ROMA BENI CULTURALI & LA CORRUZIONE POLITICA. Il gelato ‘mafioso’ di Roma – “Chi è Giordano Tredicine: Mafia Capitale e la cricca degli ambulanti a Roma,” Next quotidiano (04|06|2015) & The Irish Independent, Dublino (11/05/2013

ROMA BENI CULTURALI & LA CORRUZIONE POLITICA. Il gelato 'mafioso' di Roma - "Chi è Giordano Tredicine: Mafia Capitale e la cricca degli ambulanti a Roma," Next quotidiano (04|06|2015) & The Irish Independent, Dublino (11/05/2013).

ROMA – Agli arresti domiciliari il consigliere PDL Giordano Tredicine, rampollo della famiglia che detiene il monopolio sul commercio degli ambulanti a Roma, ad accusarlo le parole di Salvatore Buzzi.

Giordano Tredicine è una delle 25 persone finite ai domiciliari dopo l’ultima maxi-retata che ha portato all’arresto di 44 persone nell’ambito dell’inchiesta su Mafia Capitale. Tredicine è vice-presidente del consiglio comunale di Roma e vicecoordinatore regionale di Forza Italia per il Lazio. Alla base del provvedimento del Gip Flavia Costantini il “rapporto corruttivo” tra Salvatore Buzzi e Giordano Tredicine, a corroborare la tesi della procura ci sarebbero una serie di intercettazioni telefoniche del presidente della cooperativa “29 giugno” nelle quali Buzzi si vantava di poter contare sull’appoggio del consigliere comunale di Forza Italia. Ma oltre agli incarichi politici Tredicine è anche il nipote di Donato Tredicine, capostipite della più potente famiglia di ambulanti della Capitale.

LA STORIA DELLA FAMIGLIA TREDICINE

Il nonno di Giordano, Donato Tredicine, arrivò a Roma dall’Abruzzo negli Anni Sessanta. All’epoca Donato era un venditore ambulante e la sua principale fonte di reddito era la vendita di caldarroste (che è ancora uno dei business di famiglia). È con l’arrivo dei cinque figli (Mario, Alfiero, Elio che è il padre di Giordano, Dino ed Emilia) nella Capitale che quello della famiglia Tredicine inizia a diventare un impero. Un’inchiesta di Repubblica di qualche anno fa rivelava che nel 2012 dei 68 posti disponibili per i venditori ambulanti nel centro di Roma 42 erano di proprietà dei Tredicine. Il Tempo invece sostiene che delle 70 licenze del centro storico “almeno la metà sono riconducibili direttamente o indirettamente a Tredicine“. Insomma la famiglia di Giordano detiene un vero e proprio impero commerciale, a volte le licenze le vende (e dal momento che il Comune di Roma non ne rilascia di nuove da anni il prezzo si aggira intorno ai 600 mila euro) a volte le affitta o dà in concessione lo spazio ad altri ambulanti. Oltre a questi i Tredicine controllano la metà (centocinquanta su trecento) dei “posti fissi e unici” ovvero quelle postazioni di vendita “storiche” assegnate dal Comune una settantina d’anni fa e che nel corso degli anni la famiglia Tredicine ha acquistato. Un business milionario: una postazione per la frutta “vale” 20-30 mila euro al mese, un chiosco per gelati davanti al Colosseo può garantire un incasso fino a cinquemila euro al giorno. Quello che conta è che i Tredicine (e i loro amici) detengono un vero e proprio monopolio della vendita in strada: oltre alle caldarroste e ai camion bar c’è anche il redditizio business delle bancarelle in Piazza Navona nel periodo della Befana. Scrivevano Federica Angeli e Fabio Tonacci su Repubblica:

Con la festa della Befana in piazza Navona un banco di articoli natalizi alza 50-60 mila euro di guadagno netto in due settimane. Il centinaio di posti disponibili viene assegnato in base ad alcuni criteri, tra cui l’anzianità. Puntualmente la maggior parte finisce ai quattro fratelli, grazie alla loro posizione dominante e al loro immenso parco licenze. Si possono permettere, ad esempio, di tenerne alcune in zone meno centrali solo per acquisire punti per entrare nella lista dei grandi eventi. Possono spostare le licenze da una zona all’altra, da un familiare all’altro, a seconda della convenienza. Una ferita alla concorrenza di mercato in un comparto, quello degli ambulanti, già congestionato, con 7 mila venditori e 130 mercati rionali. Insieme coprono il 22 per cento dell’intera vendita al dettaglio della città.

