò il Colosseo in un condominio, LA REPUBBLICA (26|06|2014) & Blog di coordinati da Giulia Facchin (06|2014).

Da spettacolare arena dei gladiatori a “condominio” con stalle, case private e laboratori di artigiani. La “seconda vita” del Colosseo, e cioè la sua fase medievale, si svela grazie agli scavi condotti dalla Soprintendenza archeologica in collaborazione con l’università di Roma Tre. Se la storia del Colosseo come Anfiteatro è certamente più nota, la sua fase “residenziale” “è però più lunga – spiega Rossella Rea, direttrice del monumento – perché parte dalla fine del IX secolo e dura almeno fino al terremoto del 1349”.

A mostrare come doveva apparire il monumento nel Medioevo sono gli scavi e i reperti portati alla luce dagli studenti romani e da alcuni ospiti dell’American University of Rome, diretti da Riccardo Santangeli Valenzani, professore di archeologia medievale, e coordinati da Giulia Facchin. Il Colosseo era diviso in una serie di ambienti – usati come botteghe, magazzini, stalle o abitazioni – affittati a sublocatari dalle autorità ecclesiastiche, che avevano preso il controllo sul monumento, e in particolare dal convento dei frati di Santa Maria Nova, che ancora sorge lì vicino. Gli ambienti si aprivano sull’arena centrale, mai edificata, che “veniva usata come una sorta di disimpegno, di spazio comune” spiega Santangeli Valenzani.

Nella campagna in corso, la terza di un progetto cominciato nel 2011, gli studenti-archeologi, che lo scorso anno avevano individuato un ambiente con un focolare, hanno scoperto all’interno del cuneo 9 uno degli accessi privati al Colosseo. Un ingresso con un cancello posto su una strada battuta che portava fino all’arena. Sotto un muretto del XII secolo è stato scoperto anche un condotto fognario flavio, perfettamente integro. Segni tangibili della funzione abitativa sono, invece, le ceramiche rinvenute durante gli scavi, usate per cucinare. Ma non solo: tra gli oggetti ritrovati, c’è anche una scimmietta in avorio, forse usata come pedina da scacchi o come soprammobile. La campagna 2014 si chiuderà domani, ma gli scavi proseguiranno il prossimo anno: “Come tutti i settori di ricerca, anche l’archeologia soffre la mancanza di finanziamenti – commenta Rea – Ma grazie alla collaborazione con Roma Tre per qualche settimana all’anno riusciamo a portare avanti un lavoro altrimenti impossibile”. L’obiettivo per il futuro è di approfondire le fasi successive. Se l’organizzazione a lotti in affitto venne superata con la trasformazione in roccaforte da parte della famiglia Frangipane, nei secoli successivi l’Anfiteatro Flavio ebbe molte altre vite. Nel ‘700, ad esempio, fu abitato anche da eremiti, come testimoniano le lapidi sepolcrali conservate nella cappella.

Nel frattempo, prosegue il restauro del monumento “targato” Tod’s: le prime 5 arcate verranno liberate dai ponteggi a partire dal 7 luglio, mentre altre 5 sono in corso di pulitura. I lavori del primo lotto termineranno il 2 marzo 2016.

Fonte | sources:

— LA REPUBBLICA (26|06|2014).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/06/26/news/case_tra_le_arcate_cos_il_medioevo_trasform_il_colosseo_in_un_condominio-90014624/

— ROMA, Case tra le arcate, così il Medioevo trasformò il Colosseo in un condominio, Blog di coordinati da Dott.ssa Giulia Facchin (06|2014)[nota di testo disponibile solo in inglese].

http://www.aur.edu/archeology-classics/category/colosseum-fieldwork/

— FOTO 1 di 27 | IL MESSAGGERO (26|06|2014).

http://foto.ilmessaggero.it/cultura/gli-scavi-al-colosseo-che-hanno-individuato-un-ingresso-medioevale-foto-gabrielli-toiati/0-72847.shtml#0

