ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Tempio della Pace, cemento armato negli scavi: «C’è dagli anni Novanta», CORRIERE DELLA SERA (07|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Tempio della Pace, cemento armato negli scavi: «C’è dagli anni Novanta», CORRIERE DELLA SERA (07|04|2015).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Tempio della Pace, cemento armato negli scavi: «C’è dagli anni Novanta», CORRIERE DELLA SERA (07|04|2015).

ARCHEOLOGIA –  Tempio della Pace, cemento armato negli scavi: «C’è dagli anni Novanta». La rivelazione del Sovrintendente comunale Parisi Presicce: «Stiamo mettendo plinti in acciaio antisismici».

ROMA – Il cemento armato al Foro romano? «In realtà c’è dalla fine degli anni Novanta, quando fu realizzato lo scavo. Noi siamo intervenuti per toglierlo e ripristinare le basi che dovranno accogliere plinti di acciaio inossidabile, progettati appositamente, per sostenere le colonne». Il Sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce conferma e spiega i lavori in corso al Tempio della Pace. E aggiunge particolari sul cantiere coperto dai teli «per proteggerlo dalla pioggia», sottolineando che dietro al progetto «c’è un lungo studio di ingegneri, architetti, restauratori».

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA: Tempio della Pace, cemento armato negli scavi: «C’è dagli anni Novanta», CORRIERE DELLA SERA (07|04|2015).

Apparati anti-sismici
Per spiegare le calate di cemento armato in corso, Presicce ricorda che «i plinti originali erano di travertino e sono stati asportati in epoca antica», quando tutto il Foro era sottoposto alle spoliazioni per altre costruzioni. «Poi la scoperta del cemento colato a fine anni Novanta e la necessità di eliminarlo e creare le fondazioni per questi nuovi apparati di acciaio inossidabile che servono a evitare rischi sismici, come impone la legge». La notizia di questo cemento calato al momento degli scavi a fine anni Novanta è una novità assoluta. L’intervento sarebbe avvenuto nel momento in cui è stato smantellata un’area di giardinetti e aiuole che copriva questo tratto di porticato del Tempio della Pace e il podio con i cinque gradini. I vuoti lasciati dai plinti di travertino sarebbero stati riempiti, rendendo la superficie superiore omogenea con solette di cemento. Sicuramente in cemento armato sono le fondazioni destinate ad accogliere le colonne con le nuove basi in acciaio.

«Impianti reversibili»
«Roma – aggiunge il Sovrintendente – è una zona sismica e nell’ultimo decennio le leggi sono state inasprite. Una volta collocati gli apparati saranno invisibili e sarà possibile collocare in sicurezza le sette colonne in granito rosa. Un progetto approvato dal Genio civile». Per illustrare il procedimento la Sovrintendenza sta realizzando un filmato che sarà reso pubblico. E la reversibilità? «È assoluta – sostiene il Sovrintendente – sono apporti che potranno essere smontati in qualunque momento». Presicce ricorda che l’obiettivo è quello di alzare sette colonne sul podio del tempio entro giugno e «se le condizioni atmosferiche non rallenteranno i lavori, siamo ottimisti di poterne mostrare due il 21 aprile, come annunciato». Presicce annuncia inoltre che i pezzi pressoché completi di cinque delle sette colonne sono stati individuati con laser scanner e saranno ricostruite nella loro altezza. Le altre due saranno collocate fuori posizione. «Naturalmente i vuoti saranno riempiti. Stiamo riprendendo un cammino che era fermo da decenni e con i materiali più idonei».

Il dibattito
Le dichiarazioni del Sovrintendente, il filmato promesso e il progetto, che a questo punto dovrebbe essere messo pubblicamente a disposizione degli studiosi, offrono spunti importanti per il dibattito su questo tipo di interventi. A maggior ragione in vista del 21 aprile, quando il Ministro Dario Franceschini e il sindaco Ignazio Marino dovrebbero annunciare un protocollo d’intesa su tutti gli interventi nell’area del Foro romano.

FONTE | SOURCE:

— CORRIERE DELLA SERA (07|04|2015).

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_aprile_07/foro-romano-cemento-armato-scavi-c-anni-novanta-b941a8ec-dced-11e4-9a2e-ffdad3b6d8a1.shtml

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTUARO ARCHITETTURA: Dott. Manlio Lilli, “Foro della Pace a Roma, le rovine col cemento intorno”, IL FATTO QUOTIDIANO.IT (06|04|2015). [Foto: Il Foro Romano, c. 1900-02 & Foro della Pace, 2015].

http://wp.me/pPRv6-2Wd

— ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA. I Fori Imperiali – Cemento armato per le colonne di granito del Tempio della Pace, È la prima volta che viene usato, «nascosto» dai teli del cantiere. Nessun dibattito su un intervento così delicato. Il progetto ignorato sulla Basilica Emilia. CORRIERE DELLA SERA (05|04|2015).

http://wp.me/pPRv6-2W0

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s