ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: FORMA ROMÆ. NASCE IL SISTEMA INFORMATIVO SUL PATRIMONIO STORICO, ARCHEOLOGICO E ARCHITETTONICO DI ROMA. COMUNE DI ROMA (09 – 27/05/2017) | Susanna Le Pera et al. 2014. & FOTO: Prof. Arch. Paolo Grassi 1984 | 2017.

17635342_601236486745297_2840283290251621313_o (1)

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: FORMA ROMÆ. NASCE IL SISTEMA INFORMATIVO SUL PATRIMONIO STORICO, ARCHEOLOGICO E ARCHITETTONICO DI ROMA. COMUNE DI ROMA (09 – 27/05/2017) | Susanna Le Pera et al. 2014. & FOTO: Prof. Arch. Paolo Grassi 1984 | 2017.

1). ROMA – FORMA ROMÆ. NASCE IL SISTEMA INFORMATIVO SUL PATRIMONIO STORICO, ARCHEOLOGICO E ARCHITETTONICO DI ROMA. COMUNE DI ROMA (09 – 27/05/2017).

Il Sistema informativo sul patrimonio storico, archeologico e architettonico di Roma è un progetto curato e realizzato dalla Sovrintendenza Capitolina finanziato con i fondi UE del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane (PON Metro).
Un progetto ambizioso, unico in Italia, che non poteva che nascere dalla straordinaria ricchezza e diversificazione del patrimonio culturale romano.
L’unicità di Roma dipende non solo dall’essere uno dei pochi luoghi al mondo rimasto alla ribalta della storia, ininterrottamente, per quasi tre millenni, ma anche dall’aver interpretato questo ruolo sovrapponendo e integrando le testimonianze monumentali della sua storia fino a generare quella che oggi chiamiamo “la grande bellezza”.
Occorre dunque offrire a chiunque sia interessato, cittadino di Roma o del mondo, gli strumenti per una adeguata lettura dei luoghi facendo emergere e rendendo semplice, ma non banale, la complessità della città e del suo secolare divenire.
La risposta a queste esigenze è un sistema informativo che integra le numerose banche dati digitali esistenti, su base geografica, in grado di contenere e diffondere le conoscenze acquisite sulla storia, l’archeologia, l’architettura, l’arte della città. Un sistema in continuo aggiornamento, che consenta non solo la consultazione delle conoscenze su Roma, ma anche lo sviluppo di ricerche trasversali su particolari tematismi, ad esempio le informazioni di carattere amministrativo o le normative per la tutela.
Forma Romae risponde alla necessità di migliorare i servizi forniti dalla Sovrintendenza sviluppando da un lato nuove strategie di comunicazione verso l’esterno, per offrire una migliore e più accessibile proposta culturale al più ampio bacino di utenti e, dall’altro lato, di ottimizzare i processi interni, riducendo i costi e i tempi delle attività di salvaguardia, conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico.
I gravosi interventi di restauro, conservazione e gestione non possano essere, ormai, più assolti con le sole risorse economiche, umane e strumentali della Pubblica Amministrazione, per questo la conoscenza puntuale e dettagliata delle informazioni relative allo stato di conservazione del patrimonio e delle risorse necessarie per la sua manutenzione sarà la base per l’individuazione di priorità di intervento e per l’attivazione di fonti di finanziamento legate a forme di partenariato pubblico-privato, o per l’avvio di sistemi innovativi per Roma Capitale.
Il sistema nasce con uno sguardo attento alle diverse tipologie di utilizzatori: cittadini, turisti, operatori del turismo, studenti, studiosi, istituzioni culturali e pubbliche avranno a disposizione strumenti informatici dinamici, interattivi, verificati – con diverso grado di approfondimento nei contenuti – per raggiungere in tempo reale tutte le informazioni sulla storia millenaria della città.

Gli obiettivi attesi sono:

– accesso diretto alle informazioni sul patrimonio storico, archeologico, monumentale e paesistico presente sul territorio e alla consultazione dei dati sulle trasformazioni edilizie e urbanistiche della città. L’informazione – accessibile con vari livelli di riservatezza e vari gradi di approfondimento – consentirà agli utenti l’immediata valutazione delle preesistenze archeologiche nel sottosuolo in una determinata area, della storia di un territorio o della fasi costruttive di un edificio, delle cavità sotterranee esistenti e del loro grado di pericolosità, dello stato di conservazione di un monumento, ecc.
– interrogazione diretta dei livelli diacronici delle mappe vettoriali della città, dalla Forma Urbis marmorea (la pianta di Roma del III secolo d.C.), alla cartografia successiva (Catasto Alessandrino, piante di Roma, Catasto Gregoriano urbano e suburbano, IGM) fino ad arrivare alle attuali cartografie digitali e alle relative schede scientifiche e descrittive corredate di immagini.
– consultazione diretta della documentazione storica presente nei fondi dell’Archivio Capitolino e dell’Archivio di Stato, digitalizzati, collegati e organizzati “geograficamente”, senza preoccupazioni per la conservazione di materiali più preziosi o deperibili.
– produzione di set di open data e open geodata.
Il progetto, realizzato in collaborazione con il Dipartimento Innovazione Tecnologica e il Dipartimento Progetti di Sviluppo e Finanziamenti europei, sarà completato per la fine dell’anno 2020.

