NAPOLI ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Napoli. Ex asilo Filangieri, l’archeologia è sepolta sotto l’immondizia | Foto e video, IL MATTINO (12|03|2016).

NA 2016

NAPOLI ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Napoli. Ex asilo Filangieri, l’archeologia è sepolta sotto l’immondizia | Foto e video, IL MATTINO (12|03|2016).

FOTO: affittopoli, nell’ex asilo filangieri scavi archeologici nel degrado e ricoperti di immondizia, IL MATTINO (12|03|2016).

Ex Asilo Filangieri, cuore di Napoli. Struttura comunale, che avrebbe dovuto ospitare il Forum universale delle culture del 2013 ed è stata occupata quattro anni fa dal collettivo La Balena; di recente l’occupazione ha avuto la «benedizione» di Palazzo San Giacomo che, tra mille polemiche, ha inserito quell’edificio nel novero di quelli destinati all’utilizzo comune per le «espressioni culturali» della città.

All’interno del palazzo, in pochi lo sanno, ci sono scavi archeologici che raccontano (racconterebbero) la storia di Napoli. Ci siamo andati, li abbiamo guardati e abbiamo scoperto che quegli scavi archeologici sono abbandonati, degradati, letteralmente ricoperti di monnezza.

Quel degrado in cui ci siamo imbattuti però, non sembra preoccupare minimamente chi dovrebbe occuparsi della struttura, e nemmeno il proprietario dell’edificio, cioè Palazzo San Giacomo: eppure è sotto gli occhi di tutti, separato solo dal muro che divide l’ex Asilo dal vico San Nicola a Nilo. È una specie di dimensione parallela, si tratta di una vera «area archeologica fantasma» che nessuno sembra conoscere. Neanche la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei, che abbiamo contattato per saperne di più. Risposta incredibile: «Non sono scavi sotto la nostra gestione. Provate a chiedere al Filangieri». Ma nulla. Anche dall’asilo la risposta è stata vaga: «Sappiamo che ci sono ma nulla di più, non appartengono a noi. Vediamo che sono in queste condizioni ma non sappiamo cosa fare». Insomma, una bella «lavata di mani» generale. Il vero problema, però, è che questa roba dal valore incommensurabile si trova in una proprietà del Comune, cioè di noi tutti.

Non ci sono ipotesi sulla funzione degli ambienti che a stento si riconoscono in mezzo all’immondizia, ma certamente in epoca romana erano nel cuore della città. Proprio in questa zona infatti, a pochi passi da San Gregorio Armeno, sorgeva il tempio di Cerere. L’area, probabilmente, ospitava le piccole botteghe di artigiani che producevano sculture e statuette in terracotta che i fedeli portavano in dono alla dea. Insomma, erano i progenitori dei pastorai che ancora oggi, forse senza nemmeno saperlo, portano avanti, nella stessa strada, una tradizione antica quanto la stessa città di Napoli.

FONTE | SOURCE:

— IL MATTINO (12|03|2016).

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/archeologia_scavi_san_gregorio_armeno-1605858.html

http://video.ilmattino.it/primopiano/napoli_archeologia_sotto_rifiuti_al_filangieri-1605846.html

s.v.,

— NAPOLI ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: “Grande Progetto Pompei – UNESCO, EU, & MIBAC (02/2013): But, NAPLES’ – THE Other Forgotten and Neglected Architectural Cultural Heritage: The Art Newspaper (29/01/2013), Corriere Della Sera (21/01/2013 [Video 04:29]), & LA REPUBBLICA / NAPOLI (23/11/2012) FOTO & STAMPA 1 di 109 (03|2016).

NAPOLI BENI CULTURALI: We still have alot to offer to the world!!! "Razza umana = Human race," by Oliviero Toscani (2013), in: The "Montecalvario" Subway Station Naples, Italy, Foto di Carl | FLICKR (19 Feb. 2014).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s