Roma, un trattato di Galeno illumina l’ Impero. Scoperte – Una a pubblicazione inedita testimonia la ricchezza culturale nell’ Urbe di Commodo. (27/07/2011), pg. 21. [PDF pp. 1-2].

Roma, un trattato di Galeno illumina l’ Impero. Scoperte – Una a pubblicazione inedita testimonia la ricchezza culturale nell’ Urbe di Commodo. (27/07/2011), pg. 21. [PDF pp. 1-2].

Roma, un trattato di Galeno illumina l’ Impero. Scoperte – Una a pubblicazione inedita testimonia la ricchezza culturale nell’ Urbe di Commodo. (27/07/2011), pg. 21. [PDF pp. 1-2].

Rome, Temple of Peace, Area # A (1867-2007): The Basilica of Santi Cosma e Damiano, the Vicus ad Carinas, and the Forma Urbis Romae. Notes: R. Lanciani, Athenaeum (06/1891), & E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867).

Rome, Temple of Peace, Area # A (1867-2007): The Basilica of Santi Cosma & Damiano, the Vicus ad Carinas, and the Forma Urbis Romae. Notes: R. Lanciani, Athenaeum (06/1891), pp. 805-806. & E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867), pp. 177-78.

1). SS. Cosma e Damiano, 1891, in: Rodolfo Lanciani, Notes Form Rome, THE ATHENAEUM, No 3321, June 20th, 1891, pp. 805-806.

2). Scavi di SS. Cosimo e Damiano. in: E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867), pp. 177-78.

____

1). SS. Cosma e Damiano, 1891, in: Rodolfo Lanciani, Notes Form Rome, THE ATHENAEUM, No 3321, June 20th, 1891, pp. 805-806.

The desire so strongly manifested by students of Roman topography for a new search in the grounds of SS. Cosma e Damiano, where the marble plan of the city was discovered in the sixteenth century, will soon be fulfilled, thanks to the liberality of the Minister of Public Instruction, Pasquale Villari. A few bits of the precious document have already been found in a trench opened at the foot of the wall to which it was appended. Hoping to announce more important finds in my next correspondence, I begin with the following preliminary notes.

The last census of Rome, taken in strict accordance with the old rules, was begun by Vespasian in 73 A.D., and finished two years later. The Flavian dynasty, to use the expression of Suetonius, had found the capital of the empire “deformis veteribus incendiis [the fire of Nero] atque ruinis [the disasters caused by the faction of Vitellius].” Vespasian reorganized the city materially as well as from an administrative point of view: the lands usurped by Nero for his Golden House were given back to the people; the burnt quarters rebuilt, on a new piano regolatore; the limits of the metropolitan district enlarged; public property on the line of the Tiber, of the aqueducts, of the Pomerium, was redeemed from the encroachments of private individuals; a new map of the city was drawn, and the cadastre of oublic and private property revised.

These documents were deposited in a fireproof building, an oblong hall 42 metres long, 25 metres wide, constructed expressly on the west side of the Forum Pacis, between it and the Sacra Via. On the epistyle, above the main entrance, the following words were engraved: “[This building has been raised by] Vespasian in his eighth consulship [a.d. 78].” The map of the city, drawn in accordance with the last official survey and the results of the census, was exhibited on the side of the hall facing the Forum of Peace. We do not know whether it was simply drawn in colours on plaster, like the celebrated maps of Agrippa in the portico of Vipsania Polla, or engraved on marble.

The city was again half destroyed by fire in the year 191 under the empire of Commodus, the centre of the conflagration being precisely the neighbourhood of these archives. The House of the Vestals, the jewellers’ shops on the Sacra Via, the imperial warehouses for Eastern spices (horrea piperataria), and the Forum and Temple of Peace were levelled to the ground. The archives, surrounded by this great blaze on every side, must have been turned into an oven in spite of their fireproof enclosure, their bronze roof melted, their contents injured by heat or by water.

