ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma «Mafia Capitale» La Melandri liquidò l’esperto indagato, IL TEMPO (05|06|2015) – Giovanna Melandri, President of The ‘Maxxi’ in Rome & The ‘Human Foundation’, ex-Minister MIBAC[T] (1998-2001).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA:  Roma «Mafia Capitale» La Melandri liquidò l’esperto indagato, IL TEMPO (05|06|2015) - Giovanna Melandri, President of The 'Maxxi' in Rome & The 'Human Foundation', ex-Minister MIBAC[T] (1998-2001).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Roma «Mafia Capitale» La Melandri liquidò l’esperto indagato, IL TEMPO (05|06|2015) – Giovanna Melandri, President of The ‘Maxxi’ in Rome & The ‘Human Foundation’, ex-Minister MIBAC[T] (1998-2001).

1). ROMA [& MIBACT] – I PADRINI DI ROMA CAMPIDOGLIO – La Melandri liquidò l’esperto indagato – Il commercialista Stefano Bravo, IL TEMPO (05|06|2015).

Foto: Giovanna Melandri – Human Foundation, la fondazione che fa capo all’ex ministro dei Beni Culturali, e attuale Presidente del Maxxi.

Tra i destinatari delle misure cautelari della «seconda ondata» dell’inchiesta «Mafia Capitale» compare anche Stefano Bravo, 55 anni, commercialista, un nome già emerso nella prima tranche di dicembre. Collaboratore di Luca Odevaine («per le questioni un po’ delicate», ebbe a spiegare quest’ultimo in una conversazione captata con un’intercettazione ambientale negli uffici della fondazione Integra/Azione) nelle carte dell’inchiesta si legge che il suo contributo, insieme ad altri (anche loro collaboratori di Odevaine), sarebbe «risultato funzionale alla ricezione del prezzo della corruzione, attraverso la predisposizione della documentazione fittizia finalizzata a giustificare l’ingresso delle somme nelle casse delle fondazioni e delle società riferibili ad Odevaine».

Al centro, il ruolo ricoperto dall’ex vice capo di Gabinetto di Veltroni nell’assegnazione degli appalti per i cara di Mineo e di San Giuliano di Puglia. Un sistema ben rodato, dove ognuno dei collaboratori, stando alle carte degli inquirenti, aveva il suo compito. Tommaso Addeo, si legge nell’ordinanza di arresto, «riceveva da Odevaine la somma di 20.000 euro (cifra che sarebbe stata destinata dalla Cooperativa La Cascina in cambio di favoritismi) con l’incarico di provvedere a versamenti frazionati. Marco Bruera otteneva in consegna denaro con l’incarico di effettuare versamenti frazionati per importi inferiori ai 5 mila euro (…)». Da ultimo, «Stefano Bravo partecipava alla predisposizione dei bandi delle gare pilotate. Tutti –scrive ancora il Tribunale di Roma- sono risultati pienamente informati della natura corruttiva degli accordi intercorsi tra Odevaine ed il gruppo La Cascina, rappresentando un blocco compatto di sicuro affidamento per quest’ultimo». E «ancora l’ampiezza del loro coinvolgimento nei fatti in contestazione denota una particolare attitudine a delinquere». Per questo, le contestazioni sono di concorso in reato, corruzione per l’esercizio della funzione e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Il nome di Stefano Bravo è ricorso più volte in questi mesi nell’ambito delle indagini e fece scalpore, a dicembre, perché ricollegato a quello di una delle storiche esponenti della sinistra romana, Giovanna Melandri. A lungo suo commercialista, Stefano Bravo è stato anche tra i soci fondatori della Human Foundation, la fondazione che fa capo all’ex ministro dei Beni Culturali, e attuale Presidente del Maxxi, che ha come scopo il puntare sui «nuovi strumenti della finanza sociale» al fine di «investire in imprese che si occupano di educazione, sanità, sostenibilità ambientale».

