ANCONA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Chiesa Collegiata San Pietro Apostolo, Comune di Monte San Vito | Ancona – Progetto della collegiata dell’arch. A. Vici, supervisionato e completato da Vanvitelli, Valvassori e Salvi (1753-54).

ANCONA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Chiesa Collegiata San Pietro Apostolo, Comune di Monte San Vito | Ancona - Progetto della collegiata dell'arch. A. Vici, supervisionato e completato da Vanvitelli, Valvassori e Salvi (1753-54).

ANCONA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Chiesa Collegiata San Pietro Apostolo, Comune di Monte San Vito | Ancona – Progetto della collegiata dell’arch. A. Vici, supervisionato e completato da Vanvitelli, Valvassori e Salvi (1753-54).

La nuova chiesa, su disegno presentato dall’architetto Cristoforo Moriconi, doveva sorgere accanto al palazzo dei Priori. Ottenutane l’autorizzazione dall’allora regnante Pontefice Benedetto XIV con rescritto dell’8 agosto 1753, il Canonico Andreoli ci descrive come il 2 settembre 1754 si fece una solenne processione con l’intervento di tutto il Clero e Compagnie e la stessa sera fu iniziata la demolizione della vecchia chiesa. A ciò si opposero i signori Nicola Moriconi e il Capitano Vito Baccarini e ne presentavano protesta avanti il Podestà senza però ottenerne effetto alcuno; cosicché tutto il popolo, biasimandone il sentimento di questi, si infervorò talmente che la mattina seguente si vide in gran numero completarne la demolizione col benestare dei deputati, designati dal popolo, Vito Peci, Sebastiano Maggioli e Girolamo Simonelli.

Il giorno 11 novembre dello stesso anno il Vescovo e Conte di Senigallia Mons. Ippolito De Rossi, al quale si fecero incontrare a cavallo i primi cittadini del Paese sino all’Abbazia dei Monaci Cistercensi di Chiaravalle, giunse nella terra di Monte San Vito accolto al suono di tutte le campane e sparo dei mortaletti. Preceduto dall’arciprete Ottavio Simonelli, dall’intero Capitolo e dal clero secolare in abiti corali e cotta, con a capo la Croce Capitolare, Mons. Vescovo si è portato al luogo destinato e precisamente dove doveva sorgere l’altare maggiore ed al canto di salmi e preci collocò nella pietra angolare la reliquia di San Vito protettore, e mezza piastra d’argento del regnante Pontefice Benedetto XIV collocandola nel punto dove doveva poggiare il pilastro principale annesso al campanile (a cornu evangeli) alla profondità di circa 20 piedi; poscia il suddetto Vescovo celebrò la Santa Messa in altare portatile.

Fonte | foto | source:

— Chiesa Collegiata San Pietro Apostolo, Comune di Monte San Vito | Ancona – Progetto della collegiata dell’arch. A. Vici, supervisionato e completato da Vanvitelli, Valvassori e Salvi (1753-54). Comune di Monte San Vito | Ancona (2014).

http://www.montesanvito.pannet.it/Engine/RAServePG.php/P/253410020300/M/343810020600

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s