Septimius Severus and his son Caracalla undertook, with the reconstruction of the city, the re-establishment of the archives of the cadastre, and, in memory of their work (which was begun in A.d. 193 and was completed in 211), they caused a new and revised edition of the plan of the city to be engraved in marble and exhibited in the same place—that is to say, on the front of the building facing the Forum of Peace. The building itself, magnificently restored and decorated in opus sectile (a sort of Florentine mosaic), was dedicated under the name of temphim sacra: urbis. It exists still in a good state of preservation, thanks to Pope Felix IV., who, in 526, turned it into a church, under the invocation of SS. Cosma e Damiano. The wall, on the marble facing of which the plan of Rome was engraved, measures 22 metres in length, 15 metres in height, and is remarkably well preserved. There is a good drawing of it in Jordan’s ‘Forma Urbis Romse,’ plate xxxi. figure 1.

The first fragments of the marble plan, formerly in the Farnese Palace, and now in the Capitoline Museum, were discovered by Giovanni Antonio Dosio, of San Gemignano, under the pontificate of Pius IV., between 1559 and 1565. The garden adjoining the wall, at the foot of which the successful excavations were carried on, was then the property of Torquato Conti, the builder of the Villa Catena at Poli and of the Villa Conti-Torlonia at Frascati.

No attempts at further discoveries were made for three hundred years. In July, 1867, Felix Tocco and Augusto Castellani, duly authorized by the Pope and the monks of S. Cosma, dug up the pieces containing the plan of the portico of Livia. In 1887 the fragment with the plan of the Temple of Castor and Pollux was discovered by accident in the excavations near S. Maria Liberatrice.

In 1885 other pieces were found built in a wall on the left bank of the Tiber near the Farnese Palace. They are all uninteresting and small. It appears that when the first set of fragments was removed from SS. Cosma e Damiano to the Farnese Palace, and arranged for exhibition in one of the great halls, these smaller bits must have been thrown aside as worthless, and given or sold to an ignorant mason with other building materials.

The question at issue is whether Giovanni Antonio Dosio excavated the whole of the garden of Torquato Conti or not, and whether he did his work with care, sifting every foot of the ground. We have reasons to believe that some chance is left for fresh discoveries. The carelessness of the Cinquecento excavators is proverbial. We have been able to recover many important fragments of the Fasti triumphaies et consrdares in ground which they assured us they had sifted inch by inch. The discovery of the map of Livia’s portico, made by Tocco and Castellani in situ, proves that there are strong probabilities in favour of the present attempt.

____

2). Scavi di SS. Cosimo e Damiano. in: E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867), pp. 177-78.

Scavi di S. Cosimo e Damiano. Lettera a. G. Henzen.

Appena ho sentito che V. S. sì è restituita in Roma reduce dalla campagna, adempio al mio desiderio di annunziare nel Bullettino dell’Istituto un breve rapporto degli scavi da me intrapresi nel cortile sterrato dei Santi Cosimo e Damiano , non lungi dal foro romano e sotto al soprastante monte palatino, dove oggi in luogo del tempio della Pace vi domina la basilica di Massenzio, oppure di Costantino.

Da gran tempo io vagheggiava il luogo attiratovi dalle visibili traode di impellicciatura di marmo su di gran muro laterizio. Finalmente il 29 luglio leste passato ho potuto mettermi all’opera, nella quale, cosa che non mi attendeva, ho dovuto combattere con un terreno malfermo, e con una profondità di met. 7, 50. Il primo risultato avuto è stato il ritrovamento di un gran pavimento a belle lastre di pavonazzetto e portasanta; il quale si trova in un piano eguale a quello del foro romano, e sotto al piano della suddetta Basilica permei. 10, 00. La molta terra e le rovine imponenti mi hanno impedito di largheggiare , come e quanto avrei voluto; ma però ho ottenuto tanto da poter riconoscere che in questa mia scoperta si tratta di un foro che, stando a Vaironi ed a qualche altro classico, mi pare riconoscervi il Macellum detto anche Forum Cupedinis 1). Gli idolatri dei regionari, in questa mia opinione, vedono un offesa fatta a quei loro idoli; ma però oltre a tutte le notizie che ho potuto accumulare in tre diversi articoli pubblicati nell’Osservatore romano , ne ho una che tengo in serbo per pubblicarsi all’occasione , colla quale si stabilisce quivi il Macellum.

Apparte poi di tale scoperta la fortuna me ne ha favorito altra pregevolissima consistente in tre pezzi della pianta capitolina, e forse qualche altro, siccome spero, ne verrà alla luce. Dei detti tre pezzi uno riporta gran parte del portico di Livia con gran fontana nel mezzo, ed altre cose da studiarsi , colla scritta PORTICVS LIVIAE.

