ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italy’s fears that corporate-sponsored restoration projects will lead to the Disneyfication of its cultural heritage, WASHINGTON POST | INDEPENDENT, U.K., (6-7|09|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURE: Italy's fears that corporate-sponsored restoration projects will lead to the Disneyfication of its cultural heritage, WASHINGTON POST | INDEPENDENT, U.K., (6-7|09|2014).

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italy’s fears that corporate-sponsored restoration projects will lead to the Disneyfication of its cultural heritage, WASHINGTON POST | INDEPENDENT, U.K., (6-7|09|2014).

— The fall of Rome? Italy’s fears that corporate-sponsored restoration projects will lead to the Disneyfication of its cultural heritage, INDEPENDENT, U.K., (07|09|2014).

__________

‘…With this we come to deal with what may be rightly considered the new problems in the restoration of ruins, referring in particularly to the refined spectacular effect of the restoration and the numerous consequences owing to the impact of tourism. Already in 1965, with considerable farsightness, the Master [Prof. Cesare Brandi] warned of the dangers that the indiscriminate desire for massive tourism entail[s]:

“monumenti antichi riporti alla lezione con cui li ammanniscono nei polpettoni dell pellicole storiche. Sicche’ per un pelo si e` capitolato pericolo di veder sorgere a Roma, una Roma in miniatura tipo Disneyland.

‘In fact, while on the one hand tourism can provide an important opportunity for the enhancing the cultural heritage of a country, on the other, it is undoubtedly one of the direct causes of its deterioration,’

Fonte | source:

– Prof. Cesare Brandi, ‘La situazione archeologica. Ulisse, 2, Sansoni, 1966, pp. 9-15; in: Dott. Arch. Maria Grazia Ercolino”The preservation of ruins. The topicality of Cesare Brandi’s theory,” pp. 205-204; J. D. Rodrigues & J.M. Mimoso (edt.), Theory and Practice in Conservation, National Laboratory of Civic Engineering, LISBON (2006).
http://wp.me/pPRv6-28Q
__________

They have clothed the world’s wealthy fashionistas and bejeweled Hollywood stars. Now, Italy’s kings of fashion are poised to give this nation’s crumbling monuments a makeover to restore them to their former glory, something the cash-strapped Italian government cannot do.

But as Italy courts private cash to rescue some of the globe’s best-known relics of the ancient world, a debate is raging over the commercialisation of history. The Italians have been careful to avoid, say, the kind of US-style rebranding that could lead to Prada’s Pompeii or the Leaning Tower of Gucci. But critics are already fretting about corporate exploitation of Italy’s national patrimony.

Yet something, everyone agrees, needs to be done. Caked with pollution and, in some cases, falling apart, a number of major sites have long been in jeopardy here. Hit by erosion, stone laurel leaves have dropped from the Trevi Fountain like foliage in a mythical winter. The original color of the Colosseum — an off-ivory in the glory days of Roman gladiators — has been darkened by the exhaust of Rome’s new chariots, cars.

Fearing the Disneyfication of its landmarks, the Italian government has largely eschewed private donations and sponsorships for upkeep and renovations. But in the face of Italy’s multi-year economic malaise and the gravity of deterioration at some sites, the Italians have done an about-face. Portraying themselves now as merely caretakers of some of humanity’s most important artifacts, they are rallying billionaires, companies and even foreign governments to their cause.
____________
s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURE: “THE FALL OF ROME?… in: ‘Archiwatch’, Il Blog di Prof. Arch. Giorgio Muratore, Pubblicato il 7 settembre 2014.