S.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI e I FORI IMPERIALI: Studenti dell’Università di Roma Tre sul cantiere di scavo del Foro della Pace (28/06/2013). FOTO: Prof. R. Santangeli-Valenzani & Dott.ssa Giulia Facchin (28/06/2013).

http://wp.me/pPRv6-1QX

Advertisements

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI DAL 28 COLONNA TRAIANA “SROTOLATA”: SARÀ POSSIBILE LEGGERE STORIA ROMA, LA REPUBBLICA (25|06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: I FORI IMPERIALI DAL 28 COLONNA TRAIANA “SROTOLATA”: SARÀ POSSIBILE LEGGERE STORIA ROMA, LA REPUBBLICA (25|06|2014).

“Leggere” la Colonna Traiana, “il primo fumetto della storia” secondo Piero Angela, passeggiando per via dei Fori Imperiali pedonalizzata. Sarà possibile dal 28 giugno al 30 settembre, grazie all’esposizione fotografica, da piazza S. Maria di Loreto a via Alessandrina, del rilievo del monumento realizzato nel 113 d.C. dall’imperatore Traiano per festeggiare la conquista della Dacia. Un telo pvc fissato su una struttura in metallo a doppio spiovente, per una lunghezza di circa 80 metri per lato, permetterà infatti ai visitatori di fruire il fregio, completato nei prossimi giorni da totem distribuiti in luoghi precisi del percorso, per il quale verranno rimossi gli spazi di sosta delle auto. 43.000 euro il costo del progetto, ideato dal dottor Francesco Zan dell’Università di Firenze, realizzato in collaborazione con la Sovrintendenza Capitolina e presentato oggi dal sindaco di Roma Ignazio Marino e dal sovrintendente Claudio Parisi Presicce. La riproduzione del fregio completo della Colonna Traiana è stata realizzata interamente con riprese da terra alla luce naturale, con le immagini, tutte con scala diversa, elaborate per permettere una visione completa delle scene, senza ripetizioni e interruzioni. Nuova vita per i rilievi, dunque, attraverso la linearizzazione totale del fregio, superando la limitatezza dello spazio fisico, della curvatura naturale, della pendenza e della dimensione variabile delle spire. I visitatori potranno sfruttare inoltre l’inedito impatto visivo tra il fregio traianeo e, ad esempio, i colori e gli arditi schemi grafici visibili nelle preziose maioliche istoriate del Museo del Bargello di Firenze, rapportabili direttamente al fregio. “Abbiamo una zona archeologica straordinaria – ha dichiarato il sindaco Ignazio Marino – sentiamo il dovere di doverla proteggere, ma sentiamo forte anche la responsabilità di renderla leggibile”.

Fonte | source:

— LA REPUBBLICA (25|06|2014).

http://roma.repubblica.it/dettaglio-news/-/29609

— FOTO | LA REPUBBLICA (25|06|2014).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/06/28/foto/fori_srotolata_la_colonna_di_traiano-90245702/1/#1

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: PARCO ARCHEOLOGICO – Fori Imperiali, Marino inaugura la colonna Traiana ‘srotolata’, ROMATODAY.IT, (29|06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: PARCO ARCHEOLOGICO - Fori Imperiali, Marino inaugura la colonna Traiana 'srotolata', ROMATODAY.IT, (29|06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: PARCO ARCHEOLOGICO – Fori Imperiali, Marino inaugura la colonna Traiana ‘srotolata’, ROMATODAY.IT, (29|06|2014).

Fori Imperiali, Marino inaugura la colonna Traiana ‘srotolata’ – La colonna traiana è stata ‘srotolata’ nel suo sviluppo lineare. A presentare l’installazione il sindaco di Roma, Ignazio Marino, che si è anche improvvisato guida con un gruppo di turisti inglesi, e il sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce. Questo, ha detto Marino, “è un progetto importante che riguarda la valorizzazione una tra le vittime più eccellenti delle polveri sottili presenti nella nostra zona archeologica: in soli 40 anni (dal 1943 al 1983, ndr) c’è stata un’erosione dei bassorilievi maggiore che nei precedenti 1.800 anni, e questo vale per tutti i monumenti della zona archeologica centrale: non proteggerla è veramente un’azione criminale.