Se la superbia non venisse punita dal disinganno e dalla umiliazione, potrei azzardare la conoscenza del luogo dove questo portico fatto da Augusto colla dedica di Livia si trovasse. Attendo con ansietà il parer dei dotti su questo argomento, ed una occasione che mi favorisca di potere esplorare il luogo a me sospetto.

Roma 20 settembre 1867. E. Luigi Tocco.

1). II passo di Varrone accennato dal eh. autore è senza dubbio de ling. lat. 5, 152: inter sacrarti viam el macellum editimi Cometa, del quale recentmente si è servito anche il prof. Jordan per collocare il macellum in quelle stesse vicinanze; cf. Hermes II p. 94, dove si confrontino puranche gli altri passi classici da lui arrecati in appoggio di tale opinione. G.H.

Rome, the Temple of Peace, Area # A (2010): View of the Vicus ad Carinas near the Basilica of Santi Cosma e Damiano leading into the area of the Temple of Peace, with comparative historic photos and plans (ca. 1867-1933).

Rome, the Temple of Peace, Area # A (2010): View of the Vicus ad Carinas near the Basilica of Santi Cosma e Damiano leading into the area of the Temple of Peace, with comparative historic photos and plans (ca. 1867-1933).

Cfr – Rome, the Temple of Peace, Area # A (1876-2007): Historical photographs and plans of the Basilica of Santi Cosma & Damiano, the Vicus ad Carinas, the wall of the Forma Urbis Romae, and the Temple of Peace.

Cfr – Roma, il Tempio della Pace, Amb. # A (1876-2007): fotografie storiche e dei piani della Basilica dei Santi Cosma e Damiano, Vicus ad Carinas, muro della Forma Urbis Romae, e il Tempio della Pace.

Rome, Temple of Peace, Area # A (1867-2007): The Basilica of Santi Cosma & Damiano, the Vicus ad Carinas, and the Forma Urbis Romae. Notes: R. Lanciani, Athenaeum (06/1891), &  E. Luigi Tocco, Bull. di Corr. Arch. (10/1867), pp. 177-78.

Rome – Templum Pacis (1998-2000/2007): Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. / Architrave frieze fragment with “Vittoria tauroctona.”

Rome – Templum Pacis (1998-2000/2007): Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. / Architrave frieze fragment with “Vittoria tauroctona.”

www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/5709229125/in…

Fregi-architrave. 37 – Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona(B. PINNA CABONI, 446): rinvenuto nella stratigrafia medievale dello scavo del tempio della Pace (1998-2000), in marmo lunense. Fregio con Vittoria in atto di sacrificare un toro, della quale si vede solo la gamba sinistra distesa circondata dalla veste svolazzante dietro la figura, chiusa da un nodo sul ventre, parte del braccio destro e parte dell’ala in secondo piano. Il coronamento è costituito da un listello con margine inferiore sottolavorato, un anthemion con tralci intermittenti obliqui vegetalizzati, da cui nascono calici diritti e palmette aperte alternate ad un diverso tipo di calice, entrambi rovesci. Segue un astragalo con perline ovali allungate e coppie di fusarole “a cappelletto”. La prima fascia è separata dalla seconda per mezzo di un kyma lesbio continuo vegetalizzato. Un altro elemento della medesima trabeazione, ma in marmo proconnesio e attribuibile al restauro severiano, conserva dietro la Vittoria un candelabro.[1].

Foto a sinistra / left: Templum Pacis (2007) Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. / Architrave frieze fragment with “Vittoria tauroctona.”
Fonti / source: Martin G. Conde (2007).

[1]. Foto a destra / right: Templum Pacis (1998-2000). Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. Fonti / source: Dott.ssa Marina Milella (02/2010).Schede di catalogo – Elementi degli ordini architettonici, Divus Vespasianus – F. COARELLI (a cura di), Divus Vespasianus. Il bimillenario dei Flavi (catalogo mostra Roma), Milano 2009.
www.decarch.it/wiki/index.php?title=Divus_Vespasianus#Arc…

Rome, The Temple of Peace (1998-2011): Update – The excavations and related studies of the Temple of Peace & the Seat of the Praefectura – Forma Urbis Romae; and the new ‘Medieval(?)’ tombs of the 6th and the 11th century AD.