A dicembre, quando Bravo finì indagato per riciclaggio, la reazione di Giovanna Melandri fu molto accorata. «E’ il mio commercialista da 15 anni – dichiarò- sono addolorata ma anche furiosa per quanto sta accadendo». Sulla Fondazione ebbe a specificare: «Gli abbiamo inviato una lettera per chiedergli di lasciare ogni incarico, sia pur nella speranza che possa chiarire la propria posizione. Gli abbiamo scritto –proseguì- che la nostra principale preoccupazione è il danno per la Fondazione che nasce sul presupposto della totale trasparenza e innovazione delle politiche sociali». Il nome di Bravo, infatti, fu rimosso rapidamente dal sito dell’ente. Giovanna Melandri negò poi qualsiasi rapporto del professionista con il Maxxi. Né lei, nè la sua fondazione hanno alcun coinvolgimento con l’inchiesta, se non quello, probabile, di un giustificato imbarazzo. Ma la domanda è: a parti invertite, come si sarebbe esibito il ben noto moralismo della sinistra?

FONTE | SOURCE:

— IL TEMPO (05|06|2015).

http://www.iltempo.it/roma-capitale/cronaca/2015/06/05/la-melandri-liquido-l-esperto-indagato-1.1422708

2). ROMA – Mafia Capitale [& MIBACT], il commercialista della cupola nella Human Foundation della presidente del Maxxi Giovanna Melandri, HUFFINGTON POST | IL MESSAGGERO (11/12/2014).

Stefano Bravo, tra i soci fondatori della Human Foundation dell’ex ministro e presidente del Maxxi Giovanna Melandri, è indagato per riciclaggio ed è accusato di essere il commercialista di Mafia Capitale. Secondo un articolo pubblicato sul quotidiano romano il Messaggero, Bravo è indicato come lo “spallone” che portava in Svizzera i soldi dei colletti bianchi della cupola. Ora è stato rimosso dalla Fondazione.

Stefano Bravo era, fino a qualche giorno fa, il commercialista di fiducia di Giovanna Melandri e della sua fondazione Human (…). La foto di Bravo e il suo curriculum sono stati rimossi. Eppure, non ci sono dubbi. Il commercialista che riciclava in Svizzera i soldi per l’organizzazione e distribuiva sui conti esteri le presunte tangenti di Luca Odevaine, è lui. Uno dei fondatori della Human.. È lo stesso Bravo che in un’intercettazione racconta dei motivi che lo portano in Svizzera, per depositare denaro, quasi sempre in contanti.

“È il mio commercialista da 15 anni – commenta Giovanna Melandri – sono addolorata ma anche furiosa per quanto sta accadendo. L’8 dicembre gli abbiamo inviato una lettera per chiedergli di lasciare ogni incarico, sia pure nella speranza che possa chiarire la sua posizione. Gli abbiamo scritto che la nostra principale preoccupazione è il danno per la Fondazione che nasce sul presupposto della totale trasparenza e innovazione nelle politiche sociali”. Nega invece che abbia mai svolto attività per il Maxxi: “Nessun contatto, mai”.

FONTE | SOURCE:

— HUFFINGTON POST | IL MESSAGGERO (11/12/2014).

http://www.huffingtonpost.it/2014/12/11/mafia-capitale-commercialista-cupola-in-human_n_6306828.html

3). ROMA – Mafia Capitale [& MIBACT], Il Movimento 5 stelle: “5 milioni di euro al Maxxi, in un emendamento un regalo a Giovanna Melandri”, IL HUFFINGTON POST (18/09/2013). [Nota: senatore Riccardo Villari (ex Pd ora al Pdl) = Ministero MIBACT > Sottosegretari > 05|2008 – 11|2011 *].