THE FALL OF ROME? …

— ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Archaeology and Privatization – Italy, the New ‘Grand Tour’ – Rome | the New American Disneyland Approach to Italian Archaeology, LA REPUBBLICA (18|04|2014).
http://wp.me/pPRv6-28Q

— ITALIA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Archaeology and Privatization – Italy, the New ‘Grand Tour’ – Rome | Pompeii and the New American Disneyland Approach to Italian Archaeology, l’Espresso; il manifesto; & Corr. Della Sera (18|04|2014).
http://wp.me/pPRv6-28I

— ROMA ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Una Flop – the New American Disneyland Approach to Italian Archaeology, First, “3D Rome Rewind (= Prof. Bernard Frischer, Rome Reborn)”, now “Time Elevator Roma” = “Don’t waste your money on this tourist trap|crap”, (30|03|2014).

http://wp.me/pPRv6-20m

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURE: Judith Harris, [Rome’s] Warrior Archaeologists on the March [26.02.2009]).

Commissario delegato per le Aree Archeologiche di Roma e Ostia Antica (2008-2010) Judith Harris, [Rome's] Warrior Archaeologists on the March [26.02.2009]).

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURE: ELISABETTA POVOLEDO, Angst Among the Ruins: [Archeologists] Protests in Italy. THE NEW YORK TIMES ONLINE EDITION (March 11th, 2009) & Originally published in print on March 12, 2009, page C3.

ELISABETTA POVOLEDO, Angst Among the Ruins: Protests in Italy. THE NEW YORK TIMES ONLINE EDITION (March 11th, 2009) & Originally published in print on March 12, 2009, page C3.

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURE: Prof. Arch. Giorgio Muratore & “Roma Non Puo’ Diventare Una Disneyland.” Secolo d’ Italia (21|02|2004), p. 12.

ROME - The Neglect of Rome's Cultural Heritage by the Ministry of Culture (2008-11), and the City of Rome (2005 - 11): Arch. Prof. Giorgio Muratore & "Roma Non Puo' Diventare Una Disneyland." Secolo d' Italia (21-02-2004), p. 12.

— ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURE: Rome, The New Celian Hill Theme Park – “A Phony Rome for Lazy Tourists.”? Cited from the Il Messaggero 1959, in: The New York Times (15|07|1959), p. 6.

NYT (15|07|1959), Pg. 1 =

ROME - The Neglect of Rome's Cultural Heritage by the Ministry of Culture (2008-11), and the City of Rome (2005 - 11): "A Phony Rome for Lazy Tourists."? Cited from the Il Messaggero 1959, in: The New York Times (15/07/1959), p. 6. [Pt.1].

NYT (15|07|1959), Pg. 2 =

ROME - The Neglect of Rome's Cultural Heritage by the Ministry of Culture (2008-11), and the City of Rome (2005 - 11): "A Phony Rome for Lazy Tourists?" Cited from the Il Messaggero 1959, in: The New York Times (15/07/1959), p. 6. [Pt.2].

–POMPEI e ERCOLANO ARCHEOLOGIA e BENI CULTURALI: Prof. Giacomo Boni & Prof. Corrado Ricci, Entrambi si oppongono gli investitori stranieri facoltosi negli scavi di Ercolano, THE MARION ENTERPRISE, NEWSPAPER, USA (1909) & NEW YORK TIMES (1907).

http://wp.me/pPRv6-1yY
____________

As the Italians peddle their monuments like so many troubled children in need of sponsors, the dandies of Italian fashion have come to the rescue. They are throwing millions of euros toward desperately needed restorations in exchange for various sponsorship rights, helping spur one of the single-largest periods of archaeological and artistic renewal in modern Italian history.

Even as the scaffolding goes up around ancient structures and an army of skilled restorers gets set to work, not all Italians are pleased about the invading horde of private cash. They say Italy — in a quest for sponsorship — may be selling its soul. Some companies making donations, for instance, will receive discreet recognition near monuments, something purists say could nevertheless make the landmarks of Rome seem like so many fashion accessories.

The Trevi Fountain by Fendi.

The Colosseum by Tod’s.

The Spanish Steps by Bulgari.

“I am very worried that the Italian government doesn’t have a line,” said Maria Luisa Catoni, associate professor of ancient art history and archeology at Italy’s IMT Lucca University. “This is a question of preservation and restoration, but also a question of taste.”

