ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – Lo chiamano lo “scopritore di nuove mafie”. L’ultima è quella “Capitale”. Giuseppe Pignatone, (…) Il vero marziano a Roma è lui: Giuseppe Pignatone, PANORAMA (05|06|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA - Lo chiamano lo "scopritore di nuove mafie". L'ultima è quella "Capitale". Giuseppe Pignatone, (...) Il vero marziano a Roma è lui: Giuseppe Pignatone, PANORAMA (05|06|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA – Lo chiamano lo “scopritore di nuove mafie”. L’ultima è quella “Capitale”. Giuseppe Pignatone, (…) Il vero marziano a Roma è lui: Giuseppe Pignatone, PANORAMA (05|06|2015).

Cronaca -Chi è Giuseppe Pignatone, l’uomo che ha scoperto Mafia Capitale. “Scopritore di nuove mafie”, il procuratore capo di Roma è conosciuto come un “mastino gentile”. Sue le principali inchieste di lotta a mafia e ‘ndrangheta.

Lo chiamano lo “scopritore di nuove mafie”. L’ultima è quella “Capitale”. Giuseppe Pignatone, siciliano, classe 1949, in meno di 3 anni ha dato una scossa al “porto delle nebbie”, come venivano chiamati gli uffici giudiziari della Procura di Roma fino al momento del suo arrivo, e svelato la presenza di un “mondo di mezzo” in affari con uno “di sopra” per conto di quello “di sotto”.

L’arrivo nella Capitale

Quando nel 2012 sbarcò a Roma da procuratore capo, sindaco era ancora Gianni Alemanno. L’accoglienza fu calorosa: “con lui – disse l’ex sindaco – la Capitale potrà giovarsi di un magistrato di indiscussa competenza che grazie alla sua lunga esperienza nella lotta contro la criminalità organizzata rappresenta un segnale importante per la sfida che questa città è chiamata a vincere per la sicurezza dei suoi cittadini”. Sentendosi chiamato in causa, Massimo Carminati non riuscì a nascondere la sua preoccupazione: “ha già buttato all’aria la Calabria, butterà all’aria anche Roma”. Magari “Cecato”, come viene soprannominato l’ex Nar della Banda della Magliana e presunto capo di “Mafia Capitale”, ma con la vista lunga.

Due anni dopo infatti, era il 4 dicembre scorso, i nomi di Alemanno e dello stesso Carminati finiranno nell’elenco degli arrestati e indagati per associazione mafiosa e altri innumerevoli reati insieme a quello del ras della cooperazione sociale capitolina Salvatore Buzzi e di decine di dirigenti pubblici, segretarie, ex amministratori delegati di municipalizzate, assessori, consiglieri, portaborse, faccendieri, intermediari, passacarte, palazzinari, esponenti politici di centrodestra e centrosinistra tutti membri di diritto del grande partito del malaffare (LEGGI QUI CHI SONO GLI ULTIMI 44 ARRESTATI) che per anni ha governato Roma arricchendosi sulle spalle dei cittadini e sulla pelle dei più deboli tra i deboli: gli immigrati.

Le inchieste

Entrato in magistratura già nel 1974, Giuseppe Pignatone è tra i più esperti di lotta alla mafia senza aver mai voluto essere anche un professionista dell’antimafia. Schivo, riservato, allergico alla mondanità, la ribalta se l’è conquistata sempre e solo attraverso le sue inchieste. Dopo Caltanissetta e Palermo, dal 2008 al 2012 Pignatone è a Reggio Calabria. Poi Roma. Nel capoluogo siciliano collabora con Pietro Grasso, allora procuratore capo e poi procuratore nazionale antimafia. Qui fa condannare numerosi capi e gregari dei clan; segue l’indagine sulla Strage di Capaci che porterà all’arresto di Totò Riina, coordina quella su Bernardo Provenzano; fa incriminare, negli anni ’80, l’ex sindaco Vito Ciancimino, poi condannato per mafia e firma l’inchiesta che porterà alla condanna a 7 anni per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra dell’ex presidente della regione Totò Cuffaro.

In Calabria ha dato talmente fastidio che il 3 gennaio del 2010 l’Ndrangheta gli ha fatto esplodere una bombola a gas collegata a un panetto di tritolo proprio davanti all’ingresso della Procura di Reggio Calabria. Anche lì, come poi nella Capitale, aveva trovato una situazione di immobilismo quasi totale. Poi, a costo di minacce, intimidazioni, proiettili, bazooka, è riuscito a fare luce sul nuovo volto e il modo di operare di una delle organizzazioni criminali più potenti, ricche e armate del mondo. Un’holding con sede centrale nel cuore della Calabria alla quale rispondono le numerosissime succursali sparse nel Nord Italia, in Germania, svizzera, Canada e fino in Australia svelata dalla famosa inchiesta “Crimine”, condotta insieme alla Procura di Milano e che ha portato all’arresto di oltre 300 persone.

Il metodo d’indagine

Rigorosissimo nella costruzione del quadro accusatorio, pignolo nella ricerca delle prove, Pignatone è un mastino gentile. Nessuno è più distante di lui dall’immagine dello “sceriffo” solo al comando. Gli piace e ritiene più proficuo lavorare in team. Nella sua squadra romana ci sono magistrati, investigatori, poliziotti, carabinieri e finanzieri che lo hanno affiancato anche in passato: da Michele Prestipino (suo braccio destro a Palermo) a Sara Ombra (sua l’inchiesta calabrese sull’ex governatore Giuseppe Scopelliti), da Renato Cortese (ex capo della mobile di Reggio, poi di quella romana, oggi capo dello Sco e già membro del gruppo che ha acciuffato Provenzano) a Stefano Russo (capo dei Ros di Reggio Calabria e poi del Lazio). Poche ore prima che il mondo intero sapesse che secondo la Procura di Roma a Roma c’è la mafia e che da anni i politici di ogni schieramento ci fanno affari insieme per farsi eleggere nelle amministrazioni e poi ripagare il favore con gli appalti del verde, dei rifiuti, delle strade, degli immigrati, Pignatone lo anticipò, tra le righe, al Pd riunito al Teatro Quirino per una conferenza programmatica alla quale era stato invitato.

Un magistrato garantista

Non disse, ovviamente, che a breve la città sarebbe stata travolta da uno scandalo che avrebbe avuto risalto planetario e che metà del partito di cui era ospite quel giorno sarebbe stato spazzato via, ma descrisse così la situazione della criminalità in città. E quando la notizia piombò come un macigno, lui preferì frenare l’enfasi: “Mafia Capitale non è la Cupola di Roma”. Piuttosto continuò a lavorare. E infatti, come lui stesso aveva annunciato, “nuove operazioni” sono arrivate e ieri altri 44 sono finiti in carcere. Sbagliato però pensare che Pignatone sia un “manettaro”: piuttosto che sbattere un innocente in galera preferisce lasciare un colpevole fuori. Nemmeno pensa che il compito dei magistrati sia altro che quello di fare le inchieste. “Io faccio processi, non scrivo articoli sui giornali”, ha ripetuto spesso. Il vero marziano a Roma è lui: Giuseppe Pignatone.

FONTE | SOURCE:

— PANORAMA (05|06|2015).

http://www.panorama.it/news/cronaca/giuseppe-pignatone-mafia-capitale/

FOTO | FONTE | SOURCE:

— Domenico Franco, “Wrong landing” Rome | FLICKR (15|11|2014).

Wrong landing

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s