Cinque milioni di euro all’anno. È quanto il senatore Riccardo Villari (ex Pd ora al Pdl) propone di destinare “in via permanente” al Maxxi. Il Museo di Roma è già stato al centro delle polemiche non più di qualche mese fa per la nomina a direttore non di un tecnico, ma dell’ex ministro Giovanna Melandri. E sull’influenza dell’esponente Democratico si sono concentrati gli sguardi del Movimento 5 stelle: “Quando nel 2012 fu nominata presidente del Maxxi – scrivono i senatori Barbara Lezzi, Elisa Bulgarelli, Giovanna Mangili e Ornella Bertorotta – la Melandri promise che avrebbe guidato il museo gratis. Ora dopo neanche un anno si farà stipendiare. Il Maxxi presieduto è anche noto per aver censurato nel febbraio 2013 un documentario contro Silvio Berlusconi. Non voleva turbare la campagna elettorale del neocondannato per frode fiscale”.

L”aumento di capitale’ sarà non di poco conto, dato che fino al 2011 al museo capitolino veniva erogato annualmente all’incirca un milione e mezzo di euro. Ma, per diventare operativo, l’emendamento di Villari dovrà essere approvato dall’emiciclo di Palazzo Madama, che nei prossimi giorni dovrà licenziare il decreto cultura all’interno del quale la norma verrebbe inserita. In tempi di crisi, dove verrebbero trovate le coperture? Semplice: i soldi verrebbero stornati da quelli previsti “per la manutenzione e la conservazione dei beni culturali”. 80 milioni di euro per l’intero patrimonio museale, di cui ben 5 finirebbero al Maxxi. “Ma daremo battaglia”, assicurano i senatori del M5s.

FONTE | SOURCE:

— IL HUFFINGTON POST (18/09/2013).

http://www.huffingtonpost.it/2013/09/18/maxxi-giovanna-melandri-m5s-emendamento-5-milioni-euro-regalo_n_3949320.html
________
* = MIBACT > Home > Ministero > Sottosegretari > Sen. Riccardo Villari > Biografia Condividi: Sen. Riccardo Villari [06|2015].

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/MenuPrincipale/Ministero/Sottosegretari/r-villari/Biografia/index.html

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Maxxi, a Giovanna Melandri lo stipendio e il premio “non autorizzati”, in: Marco Lillo di IL FATTO QUOTIDIANO | PATRIMONIOSOS.IT (24|12|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA «MIBACT & DEGRADO & MAFIA CAPITALE», Anna Maria Buzzi & Giovanna Melandri – Così la sorella del boss inguaia Melandri e Veltroni, IL GIORNALE.IT (13|12|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: ROMA DI MARINO – Mafia Capitale: in manette Gramazio, Coratti, Ozzimo e Pedetti. Ai domiciliari [consigliere Pdl Giordano] Tredicine, IL MESSAGGERO (04|06|2015).

— MIBACT ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITITETTURA: [Francesco Prosperetti, Federica Galloni, & Anna Maria Buzzi] – Dalla Corte dei Conti lettera di rilievo sulle nomine del Mibact, ArtEconomy24 (27|01|2015).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. Mafia Capitale: Annamaria Buzzi, MIBACT – Direzione della valorizzazione, sorella di Salvatore Buzzi, Archivi: accordo tra MiBACT e Mondadori Electa per utilizzo delle immagini relative a beni culturali, TAFTER (29|11|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. ROMA «MAFIA CAPITALE» VISTA DAL MONDO – Rome mobster probe spreads across Italy, FRANCE 24, THE NEW YORK TIMES & CORRIERE DELLA SERA (11-12|12|2014).

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. Mafia Capitale: Annamaria Buzzi, MIBACT – Direzione della valorizzazione, sorella di Salvatore Buzzi, ora lady Buzzi rischia. LINKIESTA (12|12|2014).

— POMPEI ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: “Scavi di Pompei, dalla politica italiana 20 anni di bugie,” FANPAGE (22|03|2014).

https://rometheimperialfora19952010.wordpress.com/?s=Giovanna+Melandri

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s