The Italian state once viewed national patrimony in highly proprietary terms. But local and national politicians began a major shift two years ago, with massive new tax breaks for restoration donations taking effect this year. It happens as Italy’s own cultural budget has shrunk precipitously under a succession of fraught governments, even as disrepair at landmarks worsened. The fast-deteriorating condition of Pompeii — including a wall that fell down at the Temple of Venus after heavy rain last March — has, for instance, sparked a global outcry from alarmed archaeologists.

Outside money, the Italians say, is the only answer. The city of Rome, for example, recently struck a preliminary agreement with Saudi Arabia to fund the restoration of the Mausoleum of Augustus.

Ignazio Marino, a former transplant surgeon who worked for years in the United States and is the mayor of Rome, will hold a symposium in California this month in a bid to tap Silicon Valley’s tech millionaires for donations. He will argue that the Italians are taking drastic steps to ensure preservation — including his own highly controversial decision to ban cars near the Colosseum to reduce deterioration from vehicle exhaust. “But the world also needs to help,” Marino said. “We cannot do this alone.”

The national government, meanwhile, is weighing a more substantial new push, including the possibility of allowing private companies to run small museums or archeology sites, and possibly even opening for-profit cafes or bookshops, on site.

“In Italy, the list of beauty is infinite,” said Dario Franceschini, Italy’s minister of culture. “And even if this weren’t a time of cuts to public expenditures, Italy’s cultural heritage is too vast. So I don’t really see why we should ever say ‘no’ to opening up to private interests.”

In the past, however, some Italian cities have seemed to not only cross the line of commercialism, but bulldoze over it. During the restorations around Venice’s Bridge of Sighs and the Palazzo Ducale, for instance, the city signed an agreement allowing the construction company doing the restoration to sell ads to offset its costs. The scheme resulted in garish and massive ads for the likes of Coca-Cola and Bulgari that fueled public outrage.

But more recent campaigns for donations and sponsorship have largely yielded more tasteful publicity, particularly in Rome. In exchange for Fendi’s $2.8 million (£1.7 million) donation to restore the Trevi Fountain, for instance, its chief executive, Pietro Beccari, said the brand will only receive a small plaque “about the size of a shoe box” near the fountain to mark its role in the project.

“The state is not in a position to care for all of these things,” Beccari said. “We want to help, not have our name in huge letters over a fountain.”

To date, the most controversial deal has also been the largest — the $33 million (£20 million) donated from the Italian luxury leather maker, Tod’s, to give the Colosseum its most complete restoration in modern history. On a recent afternoon, artisans were perched on the scaffolding that surrounds the ancient structure, using water sprays and lime in their painstaking work. Before and after segments of the Colosseum already show a dramatic change — from soot-stained rock, its color is being transformed to a pale oatmeal more closely resembling its appearance when ancient Romans gathered for bloodsport.

But the contract struck with Tod’s president, billionaire Diego Della Valle, has provoked the ire of a local citizens group, which claims it was too generous. For a limited time, Tod’s will have the right to put its logo on hundreds of thousands of Colosseum tickets sold each year. It also won the right to associate its brand with the Colosseum’s restoration in promotional material for up to 15 years.

Della Valle, however, insists that critics are seeing ulterior motives where there are none, saying he pushed forward with the donation because he simply relished the idea of seeing the famous structure renewed.

“Donating in order to support any form of art should be considered unsurprising, and without rewards of any kind,” he said in an e-mail. “Companies lucky enough to be doing well should give some positivity back to the country.”

The mayor of Rome also dismisses critics.

“If someone wants to give you €25 million euros to restore the Colosseum, you know what? You take it,” he said.