ROMA 1.1). Presentato FORMA ROMÆ, sistema informativo sul patrimonio storico, archeologico e architettonico di Roma finanziato con fondi UE. COMUNE DI ROMA (09 – 27/05/2017).

Nel 1787, nel corso del suo soggiorno a Roma, Goethe annotava “Roma è eterna proprio perché tutte le epoche vi sono presenti, oggi”.
La straordinaria estensione del suo patrimonio e l’altrettanto vasta e non omogenea diffusione delle fonti documentarie ha reso però la conoscenza della città spesso problematica, anche per gli addetti ai lavori.
Sempre più presente era quindi l’esigenza di offrire a chiunque fosse interessato, cittadino di Roma o del mondo, gli strumenti per una adeguata lettura dei luoghi, facendo emergere e rendendo semplice, senza essere banale, la complessità della città e del suo divenire nel tempo.
Per questo la Sovrintendenza Capitolina, nell’ambito dei progetti di sviluppo urbano sostenibile finanziati con i fondi UE del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane (PON Metro), ha presentato oggi FORMA ROMÆ, il nuovo Sistema informativo sul patrimonio storico, archeologico e architettonico di Roma.
http://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW1512353

Un progetto ambizioso, unico in Italia, pensato per valorizzare la straordinaria ricchezza e diversificazione del patrimonio culturale romano.
FORMA ROMÆ nasce dalla volontà di migliorare i servizi forniti, sviluppando nuove strategie di comunicazione verso l’esterno, per offrire una migliore e più accessibile proposta culturale al più ampio bacino di utenti esterni ottimizzando al tempo stesso i processi interni, riducendo i costi ed i tempi delle attività di salvaguardia, conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico.
La conoscenza puntuale e dettagliata delle informazioni relative allo stato di conservazione del patrimonio e delle risorse necessarie per la sua manutenzione così riunificata sarà inoltre la base per l’individuazione di priorità di intervento e per l’attivazione di fonti di finanziamento legate a forme di partenariato pubblico-privato, o per l’avvio di sistemi innovativi per Roma Capitale, quali il crowdfunding.
Il sistema nasce fin dall’inizio con uno sguardo attento alle diverse tipologie di utilizzatori. Cittadini, turisti, operatori del turismo avranno a disposizione strumenti informatici dinamici, interattivi, per raggiungere in tempo reale tutte le informazioni sulla storia della Città. Il sistema cross platform renderà le informazioni fruibili da qualsiasi posizione (PC, smartphone, tablet, ecc.) e assisterà e supporterà l’utente nelle scelte di itinerari personalizzati (ad es. la Roma di Augusto, quella di Michelangelo, la visita delle fontane barocche, o delle borgate del primo Novecento).
Il completamento del progetto è previsto per il 2020.
Per ulteriori informazioni =

FONTE | SOURCE:

— Sovrintendenza Capitolina | COMUNE DI ROMA (09 – 27/05/2017).

http://www.sovraintendenzaroma.it/cosa_facciamo/attivita_sul_territorio/eventi/forma_romae_nasce_il_sistema_informativo_sul_patrimonio_storico_archeologico_e_architettonico_di_roma

https://www.facebook.com/SovrintendenzaCapitolina/

2). ROMA – Prof. Arch. Paolo Grassi, TRE GRANDI PLASTICI DI ROMA CHE DA TROPPO TEMPO A ROMA NON SI VEDONO PIÙ | FACEBOOK (31/03/2017).

TRE GRANDI PLASTICI DI ROMA CHE DA TROPPO TEMPO A ROMA NON SI VEDONO PIÙ – È vero che oggi si fanno cose strabilianti con le ricostruzioni 3D, ma, rispetto a guardare un monitor, altra cosa e altra emozione è mettersi davanti a un plastico, contemplarlo e cercare di ritrovare i riferimenti tra la città antica e quella di oggi. Il più conosciuto è il “plastico Gismondi” della Roma imperiale, preziosa opera custodita al Museo della Civiltà Romana purtroppo ancora chiuso, ma qui si poté ammirare anche quello del territorio originario delle futura città. Inoltre nel 1984 fu esposto Mercati Traianei un plastico di 140 mq della Roma del 1870, voluto dall’allora assessore al Centro Storico Carlo Aymonino e realizzato da un gruppo di lavoro coordinato dagli architetti Giorgio Ciucci e Vanna Fraticelli. Riapparve qualche anno dopo, sempre all’EUR, addossato sulla parete di destra dell’entrata al Palazzo dei Congressi, poi è scomparso e non si sa bene oggi dove sia, voci dicono addirittura a Milano dove avrebbe sede la società che ne sarebbe proprietaria (i condizionali sono d’obbligo). Faccio un appello a chi ha più relazioni e potere di me perché questi tre grandi plastici siano di nuovo pubblicamente visibili da parte di tutti i cittadini, romani e non.