L’inaugurazione di oggi, per il sindaco, “è una nuova tessera di mosaico in questa meravigliosa progettualità che stiamo conducendo ormai da un anno sulla zona archeologica centrale di Roma. Abbiamo restituito uno spicchio importante alla fruibilità della cultura di questa città, e a distanza di dieci mesi guardare quest’area, dove al momento del mio insediamento c’era fino all’inizio di via Alessandrina un parcheggio per le auto e una cancellata chiusa dal 1999- ha concluso Marino- è una grandissima soddisfazione, perchè è diventata una via viva di giorno e anche di notte”.

Il pubblico, gratuitamente, avrà l’opportunità unica di poter ‘leggere’ la Colonna Traiana ‘srotolata’ su un doppio telo di pvc di ben 80 metri per lato posto al centro di piazza del Foro di Traiano, alla fine di via Alessandrina. Il progetto, ideato dal professor Francesco Zan dell’Università di Firenze e realizzato in collaborazione con la Sovrintendenza capitolina per un costo complessivo di circa 43mila euro, rimarrà esposto fino alla fine di settembre.

Fonte | source: ROMATODAY.IT (29|06|2014).

http://www.romatoday.it/politica/colonna-traiana-inagurazione-marino.html
http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: PARCO ARCHEOLOGICO – Marino e i Fori Imperiali: presto inizieremo i nuovi scavi, CORRIERE DELLA SERA (28|06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: PARCO ARCHEOLOGICO - Marino e i Fori Imperiali: presto inizieremo i nuovi scavi, CORRIERE DELLA SERA (28|06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: PARCO ARCHEOLOGICO – Marino e i Fori Imperiali: presto inizieremo i nuovi scavi, CORRIERE DELLA SERA (28|06|2014).

ROMA – «Presto inizieremo di nuovo gli scavi. Tra qualche settimana saremo in grado di annunciare l’arrivo delle prime donazioni come risultato della ricerca che ho condotto negli ultimi mesi in molti paesi stranieri e potremo riprendere gli scavi sotto via Alessandrina (il cui tracciato scorre parallelamente a via dei Fori Imperiali, ndr)»: il sindaco Ignazio Marino sabato pomeriggio ha annunciato l’ennesimo step nel percorso per la realizzazione del parco archeologico «più grande del mondo. Insieme al ministro Franceschini nomineremo un pool di esperti per definire la progettualità degli interventi dei prossimi mesi e dei prossimi anni».

Fase due – L’annuncio è arrivato nel giorno in cui è partita la fase due della pedonalizzazione dei Fori Imperiali. Dal 28 giugno e fino al 31 agosto, la circolazione alle auto private è infatti vietata fra piazza Venezia e il Colosseo, mentre bus, taxi e ncc potranno percorrere il tratto da piazza Venezia a Largo Corrado Ricci, mentre l’ultimissimo tratto, fino al Colosseo, sarà riservato ai soli autobus. Ovviamente possono accedere bici e botticelle. Contestualmente la Zona a traffico limitato è estesa fino alle 19 (prima era fino alle 18).

La circolazione privata subirà naturalmente alcune deviazioni. I veicoli privati provenienti da via del Teatro Marcello e diretti verso Termini o l’Esquilino saranno indirizzati su via IV Novembre. Un’alternativa, per chi è diretto a San Giovanni da piazza Venezia, sarà il passaggio su via del Teatro Marcello e quindi verso il Circo Massimo. Infine, l’ultimo tratto di via Cavour prima di largo Corrado Ricci sarà dotato di un percorso di inversione di marcia. Quindi, ha ricordato lo stesso Marino, «sarà consentita, come unica eccezione, il passaggio nella parte della strada da largo Corrado Ricci al Colosseo ai soli ncc con a bordo una persona diversamente abile».