FONTE | SOURCES:

— World, Will corporate cash save Roman monuments or diminish them? THE WASHINGTON POST, WASH. D.C., USA (06|09|2014).

http://www.washingtonpost.com/world/will-corporate-cash-save-roman-monuments-or-diminish-them/2014/09/06/3e2498f6-a856-410c-a6ba-fc199aef774f_story.html

— The fall of Rome? Italy’s fears that corporate-sponsored restoration projects will lead to the Disneyfication of its cultural heritage, THE INDEPENDENT, U.K., (07|09|2014).

http://www.independent.co.uk/news/world/europe/the-fall-of-rome-italys-fears-that-corporatesponsored-restoration-projects-will-lead-to-the-disneyfication-of-its-cultural-heritage-9717010.html

s.v.,

— ROMA ARCHEOLOGIAe RESTAURO ARCHITETTURA: Restauratori Senza Frontiere Italia | FACEBOOK & adnkronos (09|09|2014).

Il patrimonio italiano rischia la disneyficazione non a causa dei restauri griffati, ma per la desertificazione delle città dalle imprese, dalle quotidiane attività commerciali e artigianali legate alla vita di tutti i giorni, massacrate dal perdurare della crisi politica ed economica.

Restauratori Senza Frontiere Italia | FACEBOOK & adnkronos (09|09|2014).

http://www.adnkronos.com/intrattenimento/cultura/2014/09/08/allarme-del-con-restauri-griffati-patrimonio-italiano-rischio-disneyficazione_8S9OSMEuQHdx2CCf2V3xrO.html

5 thoughts on “ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA: Italy’s fears that corporate-sponsored restoration projects will lead to the Disneyfication of its cultural heritage, WASHINGTON POST | INDEPENDENT, U.K., (6-7|09|2014).

  1. Dalla data della pubblicazione, 23 agosto 2013, dell’articolo: “La Prof.ssa Paola Giannone scrive a Della Valle”, è passato poco più di un anno, ma di quanto da me, da Italia Nostra, etc. rilevato per la tutela del Colosseo, tra le Sette Meraviglie del Mondo dal 2007 e Patrimonio Mondiale dell’Umanità – UNESCO dal 2008, NULLA È STATO FATTO!!! “NEMO PROFETA IN PATRIA”? TANTE AZIONI SONO STATE MESSE IN CAMPO ANCHE A LIVELLO GOVERNATIVO: INTERROGAZIONI ALLA CAMERA E AL SENATO E LA PETIZIONE N°1140/13 AL PARLAMENTO EUROPEO, PER LA QUALE LA COMMISSIONE PER LE PETIZIONI HA RITENUTO LE QUESTIONI SOLLEVATE RICEVIBILI E HA AVVIATO L’INDAGINE PRELIMINARE SUI VARI ASPETTI! ADESSO SONO URGENTISSIME LE AZIONI DI TUTELA PER IL COLOSSEO E I FORI ROMANI, SENZA PIÙ ATTENDERE: ORA O MAI PIÙ!  http://www.eur.roma.it/index.php?id=27&news=9413 

  2. Trascrivo la lettera inviata a Diego Della Valle, al Sindaco di Roma, Ignazio Marino, al Commissario Straordinario per la Metropolitana di Roma, Arch. Maria Fernanda Stagno D’Alcontres, a ROMA METROPOLITANE S.R.L. e al General Contractor.

    Arch. Paola Giannone
    Iscritta al N° 8125 dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia 
    E-mail: p.giannone@yahoo.it
    PEC: p.giannone@pec.archrm.it

                 A DIEGO DELLAVALLE
                     Presidente TOD’s
                 A IGNAZIO MARINO
                     Sindaco di Roma
                 A MARIA FERNANDA STAGNO D’ALCONTRES
                    Commissario Straordinario per il Sistema Metropolitano di ROMA 
                 A ROMA METROPOLITANE S.R.L.
                AI GENERAL CONTRACTOR