Rome, The Temple of Peace (1998-2011): Update – The excavations and related studies of the Temple of Peace & the Seat of the Praefectura – Forma Urbis Romae; and the new ‘Medieval(?)’ tombs of the 6th and the 11th century AD.

Roma, il Tempio della Pace (1998-2011): Aggiornamento- Gli scavi e gli studi relativi del Tempio della Pace e la sede del Praefectura – Forma Urbis Romae, e il nuovo ‘medievale (?)’ tombe del 6 ° e 11 ° secolo d. C.

Foto layout – Martin G. Conde, Washington DC, USA (31/05/2011). mgconde@yahoo.com

ROMA – IL DEGRADO DELLA CITTA’- Via dei Fori Imperiali, Belvedere Cederna, che brutto spettacolo.La Repubblica (11/05/2011).

ROMA – IL DEGRADO DELLA CITTA’- Via dei Fori Imperiali, Belvedere Cederna, che brutto spettacolo.La Repubblica (11/05/2011).

Uno degli affacci più belli della Capitale – con una vista mozzafiato che va dal Colosseo fino a piazza Venezia – è circondato dal degrado. Per ironia della sorte il Belvedere in questione è intitolato al giornalista Antonio Cederna, padre dell’ambientalismo italiano e fondatore nel 1955 di Italia Nostra. La vista che si gode dalla terrazza che domina i Fori è magnifica, però l’area circostante presenta evidenti segni di abbandono.Il muro, molto rovinato, ha perso l’intonaco in più punti, al centro del Belvedere le erbacce guastano il panorama ai tanti turisti di passaggio. A ridosso del terrazzamento, dietro i cespugli non potati, c’è anche un giaciglio improvvisato per clochard. Ma ciò che più mortifica il luogo creato per ammirare le bellezze di Roma è il cantiere fantasma di “Palazzo Silvestri Rivaldi”: l’opera di messa in sicurezza del fabbricato – decisa con la delibera del Comune di Roma n° 1.514 del 12 novembre 2007 – ha prodotto soltanto l’allestimento dei ponteggi e un cantiere fantasma. Di operai e lavori non c’è traccia Una situazione paradossale che anche Antonio Cederna avrebbe certamente stigmatizzato di MANUEL MASSIMO.

Fonti / source: La Repubblica (11/05/2011). Foto 1-22.
http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/05/10/foto/cederna-16058132/1/

Rome – Templum Pacis (1998-2000/2007): Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. / Architrave frieze fragment with “Vittoria tauroctona.”

Rome – Templum Pacis (1998-2000/2007): Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. / Architrave frieze fragment with “Vittoria tauroctona.”

Fregi-architrave. 37 – Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona(B. PINNA CABONI, 446): rinvenuto nella stratigrafia medievale dello scavo del tempio della Pace (1998-2000), in marmo lunense. Fregio con Vittoria in atto di sacrificare un toro, della quale si vede solo la gamba sinistra distesa circondata dalla veste svolazzante dietro la figura, chiusa da un nodo sul ventre, parte del braccio destro e parte dell’ala in secondo piano. Il coronamento è costituito da un listello con margine inferiore sottolavorato, un anthemion con tralci intermittenti obliqui vegetalizzati, da cui nascono calici diritti e palmette aperte alternate ad un diverso tipo di calice, entrambi rovesci. Segue un astragalo con perline ovali allungate e coppie di fusarole “a cappelletto”. La prima fascia è separata dalla seconda per mezzo di un kyma lesbio continuo vegetalizzato. Un altro elemento della medesima trabeazione, ma in marmo proconnesio e attribuibile al restauro severiano, conserva dietro la Vittoria un candelabro.[1].

Foto a sinistra / left: Templum Pacis (2007) Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. / Architrave frieze fragment with “Vittoria tauroctona.”
Fonti / source: Martin G. Conde (2007).

[1]. Foto a destra / right: Templum Pacis (1998-2000). Frammento di fregio architrave con Vittoria tauroctona. Fonti / source: Dott.ssa Marina Milella (02/2010). Schede di catalogo – Elementi degli ordini architettonici, Divus Vespasianus – F. COARELLI (a cura di), Divus Vespasianus. Il bimillenario dei Flavi (catalogo mostra Roma), Milano 2009.
http://www.decarch.it/wiki/index.php?title=Divus_Vespasianus#Architettura_del_templum_Pacis