ROMA ARCHITETTURA & BENI CULTURALI: Palazzo della Civilta’ & Prostituzione Italiana: New Department ‘XXX’ of the Comune di Rome – Mayor Marino Proposes New Sex Tourist District in the EUR Zone with individual streets for regular prostitutes, very young girls, transvestites & male prostitution. LA REPUBBLICA & THE WASHINGTON POST (08|02|2015).

ROMA ARCHITETTURA & BENI CULTURALI: Palazzo della Civilta’ & Prostituzione Italiana: New Department ‘XXX’ of the Comune di Rome - Mayor Marino Proposes New Sex Tourist District in the EUR Zone with individual streets for regular prostitutes, very young girls, transvestites & male prostitution. LA REPUBBLICA & THE WASHINGTON POST (08|02|2015).

ROMA ARCHITETTURA & BENI CULTURALI: Palazzo della Civilta’ & Prostituzione Italiana: New Department ‘XXX’ of the Comune di Rome – Mayor Marino Proposes New Sex Tourist District in the EUR Zone with individual streets for regular prostitutes, very young girls, transvestites & male prostitution. LA REPUBBLICA & THE WASHINGTON POST (08|02|2015).

1). ROMA, LA REP. (08|02|2015) – Roma, lite sulle multe a domicilio per i clienti delle prostitute.

Il sindaco Marino: scriveremo se la sanzione è dovuta al sesso con una ‘lucciola’. Il Garante delle privacy: non si può. Intanto il prefetto boccia l’idea della red zone all’Eur: “Solo una boutade, in Italia è vietata dalla legge Merlin”

Di Rudy Giuliani, il sindaco repubblicano di New York che negli anni ’90 dichiarò guerra alla criminalità di strada, Ignazio Marino ha ormai l’espressione beffarda, non ha solo mutuato la ricetta. “Tolleranza zero” contro le lucciole nei luoghi pubblici, ha invocato ieri il primo cittadino di Roma dagli schermi di Rainews24, così sponsorizzandol’istituzione all’Eur di una strada a luci rosse dove concentrare il fiorente mercato del sesso che all’ombra delle architetture razionaliste non ha mai conosciuto crisi. Arrivando perfino a ipotizzare, per chi si ostinasse a praticare fuori dalle aree consentite, multe ai clienti da recapitare a casa, “in cui si dice chiaramente che la sanzione di 500 euro è legata al fatto che si intrattenevano con prostitute “, ha specificato l’inquilino del Campidoglio.

Un deterrente formidabile, ha lasciato intendere il sindaco, pur annegando la proposta fra mille “se” e altrettanti “forse”. Peccato però che “non si può fare”, taglia corto il Garante della privacy. “A normativa vigente la notifica delle sanzioni, anche quelle amministrative, deve avvenire con modalità tali da garantire la riservatezza del destinatario, non deve rendere evidente la violazione commessa “, spiega il presidente Antonello Soro. “Si tratta di una norma a carattere generale, che vale quindi per tutte le sanzioni. Per cui, se Marino volesse sancire un unico caso di evidenza della violazione, deve ottenere una norma specifica”. Eventualità che il capo dell’Authority si augura non venga presa neanche in considerazione: “Spero proprio che il Parlamento non condivida l’idea che bisogna utilizzare la gogna per scoraggiare la prostituzione “, avverte. “Una gogna che a mio parere si ispira  –  e non aggiungo altro perché non rientra nelle mie competenze  –  più a un’esigenza di natura morale che a ragioni di reale prevenzione”. È durissimo, il Garante: “La gogna appartiene a una visione un po’ medievale del contrasto di un fenomeno anche criminale”.

Una bocciatura che fa il paio con quella del prefetto Giuseppe Pecoraro, che il minisindaco dell’Eur (Andrea Santoro) cui è venuta in mente l’idea della red zone, ha tentato invano di coinvolgere. “Tutta questa storia è una boutade”, si è sfogato Pecoraro, “non ci sono riferimenti normativi, anzi una legge c’è: si chiama Merlin. Fare ciò che vorrebbe Marino senza un intervento del governo o del Parlamento è reato: è favoreggiamento della prostituzione”. Non è l’unico a nutrire forti perplessità. Nel Pd, il partito del sindaco, sono rimasti letteralmente senza parole: nessuno ne sapeva niente. “Ma non si può passare dal decentramento amministrativo dei municipi al federalismo sessuale “, dà voce ai malumori il capogruppo dem Fabrizio Panecaldo. Di cui Marino è stato costretto a tenere conto, nelle sue dichiarazioni di ieri: “Bisogna proteggere la famiglia con i suoi valori, dare la possibilità alle persone di poter usufruire di un parco, di una strada, senza trovarsi a dover dare spiegazioni ai propri figli sulla presenza delle prostitute “, si è infatti giustificato, invocando la necessità di “una maggiore presenza delle forze dell’ordine “.

