ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, la nipote di Sironi contro Boldrini: “Patrimonio mondiale al di là del periodo fascista”, LA REPUBBLICA (14/07/2017). Boldrini: Tipico politico italiano incompetente e ipocrita.

194459099-0c5a7333-8a6f-4044-9d13-e2e5ee7fff8f

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, la nipote di Sironi contro Boldrini: “Patrimonio mondiale al di là del periodo fascista”, LA REPUBBLICA (14/07/2017). Boldrini: Tipico politico italiano incompetente e ipocrita.

Roma, la nipote di Sironi contro Boldrini: “Patrimonio mondiale al di là del periodo fascista, “LA REPUBBLICA (14/07/2017).
Dopo le polemiche dei giorni scorsi la presidente della Camera si è fatta ritrarre con un’opera del pittore scomparso nel 1961. La famiglia: “Non lo si accosti sempre al Ventennio.”

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, Laura Boldrini si fa ritrarre con un’opera di Sironi e la famiglia del pittore scomparso nel 1961 insorge. “Questo quadro l’ha dipinto Mario Sironi, artista di spicco durante il Ventennio. È appeso nel mio studio, alla Camera dei deputati. L’ho trovato già lì, e siccome è molto bello, non ho mai pensato di farlo sostituire, né tantomeno di distruggerlo” è il testo che accompagna la foto della Presidente della Camera. “Siamo molto sorpresi dalla presidente Boldrini che utilizza strumentalmente Sironi come risposta alle polemiche che la riguardano, e quindi usa forse involontariamente l’arte a fini strumentali, individuando Sironi come artista del Ventennio quando invece è patrimonio mondiale al di là del periodo fascista e della politica”, dice Romana Sironi, nipote ed erede universale dell’artista e presidente dell’archivio Mario Sironi che ha sede a Roma.

Boldrini, una foto col Sironi: “Mai pensato di voler cancellare l’arte di epoca fascista”
“Certo che siamo felici che l’artista sia ricordato – prosegue – e che l’opera sia ancora al suo posto, ma ci mancherebbe altro. Perché spostare o peggio ancora distruggere un capolavoro che è lì da anni? Uno dei problemi di questo Paese, a nostro avviso, è la valorizzazione dell’arte, e non il suo utilizzo per polemiche sterili quando noi cerchiamo di spiegare da tempo che Sironi è ben altro che solamente un rappresentante del Ventennio. È dal 1996 che chiediamo aiuto per valorizzarne l’opera senza trovare alcuna risposta significativa dalle istituzioni. Quindi se davvero la presidente della Camera ritiene che Sironi sia un artista di spicco, intervenga. Ma per favore non lo accosti sempre al Ventennio. È stato molto di più”.

Romana Sironi racconta poi la storia del quadro scelto dalla Boldrini: “Si chiama Composizione , o secondo altre fonti, Composizione con nudo , e risale agli anni 1944-’45, anche se poi è stata avanzata nella datazione perché assimilata ad altre opere con le stesse simbologie. C’è tutta la tragedia della fine della guerra, la cui conclusione aveva gettato Sironi nello sconforto. Nel primo periodo effettivamente l’artista aveva aderito in maniera completa al fascismo, ma dopo le leggi razziali si era ritirata in se stesso, capendo gli errori di Mussolini. Nel nostro archivio c’è una lettera scritta da Parigi dove Sironi era stato trionfatore all’Esposizione universale del 1937, con il grande mosaico l’Italia corporativa affianco alla Guernica di Picasso che lo amava molto e che lo definiva il più grande artista del Novecento italiano. In vista del ritorno a casa, Sironi scrisse: “Torno con gioia in Italia, cercherò come sempre di chiudere gli occhi e tirare avanti a tutta forza con tutta la mia forza: credere poco, obbedire anche troppo, combattere sempre”.

E la signora Sironi aggiunge un ricordo più recente: “Quando Fausto Bertinotti lasciò la presidenza della Camera molto generosamente scrisse: mi spiace lasciare il mio studio anche perché alle mie spalle viveva lo splendido quadro di Sironi. E noi l’abbiamo ringraziato, per aver sottolineato e compreso il reale valore artistico del pittore”.

FONTE | SOURCE:

— LA REPUBBLICA (14/07/2017).

http://roma.repubblica.it/cronaca/2017/07/14/news/roma_la_nipote_di_sironi_contro_boldrini_patrimonio_mondiale_al_di_la_del_periodo_fascista_-170766907/

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Il delirio della Boldrini: propone di cancellare i monumenti del Duce, ILGIORNALE.IT (12/07/2017).

— LATINA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: POLEMICHE Latina, una mostra sul duce e il sindaco vorrebbe la Boldrini, CORRIERE DELLA SERA (26|04|2015) & NEWSWEEK, USA (16|04|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. LA MEMORIA – Boldrini: «Cancellare la scritta Dux dall’obelisco di Mussolini» Bufera sulla presidente della Camera, CORR. DELLA SERA & IL TEMPO (17|04|2015).

— LATINA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Littoria, L’architettura fascista – “Mussolini’s Latina Remains a Living Monument of Fascist Nostalgia,” NEWSWEEK, USA (16|04|2015).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/?s=Boldrini

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s