Nel dicembre scorso il potere esercitato dai Tredicine sulle associazioni di categoria (Alfiero Tredicine è presidente di Apre-Confesercenti, Mario è vicepresidente dell’Upvad-Confcommercio, mentre Dino è vicepresidente della Fivag-Cisl) ha condizionato non poco la trattativa tra l’Amministrazione e gli ambulanti per la riorganizzazione del tradizionale mercato natalizio di Piazza Navona. Il sindaco Marino proponeva di limitare il numero dei banchi da 115 a 72, escludendo tutti quegli ambulanti che vendevano cose che con lo “spirito del Natale” non c’entravano nulla. Risultato: i 72 vincitori del bando si sono rifiutati di esporre la loro merce mettendo in scena un vero e proprio sciopero la cui parola d’ordine era “o tutti o nessuno”. Il bando del Comune (non se ne faceva uno da dodici anni) naturalmente era molto sgradito ai Tredicine che avevano tutto l’interesse a preferire una situazione in cui potevano farsi forza dei loro diritti acquisiti per anzianità di servizio. I commercianti di Piazza Navona fecero anche ricorso al Tar per tentare di far sospendere il bando ma il Tribunale amministrativo regionale rigettò la richiesta di sospensiva fissando l’udienza pubblica per la trattazione della materia proprio per oggi, 4 giugno 2015. Per tutta risposta allora i 72 vincitori non hanno ritirato le concessioni e hanno fatto saltare la festa. Giordano Tredicine si è sempre dichiarato estraneo alla gestione degli affari di famiglia, ma nel 2010 l’allora consigliere di maggioranza tentò di far passare una delibera che avrebbe agevolato gli affari degli ambulanti allentando i controlli sugli abusi e proponendo addirittura che “aree oggetto di precedente concessione e regolarmente utilizzate non possono costituire oggetto di nuove concessioni“, un emendamento che se fosse passato avrebbe consentito ai detentori di licenze il possesso delle stesse vita natural durante. All’epoca la trovata di Tredicine scatenò un putiferio nel PDL.

GIORDANO TREDICINE E BUZZI

A tirare in ballo Tredicine alcune intercettazioni tra Salvatore Buzzi e l’ex Nar Massimo Carminati, in alcuni passaggi Buzzi parla così del consigliere del PDL:

Glielo dico sempre ‘a Giorda’ se non te arrestano diventerai primo Ministro’ e lui me dice: ‘perché me possono arresta’?’…li mortacci tua…te possono arresta’ (ride). Però come sto sul pezzo a Giordano non c’ho mai visto nessuno eh.. credimi, mai nessuno

E Carminati risponde:

Quello viene dalla strada! Lui è serio, e poi è uno che e’ poco chiacchierato, nonostante faccia un milione di impicci… è uno che e’ poco chiacchierato e questo è importante… lui chiacchiere poche… vuol dire che è serio

Insomma per Buzzi il rapporto con Giordano Tredicine sarebbe stato davvero speciale, a Claudio Caldarelli Buzzi avrebbe detto: “Bisogna sta attenti a scenne dal taxi… Perché con noi sali ma non scenni piu’… a noi Giordano c’ha sposati e semo felici de sta co Giordano“.

FONTE | SOURCE:

— Next quotidiano (04|06|2015).

Chi è Giordano Tredicine: Mafia Capitale e la cricca degli ambulanti a Roma

FOTO | FONTE | SOURCE:

— ROMA BENI CULTURALI E TURISMO & corruzione politica: il gelato ‘mafioso’ di Roma: Il [Tredicine] dinastia familiare con una stretta mortale su Roma, il cibo di strada Italia, The Irish Independent, Dublino (11/05/2013).

ROMA BENI CULTURALI E TURISMO & corruzione politica: il gelato di Roma 'mafioso': Il [Tredicine] dinastia familiare con una stretta mortale su Roma, il cibo di strada Italia, The Irish Independent, Dublino (11/05/2013).

One thought on “ROMA BENI CULTURALI & LA CORRUZIONE POLITICA. Il gelato ‘mafioso’ di Roma – “Chi è Giordano Tredicine: Mafia Capitale e la cricca degli ambulanti a Roma,” Next quotidiano (04|06|2015) & The Irish Independent, Dublino (11/05/2013

  1. Di Tredicine se ne è sempre parlato, solo Forza Italia guardava da un’altra parte!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s