Parole utili a lenire, ma non a fermare la rivolta nel Pd. Tant’è che un furibondo Matteo Orfini, commissario della federazione romana, convocherà in settimana un vertice con tutti i protagonisti della vicenda “per sollecitare una riflessione più approfondita”. E, a giudicare dalle reazioni, una decisa marcia indietro. Che oggi verrà chiesta a gran voce dalle parlamentari dem, prima firmataria la renziana Lorenza Bonaccorsi, in una lettera aperta al sindaco, al minisidaco Santoro e all’assessora Cattoi.

Fonte | source:

— LA REPUBBLICA (08|02|2015).

http://www.repubblica.it/argomenti/Quartiere_a_luci_rosse

ROMA ARCHITETTURA & BENI CULTURALI: Palazzo della Civilta’ & Prostituzione Italiana: New Department ‘XXX’ of the Comune di Rome - Mayor Marino Proposes New Sex Tourist District in the EUR Zone with individual streets for regular prostitutes, very young girls, transvestites & male prostitution. LA REPUBBLICA & THE WASHINGTON POST (08|02|2015).

2). Rome officials mull ‘red light’ prostitution zone, THE WASHINGTON POST (08|02|2015).

ROME – the Palazzo della Civilta’ Italiana (Palace of the Italian Civilisation) in Rome. Rome’s mayor and officials are considering a “red light” district to shield prostitutes from exploitation and families from embarrassment. Prostitution is legal in Italy, and its practitioners are a common sight along some Rome streets. City officials in the EUR neighborhood, filled with ministries, office high-rises and residential blocks, want to designate certain streets for prostitutes, starting experimentally in April, 2015.

ROME — Rome’s mayor and officials are considering a “red light” district to shield prostitutes from exploitation and families from embarrassment.

Prostitution is legal in Italy, and its practitioners are a common sight along several streets in Rome and many other Italian cities.

City officials in the EUR neighborhood, filled with ministries, office high-rises and residential buildings, want to designate certain streets for prostitutes, starting experimentally in April.

Mayor Ignazio Marino told state TV RAINews24 Sunday the aim is to “find a balance” by pinpointing places, such as parks frequented by children and families, where prostitution won’t be allowed, and by designating some streets where it will.

Exploitation of prostitution is illegal, as is paying minors for sex.

EUR official Andrea Santoro says designated streets will help ensure prostitutes aren’t put there by traffickers. Many women leave homes in Africa and Eastern Europe for Italy after promises of work like waitressing, but instead are forced into prostitution by trafficking rackets.

Some neighborhood groups like the proposal. Paolo Lampariello, from one such group, said there are so many prostitutes on EUR’s streets that “women can’t enter their homes without being mistaken for prostitutes.”

The newspaper Avvenire, of the Italian bishops’ conference, scathingly described the designated-streets-for-prostitutes plan as “a hypocritical (and perhaps ideological) operation for urban ‘decorum.’”

The city would provide psychological support and health care to prostitutes on the designated streets. Clients of prostitutes working on non-designated streets would risk fines of 500 euros (about $550) under the plan.

Pope Francis decried the “shameful plague” of human trafficking and urged prayer and reflection about the problem.

Marino’s political roots are in a centrist faction of the Italian government’s main coalition party, the Democrats.

Fonte | source:

— THE WASHINGTON POST (08|02|2015).

http://www.washingtonpost.com/world/europe/rome-officials-mull-red-light-prostitution-zone/2015/02/08/af1026d6-af99-11e4-bf39-5560f3918d4b_story.html

Foto | Fonte | Source: La romana è un romanzo di Alberto Moravia del 1947.

http://it.wikipedia.org/wiki/La_romana_(romanzo)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s