    Vi invito a guardare sulle mie due pagine fb: paola.giannone.560 e paola.giannone.148 Ìe 81 foto del “FOTORACCONTO DELLO STATO DI SALUTE DEL COLOSSEO, che saranno consegnate con CD e tag e leggete le osservazioni, che qui riporto con una breve nota sulle criticità e su alcune delle possibili modalità di intervento di restauro, al fine di evitare possibili danni a persone e cose, che possono manifestarsi senza preavviso, in particolar modo se “sollecitati” dalle percussioni, anche di non grande entità, vista la vetustà dei manufatti, nella zona limitrofa al Colosseo e nel Foro Romano a causa dei lavori della “METRO C” nella Tratta T3”.
    L’osservazione evidenzia: a) – Fratture dei rivestimenti in marmo e delle strutture portanti dovute a cedimenti assoluti e/o differenziali del terreno e/o da fondazione, alta 13 metri, di materiale cementizio, soprastante il banco argilloso di 50 metri, che si intende asportare per i lavori della “METRO C”; b) – caduta di enormi pezzi di marmo dall’ultimo livello, che sono diventatl  “comodi  sedili” per cittadini e turisti; c) – distacchi di linee verticali di mattoni in cotto, dovuti a cedimenti differenziali e/o assoluti delle strutture portanti, adiacenti, per cedimento assoluto e lo differenziale del terreno e/o della fondazione; d) – catene di contenimento della struttura portante e dei rivestimenti in marmo; e) – aghi di ancoraggio dei rivestimenti alla struttura portante dei conci degli archi; f) _ catene di ancoraggio, di varia fattura, per evitare lo “spanciamento” delle strutture portanti e la caduta dei possenti rivestimenti in marmo.
    Il malato ha bisogno di cure e non certo del colpo di grazia delta METRO C”! 
    Per poter valutare con attenzione le varie possibilità di interventi di restauro per il Colosseo è necessario prendere in esame ìa sezione
    stratigrafica e la pianta del Colosseo con I’indicazione del dei diversi livelli della soÌetta di fondazione alti 13 metri per il consolidamento fondale, che è la prima e più urgente operazione da svolgere con sottofondazione a “pali a radice” e cuciture armate nei muri in elevazione. I pali contribuiscono al risanamento delle strutture murarie di fondazione e, inoltre, la miscela cementizia penetra nel terreno riempiendone le cavità e dando luogo ad un’azione di costipamento nella zona immediatamente aderente al palo stesso in modo da attraversare le fondazioni preesistenti alte circa 13 metri dando luogo ad una struttura saldamente unitaria. 
    Il consolidamento statico riguarda i piedritti del piano terreno e anche degli altri tre livelli, che presentano fenomeni di cedimento e schiacciamento. Mediante opportune puntellazioni devono essere eseguite le opere di sottofondazione per poi proseguire con il consolidamento delle pani murarie, risarcendo le zone deteriorate con lo stesso materiale per la “REINTEGRAZIONE DELL’IMMAGINE”. 
    I lavori indifferibili sono: 
    1. Lavori di sottofondazione e consoìidamento del terreno con strutture fondali di consolidamento in cemento armato; 
    2. Le sezioni trasversali e longitudinali del sottocorpo serviranno per la valutazione nei lavori previsti per il restauro allo scopo di proteggere gli ambienti sotterranei e i relativi reperti dalle infiltrazioni d’acqua;
    3. Telai armati nella struttura dei piedritti dovranno essere posti per evitare altri fenomeni di spanciamento;
    4. L’osservazione mostra importanti lesioni nella facciata e lesioni passanti; 
    5. Lo stato di degradazione delle murature e fenomeni di dissesto sono sotto gli occhi di tutti;
    6. Sono urgenti e indifferibili:
    1. le principali opere provvisionali;
    2. la reintegrazione delle volte;
    7. E’ necessario per la “reintegrazione dell’immagine” riutilizzare i frammenti caduti; 
        La tecnica utilizzata per le murature risarcite con il sistema di “cuci e scuci” dovrà essere posta in essere in tutti i casi di distacco, rilevato e annunciato;
    8. Le numerose fenditure murarie dovute al movimento del terreno di fondazione devono essere immediatamente restaurate;
    9. Il risanamento nello sviluppo verticale e in sezione deve essere effettuato con ferri a c dei trefoli obliqui e deile cerchiarure orizzontali impiegate per il consolidamento;