Sempre dal 28 giugno, inoltre, parte anche la pedonalizzazione di due nuove aree a ridosso dei Fori: via di San Giovanni in Laterano – la cosiddetta Gay Street – e piazza del Foro Traiano.

La viabilità – La circolazione privata subirà naturalmente alcune deviazioni. I veicoli privati provenienti da via del Teatro Marcello e diretti verso Termini o l’Esquilino saranno indirizzati su via IV Novembre. Un’alternativa, per chi è diretto a San Giovanni da piazza Venezia, sarà il passaggio su via del Teatro Marcello e quindi verso il Circo Massimo. Infine, l’ultimo tratto di via Cavour prima di largo Corrado Ricci sarà dotato di un percorso di inversione di marcia. Quindi, ha ricordato lo stesso Marino, «sarà consentita, come unica eccezione, il passaggio nella parte della strada da largo Corrado Ricci al Colosseo ai soli ncc con a bordo una persona diversamente abile».

Sempre dal 28 giugno, inoltre, parte anche la pedonalizzazione di due nuove aree a ridosso dei Fori: via di San Giovanni in Laterano – la cosiddetta Gay Street – e piazza del Foro Traiano.

Fonte | source:

— CORRIERE DELLA SERA (28|06|2014).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/14_giugno_28/via-fori-imperiali-pedonale-oggi-inizia-fase-due-b0255b54-fea0-11e3-8a2a-88aba4066e9e.shtml

ROMA ARCHEOLOGIA E ARCHITETTURA: “Il Foro Romano (1880 e 2014) – Vedute degli scavi vicino l’Arco di Tito,” in: Foto: di ‘Roma ieri, Roma oggi di Alvaro de Alvariis,’ (06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA E ARCHITETTURA: “Il Foro Romano (1880 e 2014) – Vedute degli scavi vicino l’Arco di Tito,” in: Foto: di ‘Roma ieri, Roma oggi di Alvaro de Alvariis,’ (06|2014).

— Fonte | source:

“Il Foro Romano (1880 e 2014) – Vedute degli scavi vicino l’Arco di Tito,” in: Foto di ‘Roma ieri, Roma oggi di Alvaro de Alvariis,’ (06|2014).

1880 ca 2014 Vedute degli scavi vicino l'Arco di Tito b

https://www.flickr.com/photos/dealvariis/14405506184/

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: Giacomo Boni e il Foro Romano: la prima applicazione della fotografia aerea archeologica [1899-1909], foto di “ROMA IERI OGGI” FLICKR (11|06|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e ARCHITETTURA: Giacomo Boni e il Foro Romano: la prima applicazione della fotografia aerea archeologica [1899-1909], foto di “ROMA IERI OGGI” FLICKR (11|06|2014).

— Foto di “ROMA IERI OGGI,” FLICKR (11|06|2014).

Roma dall'alto: Zona Archeologica

S.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Giacomo Boni e il Foro Romano: la prima applicazione della fotografia aerea archeologica in Italia, AAerea IV.2010, pp. 33-40 [PDF].

http://wp.me/pPRv6-1R2

https://www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/11970202696/

ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Anfore e colombari, torna alla luce l’antica necropoli di Trastevere, LA REPUBBLICA (28|05|2014), p. 8.

ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Anfore e colombari, torna alla luce l'antica necropoli di Trastevere, LA REPUBBLICA (28|05|2014), p. 8.

ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Anfore e colombari, torna alla luce l’antica necropoli di Trastevere, LA REPUBBLICA (28|05|2014), p. 8.

Fonte | source:

— LA REPUBBLICA (28|05|2014), p. 8.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/05/28/news/anfore_e_colombari_torna_alla_luce_lantica_necropoli_di_trastevere-87431695/#gallery-slider=87432011