FOTO | FONTE | SOURCES:

— Prof. Arch. Paolo Grassi | FACEBOOK (31/03/2017).

3). Susanna Le Pera – 1446, De Roma Instaurata – 2012, Nuova Forma Urbis Romae. Attempts to Reconstruct a Complex Urban Landscape over the Centuries, pp. 68-87 [PDF]; & Paolo Buonora, Susanna Le Pera, Paolo Micalizzi, Luca Sasso D’Elia – DESCRIPTIO URBIS – A WEBGIS to rebuild the urban landscapes of Rome, pp. 88-107 [PDF]; in: Chrystina Häuber, Franz X. Schütz and Gordon M. Winder (edd.), Reconstruction and the Historic City: Rome and Abroad – an interdisciplinary approach | Ludwig-Maximilians-Universität München
Department für Geographie Lehr- und Forschungseinheit Wirtschaftsgeographie, BAND 6 (2014).

http://www.rom.geographie.uni-muenchen.de/bwm6/

___________________________________________

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Plastico della via Alessandrina (1982-84), no. 1324, SSBAR / Archivio Antonio Cederna (2010), in: Alvaro de Alvariis
“1980 ca Plastico della via Alessandrina | Velia a li Monti.” Foto 1 di 32; Alvaro de Alvariis, Roma ieri, Roma oggi (29/05/2011).

1980 ca Plastico della via Alessandrina

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA:A PALAZZO BRASCHI L’UNIVERSITA’ ROMA TRE METTE IN MOSTRA UN PREZIOSO MODELLO LIGNEO DEL QUARTIERE ALESSANDRINO E DEL FORO ROMANO NEL 1871, ROMA TRE (04/2017).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA:A PALAZZO BRASCHI L’UNIVERSITA’ ROMA TRE METTE IN MOSTRA UN PREZIOSO MODELLO LIGNEO DEL QUARTIERE ALESSANDRINO E DEL FORO ROMANO NEL 1871, ROMA TRE  (04/2017).

____________________________________________

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: II.3). The Imperial Fora: WEBGIS-DIGITALI / G. Nolli (1748), Catasto Gregoriana (1816-24) [Rioni Monti I, Foglio # 9], UNIVERSITA “ROMA TRE” (DIPSU) 2008-17.

https://www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/albums/72157612107728319/page1

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Orietta Verdi (a cura di), In presentia mei notarii. Piante e disegni nei protocolli dei Notai Capitolini (1605-1875). PUBBLICAZIONI DEGLI ARCHIVI DI STATO STRUMENTI CLXXXLI, Roma, MibAC-DGA (Copyright 2009-11).

Orietta Verdi (a cura di), "In presentia mei notarii. Piante e disegni nei protocolli dei Notai Capitolini (1605-1875). ASR (2009-11), &  I TESORI DELLA CAPITALE,  LA REPUBBLICA 11/02/2011, p. 13.

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Keti Lelo [Centro per lo studio di Roma, Roma Tre], A GIS Approach to Urban History: Rome in the 18th Century. ISPRS Int. J. Geo-Inf. 3 (2014), [pdf], pp. 1293-1316.

http://wp.me/pPRv6-3kQ

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Dott.ssa Keti Lelo [Centro per lo studio di Roma, Roma Tre], A GIS Approach to Urban History: Rome in the 18th Century. ISPRS Int. J. Geo-Inf. 3 (2014), [pdf], pp. 1293-1316.

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Forma Urbis, 1903, in: R. Meneghini & R. S. Valenzani (a cura di), Nouvi frammenti di Piante Marmoree dallo scavo dei Fori Imperiali, BCom. Suppl 15. (2006), Fig. 6 | p. 45.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma, Forma Urbis, 1903, in: R. Meneghini & R. S. Valenzani (a cura di), Nouvi frammenti di Piante Marmoree dallo scavo dei Fori Imperiali, BCom. Suppl 15. (2006), Fig. 6 | p. 45.

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: FRAGMENTA FORMAE URBIS – SPQR, ROMA (1977).

https://www.flickr.com/photos/imperial_fora_of_rome/16830961669/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s