    10. Il consolidamento della volte deve essere fatto mediante maglia metallica; 
    11. I muri longitudinali in mattoni devono tutti essere risanati con idonea malta;
    12. Il consolidamento deve essere fatto con catene incorporate;
    13. Lungo tutta la circonferenza del Colosseo deve essere fatta:
         1. esecuzione dei micropali sul lato esterno, predisponendo una palancolata per tutta la circonferenza;  
    14. Sono necessarie le perforazioni orizzontali per il passaggio dei tiranti, che ancorano le pareti sul canale alle fondazioni e, anche per preservarli dall’umidità, i tiranti devono essere introdotti in tubi di polivinile, appositamente predisposti sia nelle murature che nel terreno;
    15. E’ necessario pone in essere micropali inclinati per il consolidamento delle fondazioni dei piedritti;
    16. Nette operazioni di consolidamento degli archi devono essere impiegate cuciture armate e cementate eseguite nella ghiera dell’arco; 
    17. Aggiungo il commento del collega Ing. Fausto Testaguzza alla news: Metro C: Prof.ssa Giannone scrive a Della Valle su:
    http://www.eur.roma.it/il-quartiere/news/le-altre-news/articolo/petizione-popolare-per-dire-no-alla-metro-c-nei-tratti-t2-e-t3.html?no_cache=1 
    “Francamente non credevo che il nostro Colosseo stesse così male e di questo me ne dispiaccio, prima come romano e poi come professionista (ing. civile). Senza conoscere il progetto e avendo solo letto la relazione della colÌega Giannone, mi permetto di aggiungere solo un’osservazione che reputo importante! Spero che esista, lo dico non con sarcasmo, ma perchè spesso manca, una seria indagine geologica del sito con uno studio delle regime idraulico della falda naturale dell’area. Lo faccio perché, a mio modo di vedere, gli imponenti lavori previsti andranno probabilmente a modificare il regime idraulico con conseguente attivazione di nuovi consolidamenti che se non provvisti, danneggiano, sicuramente, il nostro monumento.
    Nella speranza di aver dato un contributo, saluto e ringrazio per I’attenzione, Fausto.”.
    ..Etc…Solo per la circonferenza esterna del Colosseo.
    Il restauro del Colosseo deve prima partire dalla “MESSA IN SICUREZZA’ DELLE STRUTTURE PORTANTI E DI TAMPONAMENTO, IL CUI ONERE SPETTA ALLO STATO, E, SOLO POI, POTRANNO ESSERE ESEGUITE LE PULITURE DELLE FACCIATE E LE OPERE PROVVISIONALI!
    Temo, ma spero di sbagliarmi, che il “PROGETTO DI RESTAURO DEL COLOSSEO”, PAGATO TROPPO SALATO, DA DIEGO DELLAVALLE, PREVEDA SOLO LE PULITURE DELLE FACCIATE E LE OPERE PROWISIONALI!
    E’ IN SCADENZA LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI PER IL FINANZIAMENTO DA PARTE DELLA COMUNITA` EUROPEA: VOGLIAMO TUTTI IMPEGNARCI PERCHE, SIA FINANZIATO CON  I CINQUE MILIONI DI EURO PREVISTI ALMENO PARTE DEL RESTAURO STATICO E CONSERVATIVO DEL COLOSSEO, PATRIMONIO MONDIALE DELL’UMANITA’?”
    Dove dovrebbero essere ancorati i “pali radice” per il consolidamento statico del Colosseo, se it terreno circostante venisse asportato tutt’intorno, e al centro il Colosseo ha una depressione, quindi un vuoto sottostante? Sul cemento armato delle delle volte delle gallerie della Metro C? 
    E come potrebbe mantenere almeno lo “stato dei luoghi” attuale senza il “cuscino plastico” del terreno argilloso alto cinquanta metri, che si vuole sbancare, e sottostante la soletta di fondazione alta tredici metri, che ne ha garantito per duemila anni la staticità anche durante i terremoti, ultimo in ordine di tempo il sisma a Roma del 6 aprile 2009? potrebbe resistere ai movimenti sussultori e ondulatori, “cozzando” le sue fondamenta contro le due gallerie in c.a, rigide, della Metro C?
    Non dimentichiamo poi che la terra, può sembrare una banalità, ma non lo è, ha un continuo movimento di rotazione e continui sono gli assestamenti del terreno! 
    Forse le idee sono un po’ confuse! 
    Aspetto le risposte.
    Arch. Paola Giannone
    FIRMATE LE TRE PETIZIONI!  Questo è iÌ link: http:/www.eur.roma.iVil-quarliere/news/le-altre-news/articolo/petiziorle-popolarepef-dire-no-alla-metro-c-nei-tratti-t2-e-t3.html?no cache=1
    Arch. Paola Giannone
    Iscritta al N° 8125 dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia

  3. Questo è il link della news: “Metro C: l’arch. Paola Giannone scrive al New York Times”: http://www.eur.roma.it/il-quartiere/news/articolo/metro-c-larch-paola-giannone-scrive-al-new-york-times.html?no_cache=1

    Questo è il testo della news:

    News Trasporti

    Metro C: l’Arch. Paola Giannone scrive al New York Times

    Riceviamo e pubblichiamo l’email che l’Arch. Paola Giannone (promotrice delle tre perizioni popolari per dire no alle tratte T2 e T3 della Metro C, vedi news del 21 agosto) ha inviato al New York Times.

    Comments: After 20 April article on Pompei ruins written by Emiland Guillerme: …And in Rome what’s the situation in “Roman Forum”, UNESCO WORLD HERITAGE COMMITTEE? Look on my fb page (Paola Giannone: paola.giannone.560) No 167 photos of ‘ROMAN FORUM PETITION TO THE WORLD HERITAGE COMMITTEE – UNESCO and, if you continue to love Rome as it is in the picture now, remembering that the archaeological heritage of the “Roman Forum” and “THE COLOSSEUM”, UNESCO “World Heritage Site ‘”, are the incomparable beauties of Rome, Italy and the World, CREATING WEALTH AROUND THE WORLD: labor, industry, allied industries, trade, cultural exchanges, tourism, culture, communication , etc.., and SIGN, SIGN, SIGN THE N° 3: PETITIONS ON: http://www.change.org. TO SAY NO TO “METRO C” IN THE “TRACT T2”, “COLOSSEUM-Via dei Fori Imperiali-PIAZZA VENEZIA” AND TRACT T3 “, “VIA SAN GIOVANNI-Amba Aradam Street COLOSSEUM-Via dei Fori Imperiali.”. ARCH. PAOLA GIANNONE
    Look on my fb page (Paola Giannone) the STORY WITH PICTURES ON THE HEALTH OF THE COLOSSEUM (81 photos) and, then, SIGNE, SIGN, SIGN on: http://www.change.org THE THREE PETITIONS: POPULAR REQUEST AT THE WORLD HERITAGE COMMITTEE – UNESCO, REQUEST ALL PEOPLE. .. A CHAMBER OF DEPUTIES, PEOPLE’S PETITION TO THE SENATE OF THE REPUBLIC.
    The observation shows: a) – Fractures of the marble and the supporting structures due to sagging absolute and / or differential soil and / or foundation, 13 meters high, cementitious material, above the clay bank of 50 meters, which means for removing the work of “METRO C” b) – drop huge chunks of marble from the last level, which have become “comfortable seats” for citizens and tourists, c) – detachments of vertical lines of terracotta bricks, due to differential settlement and / or absolute bearing structures, adjacent to absolute failure and / or differential soil and / or foundation, d) – chains containment structure and marble tiles, e) – needles anchor of the coatings to the supporting structure of the segments of the arcs f) – anchor chains, of various shapes, to avoid the “bulging” of the supporting structures and the fall of the mighty marble tiles. The patient needs care and certainly not the coup de grace of the “METRO C”!
    ARCH. PAOLA GIANNONE

  4. NO ALLA MERCIFICAZIONE DELL’ARTE!

    NO ALLA MERCIFICAZIONE DEL COLOSSEO, TRA LE SETTE MERAVIGLIE DEL MONDO DAL 2007 E PATRIMONIO MONDIALE DELL’UMANITA` – UNESCO DAL 2008!

    NO ALLA SVENDITA DEI BENI CULTURALI, PUBBLICI, TESTIMONIANZA STORICO, ARTISTICA DELLA NAZIONE, PERCHE` QUALSIASI SPONSORIZZAZIONE È UNA SVENDITA;

    I BENI CULTURALI ITALIANI NON HANNO PREZZO, NON SONO NE` IN VENDITA NE` IN SVENDITA!
    “… sempre al fine di perseguire la propria attività istituzionale, (l’associazione, ndr) avrà il diritto di realizzare una struttura temporanea e/o allestire una struttura fissa, direttamente o tramite lo Sponsor, (d’ora innanzi, Il Centro) per l’accoglienza dei sostenitori dell’Associazione… (tale Centro) potrà fregiarsi e utilizzare la denominazione e i segni distintivi dello Sponsor” …
    IL DECRETO DI VINCOLO DEL 22 GIUGNO 2001 IMPEDISCE LO “IUS AEDIFICANDI” IN TUTTA L’AREA INTORNO AL COLOSSEO E SU VIA DEI FORI IMPERIALI!
    “Con l’accordo siglato il 21 gennaio scorso, lo “Sponsor”, la Tod’s di Diego Della Valle, si impegna a finanziare con 25 milioni di euro (incluso di Iva e deducibili fiscalmente secondo legge, ndr) 8 opere per il recupero del Colosseo: si va dal restauro del Prospetto settentrionale a quello meridionale, dagli ipogei agli ambulacri, fino all’illuminazione. Il dieci per cento della dotazione, tuttavia, 2,5 milioni di euro, è destinato alla realizzazione di un Centro Servizi. In pratica “Casa Tod’s” all’ombra del’Anfiteatro Flavio, come è facile dedurre dalla lettura del comma b) del punto 4.1 dell’accordo: “sempre al fine di perseguire la propria attività istituzionale, (l’associazione, ndr) avrà il diritto di realizzare una struttura temporanea e/o allestire una struttura fissa, direttamente o tramite lo Sponsor, (d’ora innanzi, Il Centro) per l’accoglienza dei sostenitori dell’Associazione… (tale Centro) potrà fregiarsi e utilizzare la denominazione e i segni distintivi dello Sponsor”. Un primo, significativo ritorno di immagine per l’investitore che avrà, inoltre, la possibilità di ricoprire i lavori di restauro col proprio logo (comma e del punto 4.2) o imprimere il proprio marchio sul retro dei biglietti di ingresso (comma d), fino a poter ottenere l’accesso esclusivo al Colosseo per gruppi di persone. Vale a dire: se un gruppo di buyers cinesi in Italia per chiudere un accordo con Della Valle ne ha voglia, lo Sponsor potrà accompagnarli comodamente dentro l’Anfiteatro. Piccoli privilegi, di fronte alla lettura del punto 4.1 con cui Commissario e Soprintendente concede, a un’associazione appositamente costituita dallo Sponsor, la possibilità di utilizzare in Italia e all’estero un logo raffigurante il Colosseo. Una clausola che, secondo la denuncia della UIL Beni Culturali, potrebbe fruttare fino a 200 milioni di euro. Diritti che sembrano andare ben oltre i doveri, l’ut des che sovrasta il do anche nei termini: “I diritti concessi all’Associazione avranno la durata di quindici anni”, mentre per lo sponsor “si protraggono per tutta la durata degli interventi e per i successivi due anni”. Questo, a fronte di lavori che al massimo dureranno 24 mesi.”
    BeAfunfraiser! Blog moderato da Raffaele Picilii
    http://www.beafundraiser.it/sponsorizzazioni-e-beni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s